User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Question L'avevate letto questo?

    E che ne pensate?

    SECESSIONE, IL SOGNO PROIBITO
    L'Indipendente, 2 aprile 2004
    di Carlo Lottieri


    In un giorno di febbraio del 1979 Umberto Bossi incontra il valdostano Bruno Salvadori, a Pavia, dando così inizio alla propria carriera politica. In seguito, infatti, egli crea la Lega Lombarda, che poi viene “federata” con altri movimenti settentrionali, proprio in tempo per sfruttare l’occasione – unica ed irripetibile – di quella crisi che a livello internazionale è riconducibile al crollo del muro di Berlino e che, in Italia, è collegata alle manette di Tangentopoli.

    Oggi che un quarto di secolo è passato e che una malattia impedisce a Bossi di gestire la propria creatura, è lecito avanzare ipotesi su quale potrà essere il futuro del movimento leghista.

    In primo luogo, un punto va messo in chiaro. Nel cuore di chi la vota, e anche di molti tra quanti non la votano più ma l’hanno fatto in passato, la Lega è un movimento a vocazione secessionista. Non è un caso che i due momenti elettorali più alti del leghismo siano il 1993 (ma allora Berlusconi non era ancora un uomo politico) e il 1996. Entrambe quelle fasi vedono Bossi su posizioni estreme: nel 1993 tutti l’accusano di volere dividere in due l’Italia, e nel 1996 (quando alle politiche, da sola, la Lega ottiene più del 10% dei voti) l’indipendenza è chiesta a gran voce da centinaia di migliaia di persone accorse sulle rive del Grande Fiume.

    L’indipendenza, insomma, è la vera “ragione sociale” leghista, come è ben noto a Treviso, Como o Bergamo. Il che non ha però precluso a Bossi di reinventare in mille modi il proprio partito: a seconda delle convenienze. La Lega è stata quindi liberista e protezionista, americana e antiamericana, ieri con Milosevic e oggi contro Saddam. Sulle questioni religiose, poi, quello dei leghisti è stato un vero giro di valzer, che ha alternato attitudini da cattolici tradizionali, sogni di una Riforma protestante e vocazioni pagane.

    Senza Bossi, però, tutto questo è finito. Quel continuo mutare opinioni, simboli e progetti era già assai bizzarro quando era deciso dal Capo (e difatti alle ultime elezioni la Lega non ha raggiunto il 4%), ma sarebbe ridicolo se ad interpretarlo fossero colonnelli senza carisma. Si fa fatica ad immaginare che Maroni, divenuto segretario, possa ripetere lo stanco rito dell’ampolla riempita con l’acqua del Dio Po.

    Una Lega senza il senatùr è destinata ad essere meno umorale. Rimasti soli, i luogotenenti del leghismo sono obbligati ad essere fedeli alla loro ragione sociale: il Nord. Sono costretti a chiedere l’indipendenza o ciò che può indirizzare lungo quella strada, e non dovremo sorprenderci se presto la devoluzione sarà lasciata nelle mani di Berlusconi (che ormai si è impegnato a farla approvare), mentre la Lega vorrà ben altro e di più.

    Quanti affermano allora che dopo Bossi la Lega è destinata ad essere più grigia, forse hanno ragione ma non colgono tutte le conseguenze di ciò. Perché è quasi inevitabile che quei “mediocri” siano più lineari, testardi, affezionati alle loro poche idee: purché chiare e distinte. Da qualche tempo “partito omnibus”, la Lega può tornare ad essere il partito del (legittimo) egoismo del Nord, né si deve escludere che lungo quella strada non riscopra quei temi antistatalisti che, all’inizio degli anni Novanta, ne avevano fatto l’interprete della voglia di libertà (“basta tasse, basta Roma”) dei ceti produttivi settentrionali.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito SECESSIONE

    IL SOGNO E' SEMPRE QUELLO




    La Lega ha sempre avuto le seguenti anime:

    1) Libertaria

    2)Secessionista

    3)Etnonazionalista

    4)Cattolico tradizionalista

    5)Pagana

    6)Di protesta(quest'ultima ormai scemata, e forse mai effett,esistita, se non per i giornalisti di regime)

    tutte con in comune il federalismo, oltre al sogno.....http://utenti.lycos.it/jenainsubrica/cartina_pdn.jpg

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'avevate letto questo?

    In origine postato da ARI6
    E che ne pensate?

    SECESSIONE, IL SOGNO PROIBITO
    L'Indipendente, 2 aprile 2004
    di Carlo Lottieri


    In un giorno di febbraio del 1979 Umberto Bossi incontra il valdostano Bruno Salvadori, a Pavia, dando così inizio alla propria carriera politica. In seguito, infatti, egli crea la Lega Lombarda, che poi viene “federata” con altri movimenti settentrionali, proprio in tempo per sfruttare l’occasione – unica ed irripetibile – di quella crisi che a livello internazionale è riconducibile al crollo del muro di Berlino e che, in Italia, è collegata alle manette di Tangentopoli.

    Oggi che un quarto di secolo è passato e che una malattia impedisce a Bossi di gestire la propria creatura, è lecito avanzare ipotesi su quale potrà essere il futuro del movimento leghista.

    In primo luogo, un punto va messo in chiaro. Nel cuore di chi la vota, e anche di molti tra quanti non la votano più ma l’hanno fatto in passato, la Lega è un movimento a vocazione secessionista. Non è un caso che i due momenti elettorali più alti del leghismo siano il 1993 (ma allora Berlusconi non era ancora un uomo politico) e il 1996. Entrambe quelle fasi vedono Bossi su posizioni estreme: nel 1993 tutti l’accusano di volere dividere in due l’Italia, e nel 1996 (quando alle politiche, da sola, la Lega ottiene più del 10% dei voti) l’indipendenza è chiesta a gran voce da centinaia di migliaia di persone accorse sulle rive del Grande Fiume.

    L’indipendenza, insomma, è la vera “ragione sociale” leghista, come è ben noto a Treviso, Como o Bergamo. Il che non ha però precluso a Bossi di reinventare in mille modi il proprio partito: a seconda delle convenienze. La Lega è stata quindi liberista e protezionista, americana e antiamericana, ieri con Milosevic e oggi contro Saddam. Sulle questioni religiose, poi, quello dei leghisti è stato un vero giro di valzer, che ha alternato attitudini da cattolici tradizionali, sogni di una Riforma protestante e vocazioni pagane.

    Senza Bossi, però, tutto questo è finito. Quel continuo mutare opinioni, simboli e progetti era già assai bizzarro quando era deciso dal Capo (e difatti alle ultime elezioni la Lega non ha raggiunto il 4%), ma sarebbe ridicolo se ad interpretarlo fossero colonnelli senza carisma. Si fa fatica ad immaginare che Maroni, divenuto segretario, possa ripetere lo stanco rito dell’ampolla riempita con l’acqua del Dio Po.

    Una Lega senza il senatùr è destinata ad essere meno umorale. Rimasti soli, i luogotenenti del leghismo sono obbligati ad essere fedeli alla loro ragione sociale: il Nord. Sono costretti a chiedere l’indipendenza o ciò che può indirizzare lungo quella strada, e non dovremo sorprenderci se presto la devoluzione sarà lasciata nelle mani di Berlusconi (che ormai si è impegnato a farla approvare), mentre la Lega vorrà ben altro e di più.

    Quanti affermano allora che dopo Bossi la Lega è destinata ad essere più grigia, forse hanno ragione ma non colgono tutte le conseguenze di ciò. Perché è quasi inevitabile che quei “mediocri” siano più lineari, testardi, affezionati alle loro poche idee: purché chiare e distinte. Da qualche tempo “partito omnibus”, la Lega può tornare ad essere il partito del (legittimo) egoismo del Nord, né si deve escludere che lungo quella strada non riscopra quei temi antistatalisti che, all’inizio degli anni Novanta, ne avevano fatto l’interprete della voglia di libertà (“basta tasse, basta Roma”) dei ceti produttivi settentrionali.
    Analisi interessante e che personalmente condivido. Non condivido peró l' idea che i colonelli di Bossi potrebbero ridare vita alla "vecchia" Lega. Troppo itagliani, troppo rammolliti, troppo innamorati di sedie, sgabelli e cadreghe di governo(sia esso nazionale, regionale o provinciale). Solo la base potrebbe rimettere in carreggiata il carroccio...se si sveglia. Maroni, Calderoli..senza la base sparirebbero in un batter d'occhi. Ma la base...

    Paolo

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: L'avevate letto questo?

    Paolo condivido in toto
    salucc


    [QUOTE]In origine postato da Wotan
    [B]Analisi interessante e che personalmente condivido. Non condivido peró l' idea che i colonelli di Bossi potrebbero ridare vita alla "vecchia" Lega. Troppo itagliani, troppo rammolliti, troppo innamorati di sedie, sgabelli e cadreghe di governo(sia esso nazionale, regionale o provinciale). Solo la base potrebbe rimettere in carreggiata il carroccio...se si sveglia. Maroni, Calderoli..senza la base sparirebbero in un batter d'occhi. Ma la base...

 

 

Discussioni Simili

  1. Avevate già letto?
    Di Giò nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 06-01-10, 10:31
  2. L'avevate mai visto questo video?
    Di codino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 26-09-09, 16:17
  3. Scusate ma voi questo su Berlusconi l'avevate visto? LOL
    Di Max69 (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 23-04-08, 09:58
  4. Avevate giá letto questo articolo di Lino Iannuzzi?
    Di zazoblepa nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 05-02-08, 22:30
  5. L'avevate già letto?
    Di codino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-03-06, 16:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226