Ricevo e trasmetto:

La Lupa e i Due Soli
Il simbolo della città eterna.
di Claudio Cardella
Nuova IPSA Editore

L’affascinante viaggio nel tempo sembra avere inizio dall’effige della Lupa Capitolina; lo stupefacente percorso avviene però dapprima a ritroso, fino al limite del conoscibile, attraverso lo studio e la comparazione di leggende, simboli, religioni, filosofie.

Vediamo scorrere su di un mirabile, gigantesco palcoscenico, le più grandi divinità della storia dell’umanità, da Aton ad Osiride, da Caos a Crono, da Latona a Giano, che intreciano le loro esistenze con i possenti intelletti di Omero, Pitagora, Dante, Cusano, Newton, Planck, Fulcanelli e tanti altri, nel rincorrere e, finalmente, raggiungere la risposta alla inquietante domanda: perchè una lupa e due gemelli a simbolo della Città Eterna?

La soluzione all’interrogativo però non finisce di sorprendere e ci conduce, nostro malgrado, attraverso lande in cui la filosofia appare quasi un gioco da ragazzi e la fisica e la matematica danzano con la luce per riportarci infine, inevitabilmente frastornati, tra le braccia della Scienza, sospinti verso un futuro tutto da sperare.

Claudio Cardella è laureato in Ingegneria Meccanica presso l’Università di Roma ove è attualmente docente.
Ha svolto ricerche nel campo della meteorologia, soprattutto nei riguardi dell’inquinamento atmosferico e dell’impatto ambientale delle torri di raffreddamento dei grandi impianti di potenza.
Ha partecipato ad un progetto europeo per l’abbattimento dell’inquinamento acustico provocato dal rumore delle pale degli elicotteri.
Ha lavorato a lungo nel campo della termodinamica dei processi irreversibili .
Ha svolto didattica nei corsi di Aeroelasticità, Aerodinamica Sperimentale ed Applicata, Gasdinamica, Dinamica dei Gas Rarefatti.
Ha conseguuito il Graduate Gemologist Diploma (G.G.) presso il GIA (Gemological Institute of America).
Attualmente e da parecchi anni si occupa del ruolo dell’acqua nei sistemi biologici e di biofisica, con particolare riferimento allo studio delle proprietà ‘nascoste’ dell’acqua tra cui: le ultradiluizioni, l’omeopatia, il trasferimento dei farmaci in frequenza, gli effetti di campi ultra-deboli sulle proprietà termodinamiche dell’acqua.
E’ autore di circa 35 pubblicazioni scientifiche, prevalentemente internazionali, riguardanti gli argomenti precedenti. E’ autore di numerosi saggi di divulgazione scientifica in tema di filosofia naturale, storia della scienza, epistemologia. Ha pubblicato pubblicato nel 1997, sui rapporti tra fisica antica (o meglio filosofia naturale) e fisica moderna: La lupa e i due soli.
Dal 1994 tiene seminari e conferenze e lezioni sugli aspetti biofisici dell’omeopatia, dell’agopuntura, della medicina energetica, ossia delle terapie ove non è in gioco l’aspetto chimico del rimedio.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti (60).

Per qualsiasi ulteriore informazione, è possibile contattarci direttamente allo 06 6868400 oppure, via email, all’indirizzo info@aseq.it
__________________