User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il laico Ramadan di Marco Pannella di G. Oneto

    Da "Il Federalismo" un interessante intervento di Oneto

    -------------------------------------------------------------------------


    Caso Sofri: più sei colto, più sei graziato... quando la legge è uguale “per tutti gli amici”

    Il laico Ramadan di Marco Pannella


    I Celti - si sa - non si sentivano secondi a nessuno e con il Divino avevano un rapporto quasi paritetico. E quando non erano d’accordo con le decisioni prese dal cielo, vi si opponevano: la sfida più classica ai poteri divini era costituita dal rifiuto del cibo e dalla conseguente morte. Morire per digiuno era una forma di forte protesta, un modo per sottolineare che la volontà umana poteva anche opporsi ai disegni celesti.
    In epoche più moderne i discendenti dei Celti hanno ripreso questo antico atto di sfida per farne la formidabile arma di lotta politica e identitaria che Bobby Sands e i suoi eroici compagni hanno portato fino alle conseguenze più coerenti ed estreme.
    Pannella Giacinto, detto Marco, da Teramo ha invece elaborato una versione più mediterranea e picaresca del digiuno come lotta. Ha inventato il digiuno a rate, una sorta di laico Ramadan mediatico: un giorno qui e l’altro là, ha accumulato un periodo di Quaresima che stroncherebbe orsi letargici, fachiri e dinosauri aerofagiti. Ma non lui, che ricompare ogni volta come un vispo giocoliere alle sagre di paese: non un “mangia-fuoco” ma un “rifiuta-acqua”, in una sua nuova strabiliante performance idrofobica.
    Per funzionare c’è bisogno di un pubblico numeroso e plaudente, servono giornalisti e televisioni che trasmettano il portento. Tutti si divertono facendo finta di credere al prodigio, ben sapendo che è un trucco. Per diventare credibile, Pannella Giacinto detto Marco dovrebbe fare l’unica cosa che non farebbe mai, cioè andare fino in fondo. A qualcuno spiacerebbe un po’ perdere la sua faccia simpatica da Jack La Cayenne, e in più la cosa non servirebbe a granché perché più nessuno saprebbe il motivo di cotanto sacrificio: Pannella Giacinto detto Marco ha digiunato per tutto e per il contrario di tutto, per sé e per conto terzi, e tutti hanno perso il filo del suo martirio mediatico.
    Non è neppure molto chiaro il motivo per cui si sia parzialmente disidratato l’ultima volta: i più l’hanno però interpretato come un invito a far liberare Sofri Adriano, il più illustre dei 55.571 ospiti delle prigioni della Repubblica. Come larga parte dei miei concittadini, non ho alcuna fiducia nell’italica giustizia, trovo perciò inutile perdere tempo a ragionare sugli otto gradi di giudizio e ritengo che la vera anomalia sia data dal fatto che Sofri sia stato condannato pur essendo di sinistra ed è forse per questo che tanti ne sono sbalorditi.
    Trovo poi orrido il motivo per cui tanti trepidano per lui, a differenza degli altri 55.570 galeotti per cui nessuno si illanguidisce, si indigna o rinuncia a grappini. Viene infatti detto che Sofri va graziato e liberato perché è un raffinato intellettuale. È una strana eccezione al tanto proclamato principio secondo cui “la legge è uguale per tutti”, ma anche alla sua italica versione secondo cui “è uguale per tutti gli amici”.
    La cosa introduce un interessante elemento di novità al diritto occidentale. Se uno è colto e - si presume - anche molto intelligente gli dovrebbero venire concesse attenuanti e franchigie che fino a oggi spettavano solo agli infermi di mente e agli incapaci di intendere e volere: un’intrigante equiparazione fra gli estremi della scala del quoziente di intelligenza. Si potrebbe istituzionalizzare la cosa inserendo nel Codice Penale (che si dice essere in fase di profonda revisione) le modalità con cui il principio deve essere applicato: a chi si laurea si potrebbe così permettere di strozzare il vicino di casa, con la laurea breve si potrà solo azzopparlo, ma se invece si merita anche la lode si potrà sopprimerne anche la consorte. Chi scrive un libro può fare fuori la suocera, chi scrive più libri può occuparsi della parentela meno simpatica. Chi prende il Nobel può annegare l’intera famiglia (ne conosciamo uno che farebbe bene a farlo anche senza la grazia presidenziale).
    Quando Sofri avrebbe fatto quello per cui l’hanno condannato era solo un giovinotto molto esuberante ma non si era ancora meritato la patente di colto intellettuale. Lo è diventato solo dopo. Si scopre così che questa indulgenza ha anche valore retroattivo, che è una cosa come il prestito d’onore che si concede a tanti altri volonterosi giovani meridionali. Nel caso specifico è addirittura una sorta di anticipo che gli viene dato alcuni decenni dopo: anche questa è un’affascinante innovazione da sottoporre ai più insigni giuristi. E poi si dice che in questo Paese le riforme non si fanno mai.
    A questo punto, per esaurimento fisico e prostrazione gonadica della gente migliore, o per sudditanza ai poteri forti di quella peggiore, temo che Sofri finirà per essere graziato. Bisogna però che tutti quelli che conservano un minimo di rispetto per il senso della giustizia, e un poco di discernimento fra il bene e il male, esigano che almeno sparisca dalla circolazione.
    Sofri libero ed eroicizzato sarebbe una catastrofe ecologica: ne farebbero un altro Nelson Mandela, Solgenitzin, Silvio Pellico o Papillon da far girare nei talk show con Platinette. Diventerebbe testimonial ed esperto su tutto: già lo fa oggi dall’interno di una cella senza finestre, come Oudini, figuriamoci dopo. Utilizzando una vaga somiglianza con Enzo Biagi (che non contribuisce ad accrescerne la simpatia) potrebbe prolungarne le gesta: l’idea di trovarci un altro sapüta in circolazione per i prossimi trent’anni atterrisce molto di più del buco nell’ozono. Potrebbe poi mettersi in politica, farsi eleggere in una lista Sofri (con slogan del genere: «Sofri con noi»), magari con Carra, Pillitteri e Cirino Pomicino. Sono prospettive agghiaccianti.
    Se lo slargano, venga dunque almeno accompagnato in un Paese molto, ma molto lontano e non si faccia più vedere o sentire. Pena la revoca della grazia. E che si porti dietro - come pena alternativa - anche Pannella. Giacinto detto Marco.

    Gilberto Oneto

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    So che non ama sentirselo dire ma Gilberto....è un grande.

    Grazie a "Il Federalismo"...ancora una volta!
    --------------
    The Warrior

  3. #3
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    che articolo!
    sarebbe da far leggere a tutti...patetico il digiuno a rate di pannella, ancora una volta ha fatto una grande figura di M che Oneto descrive ironicamente, in modo impeccabile.
    complimenti a lui e al suo modo di scrivere!

 

 

Discussioni Simili

  1. Da Marco Pannella
    Di Willy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 17-04-07, 22:01
  2. Il negoziato laico di Pannella
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-02-05, 19:02
  3. Il laico Ramadan di Marco Pannella di G.Oneto
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-04-04, 18:15
  4. Onore A Marco Pannella.
    Di nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 08-07-02, 03:17
  5. Marco Pannella.
    Di Sir Demos nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 24-04-02, 03:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226