User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Articolo di Oneto

  1. #1
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito Articolo di Oneto

    iceva Miglio che la dimensione degli Stati è inversamente proporzionale alla quantità di libertà che possono garantire. La storia gli dà ragione. Culla delle grandi libertà sono da sempre le piccole Comunità alpine, i Cantoni svizzeri, i Comuni padani, tutte quelle istituzioni che si trovano soprattutto concentrate nella cosiddetta Europa Lotaringia: la valle del Reno, le Alpi, la valle del Po e le rive dell’Adriatico. Gli esempi più entusiasmanti di democrazia partecipata, di libertà vere sono le piccole comunità autonome: l’oppressione si ritrova solo nei grandi Stati illiberali, centralisti e aggressivi.
    Più il potere è vicino alla gente, più è facile da controllare. Il principio vale se si ha a che fare con gente civile e responsabile, altrimenti diventa una cosca mafiosa. Per fortuna viviamo però in una parte di mondo dove almeno le premesse storiche ci sono tutte per assicurare uno scenario di libertà: dalle Tribù galliche alle Fare longobarde, dai Comuni medievali alle autonomie garantite della Serenissima, dalle Insorgenze alle Comunità di valle, la nostra terra padana è da sempre luogo di fortissime aspirazioni e pulsioni libertarie. Nel nostro caso possiamo semmai lamentare un eccesso di autonomismo che ci ha penalizzati rispetto - ad esempio - ai nostri vicini svizzeri, che hanno saputo contenere il naturale eccesso di individualità costruendo una duratura unità che ha garantito secoli di libertà e di autonomia. La piccola dimensione presenta anche un altro vantaggio: se una comunità è libera va tutto bene, se non è libera il danno è limitato. Infatti ci si può facilmente allontanare, fuggire nella valle di fianco, far funzionare quello che da sempre è il fondamentale e inalienabile diritto di asilo: in una chiesa, in convento, in una legazione straniera o più semplicemente al di là del confine. Miglio ha sempre esaltato la grandezza dell’Europa delle enclavi, dove un complesso sistema di autorità concomitanti, sovrapposte e contrapposte garantiva un collaudato sistema di protezione delle libertà individuali e comunitarie, e dove un fitto groviglio di confini lasciava filtrare merci, persone e idee, ma bloccava sbirri e mandati di cattura, e ingabbiava i germi dell’oppressione.
    In una situazione di quel genere si può sempre fuggire, trasferirsi, ricominciare da un’altra parte a costruire la propria libertà. Con gli Stati grandi tutto diventa più difficile: un solo grande e malefico potere può schiacciare grandi masse di persone, farne dei sudditi, seguirli ovunque come l’occhio malefico di Mordor. Quando ci sarà un solo Stato europeo o mondiale non ci sarà più dove scappare, non ci sarà più diritto di asilo perché non ci saranno più asili: squadre di sbirri o di inquisitori scorazzeranno ovunque a cercare spiriti liberi, a bruciare libri, ad arrestare dissenzienti. Anche un personaggio inquietante come Mazzini almeno un pregio l’aveva: esporre con chiarezza i suoi mortiferi progetti. Diceva che quello che lui chiamava, non senza sinistra ironia, il processo di emancipazione dell’umanità passava da tre fasi conseguenti: l’unità d’Italia, quella d’Europa e poi del Mondo. Per questo da noi la libertà ha tre nemici: la globalizzazione, l’Europa dei burocrati e l’Italia. È buona norma cominciare a combattere il male più vicino

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Articolo di Oneto

    Originally posted by Il Patriota
    Per questo da noi la libertà ha tre nemici: la globalizzazione, l’Europa dei burocrati e l’Italia. È buona norma cominciare a combattere il male più vicino
    Su questo non concordo completamente. E' incominciando ad estirpare i mali lontani che si può innescare un processo virtuoso, ponendosi le condizioni della libertà. E' infrangendo la mondializzazione che si ritornerà alla dimensione etnica, l'unica a partire dalla quale si potranno ridisegnare i confini non dopo aver "riscritto" il senso dell'Europa.

  3. #3
    membro
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    Como Muggiò
    Messaggi
    6,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il male più vicino è l'immigrazione, secondo me. Poi il centralismo europeo e italiano.

  4. #4
    El Criticon
    Ospite

    Predefinito Not quite!

    Posso dissentire?

    Il male, anzi i mali a noi più vicini sono:

    1) la massa di pecoroni padani, Leghisti esclusi

    2) il partito trasversale mediterronico

    3) gli altri popoli pecoroni europei centralisti, contrari a qualsiasi forma di autodeterminazione e di legittima difesa del proprio territorio

    4) i poteri forti modialisti o globalisti, massonici, sionisti o sharonnisti o altrimenti satanici

    5) la dipendenza tecnologica ed energetica dal petrolio

    La cosiddetta invasione islamica altro non è che una delle conseguenze dei cinque punti sopra elencati

    ELK

  5. #5
    AUTODIFESA ETNICA TOTALE!
    Data Registrazione
    20 Oct 2003
    Località
    "Noi vogliamo solo essere liberi e continuare a vivere come sempre, conservando ciò ch'è nostro senza dover obbedire a signori stranieri" Il Signore degli Anelli, pg. 530
    Messaggi
    1,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Alcune formulazioni mi mettono un po' a disagio: le piccole dimensioni, ad es, sono buone non perche' il piccolo in se' sia buono, ma perche' permette un piu' forte radicamento e specificita'.
    Poi mi sembra sospetta l'esaltazione del libertarismo: l'etnonazionalismo non e' libertario, e non rifiuta l'autorita' in assoluto, ma solo quelle oppressive, distanti e lontane dalla cultura autoctona. Anche le comunita' piccole per governarsi si devono dotare di istituzioni e autorita'. Il libertarismo puro e semplice, infatti, porta inevitabilmente all'individualismo critico che rifiuta tutti i legami e tutte le appartenenze, quindi anche quelle legittime e tradizionali.
    Scappare e fuggire dove capita per ricostruirsi una vita non e' etnonazionalista, ma individualista, presuppone dei singoli che hanno gia' spezzato i legami. Infatti i popoli di norma lottano per la propria sovranita' entro la propria terra, e solo in casi eccezionalissimi si vedono costretti a migrare in blocco.


    Sulle indicazioni per il presente, poi non e' vero che la globalizzazione sia meno vicina della itaglianizzazione. Anzi direi che e' + insidiosa perche' e' dentro le menti e le anime dei Padani. Non viene dall'esterno, ma dall'interno. Inoltre la globalizzazione e' molto + potente dell'itaglianizzazione, perche' ha una portata universale. Quindi direi di concentrare le difese contro il nemico + forte.

  6. #6
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    in effetti certa deriva libertaria è totalmente da respingere!!!

  7. #7
    Il Patriota
    Ospite

    Thumbs up

    Originally posted by Eomer

    Poi mi sembra sospetta l'esaltazione del libertarismo: l'etnonazionalismo non e' libertario, e non rifiuta l'autorita' in assoluto, ma solo quelle oppressive, distanti e lontane dalla cultura autoctona. Anche le comunita' piccole per governarsi si devono dotare di istituzioni e autorita'. Il libertarismo puro e semplice, infatti, porta inevitabilmente all'individualismo critico che rifiuta tutti i legami e tutte le appartenenze, quindi anche quelle legittime e tradizionali.
    Scappare e fuggire dove capita per ricostruirsi una vita non e' etnonazionalista, ma individualista, presuppone dei singoli che hanno gia' spezzato i legami. Infatti i popoli di norma lottano per la propria sovranita' entro la propria terra, e solo in casi eccezionalissimi si vedono costretti a migrare in blocco.


    Condivido. Il libertarismo è un nemico per i Popoli così come lo è il comunismo.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Eomer
    Alcune formulazioni mi mettono un po' a disagio: le piccole dimensioni, ad es, sono buone non perche' il piccolo in se' sia buono, ma perche' permette un piu' forte radicamento e specificita'.
    Poi mi sembra sospetta l'esaltazione del libertarismo: l'etnonazionalismo non e' libertario, e non rifiuta l'autorita' in assoluto, ma solo quelle oppressive, distanti e lontane dalla cultura autoctona. Anche le comunita' piccole per governarsi si devono dotare di istituzioni e autorita'. Il libertarismo puro e semplice, infatti, porta inevitabilmente all'individualismo critico che rifiuta tutti i legami e tutte le appartenenze, quindi anche quelle legittime e tradizionali.
    Scappare e fuggire dove capita per ricostruirsi una vita non e' etnonazionalista, ma individualista, presuppone dei singoli che hanno gia' spezzato i legami. Infatti i popoli di norma lottano per la propria sovranita' entro la propria terra, e solo in casi eccezionalissimi si vedono costretti a migrare in blocco.


    Sulle indicazioni per il presente, poi non e' vero che la globalizzazione sia meno vicina della itaglianizzazione. Anzi direi che e' + insidiosa perche' e' dentro le menti e le anime dei Padani. Non viene dall'esterno, ma dall'interno. Inoltre la globalizzazione e' molto + potente dell'itaglianizzazione, perche' ha una portata universale. Quindi direi di concentrare le difese contro il nemico + forte.
    Le piccole dimensioni sono naturali e, come dici tu, permettono radicamento, specificità, soprattutto COMUNITA'. Per il resto condivido, aggiungendo che all'interno di una visione tradizionale non si possono mai dissociare autorità e autorevolezza.

 

 

Discussioni Simili

  1. Differenze Zaia-Cota: articolo di Oneto
    Di italicum nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-06-11, 01:41
  2. Articolo di Oneto
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 16-03-06, 09:15
  3. l'articolo di Oneto
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-09-04, 19:21
  4. Articolo di Oneto: cosa ne pensate?
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-08-04, 11:56

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226