User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Six feet under: l’America che non ci piace

    È la nuova serie televisiva che narra di una famiglia di Los Angeles che gestisce un’impresa di pompe funebri. Un cult che vorrebbe portarci all’accettazione di una società globalizzata e multiculturale

    n film, una canzone, un libro; una qualsiasi manifestazione che abbia a che fare con l’arte o lo spettacolo, e che si guadagni in qualche maniera un certo seguito, assurge al pomposo identificativo: “di culto”. Ma ci siamo mai chiesti cosa vuol dire? Nel toglierci il dubbio ci assiste il dizionario. Alla voce culto, spiega: “Adorazione della divinità che si manifesta anche con pratiche rituali”. E, ampliando la definizione: “Sentimento quasi religioso con cui si venera una persona o un ideale, ammirazione illimitata di personaggi accompagnata da servile condiscendenza per ciò che essi fanno o dicono”.
    Sembra un paradosso, ma anche i telefilm, possono essere di “culto”. L’ultimo ad aver conquistato l’appellativo, è una serie tv americana intitolata Six feet under. Letteralmente vuole dire: Sei piedi sotto. La storia narra le vicende di una famiglia di Los Angeles, che orbitano intorno all’impresa di casa: un’agenzia di pompe funebri. L’obiettivo della pellicola, prodotta e diretta da Allan Ball, già premio Oscar per la sceneggiatura di American Beauty, sarebbe quello di analizzare i mille aspetti della vita attraverso la sua negazione, la morte. Ogni puntata infatti si apre con un decesso. I trapassati, in attesa della loro “preparazione” per l’ultimo viaggio, dialogano in maniera surreale e onirica con i Fischer (così si chiama la famiglia dei protagonisti), assumendo il ruolo di consiglieri, di guide, per affrontare i molti problemi che li assillano.
    Basta aver visto poche puntate, per riconoscere nella narrazione degli eventi, i più classici stereotipi americani e soprattutto i messaggi (più o meno subliminali) sociali che certi personaggi lanciano attraverso le loro storie. Tutti imput tesi all’accettazione di un modello di società diametralmente opposta a quella tradizionale, ma terribilmente simile a quella proposta dagli alfieri della globalizzazione, del multiculturalismo e del buonismo a 360 gradi.
    Nathaniel, il patriarca della famiglia, è il classico uomo dedito al lavoro, tanto da trascurare gli affetti. Muore in maniera rocambolesca, travolto da un autobus che si schianta contro il suo carro funebre perché lui si è distratto a raccogliere una sigaretta. Primo stereotipo: l’ossessione americana della crociata contro il fumo. Sigaretta=pericolo=morte. Ruth, la moglie, non si da pace per la scomparsa del consorte. L’umanissimo dolore però, è aumentato soprattutto dal fatto che l’improvviso lutto non le ha dato il tempo di confessare al marito la sua relazione fedifraga. Secondo stereotipo: la famiglia borghese, perfetta all’apparenza, ma attraversata da incomprensioni e conseguenti tradimenti.
    La coppia ha tre figli. Il maggiore, David, ha sempre aiutato i genitori a mandare avanti l’azienda. Serio, professionale e segretamente innamorato di un poliziotto di colore. Qui abbiamo altri due tipici “tormentoni” Usa: l’omosessualità e il melting pot. Aspetti “scomodi”, che però devono essere metabolizzati dalla società come normali e naturali. Il primo viene rappresentato attraverso lo sforzo che il giovane David, obbligato a nascondersi, dovrà compiere per far capire a tutti che non c’è niente di male e che si tratta di “amore” esattamente come quello eterosessuale. Mentre il secondo, viene appena accennato. Del resto negli States, i dissidi e gli scontri razziali, sono all’ordine del giorno, ma non se ne può parlare perché il principio del multiculturalismo è un dogma, favorito e spinto da una legislazione che impone, ad esempio, quote riservate alle minoranze anche nei telefilm.
    Il secondo pargolo, Nate, è il ribelle di casa. Si allontana dalla famiglia in cerca della sua libertà, ma vi fa ritorno alla morte del padre per aiutare i parenti nel menage della ditta. Apparentemente il più equilibrato, stabilisce però un morboso rapporto con la complicata Brenda, piacente fanciulla con qualche scheletro nell’armadio. A unirli una prorompente affinità sessuale, ribadita in ogni occasione. Anche il sesso del resto, è un tasto sul quale gli americani non disdegnano di battere in ogni occasione. Infine, la terzogenita Claire. Adolescente tormentata, dedita al consumo di spinelli e alcool, da sola o in compagnie maschili con le quali intrattiene rapporti non propriamente platonici. A completare il quadro, personaggi minori: Federico Diaz, il “preparatore” di cadaveri di origini ispaniche e Billy, il fratello di Brenda, depresso e infantile perdigiorno.
    Ad analizzare tutte le pieghe della serie, ci sarebbe materiale per far lavorare l’intera facoltà di Psicologia di Padova e quella di Sociologia della Statale di Milano.
    La nostra analisi non vuole essere bacchettona, né razzista o sessista. Il telefilm, ha incassato molti riconoscimenti e altrettanti premi prestigiosi, fra i quali sette Emmy Awards e due Golden Globe. Possiamo anche sottolineare che si tratta di un buon prodotto, ben recitato e sicuramente non banale. Saper miscelare macabro e sarcastico però, anche se lo si fa intelligentemente, non è sufficiente per “liquidare” certi argomenti come acqua fresca. E ancor meno lo è per spacciare come “normali”, come fatti di tutti i giorni, quelli che animano la quotidianità dei Fischer. Quelli che sono stati definiti gli “Adams del 2000”, sono molto più lontani da noi di quanto non potessero essere Morticia e Gomez. E soprattutto, ci fanno rimpiangere Happy Days. Anche quella serie aveva come protagonista una famiglia. E anche i Cunningham vivevano delusioni, amori, problemi, litigi e riappacificazioni. Arrivati sui nostri teleschermi, nessuno si sognò di definirli “di culto”, lo sono diventati solo in tempi recenti, quando è stata coniata questa espressione. Non scevri da stereotipi, ma sicuramente senza intellettualismi palesi o nascosti, ci hanno accompagnato per anni. Anche loro erano americani. Ma evidentemente di un’altra America, quella che riesce a confezionare buoni programmi e fare ascolti, anche senza dover ricorrere a sesso, psicoanalisi e crociate buoniste.

    Karl Tür
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Dec 2002
    Località
    Bielorussia
    Messaggi
    3,343
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho letto proprio qualche giorno fa un articolo su questa serie TV su Sorrisi e Canzoni, mentre ero dal parrucchiere. Posso solo dire una cosa che le riassume tutte: il produttore della serie è ebreo.
    Comunque, se ben notate, ultimamente le lobby ebraiche americane si stanno prodigando piu' del solito nel fare sfornare da Hollywood film o telefilm che inneggiano al mescolanzismo razziale. A parte i soliti films per ragazzi prodotti dagli ebrei di MTV sullo stile di "Save the last dance" (la storia di una ragazza bianca che molla la famiglia e il fidanzato bianco per dedicarsi al sogno della sua vita, la danza, e alla fine si innamora di un ballerino negro), tutti uguali (ne esce uno simile all'anno), ho visto recentemente uscire uno dopo l'altro films sullo stile di "indovina chi viene a cena", tutti con lo stesso tema: una bianca che si innamora di un negro con tutti i risvolti razziali che ne seguono. Chissà come mai i giudei ultimamente sono così scatenati in tal senso.
    <p><center>Europa Dei Popoli!
    http://www.slowplayers.org/SBSP/images/Animated_Scots_Flag.gif<p><center>

 

 

Discussioni Simili

  1. L'America che ci piace
    Di costantino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 137
    Ultimo Messaggio: 20-02-10, 10:07
  2. L'America che ci piace , l'America da cui prendere esempio...
    Di Io Robert nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-01-09, 00:42
  3. l'America che mi piace
    Di Kranzler II nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 20-06-08, 19:19
  4. Peace, love and country... Neil Young, l'America che ci piace
    Di Atlantide nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-04-08, 12:48
  5. I radicali fanno finta di non vedere l'America che non piace a loro
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 27-03-05, 23:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226