User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Regionali, Bossi alza la voce
    "Veneto è chiuso, c'è l'accordo"

    Il leader leghista chiude a Galan e parla di intesa "già fatta" con Berlusconi per un candidato del Carroccio nella regione oggi governata dal Pdl. "C'è sintonia anche sulla giustizia". E sul posto fisso difende Tremonti.
    La Repubblica.it » Homepage


    Roma, 113
    GOVERNO: BOSSI, FRONDA CONTRO TREMONTI?NO E' INTOCCABILE

    Umberto Bossi non crede alle voci di una fronda contro il ministro dell'Economia. "Non penso - spiega conversando con l'Agi all'ingresso dei gruppi della Camera dei deputati - che ci sia un piano per farlo cadere.

    (22 Oktober 2009)
    GOVERNO: BOSSI, FRONDA CONTRO TREMONTI?NO E' INTOCCABILE | News | La Repubblica.it


    Non avevo dubbi che lo difendesse.
    Non gli frega nulla a Bozzi di dire tutto e il contrario di tutto nel giro di 5 minuti.
    Tanto penserà,quei deficienti degli elettori si berranno qualsiasi cosa.

    Far crollare questa Lecca social-comunista-statalista ai minimi termini elettorali è dovere di ogni buon padano che si rispetti. :giagia:

    L'elettorato padano deve sapere che è in atto il + grande inganno compiuto ai suoi danni da molto tempo.
    Questi sostengono una linea in campagna elettorale e poi ne praticano un'altra al governo.

    Socialismo,dirigismo,statalismo e nepotismo: questi sono i valori attuali della Lecca.
    Ultima modifica di Dragonball; 22-10-09 alle 12:13

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,499
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Dragonball, non curarti della Lega e di Bossi, né del suo consenso elettorale.
    Quando ti fa comodo, USALI.
    Quando non ti servono, ignorali.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    Regionali, Bossi alza la voce
    "Veneto è chiuso, c'è l'accordo"

    Il leader leghista chiude a Galan e parla di intesa "già fatta" con Berlusconi per un candidato del Carroccio nella regione oggi governata dal Pdl. "C'è sintonia anche sulla giustizia". E sul posto fisso difende Tremonti.
    La Repubblica.it » Homepage

    [/COLOR]
    Galan dovrebbe stare zitto e sacrificarsi per il bene della partitocrazia.

    La lega per ragioni interne, costi quel che costi deve avere la Presidenza del Veneto.
    Questa presidenza deve essere un boccone lanciato alla lega veneta.

    Certamente Galan è consapevole dell'antifona., e sapendo che la situazione è irreversibile alza il prezzo.

    La lega è obbligata a prendere il Veneto anche se gli offrono la Presidenza della Lombardia.
    Non si possono accumulare le cariche tutte nel campo lombardo, saltano gli equilibri compresa la segreteria.

    Ormai la lega si sta ingigantendo e pertanto si deve pensare agli equilibri come ogni buon partito romano che si rispetti.

    Lo sciamanesimo del capo si diluisce sempre più.
    Ormai l'ideale non tiene più fermo il partito romano.
    Come tutti i partiti la lega si è basata sulle cadreghe.

    Il partito romano della lega deve compiere qualsiasi sacrificio affinché la direzione del partito sia del tipo belleriano.

    L'italia è in pericolo. La lega per aiutare l'unità d'italia deve rinserrare i ranghi nella sua dirigenza.
    Cadreghe per tutti, ma però la direzione pro-roma deve essere data a chi la sa portare avanti, essendo perfettamente consapevole di vecchi accordi.

    Guai se un veneto diventa segretario federale,
    Potrebbe anche non essere all'altezza di difendere roma.

    Ed allora a che cosa servirebbe la lega per la partitocrazia?

    Il Veneto è il prezzo che la partitocrazia deve pagare affinché i ""belleriani"" continuino indisturbati a gestire i Padani
    Ultima modifica di jotsecondo; 22-10-09 alle 12:45

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Oct 2009
    Messaggi
    128
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    Socialismo,dirigismo,statalismo e nepotismo: questi sono i valori attuali della Lecca.
    Non capisco come la gente possa ancora considerare la lega un partito del nord, dai è evidente che siano dei terroni sotto mentite spoglie.
    Nessuna donna può vivere in eterno tranne colei che possiede il cuore di una stella…

    O GRANDE DEA MADRE, VEGLIA SULLE TUE FIGLIE...

  5. #5
    Reazionario dal 380 e.v.
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    Avrea Aetas
    Messaggi
    1,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    E che problema c'è col socialismo ? Purché sia etnicamente orientato...
    "C'era un Tempo in cui l'uomo viveva accanto agli Dei..poi la predicazione galilea ci porto' il deserto del nulla...e infine caddero le tenebre della modernità"



  6. #6
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Il ministro dell’economia ora gioca in difesa

    di Giuseppe De Tomaso

    Giulio Tremonti si è calmato. Dopo aver litigato con tutti (ad eccezione di Umberto Bossi) ha capito che stavolta nessuno avrebbe sprecato una lacrima se lui avesse deciso di mollare il governo. Anzi, molti tra i suoi colleghi avrebbero brindato a champagne per festeggiare la «lieta notizia». Non si sarebbe fatto prendere dallo sconforto Silvio Berlusconi, cui il super-ministro non sembra riconoscere il rango di ispiratore della linea economica dell’esecutivo. Non si sarebbe allarmato più di tanto Gianni Letta, di cui il Divo Giulio non vuole accettare lo status di eminenza grigia di Palazzo Chigi. Non si sarebbe dato pugni in testa Gianfranco Fini, cui la richiesta di Tremonti di sedere alla destra del Capo (Silvio) coi gradi di vicepremier aveva prodotto più fastidio di un moscone nell’ascensore il giorno di Ferragosto. Non si sarebbe agitato più di tanto il ministro Raffaele Fitto, che ha più di un conto in sospeso con il collega dell’economia: sul Sud, sul federalismo, sulla Banca del Mezzogiorno e su certe espressioni di Tremonti che stavano per scatenare il finimondo (Raffaele versus Giulio). Non sarebbe caduto in depressione Roberto Maroni, il meno tremontiano tra i leghisti, al quale l’idea del Professore vice-Silvio avrebbe provocato più dolore di una seduta di 10 ore dal dentista: sì, perché il sub-premierato di Tremonti avrebbe comportato un equipollente avanzamento di titoli anche per Roberto Calderoli, che del timoniere dell’Interno è collega di governo, ma soprattutto rivale di partito. E fermiamoci qui. Insomma, la promozione invocata da Tremonti non piaceva a nessuno. Altro che scatto di carriera. Se il genio di Sondrio avesse continuato a fare i capricci tipici dei primi della classe, il preside (cioè Berlusconi) lo avrebbe pregato (si fa per dire) di uscire dall’aula. Certo, il presidente del Consiglio avrebbe dovuto affrontare lo scudo bossiano, che alla causa del mega-ministro giova più dello scudo fiscale per i capitali all’estero. Ma il Cavaliere avrebbe avuto buoni argomenti per perforare il muro leghista: le candidature presidenziali alle prossime regionali. E, si sa, di fronte a un’offerta di poltrone, traballano persino le amicizie più collaudate. Quindi.
    Tremonti, che non è un fesso, ha sùbito compreso che se avesse continuato a tirare la corda, lo avrebbero lasciato a giocare da solo. Di qui un cambio di passo, di tono, di approccio, simile al dietrofront di Mario Balotelli dopo l’arrabbiatura contro il compagno di squadra Eto’o che gli aveva negato di tirare il calcio di rigore nella partita Inter-Palermo.
    Nel giro di pochi giorni Tremonti ha corretto il tiro su colleghi e banchieri, imprenditori e rivali. Via Giulio il Cattivista, avanti Giulio il Buonista. La prima rappresentazione ufficiale della metamorfosi-lampo del ministro è andata in onda ieri a Capri, nell’isola più fascinosa e letteraria del pianeta. E l’occasione non poteva che essere la questione meridionale.
    Andiamo al sodo. Tremonti tiene alla sua fama di re del rigore (finanziario) più di quanto Maria De Filippi tenga al Telegatto di regina dell’Auditel. Ma anche i docenti più inflessibili si commuovono di fronte agli allievi prediletti, che, nel caso di Tremonti, si chiamano Bossi e camicie verdi. Tremonti, per la Lega, è il vero garante del federalismo fiscale, l’uomo che sa dove si troverà la benzina (cioè soldi) per mettere in moto la macchina della Grande Riforma voluta da Umberto B. Tremonti, inoltre, ha sempre un occhio di riguardo anche per le altre esigenze del Carroccio, come testimonia la «strategia della comprensione» da lui attuata nei confronti del ministro dell’agricoltura, Luca Zaia, portabandiera del Nord-Est. Le insofferenze dei berlusconiani del Sud nei riguardi di GT nascono dalla sensazione che lo Special One del governo faccia sempre il duro con il Sud e sempre il morbido con il Nord. Invece: o il rigore deve valere per tutti, oppure tutti si sentiranno autorizzati ad alzare la voce per bussare a denari. Se al di sotto di Roma è maturata l’idea di un Partito del Sud, se nel Mezzogiorno è cresciuta l’insoddisfazione all’interno del Pdl, se in alcune regioni meridionali è ricicciata la tentazione del partito autonomo e federale, molto è dipeso dalla caratterialità di Tremonti, oltre che dalle imposizioni bossiane.
    Ecco. Il ministrissimo deve aver avvertito che l’aria è davvero cambiata se a Capri si è presentato con un elenco di aperture, verso il Sud, decisamente più convincenti rispetto al progetto della Banca del Mezzogiorno, costruzione demolita nei giorni scorsi persino da un analista insospettabile come l’economista Francesco Forte che tifa per GT più di quanto Massimo Moratti straveda per l’Inter.
    Stralciamo alcuni brani della summa tremontiana nell’isola di Tiberio: «Il Paese è in debito con il Sud, è arrivato il momento di rifletterci seriamente. Il divario tra Nord e Sud è inaccettabile. La questione meridionale è questione nazionale, non regionale. Non possiamo accettare che il Paese si divida per una crescente dualità. Dobbiamo arginare la spesa improduttiva: non è giusto che le famiglie meridionali abbiano la metà e che allo Stato ciò costi il doppio. Sì alla proposta di Fini per un Fondo decennale a incremento costante per tutte le eccellenze tecnologico-scientifiche allocate nel Sud. Sì alla trasformazione di una parte dei Fondi Fas, per il Mezzogiorno, in credito di imposta. Lo Stato faccia lo Stato, i privati facciano i privati».
    Dunque. Il Tremonti di Capri ha suonato un’altra musica rispetto al Tremonti di Roma. Il che sta a significare che senza un capitolo per il Sud non rischiano solo il Paese e l’attuale coalizione di governo, ma anche o soprattutto il titolare in carica, o pro tempore, dell’economia. Meglio, ora, giocare in difesa.

    La Gazzetta del Mezzogiorno on the web

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Tremonti è sempre vicino a Bossi in questi giorni.

    Perché deve imparare da Bossi come si impostano e si gestiscono le banche.

    Tremonti imparerà presto perché già sin da giovane era uno studente modello.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,641
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Il Paese è in debito col zud???

    Dio che schifo, che schifo, i telegiornali questa cosa non l'hanno divulgata però, perchè altrimenti il PDL al nord sapete a che percentuali elettorali sarebbe??
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Quoto Novis:

    "Il Paese è in debito col zud???
    Dio che schifo, che schifo, i telegiornali questa cosa non l'hanno divulgata però, perchè altrimenti il PDL al nord sapete a che percentuali elettorali sarebbe??!

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'ex comunista Bossi difende il socialista Tremonti

    Citazione Originariamente Scritto da novis Visualizza Messaggio
    Il Paese è in debito col zud???

    Dio che schifo, che schifo, i telegiornali questa cosa non l'hanno divulgata però, perchè altrimenti il PDL al nord sapete a che percentuali elettorali sarebbe??
    Non hanno tutti i torti a considerare che siamo in debito col Sud.
    Infatti l'accordo italia- Mafia, perfezionato grazie agli alleati dopo la guerra, parla chiaro.

    Lo stato italiano ha firmato le cambiali in eterno per sovvenzionare il Sud.

    E forse in questi mesi non si è mandato la cifra che loro chiedono, e che dal trattato hanno diritto.

    Solamente se facciamo un altro stato ci salveremo da questo impegno.
    Altrimenti pagheremo sempre.
    Infatti Bossi, l'uomo di roma, e Tremonti hanno detto chiaramente “”niente calo tasse””

    Chi non vuole la indipendenza è un ladro .
    Perché è consapevole e complice di quello esproprio in denaro che dobbiamo accettare per la perdita della guerra.

    Forse la Padania è l'unico regione al mondo che paga ancora per i debiti contratti causa la guerra e l'accordo successivo. .
    E' ora di smetterla.

    Non si dica che per risolvere questo problema ci vuole una altra guerra.

 

 

Discussioni Simili

  1. Bossi difende Tremonti "Tentativo di farlo fuori"
    Di blobb nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-10-09, 17:52
  2. Tremonti è un socialista infiltrato
    Di Dragonball nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 19-09-09, 20:11
  3. Tremonti è Socialista??
    Di JohnPollock nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 83
    Ultimo Messaggio: 14-12-08, 17:06
  4. Tremonti difende l'Etica Fiscale
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-06-03, 10:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226