User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La ditta dell’uomo decapitato era nella lista dei nemici dell’America

    L’impresa familiare di Nick Berg, l’americano ucciso in Iraq, era segnalata in un sito nella lista dei “nemici” dell’occupazione dell’Iraq. Questo potrebbe spiegare il suo arresto da parte della polizia irachena – una detenzione che avrebbe fatalmente ritardato il suo ritorno dall’Iraq e potrebbe averlo direttamente condotto alla morte.
    Nick Berg, 26 anni, fu trasferito in un luogo imprecisato di detenzione dopo il suo arresto ad opera della polizia irachena nel marzo 2004. Egli scomparve dopo il suo rilascio avvenuto 13 giorni dopo l’arresto. Il suo corpo è stato trovato sabato scorso a Baghdad mentre un video che mostra la sua decapitazione – presumibilmente ad opera di estremisti islamici – è stato diffuso via internet lo scorso martedì.
    La storia ufficiale di questo orribile omicidio presenta alcuni lati oscuri, non ultimo quello della ragione per cui la polizia irachena lo abbia arrestato ad un posto di blocco. Una ricerca di BreakForNews ha trovato una plausibile spiegazione.

    Il sito freerepublic.com ha fama di essere un sito della destra Americana, spesso ricco di fanatismo repubblicano e di attivismo pro-guerra.

    Il 7 marzo 2004, circa 3 settimane prima dell’anniversario dell’invasione dell’Iraq, venne pubblicata sul forum del sito una lista dei "nemici" costituita da personaggi, ditte e gruppi che si erano opposti alla guerra.

    I nomi vennero copiati da una lista di aderenti ad una manifestazione contro la guerra del 20 marzo 2004, sotto il banner della A.N.S.W.E.R Coalition (Act Now to Stop War & End Racism).

    Fra le adesioni elencate compariva “Michael S. Berg, Teacher, Prometheus Methods Tower Service, Inc."

    Cioè il padre di Berg, Michael che è il manager d’affari di suo figlio nella loro ditta familiare di radiocomunicazioni, la Prometheus Methods Tower Service.

    Entrambi erano profondamente preoccupati della situazione in Iraq ma avevano opposte vedute. Michael era ardentemente anti-guerra, mentre suo figlio appoggiava Bush ed era a favore dell’intervento; per altro si era già recato in Iraq per partecipare alla ricostruzione.

    Sette giorni dopo che "Michael Berg" e la "Prometheus Methods Tower Service" erano comparsi nella lista dei nemici, il figlio Nick ritornava in Iraq per la ditta Prometheus Methods Tower Service.

    I visitatori e gli utenti del forum del sito Free Republic son in gran parte militari americani, anche attualmente in servizio. Molti iscritti prendono molto seriamente il loro attivismo online. Alcuni provano piacere nel danneggiare coloro che ritengono nemici.

    Pochi minuti dopo la pubblicazione dei nomi, uno si è subito vantato di aver contattato i militari circa il personale in servizio attivo, presente nella lista:

    “Ho inviato la lista all’ISC (il commando che avete messo nella lista), all’ufficio del distretto….all’ufficio legale del distretto e all’ufficio investigativo”

    La risposta:

    “Quel povero stupido non sa quello che lo colpirà. E’ solo un meschino? No. Chiunque è contro i militari non può appartenere ai militari!”

    Un'altra persona si mette a indagare sul nome di un appartenente alla Guardia Costiera e scrive:

    “Ho dato un’occhiata a yahoo e ho scoperto che ha un sito che non è amante della guerra né di quella alla droga né di quella al terrorismo…Questa particolare guardia ha bisogno di incappare in qualche serio guaio…”

    “Ho parlato al telefono con un comandante in Virginia.. che non riusciva a credere a quello che stava facendo quell’individuo. E’ rimasto stupito e adirato. Penso che sia già in qualche grosso, grosso guaio”.

    Se quella lista è finita in un forum, è probabile che sia finita altrettanto prontamente nelle mani dell’FBI ma anche, probabilmente, nelle mani di quell’iracheni che vogliono impedire che attivisti antiguerra entrino in Iraq.

    Quando venne postata la lista, Nick Berg era appena ritornato da un viaggio in Iraq che era durato dalla fine di dicembre al 1 febbraio. Non aveva avuto alcun problema con la polizia irachena in quel periodo.

    Solo due settimane dopo la pubblicazione della lista, Nick Berg – tornato in Iraq – venne arrestato ad un posto di controllo a Mosul. La spiegazione ufficiale fu che Nick aveva documenti probabilmente contraffatti e che per valutarne l’autenticità era necessario nel frattempo provvedere al suo fermo.

    Ma una ragione molto più probabile è che le autorità siano venute a conoscenza che un Berg della Prometheus Methods Tower Service era entrato nel paese ed abbiano emanato un’istruttoria per l’arresto alla polizia irachena in quanto lo consideravano erroneamente un attivista antiguerra entrato in Iraq per lavorare con il nemico.

    Questo è la spiegazione che giustificherebbe il suo arresto protratto per 13 giorni (senza poter vedere un avvocato), l’indifferenza delle autorità americane alle preghiere della madre, gli interrogatori della sua famiglia da parte dell’FBI, e la sentenza di un tribunale per sollecitarne il rilascio.

    E perchè fu crudelmente ucciso dopo il rilascio, come è accaduto a molti altri nel mondo che cadono vittime del destino di finire nelle mani delle squadre della morte (che lo stato perdona), spesso poche ore dopo essere stati rilasciati dalle carceri ufficiali.

    Ecco l’intreccio sordido finale In questa orribile storia.

    Si potrebbe andare oltre parlando delle accuse che il padre rivolge alle autorità americane. Secondo Michael la detenzione del figlio fino al 5 aprile è stata una violazione dei diritti civili che in pratica ha lasciato il figlio nel bel mezzo delle esplosioni di violenza dei primi giorni di aprile.

    Ma ci sono aspetti ancora più gravi. Uno di questi è riassunto dal cinismo di Michael Ravero su WhatReallyHappened.com quando in un commento sulla decapitazione di Nick, scrive:

    "Che meravigliosa fortuna per Bush e i neocons che questo grande pezzo di evento pro-guerra e di distrazione-dallo-scandalo-delle-torture avvenga proprio in questo particolare momento".

    Il realismo di Rivero indubbiamente determina uno shock nei visitatori non usuali del suo sito. Ed in ogni caso è il solo a dubitare della versione ufficiale. E’ vero che altri hanno notato le mani troppo-bianche e la posizione di riposo militare degli uomini incappucciati del video. [Ndt: In rete vi sono altre perplessità: come la notizia del marzo scorso secondo cui Al-Zarqawi sarebbe rimasto ucciso, come il fatto che Al-Zarqawi venga dichiarato dal sito islamico come l'autore del fatto (e allora non si capirebbe perché mentre firma un delitto, rimanga a volto coperto), il dubbio sul ruolo svolto da Nick (che vi siano grosse compagnie di telecomunicazioni in Iraq tra cui la Haliburton è cosa nota, ma cosa vi facesse un singolo appaltatore di telecomunicazioni è meno comprensibile), le immagini come spesso avviene con al-Qaeda sono di pessima qualità (come si ottengono con vecchie telecamere, il che è poco ammissibile), ecc.]

    L’omicidio ha sicuramente alleviato lo sconcerto degli Stati Uniti.

    La questione al Qaeda.

    Nasce dal fatto che Musab al-Zarqawi è menzionato nel video dell’omicidio.

    Nel gennaio 2004 i militari americani sostennero di aver intercettato una lettera indirizzata da Al-Zarqawi al comando di al-Qaeda. Ma il contenuto della lettera parve a molti una propaganda dei militari americani a favore della situazione in Iraq.

    Nella lettera al-Zarqawi scriveva che gli iracheni davano il benvenuto alla presenza Americana in Iraq e che alQaeda stava perdendo terreno nella sua guerra contro gli USA.

    Nel febbraio 2004, in un articolo su Counterpunch, Greg Weiher si mostrava profondamente scettico sulla lettera: “tu non potresti disegnare un miglior scenario per validare le azioni americane in questa guerra. Questa è già una buona ragione per mantenere un salutare scetticismo. E ci sono tante buone ragioni per prendere questa storia cum granis salis”.

    Gli Stati Uniti cercavano di accreditare la storia che la resistenza all’occupazione era composta da molti combattenti stranieri di al-Qaeda. La lettera è stata chiaramente una fabbricazione a scopi di propaganda, e con l’inento di far apparire al-Zarqawi come la stella nascente di al-Qaeda.

    Ma se al-Zarqawi è semplicemente una banale creazione di propaganda, allora che credito dobbiamo dare alla storia ufficiale secondo cui al-Zarqawi e al-Queda hanno assassinato Berg.

    La sola plausibile spiegazione alternativa allora diventa quella di una sporca operazione orchestrata da una parte del braccio inaridito della politica estera americana – che in genere fa mostra di sè quando alcune fotografie raggiungono il pubblico.

    Ma questa è una spiegazione che verrà respinta da molti sulla base di un ragionamento secondo cui nessuna forza alleata degli USA – nemmeno quelle impegnate in operazioni sporche – avrebbe potuto avere nel suo interno individui tanto spregevoli da uccidere a sangue freddo un cittadino americano.

    Comunque vi sono comportamenti mentali che possono essere amplificati durante una guerra, come quelli che si riscontrano nei bruti che colpiscono un iracheno fino a farlo morire; o tra gli energumeni che compongono le squadre della morte mercenarie che percorrono le vie per uccidere a volontà, o tra i sociopatici che collocano a sangue freddo bombe per ragioni politico-strategiche.

    E’ guerra. E la guerra genera una mente da tempo di guerra.

    La detenzione di Nick ha significato che le autorità lo hanno considerato un attivista contro la guerra e probabilmente un nemico.

    Quel post originale su Free Republic ci indica la presenza di una mente che nel mezzo di una guerra sarebbe capace di uccidere un americano se lo considera un nemico.

    Copyright © 2004 BreakForNews.com Attribute for Fair Use.
    PAGE URL: http://www.BreakForNews.com/NickBergEnemiesList.htm
    di Fintan Dunne, Editor
    BreakForNews.com EXCLUSIVE
    Research by Kathy McMahon
    12th May, 2004 10amET
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Stasera al TG3, quello che manipola, hanno detto che Nick Berg conosceva Moussawi il 20° dirottatore che non ha dirottato e che è incarcerato negli USA.
    Il padre di Nick ha detto che il figlio è morto "per i peccati di Bush".
    Che vuole dire?
    Un altro mistero forse legato all'11 Settembre?

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


    Secondo te?
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  4. #4
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Lqa cosa secondo me è una bomba. Il padre sta mandando msg inquietanti a Bush e Rumsfeld..."mio figlio è morto per i PECCATI di Bush..."

 

 

Discussioni Simili

  1. IL CROLLO NELLA POVERTÀ DELL' AMERICA
    Di Ringhio nel forum Politica Estera
    Risposte: 183
    Ultimo Messaggio: 23-09-12, 21:07
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 02-12-10, 14:25
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 02-12-10, 14:25
  4. Risposte: 105
    Ultimo Messaggio: 01-10-07, 11:24
  5. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 03-03-06, 17:14

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226