User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23
Like Tree6Likes

Discussione: La Vera Storia Del Tibet

  1. #1
    Clandestino
    Data Registrazione
    22 Jun 2003
    Località
    l'oceano perduto
    Messaggi
    1,074
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation La Vera Storia Del Tibet

    LA VERA STORIA DEL TIBET

    Dal sito: http://www.comedonchisciotte.net/mod...rticle&sid=530


    Media commerciali e ufficiali propongono incessantemente la versione americana del tormento che il Tibet avrebbe subito dall’aggressore e sterminatore cinese. Personalmente ero affascinato anch’io dal buddismo tibetano e dalla santità del Dalai Lama. Ero pure addolorato per l’oppressione subita dai tibetani a causa dell’oppressione cinese. Bhè, come diciamo nel nostro motto, ho cambiato radicalmente idea per accordarla alla verità. Le mie conclusioni sono una profonda avversione per la “causa tibetana” (così come ce la propone Hollywood) e per il Dalai Lama.
    Come di fronte ad ogni versione ufficiale, mi sono mosso alla ricerca di una verità alternativa. Non ero sicuro di trovarne una, ma volevo vedere se il “martirio” del Tibet è così univoco come gli americani vorrebbero far credere. Volevo vedere se i Cinesi possono essere considerati “aggressori” del Tibet come ripetono incessantemente i media legati a Washington e Londra. Questa ricerca è fatta in nome del solo principio che mi caratterizza: la ricerca della verità. E ho trovato delle cose sconcertanti…
    Secoli di aggressioni, stermini, attentati, eccidi, guerre da parte degli occidentali al popolo cinese non fanno parte di questo articolo, ma vale la pena almeno accennarli per puntualizzare che nessun “occidentale” può parlare di aggressione cinese a chicchessia senza prima parlare di torture, umiliazioni, spoliazioni, stermini da parte degli occidentali ai danni dei “musi gialli”. Chiudiamo qui la parentesi su cui magari scriveremo un articolo dedicato.
    L’imperialismo occidentale cerca incessantemente di promuovere la secessione del Tibet dalla Cina. Perfino una certa sinistra in buona fede si fa portavoce (assieme agli organi di informazione dell’Impero) di questa posizione per subalternità o mancanza di conoscenza. E veniamo ai fatti.
    La sovranità cinese sul Tibet ha alle spalle secoli e secoli di storia. Il Tibet è territorio cinese dal tempo in cui in Europa non esistevano ancora gli Stati nazionali. I primi a mettere in discussione la sovranità cinese sul Tibet sono stati i fautori dell’imperialismo britannico. (1)(2)
    Come si legge in un manuale di storia asiatica (uno qualunque), i tentativi di distruggere la sovranità cinese sul Tibet sono la conseguenza di una politica volta allo “smantellamento della Cina”. (3)
    Non sono soltanto i comunisti cinesi a considerare il Tibet parte della Cina. Sun Yat-sen, primo presidente della Repubblica nata dal rovesciamento della dinastia Manciù, ne era convinto. Quando gli inglesi gli chiesero di partecipare attivamente alla Prima Guerra Mondiale per poter recuperare alla Cina i territori che la Germania le aveva strappato, lui rispose: “Voi vorreste strapparci anche il Tibet!”. (4)
    Prima della guerra fredda Washington riconosceva che il Tibet era territori cinese. Ancora nel 1949 il Dipartimento di Stato Americano pubblicò un libro sulle relazioni USA-Cina con una mappa che mostrava tutta la Cina, Tibet incluso dunque. (5)
    Tuttavia, con l’avanzare del Partito Comunista Cinese e quindi con l’avvicinarsi al potere di un chiaro Partito di massa antimperialista, Washington cominciò a manipolare la realtà. Gli inizi di questa manipolazione possono essere rintracciati in una lettera del 13 gennaio 1947 al Presidente americano Truman da parte di Gorge R. Merrel, incaricato d’affari USA a Nuova Dheli. La lettera riguardava la “inestimabile importanza strategica” del Tibet e recitava: “Il Tibet può pertanto essere considerato come un bastione contro l’espansione del comunismo in Asia o almeno come un’isola di conservatorismo in un mare di sconvolgimenti politici”. E aggiunse che “l’altopiano tibetano […] in epoca di guerra missilistica può rivelarsi il territorio più importante di tutta l’Asia”. Questi particolari sono tratti da un autore americano per decenni funzionario della CIA. L’Autore evidenzia come il contenuto di questa lettera sia quasi combaciante con la visione imperialistica che aveva a suo tempo l’Inghilterra vittoriana impegnata nel “grande gioco” dell’espansione in Asia. (6)
    Il separatismo tibetano diviene uno strumento dell’imperialismo americano o, meglio, per dirla come il funzionario della CIA, diviene uno strumento degli “interessi geopolitica USA” per costringere il nuovo governo comunista di Mao a disperdere le forze, ponendo quindi le condizioni per un “cambiamento di regime a Pechino”. Per portare a compimento questi “interessi geopolitici USA”, vennero addestrati “guerriglieri” nel Colorado e poi paracadutati in Tibet e riforniti per via aerea di armi, munizioni, apparecchiature ricetrasmittenti, ecc. A tali guerriglieri la CIA aggiunge la “collaborazione dei banditi Khampa di vecchio stile”. (7)
    In questo contesto si sviluppa la “rivolta tibetana” del 1959. E’ ancora il funzionario della CIA, Knaus, a raccontare i fatti: la rivolta faceva seguito ad un tentativo fallito da parte dei servizi segreti americani di provocare disordini in Cina a partire dalle Filippine; come disse un esponente della CIA, lo scatenamento della rivolta aveva “poco a che fare con l’aiuto ai tibetani”, perché lo scopo era quello di mettere in difficoltà i “comunisti cinesi”. Era la stessa logica che i servizi segreti americani usavano in Indonesia per “aiutare i colonnelli ribelli indonesiani nel loro sforzo di rovesciare Sukarno”, reo di essere troppo tollerante verso i comunisti di quel paese. (8) Come è noto il colpo di Stato verrà portato a termine grazie alla CIA nel 1965, col massacro di centinaia di migliaia di comunisti o di elementi tolleranti verso i comunisti. Sarebbero state meno feroci le forze finanziate e addestrate dalla CIA in Tibet se avesse vinto il separatismo? (9)
    Penso che sia interessante far sapere che fu un agente della CIA a organizzare la fuga del Dalai Lama dal Tibet: questo agente visse più tardi nel Laos “in una casa decorata con una corona di orecchie strappate dalle teste di comunisti morti”, come ci informa un docente americano su una rivista USA. (10)
    Dopo il fallimento in territorio cinese della rivolta tibetana, i servizi segreti americani danno inizio ad una campagna mediatica in occidente.
    Nonostante che il Dalai Lama fosse considerato allo stesso modo dei colonnelli macellai indonesiani, come il capo della rivolta reazionaria anticomunista filo-occidentale, ora viene santificato. Diventa il leader della non violenza. Lo stesso buddismo tibetano diventa una dottrina e una tecnica spirituale sublime. L’industria cinematografica americana si adopera per proporre incessantemente questo falso mito.
    Ma la storia ha dei precedenti. Quando agli inizi del Novecento gli inglesi e la Russia si contendevano il Tibet, regione della Cina, correva voce che lo Zar in persona si fosse convertito al buddismo. (11)
    Oggi, invece, sono la CIA e Hollywood ad essere convertiti al buddismo. Una conversione che ha del miracoloso se si pensa che l’Occidente ha sempre disprezzato il buddismo tibetano come sinonimo di dispotismo orientale, con la sua figura di Dio-Re. Basti ricordare il disprezzo dei padri della cultura occidentale come Rousseau, Herder e Hegel. Fino ai primi anni del 1900 i lama sono considerati una “incarnazione di tutti i vizi e di tutte le corruzioni, non già dei lama defunti”. (12)
    Quando la Gran Bretagna si accinse poi alla conquista del Tibet lo fece in nome della civiltà contro “quest’ultima roccaforte dell’oscurantismo”, per civilizzare “questo piccolo popolo miserabile”. (13)
    Oggi la propaganda americana cerca di rimuovere l’infamia della teocrazia tibetana. Come illustra lo stesso storico Morris, quello che era in carica agli inizi del ‘900 “era uno dei pochi Dalai Lama ad aver raggiunto la maggiore età, dato che la maggior parte di loro veniva eliminata durante la fanciullezza a seconda della convenienza del Consiglio di Reggenza”. (14)
    Stando a quanto affermano Hollywood e la CIA, il buddismo tibetano è divenuto sinonimo di pace e tolleranza, oltre che di elevata spiritualità. Seguendo l’ideologia imperialistica anticomunista occidentale, “i tibetani sono dei superuomini e i cinesi dei subumani”. (15)
    La teocrazia oscurantista tibetana è santificata dai media commerciali americani al servizio degli strateghi militari. La struttura castale si manifesta anche dopo la morte: il corpo di un aristocratico viene cremato o inumato, mentre i corpi della massa vengono dati in pasto agli avvoltoi. Poco tempo fa era l’“International Herald Tribune” che descriveva come durante i funerali di plebei fosse il sacerdote che staccava pezzo per pezzo la carne dalle ossa per facilitare il compito degli avvoltoi. La descrizione era minuziosa e seguita da uno studioso che spiegava il tutto in chiave “ecologica”. (16) Lo studioso non chiariva però perché all’equilibrio ecologico doveva contribuire solo il corpo dei plebei. Vorrei chiarire la mia posizione: io non condanno queste pratiche disumane perché potrei rimanere vittima della mia cultura italiana; dovrei essere un tibetano per condannarle; ad ognuno la sua cultura. Io condanno il fatto che gli occidentali imperialisti appoggino pratiche così disumane per noi, sostengano movimenti sanguinari come il buddismo tibetano e siano pronti ad inventarsi ogni peggiore frottola (molto meno disumana) su falsi crimini di Cuba, di Saddam, di Pechino e di tutti gli avversari, salvo santificare la reazione più assoluta.
    La Rivoluzione Culturale maoista si era scagliata contro la pratica castale, discriminatrice e violenta. Nel Tibet precedente alla Rivoluzione la teocrazia riduceva in schiavitù o servaggio la stragrande maggioranza della popolazione. Come scrisse uno scrittore radicalmente anticomunista, le riforme realizzate dal 1951 hanno “abolito feudalesimo e servaggio”. (17) La Rivoluzione abolì anche la teocrazia incarnata nel Dio-Re che pretendeva e pretende ancor oggi di essere il Dalai Lama. Fu attuata la separazione tra potere religioso e potere civile.
    La Rivoluzione ha significato per i tibetani l’accesso a diritti umani prima del tutto sconosciuti, un miglioramento del tenore di vita e un sensibile prolungamento della vita media. E ciò è malgrado i media universalmente riconosciuto da tutti gli esperti analisti della regione.
    La Cina di oggi garantisce alla Regione Autonoma Tibetana libertà che non ha mai conosciuto in tutta la sua storia passata e recente. La regione tibetana, oltre ad avere il bilinguismo con prima lingua il tibetano, vede garantiti altri diritti nazionali quali la preferenza a favore dei tibetani e delle altre minoranze nazionali per quanto riguarda l’ammissione all’università, la carriera pubblica, ecc. (18)
    Il santificato Dalai Lama viene insignito del Premio Nobel. Ma cosa chiede questo personaggio che si proclama Dio-Re? “Esige la creazione di un Grande Tibet, il quale includerebbe non solo il territorio che ha costituito il Tibet politico in età contemporanea, ma anche aree tibetane nella Cina occidentale, in larghissima parte perse dal Tibet già nel diciottesimo secolo”. (19) E poi esistono tibetani in Bhutan, Nepal, India. Tutti i loro territori dovrebbero far parte del Grande Tibet. Si tratta della pretesta di Hitler di riunificate nello lo stesso Stato tutti i territori che erano abitati da maggioranza tedesca. Il principio “nazionale” del Dalai Lama è quello di Hitler, con la sola differenza che del nazional-socialismo il Dalai Lama non ha neppure un briciolo di “socialismo”. E’ solo puro nazionalismo esasperato ai massimi livelli.
    Ora, questa santità, Premio Nobel per la Pace, odia profondamente gli uomini che hanno la pelle gialla e parlano il cinese. Un odio viscerale, razzista, tanto che, quando l’India procedette al riarmo nucleare, trovò il suo più fiero sostenitore nel Premio Nobel, il Dalai Lama.
    Ma, ci domandiamo, almeno il multimiliardario Dalai Lama rappresenta il popolo tibetano? Risposta: nemmeno per sogno! E’ perfino il “Libro Nero del Comunismo” a riconoscere che un’elementare analisi storica “distrugge il mito unanimista alimentato dai partigiani del Dalai Lama”. (20) Alla liberazione pacifica del Tibet nel 1951, che portò alla caduta del regime teocratico, vi fu una resistenza accanita dei gruppi più reazionari e delle classi dei privilegiati, ma i comunisti poterono contare sull’appoggio della stragrande maggioranza della popolazione civile. Gli autori più anticomunisti e anticinesi del pianeta-Occidente si scagliano così contro la plebe tibetana, colpevole di “essersi collegata subito col regime comunista”; anche i monaci sono dei farabutti che “non esitano ad augurarsi che ‘presto sia liberato’ il Tibet” e che commettono il crimine di fraternizzare con i comunisti e l’esercito Popolare di Liberazione. Per questi autori è inconcepibile come il Dalai Lama sia disprezzato non solo dalla maggior parte del popolo, ma anche da ampi settori religiosi tibetani. Ancora nel 1992, nel corso di un suo viaggio a Londra il Dalai Lama è oggetto di manifestazioni ostili da parte della più grande organizzazione buddista in Gran Bretagna, che lo accusa di essere un “dittatore spietato” e un “oppressore della libertà religiosa”. (21)
    Oggi il Dalai Lama continua a sperare in una disintegrazione della Cina come è avvenuto nella tragedia che ha caratterizzato l’URSS. (22)
    Michele – Risiko
    NOTE:
    Le informazioni di questo articolo sono ricavate da Domenico Losurdo, “La sinistra, la Cina e l’imperialismo”, ed. La città del Sole, Napoli. La sua opera di informazione è indispensabile sull’argomento.
    (1) Owen Lattimore, 1970, “La frontiera. Popoli e imperialismi alla frontiera tra Cina e Russia”, Einaudi, Torino.
    (2) Jacques Fernet, 1978, “Il mondo cinese. Dalle prime civiltà alla Repubblica Popolare”, Einaudi, Torino.
    (3) Jan Romein, 1969, “Il secolo dell’Asia. Imperialismo occidentale e rivoluzione asiatica nel secolo XX”, Einaudi, Torino.
    (4) Sun Yat-sen, 1976, “L’imperialismo dei bianchi e l’imperialismo dei gialli”, in “I tre principi del popolo”, Einaudi, Torino.
    (5) Herbert Aptheker, 1977, “America Foreign Policy and The Cold War” (1962), Krauss Reprint Millwood, N.Y.
    (6) Jhon Kenneth Knaus, 1999, “Orphans of the Cold War. American and the Tibetan Struggle for Survival”, PublicAffairs, N.Y.
    (7) Come sopra.
    (8) Come sopra.
    (9) Domenico Losurdo, 1999, “La sinistra, la Cina e l’imperialismo”, La città del Sole, Napoli.
    (10) Daniel Wikler, 1999, “The Dalai Lama and the CIA”, in “The New York Review of Books”, 23 settembre.
    (11) James Morris, 1992, “Pax Britannica”, The Folio Society, London.
    (12) Donald S. Lopez Jr., 1998, “Prisoners of Shangri – La. Tibetan Buddhism and the West”, University of Chicago Press, Chicago and London.
    (13) Vedi nota 11.
    (14) Come sopra.
    (15) Vedi nota 12.
    (16) Seth Faison, 1999, “In Tibean ‘Sky Burials’, Vultures Dispose of the Dead”, in “International Herald Tribune, 6 luglio.
    (17) Melvyn C. Goldstein, 1998, “The Dalai Lama’s Dilemma”, il “foreign Affairs”, gennaio-febbraio.
    (18) Seth Faison, 1999, “for Tibetans in Sichuan, Life in the Shadow of Intollerance”, in “International Herald Tribune”, 1 settembre.
    (19) Vedi nota 17.
    (20) Courtois et al., 1998, « Il Libro Nero del Comunismo », Mondaori, Milano.
    (21) Vedi nota 12.
    (22) Vedi nota 17.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Mar 2002
    Località
    ESILIO
    Messaggi
    13,519
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    FREE TIBET

  3. #3
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Al Tibet non frega niente di nessuno. D'altra parte, quando i cinesi lo invasero, chi nel mondo si oppose a Pechino?

    Che sia perchè non c'è nè petrolio nè uranio nè niente di niente?
    _______________________
    Gli zeri, per valere qualcosa,
    devono stare a destra.

  4. #4
    BENESSERE&OZIOXTUTTI
    Data Registrazione
    14 Apr 2002
    Località
    prov di CO
    Messaggi
    2,527
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Concordo in pieno con l'analisi di Capitan Nemo.
    Il Tibet rappresenta uno fra i tanti paradossi della propaganda imperialista Occidentale... uno stato teocratico, basato su un rigido sistema di caste di stampo medievale, difeso dai presunti sostenitori della laicità e delle cosiddette "classi aperte".
    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!

  5. #5
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da soviet999
    Concordo in pieno con l'analisi di Capitan Nemo.
    Il Tibet rappresenta uno fra i tanti paradossi della propaganda imperialista Occidentale... uno stato teocratico, basato su un rigido sistema di caste di stampo medievale, difeso dai presunti sostenitori della laicità e delle cosiddette "classi aperte".

    Ciò non toglie che i cinesi se lo siano riassoggettato in maniera quanto meno "drastica" (per non dire violenta).
    _______________________
    Gli zeri, per valere qualcosa,
    devono stare a destra.

  6. #6
    Clandestino
    Data Registrazione
    26 Jan 2003
    Messaggi
    1,849
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La Vera Storia Del Tibet

    In origine postato da Capitano Nemo
    LA VERA STORIA DEL TIBET

    Ancora nel 1992, nel corso di un suo viaggio a Londra il Dalai Lama è oggetto di manifestazioni ostili da parte della più grande organizzazione buddista in Gran Bretagna, che lo accusa di essere un “dittatore spietato” e un “oppressore della libertà religiosa”. (21)
    Cito questo passaggio che dimostra in modo mirabile come l'esimio autore dell'articolo sia del tutto immune dai pregiudizi occidentali che denuncia a più riprese. Chi infatti, se non i buddisti britannici, può esprimere un giudizio assennato e autentico sul lamaismo tibetano? Evvai...

  7. #7
    Cavaliere
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    5,062
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da soviet999
    Concordo in pieno con l'analisi di Capitan Nemo.
    Il Tibet rappresenta uno fra i tanti paradossi della propaganda imperialista Occidentale... uno stato teocratico, basato su un rigido sistema di caste di stampo medievale, difeso dai presunti sostenitori della laicità e delle cosiddette "classi aperte".
    Sembra l'argomentazione di Bush e Blair: "portiamo la democrazia con le armi!".
    E se fossero c... dei tibetani decidere se darsi la teocrazia o la democrazia?
    E se, comunque, l'intervento cinese non avesse portato nessuna forma di democrazia? Per non parlare dei massacri, dei monasteri e delle opere d'arte distrutte, del sistematico annientamento della cultura tibetana in tutti i suoi aspetti, ecc...

  8. #8
    BENESSERE&OZIOXTUTTI
    Data Registrazione
    14 Apr 2002
    Località
    prov di CO
    Messaggi
    2,527
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da gribisi
    Sembra l'argomentazione di Bush e Blair: "portiamo la democrazia con le armi!".
    E se fossero c... dei tibetani decidere se darsi la teocrazia o la democrazia?
    E se, comunque, l'intervento cinese non avesse portato nessuna forma di democrazia? Per non parlare dei massacri, dei monasteri e delle opere d'arte distrutte, del sistematico annientamento della cultura tibetana in tutti i suoi aspetti, ecc...
    Evidentemente mi avete frainteso. Non era mia intenzione difendere l'operato della Cina, ma solo far notare che, come sempre, le informazioni che ci giugono sono distorte in base agli interessi di chi comanda.
    Il discorso teocrazia/democrazia, imposizione della democrazia ecc... è tutta un'altra cosa.
    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!

  9. #9
    Sparuta minoranza
    Data Registrazione
    13 Nov 2003
    Località
    "Gli Dei sono veritieri e reali, gli uomini falsi e irreali" Ananda K.Coomaraswamy
    Messaggi
    842
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Qualche riflessione sul Tibet..

    In passato il tycoon australiano Rupert Murdoch, interessato al mercato cinese dell’intrattenimento mediatico, definì il Dalai Lama “un miliardario con le scarpe di Gucci”; in questa singolare eterogenesi dei fini tra il management della News Corp. e alcuni interessanti personaggi araldi delle sorti magnifiche e progressive contro il bieco “oscurantismo” tibetano credo di vedere un signum più che eloquente…
    Molto improvvidamente poi l’articolista parla di “liberazione pacifica del Tibet nel 1951” ignorando, o fingendo di ignorare, gli effetti di quella cinese del 1959 di ben altra fattura (fonti militari cinesi ammettono che furono uccisi ottantasettemila membri della resistenza tibetana tra il marzo e l'ottobre 1959) e ciò che fu la “liberazione” da quella “teocrazia” (che magari i tibetani siano interessati più alla loro tradizione che al suffragio universale è qualcosa che a taluni risulta scandaloso): durante i quaranta anni di occupazione militare cinese sono stati demoliti circa seimila monasteri, templi e monumenti artistici, mentre negli ultimi anni le ruspe hanno stravolto e appiattito la fisionomia urbana della capitale, Lhasa, distruggendone quasi completamente l'antico centro storico.
    Si ritiene che centinaia di monaci e monache buddisti siano ancora imprigionati per la loro refrattarietà al programma “Colpisci Duro" ovvero la rieducazione politica di 46.000 monache e monaci tibetani che consiste nel rimuovere da ogni istituto religioso tutte le fotografie del Dalai Lama e nello sradicare dai cuori dei monaci e dalle loro preghiere il senso di fedeltà nei suoi confronti. Viene loro detto che il Dalai Lama è un separatista, deciso a dividere la madrepatria. Inoltre, sono obbligati a riconoscere il Panchen Lama nominato da Pechino e a denunciare come falsa reincarnazione Gedun Choekyi Nyima, il bambino riconosciuto dal Dalai Lama.
    Il ragazzo, che ha recentemente compiuto 16 anni, vive da 9 anni segregato ed è considerato “il più giovane prigioniero politico del mondo” ed ha la sola colpa di essere stato riconosciuto (in modo perfettamente ortodosso e tradizionale) la reincarnazione di un grande maestro (Fonte: Amnesty International).
    La Cina inoltre porta avanti una politica di trasferimento di coloni cinesi che ha reso i tibetani una minoranza nel loro stesso territorio: sette milioni e mezzo di coloni cinesi contro sei milioni di tibetani; a ciò si aggiunge la campagna di aborti forzati e sterilizzazioni di massa delle donne tibetane; la "soluzione finale" di questa pulizia etnica per diluizione prevede l'insediamento di quaranta milioni di coloni cinesi (grazie ai notevoli incentivi al trasferimento) in Tibet entro il 2020.

    Altro che medioevo!!!


    Il piccolo Choekyi Nyima sequestrato nel 1995 dalle autorità cinesi per "proteggerlo"

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    22 Aug 2013
    Messaggi
    809
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Qualche riflessione sul Tibet..

    Citazione Originariamente Scritto da Satyricon Visualizza Messaggio
    a ciò si aggiunge la campagna di aborti forzati e sterilizzazioni di massa delle donne tibetane; la "soluzione finale" di questa pulizia etnica per diluizione prevede l'insediamento di quaranta milioni di coloni cinesi (grazie ai notevoli incentivi al trasferimento) in Tibet entro il 2020.
    Sicuro che non sia propaganda?
    Per quel che ne so io. Il Tibet così come le altre minoranze etniche non erano soggetti alla politica del figlio unico. E anche in caso di parto "fuorilegge" è prevista una multa e non l'aborto forzato se la donna non vuole.



    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Tibet: Storia di un potenziale autoimmolatore
    Di Lavrentij nel forum Politica Estera
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 09-02-13, 14:32
  2. Una storia vera
    Di Mithrandir nel forum Arte
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-11-07, 22:34
  3. una storia vera...
    Di _oltre la morte_ nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 12-06-06, 19:27
  4. Una storia vera....
    Di Caterina63 nel forum Cattolici
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-08-05, 20:03
  5. Una storia vera
    Di vescovosilvano nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-04-02, 03:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225