User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: roma (ladrona) doma

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down roma (ladrona) doma

    Gli articoli di Gilberto...... Post #1 di 7

    ROMA (LADRONA) DOMA

    Garibaldi: «La corruzione nei plebisciti,
    nella Camera, nei ministeri, nei tribunali fu alzata a sistema di governo». E un giovane Mussolini scrisse: «Roma è il focolare d’infezione della vita politica nazionale. Basta con lo stupido pregiudizio unitario per cui tutto dev’essere concentrato in Roma»

    Dai giorni per qualcuno gloriosi del Risorgimento, la popolazione dello stivale è poco più che raddoppiata (di 2,24 volte). Nello stesso periodo, Napoli - che era a metà Ottocento la città più popolosa della penisola - aveva 416.000 abitanti: oggi (censimento 2001) ne ha 1.005.000 ed è perciò aumentata di 2,52 volte. Milano e Torino ne avevano rispettivamente 181.000 e 143.000 e oggi 1.302.000 e 905.000, con aumenti di 7,19 e di 6,33 volte. Nel 1853 Roma aveva 175.000 abitanti, oggi ne ha 2.460.000 ed è cresciuta di 14,05 volte, il doppio di Milano. Tutte le città si sono ingrandite molto più rapidamente in numero di abitanti rispetto alle percentuali complessive a causa del generalizzato inurbamento che ha caratterizzato la storia mondiale dell’ultimo secolo. Sembra fare eccezione Napoli che non ha particolari attrattive economiche, che è salassata dall’emigrazione e il cui aumento sembra solo frutto dell’esuberanza testosteronica (con una sola erre) di cui i partenopei vanno notoriamente molto orgogliosi. Milano e Torino sono invece cresciute grazie al loro prodigioso sviluppo economico e alla grande richiesta di forza lavoro che, l’industria prima e il terziario, poi hanno espresso.E Roma? A cosa deve la sua prodigiosa espansione? A Roma non ci sono industrie, non c’è offerta di lavoro (almeno nel senso stretto del termine), eppure la città è cresciuta più di tutte le altre e continua a farlo. Per secoli a Roma ci si andava solo a fare i chierichetti (i “cergeti” di un noto proverbio ligure), i preti e le “segnorine” necessarie per un pio ma esuberante mercato di singles. Oggi la professione dei chierichetti è molto decaduta, la vocazione a fare il prete è in rapido calo (a fronte del vorticoso aumento dei cardinali) e anche le fanciulle più generose hanno cambiato status e variegato le formule della loro offerta professionale. Così oggi a Roma si va per fare le veline, per zampettare in Rai, a Cinecittà o nell’Alitalia, si va per fare i giornalisti, i portavoce, i giocolieri, i consulenti e gli impiegati ai ministeri, cioè di tutto, salvo che lavorare. In generale l’essere capitale rende (anche più del capitale): è successo a Parigi e a Londra, e più recentemente a Brasilia, Islamabad, Abu Dhabi e a Bujumbura. Ma Roma è la sola città che ha l’eterna vocazione a fare la capitale: dell’Impero, dei Papi e della gaia Repubblica. La menata dura da 2.757 anni, e allegramente: la prima Roma aveva più di 200 giorni all’anno di feste, che non erano giorni di non-lavoro (cosa che non avrebbe costituito alcuna tangibile differenza) ma di distribuzione gratuita di grano e di gioiosi giochi circensi, molti dei quali non proprio commendevoli sul piano dei buoni rapporti col resto del mondo animale. Neanche i Papi della seconda Roma si tiravano indietro: feste in piazza Navona allagata, bisbocce sacre e profane, raffinato collezionismo artistico e antiquario. La terza Roma non ha giustamente voluto essere da meno: drena soldi da tutte le parti come le altre due, senza però graziosamente trasformarli in monumenti, eserciti, basiliche, giubilei e indulgenze. Se li mangia e basta, lasciando cadere qualche briciola verso Sud, giusto per tenere la gente tranquilla, come si usava al Colosseo.È una città che somiglia sempre solo a se stessa. Cambiano tempi e regimi ma lei resta un’efficiente idrovora di risorse che riesce a guastare tutto quello con cui viene in contatto. Tutti quelli, anche per bene, che ci sono caduti dentro - generali barbari, cardinali ispirati, riformatori politici - sono diventati romani: l’hanno scampata solo quelli (Lutero, San Carlo e pochi altri) che se la sono squagliata per tempo. Non si sono salvati i risorgimentalisti onesti, naufragati subito nella Banca Romana (Garibaldi ha scritto: «La corruzione dei pubblicisti, nei plebisciti, nei collegi elettorali, nella Camera, nei ministeri, nei tribunali (…) fu alzata a sistema di governo»), non i fascisti padani impaltati nel Tevere, non il Vento del Nord del 1945.Oggi qualcuno si scandalizza perché si parla di “Roma ladrona”. È un’accusa (quasi) trimillenaria giustificata da un fare (quasi) trimillenario, che suscita reazioni (quasi) trimillenarie: ve lo ricordate il “ratto delle Sabine”? Nel 968 Liutprando, vescovo di Cremona, spiegava all’imperatore Niceforo Foca come l’epiteto di “romano” fosse presso la sua gente il peggiore degli insulti, perché comprendeva «ogni idea di ignobiltà, avarizia, lussuria, menzogna e di ogni altro vizio» («quicquid ignobilitatis, quicquid avaritiae, quicquid luxuriae, quicquid mendacii, immo quicquid vitiorum est»). Non hanno detto di meglio Lutero (che la identificava con la Babilonia dell’Apocalisse) e i riformati (Ulrich van Hutten ha scritto nel suo Vadiscus che le sole ragioni per recarsi a Roma erano la vana curiosità, la lusinga del guadagno e il desiderio di condurre una vita licenziosa); Nathaniel Hawthorne ha descritto Roma come: «un luogo dove i delitti e le calamità secolari, le molte battaglie, il sangue versato con noncuranza e le miriadi di morti hanno corrotto tutto il suolo determinando un influsso che rende l’aria pestifera ai polmoni dell’uomo». Nel 1910, su Lotta di classe, l’ancora socialista Mussolini scriveva: «Roma, città parassitaria di affittacamere, di lustrascarpe, di prostitute, di preti e di burocrati, Roma - città senza proletariato degno di questo nome - non è il centro della vita politica nazionale, ma sibbene il centro e il focolare d’infezione della vita politica nazionale (…). Basta, dunque, con lo stupido pregiudizio unitario per cui tutto, tutto, tutto dev’essere concentrato in Roma - in questa enorme città-vampiro che succhia il miglior sangue della nazione».Sappiamo poi come è andata a finire (“Roma doma”): come tanti altri anche Mussolini, che pur veniva da un paese sano e ricco di anticorpi, è stato corroso dai miasmi dell’Urbe. Publio Fiori, Walter Veltroni e Francesco Rutelli ci sono nati.

    Gilberto Oneto 13 APRILE 2004 "Il Federalismo-Sole delle Alpi"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A soèta.

    Io credo che a portar sfiga siano certi uomini e non certi uccelli.

 

 

Discussioni Simili

  1. Roma ladrona
    Di Eridano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 24-09-12, 12:14
  2. Roma ladrona ? No Roma godona!
    Di furbo nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-07-09, 08:57
  3. Da “Roma Ladrona” a “Roma Capitale”.
    Di antonioborghesi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-07-08, 11:33
  4. Roma ladrona o ladroni de Roma?
    Di Birrafondaio nel forum Padania!
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 04-05-06, 17:16
  5. Roma ladrona?
    Di ossoduro nel forum Padania!
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 19-07-04, 10:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226