Tutti noi abbiamo imparato alcune canzoni dai nostri nonni, o zii o altri, canti del sud antichi e struggenti.
Io ricordo con particolare commozione questa:

BRIGANTE SE MORA
(testo: tradizionale, musica: equilibrio instabile)

Ammu pusatu chitarre e tamburi
Pecchè 'sta musica sa ddà cagnà
Simmu briganti e facimmu paura
E ccù a scuppetta vulimme cantà

E mo cantamme 'sta nova canzone
Tutta la gente se l'ha ddà 'mparà
Nun ce ne fotte du re burbuna
A terra è a nosta e nun s'ha ddà tuccà

Tutti i paisi da Basilicata
Se su scetate e vuannu luttà
Puru a Calabria mo s'è arrevutata
E stu nemicu facimme trema'

Chi ha vistu 'o lupo s'è misu paura
Nun sape bbuono qual'è a verità
'O vero lupo ca magna e creature
E' 'o piemontese ch'avimme a caccia'

Rinnine belle ca rate lu core
E lu brigante vulite sarva'
Nun ce cercate scurdateve 'o nome
Chi ce fa guerra nun tena pietà

Ommo se nascia brigante se mora
Ma fino all'ultimu avimma a spara'
E si murimmu menate nu fiore
E' na bestemmia ppe 'sta libertà.