User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Lettera a Vaclav Klaus, Presidente della Repubblica Ceca

    CARO KLAUS, NON FIRMI IL TRATTATO EUROPEO

    DI IDA MAGLI
    web.mclink.it

    Il presidente della Repubblica Ceca, Vaclav Klaus, da sempre contrario all’unificazione europea, è rimasto l’ultimo a dover firmare il trattato di Lisbona. Sia lui che il presidente polacco, Lech Kaczynski, avevano atteso il risultato del referendum irlandese, nella speranza che un “No” degli Irlandesi li salvasse dall’ingrato compito di affossare quella Costituzione sui generis, chiamata “trattato”, composta di oltre 300 pagine e che nessun cittadino d’Europa ha letto, ma senza la quale l’Unione Europea non può assumere una piena veste politica. Purtroppo, però, gli Irlandesi hanno tradito la passione per la patria e per la libertà che li ha sempre caratterizzati nella storia e si sono lasciati comprare dal luccichio dei generosissimi doni che il maggiore interessato alla nascita del nuovo impero, José M. Barroso, ha fatto brillare davanti ai loro occhi.

    Una volta superato lo scoglio dell’Irlanda, è toccato al Presidente polacco decidersi a firmare la carta costituzionale, già ratificata nell’aprile del 2008 dal Parlamento. La cerimonia è avvenuta in forma solenne a Varsavia, nel palazzo presidenziale, in presenza dello stesso Barroso, del premier svedese, presidente di turno dell’UE, Fredrik Reinfeldt, e del presidente dell’europarlamento, Jerzy Buzek (mi soffermo a fare dei nomi per far notare ai lettori fino a che punto siamo tornati all’impero medioevale, governati e comandati da stranieri che non conosciamo minimamente e che, anche se si degnassero di rivolgerci la parola, non capiremmo). All’ultimo momento Kaczynski è riuscito a far inserire una postilla al Trattato con una deroga per Varsavia sul suo carattere di Stato nazionale. Inutile dire che questi pentimenti in extremis rappresentano il maggior segno della vigliaccheria dei governanti, incapaci di opporsi all’unificazione europea, pur percependone l’incalcolabile gravità, e al tempo stesso tanto autocrati da non lasciare la decisione ai popoli.

    Una volta piegato Kaczynski, tutti gli occhi si sono puntati su Praga. Come è possibile a chi è uscito dall’inferno sovietico, decidere volontariamente di perdere l’indipendenza e la libertà, di tornare a far parte di un impero? Nessun paese è al sicuro in Europa da una fortissima dittatura, una dittatura che, già evidente nel modo antidemocratico con il quale sono state imposte fino ad oggi le delibere dei Commissari (dovrebbe far riflettere questo nome che si sono dati di “Commissari”, invece che di “Ministri”, analogo a quello esistente nel governo sovietico, non per nulla anch’esso “Unione”), sarà indispensabile per mantenere l’ordine e governare oltre mezzo miliardo di persone appartenenti a patrie diverse, lingue diverse, storie diverse, costumi diversi. Vaclav Klaus ne è perfettamente consapevole e ha sempre manifestato la sua avversione all’UE. Adesso, però, non può più tergiversare, anche se ha chiesto, come condizione, per la Repubblica Ceca una deroga al Trattato che salvaguardi la sovranità della sua magistratura. In realtà, però, la situazione è per Klaus delicatissima e sicuramente molto penosa visto che ormai l’entrata in vigore dell’unico vero testo che costituisce l’Unione dipende soltanto da lui.

    Gli Italiani Liberi hanno voluto incoraggiarlo a resistere e soprattutto dirgli che non è solo a temere per la libertà della Patria, scrivendogli una lettera che riproduciamo qui sotto. Noi speriamo che molti dei nostri lettori si impegneranno nel far conoscere questa iniziativa nei vari paesi d’Europa in modo da far giungere a Klaus la solidarietà dei tanti cittadini ai quali, come agli Italiani, non è stato concesso di esprimere la propria volontà riguardo all’unificazione.

    Ida Magli
    Fonte:http://web.mclink.it
    Link: ItalianiLiberi
    Roma - 20 Ottobre 2009

    Lettera a Vaclav Klaus, Presidente della Repubblica Ceca
    Signor Presidente,

    la libertà e l’indipendenza di oltre 500 milioni di cittadini degli Stati europei sono affidate a Lei. Noi, “Italiani Liberi”, piccola associazione di innamorati della Patria che si batte fin dall’inizio contro il progetto di unificazione europea, La preghiamo di non porre la Sua firma al trattato di Lisbona, firma che proclamerebbe, per il fatto stesso che tale Costituzione non è stata sottoposta al giudizio di coloro che saranno costretti ad obbedirle, l’inizio di un Impero antidemocratico.
    Noi siamo certi, nel porgerLe la nostra supplica e nell’assicurarLe il consenso e il sostegno di una vastissima opinione pubblica in tutta l’Europa, di interpretare il desiderio e la speranza dei tanti che Le somigliano, gentile Presidente, nel diffidare dell’instaurazione dell’ennesimo Impero in Europa, nonostante le tante e drammatiche esperienze del passato. Noi ci rendiamo anche conto del peso di una tale decisione da parte Sua, ma Lei non deve temere nulla in questo senso, caro Presidente, perché la Sua rimarrà sempre, agli occhi del Suo Popolo, con il quale tutti noi in questo momento c’identifichiamo, ma soprattutto agli occhi della Storia, la scelta giusta, la scelta della libertà.

    Ida Magli
    Italiani Liberi
    Roma, 20 Ottobre 2009

    Letter to Vaclav Klaus, President of the Czeck Republic

    Mr. President

    The freedom and independence of more than five hundred millions of Citizens in the European States are depending on you.
    We are “Italiani Liberi” (Free Italians), a small association of People who love their Homeland and are fighting against the project of european unification since its beginnings.

    We beg you not to sign the Lisbon Treaty, because this would mean the beginning of an antidemocratic Empire, for the simple fact that this Constitution was never submitted to the judgement of the People that will be forced to obey it.

    Presenting our supplication, we assure you that you will have the consent and support of an enormous public opinion in all Europe; and we are certain that we are giving voice to the wishes and hopes of so many People who are afraid of the creation of another Empire in Europe, notwithstanding the dramatic experiences of the past.

    We understand how this decision will be a ponderous and important one for you: but you must not be afraid about that, Mr. President, because in the eyes of your own People - with whom we are all identifying ourselves in this moment - and most of all in the eyes of History, yours will be the right choice, the choice of Freedom.
    Ultima modifica di Der Wehrwolf; 24-10-09 alle 12:24
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. L'europeismo del Corriere della Sera contro Václav Klaus
    Di L'Europeo nel forum Politica Europea
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 25-01-09, 06:16
  2. Lettera aperta al Presidente della Repubblica
    Di Outis nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 01-02-07, 21:45
  3. Lettera aperta al presidente della repubblica
    Di kenshin nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-01-07, 14:53
  4. Vaclav Klaus punta il dito verso il multiculturalismo
    Di purga nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-07-05, 17:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226