User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Subito proni a 90°

  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Subito proni a 90°

    27/MAG/04 - 15:01

    CONFINDUSTRIA, MONTEZEMOLO: ''IL DIALOGO CHIUDA LA STAGIONE DEI DISSIDI''

    Roma, 27 mag. (Adnkronos) - ''Vogliamo, credo tutti insieme, chiudere la stagione dei dissidi e delle incomprensioni''. Cosi' il neo presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, tende la mano ai sindacati per avviare quell'era di pacificazione necessaria per concentrarsi sulla situazione del paese. Un riconoscimento importante del ruolo della concertazione, dunque, rivolto alle forze sociali a cui Montezemolo ha dedicato un passaggio sostanzioso nel suo dicorso di insediamento.

    Una stagione di dissidi, d'altra parte, ''che non ci appartiene'', puntualizza Montezemolo. ''Cosi' facendo, non solo daremo un contributo a risolvere i nostri problemi ma potremo anche dare un segnale al Paese che e' tuttora scosso da troppe divisioni, con un ormai insopportabile tasso di litigiosita'. Un Paese, invece, che ha bisogno di fattori di convergenza''. Un progetto ''comune'', quindi, con cui ''contribuire anche noi a creare fiducia''. Ma senza con questo proporre, per Montezemolo, nessun patto dei produttori. ''Non dobbiano difenderci dal mercato -prosegue- ne' sostituire l'opera della politica, ne' tanto meno quella del governo. Vogliamo pero' essere protagonisti del nostro futuro e non semplici soggetti passivi''.

    Il presidente di Confindustria, nel passaggio della sua relazione incentrato sulla concertazione, difende e riconosce la validita' dell'impianto dell'accordo del 23 luglio del '93. ''Il patto sociale del '93 e' ancora valido ed e' soprattutto valido nello spirito con cui esso venne firmato. Ha consentito al Paese -sottolinea Montezemolo- di fermare i processi inflattivi. Ha garantito ai lavoratori una difesa del potere d'acquisto delle loro retribuzioni e una crescita dell'occupazione. Ha permesso alle imprese di affrontare una stagione di stabilita' dei cambi''.

    ''Dobbiamo ripartire da li' per affrontare i nuovi problemi. Il valore di quell'accordo -afferma Montezemolo- non sta solo nell'aver posto fine ad una lunga stagione di tensioni. Esso ha rappresentato uno scambio tra le parti sociali che si sono fatte reciproca fiducia: uno scambio che ha fatto nascere nuove relazioni industriali, eliminando automatismi inflattivi. E' lo scambio la connotazione principale. Dopo di allora abbiamo fatto anche nuovi accordi, ma senza piu' rimetterci in gioco. Non e' questo lo spirito della concertazione''.

    ''Credo che dobbiamo avere il coraggio di guardare al nostro interno, di metter da parte gli estremismi, di riprendere la via del dialogo diretto, non per una questione di principio, ma perche' ci sono nodi che attendono di essere sciolti e solo noi -dice Montezemolo- possiamo farlo''.

    Di seguito un appello alla politica che deve rispondere ai bisogni veri e reali del Paese. ''Siamo tutti consapevoli di questi bisogni. Spesso abbiamo anche le risorse finanziarie per soddisfarli. Perche' non riusciamo a trovare il consenso per procedere? Non e' questo il piu' alto compito della politica? A che serve la politica se deve solo seguire gli umori di qualcuno? Abbiamo bisogno di una politica che sappia costruire il consenso per progredire''.

    Non usa mezzi termini poi il presidente di Confindustria quando, in una passaggio della sua relazione, si sofferma sul contesto competitivo nel quale le imprese devono operare e punta il dito contro la direzione sbagliata intrapresa dal federalismo. ''Lo spirito originale del federalismo, nato dall'idea di alcuni movimenti politici, non era sbagliato'', ammette Montezemolo. ''Muoveva da un ragionamento semplice, comprensibile ai cittadini e razionale. Per cambiare la nostra Pubblica amministrazione c'e' bisogno di una profonda riorganizzazione dei poteri, in modo da avvicinare ai cittadini le responsabilita' e le decisioni''.

    Ma dopo quattro anni dalla prima riforma costituzionale e dopo molti progetti di ulteriori riforme ''dobbiamo dire che stiamo andando nella direzione sbagliata. Questo federalismo rischia di far affondare il nostro Paese, altro che liberarlo! Il localismo avrebbe dovuto esaltare le specificita' delle diverse aree, responsabilizzando i loro amministratori, aumentando la loro competitivita'''. Invece -accusa Montezemolo- il localismo ci sta uccidendo. Stanno aumentando i costi per la finanza pubblica, c'e' confuzione di competenze, c'e' una rincorsa ad occupare potere. L'autonomia fiscale avrebbe dovuto ridurre le tasse alleggerendo l'amministrazione, invece viene usata per drenare piu' risorse per pagare apparati sempre piu' costosi e privilegiati''.

    ''Misureremo il federalismo -sottolinea Montezemolo- sulla sua capacita' di ridurre la spesa pubblica quindi le tasse, e di accelerare le decisioni. Lo condanneremo se servira' solo a far prevalere il particolare e il locale sugli interessi generali''.

    Inoltre uno sguardo alla condizione del Sud. Il Mezzogiorno sara' per la Confindustria di Montezemolo ''la nostra nuova frontiera'' dice Montezemolo, ''ma sulla questione meridionale e' sceso un imbarazzante silenzio'', ammonisce. ''Quasi che non parlandone il problema si risolva da solo. Non e' cosi'. Nel 2006 sara' ridimensionato il sostegno concesso dalla Ue per la revisione delle politiche di riequilibrio territoriale seguenti all'ingresso dei dieci nuovi paesi. E noi non possiamo farci trovare impreparati''.

    Per Montezemolo, infatti, il Mezzogiorno ha un drammatico bisogno di tre interventi: infrastrutture, recupero dei centri urbani e una pubblica amministrazione efficiente. ''La sua struttura industriale e' ancora fragile -prosegue- vogliamo assistere inerti davanti a questi bisogni? Vogliamo scoprire troppo tardi di non esserci mossi in tempo?''.

    ''Solo se il Paese e' unito e omogeneo nelle sue possibilita' di sviluppo, noi -prosegue Montezemolo- potremo dire di essere competitivi e capaci di attrarre investimenti. Sta qui il senso della politica per il Mezzogiorno. Una politica che si fondi su un reale equilibrio. Che punti a una semplificazione delle procedure, a una efficienza della Pubblica amministrazione, a una rete di infrastrutture moderne e a una capacita' di far fruttare le risorse esistenti''.

    Sugli incentivi il neo presidente di Confindustria dice ''no a una modifica volta a ridurre la spesa pubblica''. ''Se vogliamo parlare di modifica degli incentivi, parliamone, ma per renderli piu' efficienti e mirati. Se poi vogliamo ridurre le uscite dello Stato, parliamone: e' un obiettivo che condividiamo e ci sono molte aree della spesa da indagare. Se si vogliono ridurre le tasse benissimo. Il sistema produttivo puo' essere stimolato da una minore pressione fiscale, ma solo in un quadro positivo della finanza pubblica. Ma -si chiede Montezemolo- cosa c'entra tutto questo con la politica per il Mezzogiorno?''.

    Infine un ''grazie ragazzi! Siamo orgogliosi di voi!'' ai soldati italiani impegnati in Iraq. Ora, per Montezemolo e' la diplomazia internazionale che deve riprendere a giocare il suo ruolo. ''Chi fara' il primo passo verso la pace, non fara' un passo indietro, ma fara' compiere un grande passo in avanti alla storia del mondo. Diamo un'opportunita' alla pace costruendo un mondo sicuro''.

    Nel suo dicorso di insediamento Montezemolo ha cosi' esordito davanti a una affollatissima platea: ''Sono orgoglioso di essere stato scelto e rivolgo un grazie di cuore all'intera Confindustria che rappresentero' tutta''.

    ''Spendero' ogni energia per soddisfare le aspettative dei colleghi imprenditori. So di avere accettato una grande responsabilita', ma la vivo anche e soprattutto come un grande onore: quello di rappresentare le imprese che hanno contribuito a rendere grande il nostro Paese nel corso degli anni''. E questo impegno Montezemolo intende perseguirlo fino in fondo a fronte del ''momento drammatico non solo per l'economia ma per la vita di tutti noi, alle prese con eventi che sembravano ormai relegati nei libri di storia, se non in quelli di una brutta letteratura''.

    Montezemolo ha cominciato a parlare e si e' subito rivolto a Ciampi. ''C'e' una voglia palpabile di vedere un segnale di ripresa, di sentire che qualche cosa si rimette in marcia, nel mondo e in Italia. Di questa voglia -dice Montezemolo- si e' fatto coraggioso interprete il capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi. Instancabile, si e' prodigato nel richiamarci alle nostre responsabilita'. A vedere quello che ancora c'e' da costruire. A rifiutare logiche rinunciatarie''. ''Grazie, signor presidente. Noi non ci tireremo indietro e lo faremo senza lasciarci andare al qualunquismo e alla protesta di chi crede che le colpe siano tutte degli altri''



    Ecco le credenziali del nuovo presidente degli industriali, leggete con attenzione perchè ci aspettando in Padania tempi duri



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    ed eccoli subito pronti a 90° gli alleati e non


    27/MAG/04 - 15:16

    CONFINDUSTRIA, FINI: ''GOVERNO ASCOLTI MONTEZEMOLO''

    Roma, 27 mag. - (Adnkronos) - ''Penso che il governo debba tenere conto di quello che ha detto Montezemolo, soprattutto per quel che riguarda la grande importanza che annette al dialogo con le parti e la centralita' del Mezzogiorno''. Lo ha detto il vice presidente del Consiglio, Gianranco Fini, a margine della assemblea della Confindustria, spiegando che ''personalmente sono due questioni che mi trovano perfettamente consenziente e -afferma- mi auguro che anche altri colleghi del governo siano di identico avviso''. Fini, in particolare, si riferisce ''al ministro Tremonti per quel che riguarda la necessita' di un dialogo non episodico ma di sistema con le parti'' e ''agli amici della Lega per quel che riguarda la centralita' del Mezzogiorno''.

    Proprio dalla Lega arriva la decisa bocciatura del ministro del Welfare, Roberto Maroni. ''E' stato un discorso deludente. C'e' un ritorno alla concertazione degli anni '90, alla Confidustria di Abete''. ''Il nuovo presidente -ha sottolineato il ministro- non ha citato Marco Biagi, mentre sarebbe stato elegante e opportuno farlo visto che e' stato l'artefice della piu' importante riforma che gli industriali hanno sostenuto fortemente, quella del mercato del lavoro''. Maroni rincara la dose. ''Montezemolo ha scelto la direzione sbagliata, ha fatto una inversione ad u rispetto alla strategia che la Confindustria a tenuto negli ultimi anni, accompagnando un processo di riforme che ci sono state e che sono in itinere''. ''Il federalismo no e' ancora compiuto, qui c'e' stata una confusione tra cio' che e' la situazione attuale, frutto della falsa riforma della sinistra e cio' che dovra' essere. Ecco, questa condanna a priori, del federalismo e' preoccupante perche' una inversione ad 'u'''.

    Di avviso decisamente diverso il capogruppo Udc alla Camera, Luca Volonte', per il quale quella di oggi ''e' veramente una gran bella giornata''. Volonte' ritiene ''sagge e lungimiranti'' le parole di Montezemolo ''delle quali, la classe politica, la classe dirigente, gli italiani, avevano veramente bisogno''. Secondo Volonte' ''l'unica perplessita' rimane l'intervento di Maroni che, ancora una volta, ha cercato per lo piu' senza riuscirvi, di disturbare un'atmosfera di grande speranza e laboriosita'''.

    Plaude al nuovo corso di viale dell'Astronomia, l'opposizione. Per il segretario dei Ds Piero Fassino in Confindustria ''tira un vento nuovo'' e quella di Montezemolo e' una ''buona relazione che, finalmente indica in innovazione e ricerca i cardini per una maggiore competitivita'''. ''E' una relazione che da' una spinta di fiducia e ottimismo - afferma il leader della Margherita, Francesco Rutelli - a un paese che ha gravi problemi e che richiama quadri che richiama quindi il governo e la politica a dare una scossa per il futuro del nostro paese''. Rutelli si dice certo che questa ''e' una Confindustria con la quale si potra' collaborare bene e da cui ci aspettiamo un contributo di idee, uno stimolo, una spinta per un radicale cambiamento''.


  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    bè ma dal "figlio" di agnelli cosa potevi aspettarti se non questo?

  4. #4
    PADANIA NEL CUORE
    Data Registrazione
    07 Apr 2003
    Località
    dall'amata Padania
    Messaggi
    1,731
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    LA STAGIONE DEI DISSIDI NON E' ANCORA COMINCIATA VERAMENTE!
    LA RISPOSTA CHE DO PERSONALMENTE ALLE PAROLE DEL SOGGETTO E' VAFF.....
    TIOCH FAID AR LA'

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Dec 2010
    Messaggi
    1,744
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Nanths
    bè ma dal "figlio" di agnelli cosa potevi aspettarti se non questo?
    essendo gobba non si è ancora resa conto di che razza di gente sia quella...

  6. #6
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Bryger
    essendo gobba non si è ancora resa conto di che razza di gente sia quella...

    ehi imbecixxe patentato....l'hai postato te l'articolo scrivendo proni a 90°?......vai vai pure a scrivere dai rifondaroli invece di provocare e basta che di certo non ho bisogno di prendere lezioni da te

  7. #7
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da pensiero
    ehi imbecixxe patentato....l'hai postato te l'articolo scrivendo proni a 90°?......vai vai pure a scrivere dai rifondaroli invece di provocare e basta che di certo non ho bisogno di prendere lezioni da te
    Più che altro non ha capito che se stessimo a guardare nessun Padano dovrebbe tifare una squadra di calcio...tutte sono proprietà di gentaglia...e tutte,anche il suo amato toro,lottano/hanno lottato per vincere il campionato,potersi attaccare il tricolore sulla maglietta o vincere la coppa italia.
    E poi,non mi sembra che il toro politicamente parlando abbia avuto un gran blasone tra i soi proprietari.Tra i tifosi poi,non mi sembra che la Padanità sia di casa.Eccezion fatta per il toro club Padania granata...ma questo è fatto da lghisti,dunque non va bene.
    Saluti Padani

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-06-08, 15:26
  2. Sempre piu' proni,sempre piu' servi.....
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-06-08, 16:40
  3. Finire In Strada? Con Proni Si Puo'
    Di Skrewdriver nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-10-06, 16:13
  4. Mastella e Casini proni dal papa; Silvio non va
    Di Tizius MCMLXVI nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-03-06, 21:41
  5. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 27-06-03, 23:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226