User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Vergognoso "articolo" su articolo21.com contro Bossi

    Bossi e Berlusconi, due leader malati al capolinea?



    di Salamandra
    Il palcoscenico politico italiano si arricchisce di due nuove figure teatrali: i malati immaginari. Uno è il leader leghista, Bossi, costretto a letto da cure drastiche per contrastare un ictus maligno, che lo tiene lontano dalla politica attiva da quasi due mesi. L’altro è il Pinocchio nazionale, il Cavalier Berlusconi, finto sano che ostenta protervia e sicumera, nonostante i fischi del 2 giugno e i sondaggi in calo.
    Bossi si è rifatto vivo (?) con una registrazione d’oltretomba, come un “santino” mal stampato dai suoi corifei, per cercare di rinvigorire le truppe sbandate leghiste, alla vigilia delle elezioni europee. Un uso raccapricciante, propagandistico, di un uomo molto malato e non in grado di esercitare le sue funzioni pubbliche, quelle di ministro. In un altro paese democratico, il governo lo avrebbe già sostituito, a malincuore, certo, ma avrebbe preso atto delle sue incapacità materiali a svolgere il suo compito istituzionale. In Italia, terra di “taroccamenti” e di “volemoce bene”, si tiene ancora in sella un esponente politico, pur di non ammettere quello che tutti, avversari politici e sostenitori, hanno chiaro davanti agli occhi: Bossi non sarà più lui, il rozzo nelle forme ma fine politico, che crea dal nulla un movimento indipendentista, che ha messo in scacco la politica nazionale per oltre un decennio.

    Dall’altra parte, si assiste al declino fisico e politico dell’uomo che incarna il più grande conflitto di interessi esistente nel mondo democratico. Uno dei dieci uomini più ricchi e potenti al mondo, che sta sprofondando una democrazia giovane ma piena di linfa, come l’Italia, in un regime illiberale, sia in tema di comunicazione sia in materia economica, sia per le istituzioni.
    Di Bossi non è dato sapere ( ed è un vulnus unico nei paesi più industrializzati del pianeta) come sta veramente il suo stato di salute, i tempi del recupero ( e a quale livello), dove si stia curando e quali terapie segue.
    Negli Stati Uniti, troppe volte chiamati ad esempio proprio dalla destra neo-conservatrice al potere, Bossi sarebbe stato già “sollevato” dai suoi incarichi pubblici con tanto di ringraziamenti. Da noi, invece, lo si strumentalizza a fini elettorali. Parlare di lui, come di un malato cronico ( chi nella propria famiglia non ne ha uno?), sembra quasi compiere un atto di lesa maestà. Ma la democrazia, quella che si basa anche sulla fondamentale libertà di informazione, è forse spietata, ma ha compiti ineludibili. La verità sui suoi rappresentanti è alla base della convivenza civile. E le elezioni non possono essere scambiate per un mercato delle vacche o dei cavalli, dove qualche venditore senza scrupoli cerca di affibbiare ad acquirenti poco esperti “campioni taroccati”.
    Su Berlusconi e il suo stato di salute psico-fisica si è detto molto in maniera indiscreta e sotterranea, ma poco in modo trasparente. Certo, il suo stato di salute, aggredito da un tumore al sistema urinario, curato con chemioterapia di contenimento dal medico e sindaco di Catania, l’azzurro professor Scapagnini, è stabile. Ma quanto sappiamo delle reazioni collaterali della cura? Qualcosa maliziosamente l’ha fatta immaginare l’ex-presidente della Repubblica Cossiga, anche lui “toccato” dal male oscuro, ma che dignitosamente e orgogliosamente ha sempre parlato in pubblico del suo stato di salute, degli effetti collaterali della terapia che a volte gli crea non pochi disturbi, tanto da eclissarsi dal proscenio pubblico di tanto in tanto.
    A volte, anche Berlusconi si “eclissa” dallo show mediatico, alternando poi apparizioni esorbitanti, con esternazioni fiume, sempre meno efficaci però, che denotano un fumus iracondo nei confronti di “traditori e poteri occulti”.
    Al di là del lifting di facciata, che poco ha ringiovanito l’aspetto, Berlusconi appare ora gonfio, ora più “in tiro”, ma sempre con abbondante sudorazione, come durante la parta del 2 giugno, unico delle autorità sul palco a detergersi continuamente, nonostante il cielo plumbeo e i continui colpi di vento di tramontana.
    Cosa accade alla salute di Sua Emittenza? Nessuno può o, meglio, deve saperlo, come avvenne durante il periodo nefasto della Bicamerale, quando si eclissò e nel ristretto mondo dei vertici politici tutti sapevano che si stava curando e di cosa soffrisse!
    Come nessuno deve sapere cosa si stia facendo nel suo rifugio-bunker di Villa Certosa in Sardegna, unico caso di dimora privata trasformata in domicilio di stato e, per questa ragione, tutelata da segreti d’altri tempi, quando il “popolo bue” nulla doveva sapere delle sorti private dei suoi governanti.
    Se Bush si fa male in una biciclettata dentro al suo ranch privato, tutti i media vengono avvertiti e, a loro volta, informano il mondo intero delle escoriazioni e dello stato di salute dell’uomo più potente del mondo. Ma se Berlusconi fa il lifting facciale, oppure si sottopone ad una terapia di contenimento, o malauguratamente soffre di qualcosa, nessuno all’esterno del suo ristretto entourage deve sapere alcunché.
    Nel mondo della globalizzazione delle informazioni, della trasparenza senza limiti via internet sulle sorti dei leader mondiali, l’anomalia italiana sullo stato di salute dei suoi governanti è foriera di gravi presagi. Quantomeno, stride con il diritto dell’opinione pubblica di sapere tutto ciò che è lecito, e in maniera diretta, sulla sua classe dirigente, specie in tempo di campagna elettorale, quando i rumors messi in giro anche ad arte potrebbero alterare il corretto evolversi dello scontro politico.
    Forse che conoscere come stanno veramente i nostri uomini politici potrebbe modificare il voto o i sondaggi?
    Eppure, nel caso di personalità del mondo economico, si lasciano trapelare notizie relative al loro stato di salute, proprio per non alterare l’andamento dei titoli azionari. Il mercato, si sa, ha sempre bisogno di notizie vere, perché con i rumors si danneggiano le aziende. Il caso recente di Umberto Agnelli, dovrebbe a questo proposito far meditare. Per evitare speculazioni del mercato sui titoli FIAt, fu fatto conoscere tramite giornali del settore che il presidente della FIAT stava male e si stava curando. Tutti gli analisti avevano percepito la gravità del suo stato di salute, ma avevano reagito positivamente alla trasparenza informativa.
    La verità, anche quando è dolorosa e difficile da comunicare, è sempre la migliore medicina per la democrazia!
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Apr 2002
    Messaggi
    22,335
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Vergognoso "articolo" su articolo21.com contro Bossi

    In origine postato da Shaytan
    Bossi e Berlusconi, due leader malati al capolinea?



    di Salamandra
    Il palcoscenico politico italiano si arricchisce di due nuove figure teatrali: i malati immaginari. Uno è il leader leghista, Bossi, costretto a letto da cure drastiche per contrastare un ictus maligno, che lo tiene lontano dalla politica attiva da quasi due mesi. L’altro è il Pinocchio nazionale, il Cavalier Berlusconi, finto sano che ostenta protervia e sicumera, nonostante i fischi del 2 giugno e i sondaggi in calo.
    Bossi si è rifatto vivo (?) con una registrazione d’oltretomba, come un “santino” mal stampato dai suoi corifei, per cercare di rinvigorire le truppe sbandate leghiste, alla vigilia delle elezioni europee. Un uso raccapricciante, propagandistico, di un uomo molto malato e non in grado di esercitare le sue funzioni pubbliche, quelle di ministro. In un altro paese democratico, il governo lo avrebbe già sostituito, a malincuore, certo, ma avrebbe preso atto delle sue incapacità materiali a svolgere il suo compito istituzionale. In Italia, terra di “taroccamenti” e di “volemoce bene”, si tiene ancora in sella un esponente politico, pur di non ammettere quello che tutti, avversari politici e sostenitori, hanno chiaro davanti agli occhi: Bossi non sarà più lui, il rozzo nelle forme ma fine politico, che crea dal nulla un movimento indipendentista, che ha messo in scacco la politica nazionale per oltre un decennio.

    Dall’altra parte, si assiste al declino fisico e politico dell’uomo che incarna il più grande conflitto di interessi esistente nel mondo democratico. Uno dei dieci uomini più ricchi e potenti al mondo, che sta sprofondando una democrazia giovane ma piena di linfa, come l’Italia, in un regime illiberale, sia in tema di comunicazione sia in materia economica, sia per le istituzioni.
    Di Bossi non è dato sapere ( ed è un vulnus unico nei paesi più industrializzati del pianeta) come sta veramente il suo stato di salute, i tempi del recupero ( e a quale livello), dove si stia curando e quali terapie segue.
    Negli Stati Uniti, troppe volte chiamati ad esempio proprio dalla destra neo-conservatrice al potere, Bossi sarebbe stato già “sollevato” dai suoi incarichi pubblici con tanto di ringraziamenti. Da noi, invece, lo si strumentalizza a fini elettorali. Parlare di lui, come di un malato cronico ( chi nella propria famiglia non ne ha uno?), sembra quasi compiere un atto di lesa maestà. Ma la democrazia, quella che si basa anche sulla fondamentale libertà di informazione, è forse spietata, ma ha compiti ineludibili. La verità sui suoi rappresentanti è alla base della convivenza civile. E le elezioni non possono essere scambiate per un mercato delle vacche o dei cavalli, dove qualche venditore senza scrupoli cerca di affibbiare ad acquirenti poco esperti “campioni taroccati”.
    Su Berlusconi e il suo stato di salute psico-fisica si è detto molto in maniera indiscreta e sotterranea, ma poco in modo trasparente. Certo, il suo stato di salute, aggredito da un tumore al sistema urinario, curato con chemioterapia di contenimento dal medico e sindaco di Catania, l’azzurro professor Scapagnini, è stabile. Ma quanto sappiamo delle reazioni collaterali della cura? Qualcosa maliziosamente l’ha fatta immaginare l’ex-presidente della Repubblica Cossiga, anche lui “toccato” dal male oscuro, ma che dignitosamente e orgogliosamente ha sempre parlato in pubblico del suo stato di salute, degli effetti collaterali della terapia che a volte gli crea non pochi disturbi, tanto da eclissarsi dal proscenio pubblico di tanto in tanto.
    A volte, anche Berlusconi si “eclissa” dallo show mediatico, alternando poi apparizioni esorbitanti, con esternazioni fiume, sempre meno efficaci però, che denotano un fumus iracondo nei confronti di “traditori e poteri occulti”.
    Al di là del lifting di facciata, che poco ha ringiovanito l’aspetto, Berlusconi appare ora gonfio, ora più “in tiro”, ma sempre con abbondante sudorazione, come durante la parta del 2 giugno, unico delle autorità sul palco a detergersi continuamente, nonostante il cielo plumbeo e i continui colpi di vento di tramontana.
    Cosa accade alla salute di Sua Emittenza? Nessuno può o, meglio, deve saperlo, come avvenne durante il periodo nefasto della Bicamerale, quando si eclissò e nel ristretto mondo dei vertici politici tutti sapevano che si stava curando e di cosa soffrisse!
    Come nessuno deve sapere cosa si stia facendo nel suo rifugio-bunker di Villa Certosa in Sardegna, unico caso di dimora privata trasformata in domicilio di stato e, per questa ragione, tutelata da segreti d’altri tempi, quando il “popolo bue” nulla doveva sapere delle sorti private dei suoi governanti.
    Se Bush si fa male in una biciclettata dentro al suo ranch privato, tutti i media vengono avvertiti e, a loro volta, informano il mondo intero delle escoriazioni e dello stato di salute dell’uomo più potente del mondo. Ma se Berlusconi fa il lifting facciale, oppure si sottopone ad una terapia di contenimento, o malauguratamente soffre di qualcosa, nessuno all’esterno del suo ristretto entourage deve sapere alcunché.
    Nel mondo della globalizzazione delle informazioni, della trasparenza senza limiti via internet sulle sorti dei leader mondiali, l’anomalia italiana sullo stato di salute dei suoi governanti è foriera di gravi presagi. Quantomeno, stride con il diritto dell’opinione pubblica di sapere tutto ciò che è lecito, e in maniera diretta, sulla sua classe dirigente, specie in tempo di campagna elettorale, quando i rumors messi in giro anche ad arte potrebbero alterare il corretto evolversi dello scontro politico.
    Forse che conoscere come stanno veramente i nostri uomini politici potrebbe modificare il voto o i sondaggi?
    Eppure, nel caso di personalità del mondo economico, si lasciano trapelare notizie relative al loro stato di salute, proprio per non alterare l’andamento dei titoli azionari. Il mercato, si sa, ha sempre bisogno di notizie vere, perché con i rumors si danneggiano le aziende. Il caso recente di Umberto Agnelli, dovrebbe a questo proposito far meditare. Per evitare speculazioni del mercato sui titoli FIAt, fu fatto conoscere tramite giornali del settore che il presidente della FIAT stava male e si stava curando. Tutti gli analisti avevano percepito la gravità del suo stato di salute, ma avevano reagito positivamente alla trasparenza informativa.
    La verità, anche quando è dolorosa e difficile da comunicare, è sempre la migliore medicina per la democrazia!


    Un articolo ben fatto e non vedo
    niente di vergognoso.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Vergognoso "articolo" su articolo21.com contro Bossi

    In origine postato da SPYCAM
    Un articolo ben fatto e non vedo
    niente di vergognoso.
    Tranquilli Bossi ritornerà presto e poi avete sempre sostenuto che il ministero delle riforme fosse inutile e adesso vi preoccupate se il ministro di tale dicastero è assente. Ancora un po di pazienza e torna, alla faccia dei menagramo sinistri.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 111
    Ultimo Messaggio: 11-09-08, 18:27
  2. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 16-04-05, 20:59
  3. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-01-05, 09:22
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-10-04, 12:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226