User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Feb 2004
    Messaggi
    172
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 20 anni di battaglie per arrivare a questo punto:grazie a tutti

    Complimenti a tutti i protagonisti.


    Chiesa, famiglia e Borghezio La sfida dei principi Ruspoli

    Lillio: meglio nobili che ignobili, con la Lega per la rivoluzione


    «Capifamiglia di tutta Italia: unitevi!». Dai divani di palazzo Ruspoli Marescotti, tra ritratti degli avi Ruspoli Marescotti e libri che parlano di Ruspoli Marescotti, sale il grido di battaglia del più nobile fra gli ignobili: Sforza Ruspoli Marescotti. «Ha scritto Sforza?». Si, signor principe.


    «Mi raccomando: è il nome. Non le dico gli equivoci ogni volta che devo declinare le generalità: "Nome e cognome?". "Sforza Ruspoli". "Vabbe', ma il nome?". "Sforza. "Non il cognome, il nome!". Mi creda: una tortura». Per questo, per evitar casini, lo chiamano tutti Lillio. Lui stesso, del resto, non tollera il caos. Per questo invoca i capifamiglia. Per chiarezza: «Ma lei lo capisce un bilancio? Ecco perché il Paese va male: io propongo che ogni bilancio, da quelli dello Stato a quelli della Parmalat, debba essere comprensibile anche agli occhi di chi ha fatto solo le medie. Mi creda: le cose andrebbero meglio». Ma che c'entrano i capifamiglia? «Sui temi importanti vorrei fossero fatte delle grandi consultazioni tra i capifamiglia. Sono loro che hanno il polso della situazione».



    L'ama, sua eccellenza il principe Sforza Ruspoli Marescotti detto Lillio, la famiglia. E quando parla della sua senti che ci mette la «F» maiuscola, dorata e damascata. E pure cotonata, recentemente, per via di Maria Pia Giancaro, la bella mugliera dai bei capelli biondi che si è preso in seconde nozze un po' di anni fa e ha plasmato, parola dopo parola, sorriso dopo sorriso, gambe di taglio dopo gambe di taglio, come Rex Harrison plasmò Audrey Hepburn in My Fair Lady .



    Ai tempi in cui faceva l'attrice, girando film leggendari come L'amantide o Quando i califfi avevano le corna , dava interviste spaziali: «Spendo tutto per vestirmi. Porto sempre addosso un numero enorme di indumenti ed accessori. Eppure è tutta fatica sprecata perché quando esco, quando vado in qualunque posto, la gente non è per niente interessata al mio abbigliamento. Mi sembrano tutti delusi. Si aspetterebbero di vedermi girare sempre nuda, come al cinema o nelle fotografie. Sono molto dispiaciuta per la delusione che do ai miei ammiratori ma dovrebbero capire: posso andare sempre in giro svestita?».



    Il principe nero la vide, ne restò folgorato, le chiese subito di conoscere il padre, un ferroviere della provincia di Palermo, e gli chiese la mano della figlia. Quello, all'idea di diventare il papà di Cenerentola, poco poco svenne. Rianimatosi, fece al futuro genero un regalo chic: un carrettino siculo in miniatura con le fiancate dipinte con le storie dei pupi, da Geldippe a Guidon Selvaggio. Il tempo di sposarsi e prender dimestichezza coi saloni e la posateria di casa Ruspoli e la nouvelle princesse già confidava a Gente le sue perplessità sul mondo moderno: «E' una pena vedere l'orda dei nuovi ricchi che ha invaso l'alta società».


    I nobili, poi! Colpa anche loro: «E' il caso del principe Vittorio Massimo, un uomo colto, pieno di interessi, appassionato di archeologia. Eppure, anche in televisione, Vittorio parla soltanto della pasta e fagioli». La pasta e fagioli! «Più che a un principe, fa pensare a un cuoco». Per non dire degli armatori come Niarchos con il quale aveva avuto un flirt: «Sembra quasi distaccato dai valori veri. Ai miei occhi è soltanto un piccolo uomo su una grande barca».



    Vent'anni dopo, Cenerentola è sempre una bellissima donna, siede composta e perfetta come una dama del Velasquez e quando Lillio parla l'ascolta muta e ammirata annuendo come una moglie d'altri tempi. Una coppia indissolubile. Anche alle elezioni. Che affrontano insieme, candidandosi alle Europee per la Lega lui a Roma e nella mega-circoscrizione del Centro, lei nelle Isole. Lui con uno slogan di strepitosa autoironia: «Meglio nobili che ignobili». Lei con uno un po' gattopardesco che dice: «Una principessa per una sola dinastia: i siciliani». E i sardi? Il voto dei sardi non lo chiede? «E' un problema che affronteremo».


    Come siano finiti nella Lega, spiega lei, è presto detto: «Abbiamo incontrato Mario Borghezio. Una persona valida. Abbiamo grandi valori in comune. La famiglia. Le tradizioni. Il cattolicesimo all'antica. Sa, nella famiglia di mio marito c'è stata anche una santa, Santa Giacinta».



    Una suora dal passato inquieto convertitasi alla dedizione ai poveri. Di più, spiega il principe: «Con la Lega abbiamo in comune l'obiettivo di una rivoluzione liberale e una rilettura delle vicende pre-unitarie. Il peso che diamo alla storia delle diverse anime dell'Italia. Siamo federalisti da sempre». Per questo è capolista del Carroccio, dice. Federalista e repubblicano: «L'unico Re è il Papa Re».


    Gonfio di disprezzo per la borghesia e tutti i suoi valori a partire dalla rivoluzione francese («i borghesi sono i miei nemici»), certo che il buon governo vorrebbe «la saldatura tra l'aristocrazia e il popolo», convinto che il problema dell'Italia di oggi siano i «nuovi feudatari, cioè i Grandi Debitori», tenace avversario delle banche che strozzano i poveri e tengono in vita le aziende decotte («Fazio, poveruomo, cerca di evitare i fallimenti ma sbaglia perché, come dicono i veneti, "xe peso el tacòn che el buso"»), nemico acerrimo della globalizzazione e amico dei contadini («ha mai visto la mia foto con Bové?») fin dagli anni Sessanta in cui per primo versò il latte per protesta sui marciapiedi di Roma, fiero di custodire la bucherellata bandiera papalina che svettava a Porta Pia il giorno in cui finì il potere temporale, il mitico Lillio ammette che no, non sono state belle le parole usate a volte dall'Umberto contro il Papa «extracomunitario» e la Chiesa. Prime fra tutte la sparata: «Il Vaticano è il nemico che le camicie verdi affogheranno nel water della storia».


    E' convinto però che «forse Bossi era arrabbiato per certi affaristi che giravano un tempo nei dintorni del Vaticano» ma certo «c'è un grande rispetto dei leghisti verso la Chiesa» ed «esiste una battaglia comune: contro l'invasione islamica».


    In ogni caso, spiega, c'è sempre la conversione: «Noi Ruspoli Marescotti abbiamo sempre confidato molto nelle conversioni. Quanti ne abbiamo convertiti!». Soprattutto il fondatore della casata, quel Mario Scoto che combatté i Sassoni per Carlo Magno e nel 782, come ha scritto Galeazzo Ruspoli nella storia della famiglia, mise a ferro e fuoco il villaggio di Verden: «Ai prigionieri fu detto che potevano scegliere tra farsi battezzare o morire. Per tre giorni interi, dall'alba al tramonto, Carlo Magno con i suoi vassalli e con Mario Scoto, assistette alla carneficina», spiega Lillio, con un lampo divertito negli occhi, «Nove su dieci! Quante teste abbiamo tagliato, per la Chiesa! Quante teste!». La principessa annuisce pensosa.

    Gian Antonio Stella


    Politica

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bravo borghy ottimo lavoro, è proprio questa la gente che serve per essere più credibili! Complimentoni!

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    scusate ma sto ancora vomitando...

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In ogni caso, spiega, c'è sempre la conversione: «Noi Ruspoli Marescotti abbiamo sempre confidato molto nelle conversioni. Quanti ne abbiamo convertiti!». Soprattutto il fondatore della casata, quel Mario Scoto che combatté i Sassoni per Carlo Magno e nel 782, come ha scritto Galeazzo Ruspoli nella storia della famiglia, mise a ferro e fuoco il villaggio di Verden: «Ai prigionieri fu detto che potevano scegliere tra farsi battezzare o morire. Per tre giorni interi, dall'alba al tramonto, Carlo Magno con i suoi vassalli e con Mario Scoto, assistette alla carneficina», spiega Lillio, con un lampo divertito negli occhi, «Nove su dieci! Quante teste abbiamo tagliato, per la Chiesa! Quante teste!». La principessa annuisce pensosa.



    Significativo questo passaggio, quello che facevano i cattocristi, ora lo fanno gli islamici solo che i barbari cattivoni sono questi ultimi.
    Islamici e Cattolici stessa feccia
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    17 Jul 2003
    Località
    laddove fabbricano la nebbia
    Messaggi
    173
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Nanths
    scusate ma sto ancora vomitando...
    Mi associo al mal di stomaco.
    Come si dice dalle mie parti " so' drio spantasare"

  6. #6
    Friûl libar
    Data Registrazione
    03 May 2004
    Località
    Cervignano del Friuli
    Messaggi
    502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Stamattina ho letto sul corriere questa "bella notizia", avevo deciso di tornare velocemente a casa e di postare un commento molto critico a riguardo, ma vedo che sono stato preceduto!

    Trovo inconcepibile l'ingresso nella Lega di certi personaggi che rappresentano l'esatto opposto dei suoi valori...

    Ma dove cazzo stiamo andando????

    Ma la nostra dirigenza si è fumata il cervello????

    Ed io che confidavo in un ridimensionamento di Borghezio... invece... ma si sa che la Lega premia chi lavora sodo, chi ha idee brillanti ed innovativi... i soliti nani e ballerine...

    Vergogna!

 

 

Discussioni Simili

  1. Si può arrivare a questo?...
    Di Danny nel forum Fondoscala
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-12-06, 01:51
  2. Edizioni di Ar, quarant’anni di battaglie culturali
    Di Orazio Coclite nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-10-04, 12:03
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-08-04, 21:01
  4. Tutti ad Alzano a questo punto....
    Di naglfar nel forum Padania!
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 19-03-04, 11:42
  5. 10 anni di battaglie per difendere la libertà. Quale?
    Di Cyrano nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 24-02-04, 09:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226