User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Ospite

    Predefinito Lettera Aperta A Vittorio Vivona

    Questo argomento di discussione appare sia sul forum dei liberali, sia su quello dei repubblicani europei, perché penso che possa interessare anche a costoro: se così non fosse, mi scuso sin d’ora per l’indebita intromissione.

    Caro Vivona,
    intendo riproporti pubblicamente quelle mie perplessità circa il tuo tentativo di costruzione di terzo polo che già ti esposi per e-mail (cui rispondesti prontamente, nonostante i tuoi gravosi impegni: ti ciò ti ringrazio ancora), sperando che possano diventare oggetto di pubblica discussione.
    Girovagando fra i vari siti e forum liberali, ho avuto modo di leggere molti tuoi elogi e nessuna critica: nessuno mette in dubbio la tua passione, la tua buona fede, il tuo essere schiettamente liberale, e fino al midollo, le tue capacità. Molti, invece, ed io fra questi, esprimono forti riserve circa i tuoi compagni di viaggio: a me non pare che i liberali di De Luca e i liberali per l’Italia siano quanto di meglio offra il mondo liberale italiano (così spero).
    I Liberali di De Luca stanno con la Casa delle Libertà: non vedo come chi stia in quel raggruppamento politico possa essere liberale. Te lo immagini un Einaudi ad applaudire estasiato e saltellante il Capo ad una convention di Forza Italia? O un Gobetti fra le cime apline a ascoltare rapito uno in camicia verde che dice: “Gli immigrati li rimandiamo a casa a calci in culo!!!”? Che pensi che direbbe Croce di chi, fascista convinto per una vita in atti, opere, omissioni, un bel giorno, fra diuretiche bottiglie di acqua minerale (Freud avrebbe molto da dire sul parallelo Fiuggi-olio di ricino) dicesse, (come è effettivamente successo): “Oibò, sai che c’è? Da oggi non siam più fascisti, e che nessuno si azzardi a dire il contrario”.
    I liberali per l’Italia, dal canto loro sostengono che i loro valori sono patria, famiglia e chiesa cattolica (olè!).
    Scorrendo poi i nomi di chi ha sottoscritto il tuo appello deella mia regione, ho trovato alcuni tizi che appartengono ad una associazione pseudo liberale in cui il più liberale ed il più a sinistra dei “capoccia” è Tremonti.
    Allora, ribadito che nulla c’è da dire sull’idea e sul suo demiurgo, a me pare che il tuo progetto stia nascendo con una decisa impronta di destra.
    Devo ora fare, però, un discorso più generale.
    Io non ho mai frequentato ambienti liberali, perché dalle mie parti non ve ne sono: l’idea che mi son fatto del liberalismo è dunque tutta libresca, e dunque, probabilmente, lontana dalla realtà.
    Ciò premesso, girando per i siti ed i forum liberali, a me pare che i (sedicenti, secondo il mio giudizio) liberali italici (fra costoro anche il mio contraddittore Libertarian) siano affetti da cipollismo: il cipollismo è una strana malattia dell’intelletto che porta a credere che l’individuo sia come una cipolla. Sfoglia dopo sfoglia, si arriva al nocciolo vero dell’io, al suo spazio vitale, a ciò che niente e nessuno ha il diritto di intaccare (in filosofia si veda l’io di Fichte, e per altri versi l’io di Stirner), e che, invece, ha diritto a tutto e tollera (tollera) con fastidio che ci siano delle entità esterne che (necessariamente, per il solo fatto di esistere) gli si oppongono (non-io).
    Chi invece non è affetto da cipollismo, la pensa in modo diverso: crede che l’io non sia una entità già data, ma un ente in continua evoluzione e trasformazione che si alimenta e cresce con il contatto e lo scambio continuo con altri individui.
    L’io dei cipollisti esisterebbe intatto, nella sua pienezza anche se vivesse da solo in mezzo al deserto (anzi, forse è questa meta veramente agognata dai cipollisti): l’io dei non-cipollisti, invece, non potrebbe sopravvivervi neanche un decimo di secondo.
    L’io dei cipollisti difende il suo spazio, la sua libertà, è soltanto convesso; l’io dei non-cipollisti è invece pronto anche ad accogliere, è anche concavo.
    I cipollisti non sono in grado di capire la bellezza ed il valore del comma secondo dell’art. 3 della Costituzione, e, di conseguenza, lo statuto dei lavoratori, la sanità pubblica ecc.; i non-cipollisti ritengono che il comma secondo dell’at. 3 della Costituzione sia una delle più alte avanguardie della civiltà del nostro paese.
    I cipollisti non riescono a comprendere il grandioso incipit de “I doveri dell’uomo” di Mazzini (“doveri a noi”?, si domandano), i non-cipollisti quasi si mettono a piangere quando lo leggono per la prima volta.
    Bene, di liberali non-cipollisiti, nel mio girovagare in internet, non ne ho incontrati.
    Allora, considerato che, secondo la mia personale opinione, un liberale non può che essere un non-cipollista, chiedo a te e a chi mi legge: sono io quello che sbaglia? quello che ha travisato completamente i principi liberali? nel mio inconscio si nasconde forse un bolscevico?
    Vorrei saperlo, mi potrei curare.
    Ti informo però che se dovessi convenire con le mie idee, dovresti abbandonare subito il tuo progetto, per conclamata mancanza di materia prima.
    Cordiali saluti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    PaleoLibertario Cattolico
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    Portici (Napoli)
    Messaggi
    726
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Lettera Aperta A Vittorio Vivona

    In origine postato da Lindbergh
    Questo argomento di discussione appare sia sul forum dei liberali, sia su quello dei repubblicani europei, perché penso che possa interessare anche a costoro: se così non fosse, mi scuso sin d’ora per l’indebita intromissione.

    Caro Vivona,
    intendo riproporti pubblicamente quelle mie perplessità circa il tuo tentativo di costruzione di terzo polo che già ti esposi per e-mail (cui rispondesti prontamente, nonostante i tuoi gravosi impegni: ti ciò ti ringrazio ancora), sperando che possano diventare oggetto di pubblica discussione.
    Girovagando fra i vari siti e forum liberali, ho avuto modo di leggere molti tuoi elogi e nessuna critica: nessuno mette in dubbio la tua passione, la tua buona fede, il tuo essere schiettamente liberale, e fino al midollo, le tue capacità. Molti, invece, ed io fra questi, esprimono forti riserve circa i tuoi compagni di viaggio: a me non pare che i liberali di De Luca e i liberali per l’Italia siano quanto di meglio offra il mondo liberale italiano (così spero).
    I Liberali di De Luca stanno con la Casa delle Libertà: non vedo come chi stia in quel raggruppamento politico possa essere liberale. Te lo immagini un Einaudi ad applaudire estasiato e saltellante il Capo ad una convention di Forza Italia? O un Gobetti fra le cime apline a ascoltare rapito uno in camicia verde che dice: “Gli immigrati li rimandiamo a casa a calci in culo!!!”? Che pensi che direbbe Croce di chi, fascista convinto per una vita in atti, opere, omissioni, un bel giorno, fra diuretiche bottiglie di acqua minerale (Freud avrebbe molto da dire sul parallelo Fiuggi-olio di ricino) dicesse, (come è effettivamente successo): “Oibò, sai che c’è? Da oggi non siam più fascisti, e che nessuno si azzardi a dire il contrario”.
    I liberali per l’Italia, dal canto loro sostengono che i loro valori sono patria, famiglia e chiesa cattolica (olè!).
    Scorrendo poi i nomi di chi ha sottoscritto il tuo appello deella mia regione, ho trovato alcuni tizi che appartengono ad una associazione pseudo liberale in cui il più liberale ed il più a sinistra dei “capoccia” è Tremonti.
    Allora, ribadito che nulla c’è da dire sull’idea e sul suo demiurgo, a me pare che il tuo progetto stia nascendo con una decisa impronta di destra.
    Devo ora fare, però, un discorso più generale.
    Io non ho mai frequentato ambienti liberali, perché dalle mie parti non ve ne sono: l’idea che mi son fatto del liberalismo è dunque tutta libresca, e dunque, probabilmente, lontana dalla realtà.
    Ciò premesso, girando per i siti ed i forum liberali, a me pare che i (sedicenti, secondo il mio giudizio) liberali italici (fra costoro anche il mio contraddittore Libertarian) siano affetti da cipollismo: il cipollismo è una strana malattia dell’intelletto che porta a credere che l’individuo sia come una cipolla. Sfoglia dopo sfoglia, si arriva al nocciolo vero dell’io, al suo spazio vitale, a ciò che niente e nessuno ha il diritto di intaccare (in filosofia si veda l’io di Fichte, e per altri versi l’io di Stirner), e che, invece, ha diritto a tutto e tollera (tollera) con fastidio che ci siano delle entità esterne che (necessariamente, per il solo fatto di esistere) gli si oppongono (non-io).
    Chi invece non è affetto da cipollismo, la pensa in modo diverso: crede che l’io non sia una entità già data, ma un ente in continua evoluzione e trasformazione che si alimenta e cresce con il contatto e lo scambio continuo con altri individui.
    L’io dei cipollisti esisterebbe intatto, nella sua pienezza anche se vivesse da solo in mezzo al deserto (anzi, forse è questa meta veramente agognata dai cipollisti): l’io dei non-cipollisti, invece, non potrebbe sopravvivervi neanche un decimo di secondo.
    L’io dei cipollisti difende il suo spazio, la sua libertà, è soltanto convesso; l’io dei non-cipollisti è invece pronto anche ad accogliere, è anche concavo.
    I cipollisti non sono in grado di capire la bellezza ed il valore del comma secondo dell’art. 3 della Costituzione, e, di conseguenza, lo statuto dei lavoratori, la sanità pubblica ecc.; i non-cipollisti ritengono che il comma secondo dell’at. 3 della Costituzione sia una delle più alte avanguardie della civiltà del nostro paese.
    I cipollisti non riescono a comprendere il grandioso incipit de “I doveri dell’uomo” di Mazzini (“doveri a noi”?, si domandano), i non-cipollisti quasi si mettono a piangere quando lo leggono per la prima volta.
    Bene, di liberali non-cipollisiti, nel mio girovagare in internet, non ne ho incontrati.
    Allora, considerato che, secondo la mia personale opinione, un liberale non può che essere un non-cipollista, chiedo a te e a chi mi legge: sono io quello che sbaglia? quello che ha travisato completamente i principi liberali? nel mio inconscio si nasconde forse un bolscevico?
    Vorrei saperlo, mi potrei curare.
    Ti informo però che se dovessi convenire con le mie idee, dovresti abbandonare subito il tuo progetto, per conclamata mancanza di materia prima.
    Cordiali saluti.
    Mi permetto di rispondere solo perchè citato e chiamato in causa esplicitamente nel precedente intervento. La questione non è tra cipollisti e non cipollisti: tu, in modo molto manicheo, stai dicendo che tutti quelli che non sono liberalsocialisti come te (e cioè che apprezzano Mazzini, l'art.3 della costituzione, ecc) per te non sono liberali: qui mi pare proprio che il manicheismo lo stai portando tu avanti!!! Insomma, io, il tuo contraddittore, ti ho fatto notare solo una piccola ma grande differenza che esiste tra la tradizione di pensiero liberalsocialista e quella liberale...cipollista, non cipollista, ma che senso ha il tuo discorso? Non è questione nè di cipolle, nè di sfoglie....soltanto di diversità culturali e di tradizioni, ed è innegabile che tali diversità esistono. Non sei un bolscevico, nessuno ha mai detto questo, solo un liberalsocialista, come Croce, Gobetti, i 2 Mill, Dewey, ecc...E poi, sei ancora dietro alle vecchie e ormai consumate etichette di destra e sinistra? Quello che poi effettivamente conta sono le intenzioni che si hanno riguardo agli obiettivi da perseguire nella realtà e ai mezzi da utilizzare per perseguire tali obiettivi!
    Tanto dovevo perchè chiamato in causa. Spero avremo modo di confrontarci anche di persona, magari alla prossima riunione o al prossimo meeting organizzato dall'amico Vittorio.

    Saluti
    Anarcho-capitalist

  3. #3
    Ospite

    Predefinito

    Vai allo stesso argomento sul forum qui vicino dei repubblicani europei: troverai, nello stesso argomento da me iniziato "lettera aperta a Vittorio Vivona", una obiezione (giusta, come giusta è la tua, laddove mi accusi si manicheismo: per il reso invece non concordo) avanzata da Jan Hus ed un mea culpa.
    Ciao

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Mar 2010
    Messaggi
    2,448
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito fed lib democratica

    ciao ho letto il tuo commento sui liberal democratici ti interessa partecipare alla costitruzione di una federazione dei liberal democratici, nel centro destra?
    se si visita www.italialaica.splinder.com e contattami

 

 

Discussioni Simili

  1. Lettera aperta alla signora che ha scritto la lettera aperta al Ministro Kyenge
    Di Roberto essenziale nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 331
    Ultimo Messaggio: 15-05-13, 19:38
  2. Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 02-09-08, 11:25
  3. Risposte: 95
    Ultimo Messaggio: 07-07-06, 14:48
  4. Lettera Aperta A Vittorio Vivona
    Di nel forum Repubblicani
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-06-04, 15:40
  5. Lettera di Vittorio Dotti al Corsera
    Di psisicilia nel forum Repubblicani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-01-03, 13:19

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226