User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Dios, Patria, Fueros, Rey
    Data Registrazione
    29 May 2004
    Messaggi
    909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Su libertarismo e conservatorismo...

    Cari amici,
    chi vi scrive è un convinto Conservatore filo-americano alla ricerca di un'identità tra le due (ma in realtà di gran lunga maggiori) anime del vastissimo movimento nordamericano. Tra neocon (che non denigro affatto aprioristicamente) e paleocon, preferisco la prospettiva Fusionista che mira alla convergenza di tutte le componenti conservatrici.

    E il Libertarismo, dove lo colloco? La domanda che un neofita dell'argomento vi gira è volta a comprendere quali siano i rapporti tra le due scuole di pensiero, immaginando che i punti di contatto siano numerosi.

    Vi chiedo cortesemente di produrre risposte personali e non rimandi a documenti precostituiti: si rischia un'eccessiva semplificazione della tematica ma allo stato attuale è quello di cui ho bisogno.

    In soldoni: sono estremamente affascinato dalla tematica libertaria, ma ciò che non riesco a digerire è quel rimando alla matrice anarcoide che non tollero dalla mia parte politica. Da questo punto di vista, il libertarismo al fondo è sempre "anarchico" o si presenta come tale solo in una delle sue varianti? E in ultimo: è molto più vicino al liberalismo classico che al conservatorismo?

    Grazie
    Saluti Conservatori

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    PaleoLibertario Cattolico
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    Portici (Napoli)
    Messaggi
    726
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Su libertarismo e conservatorismo...

    In origine postato da Italianhawk83
    Cari amici,
    chi vi scrive è un convinto Conservatore filo-americano alla ricerca di un'identità tra le due (ma in realtà di gran lunga maggiori) anime del vastissimo movimento nordamericano. Tra neocon (che non denigro affatto aprioristicamente) e paleocon, preferisco la prospettiva Fusionista che mira alla convergenza di tutte le componenti conservatrici.

    E il Libertarismo, dove lo colloco? La domanda che un neofita dell'argomento vi gira è volta a comprendere quali siano i rapporti tra le due scuole di pensiero, immaginando che i punti di contatto siano numerosi.

    Vi chiedo cortesemente di produrre risposte personali e non rimandi a documenti precostituiti: si rischia un'eccessiva semplificazione della tematica ma allo stato attuale è quello di cui ho bisogno.

    In soldoni: sono estremamente affascinato dalla tematica libertaria, ma ciò che non riesco a digerire è quel rimando alla matrice anarcoide che non tollero dalla mia parte politica. Da questo punto di vista, il libertarismo al fondo è sempre "anarchico" o si presenta come tale solo in una delle sue varianti? E in ultimo: è molto più vicino al liberalismo classico che al conservatorismo?

    Grazie
    Saluti Conservatori
    Innanzitutto ti ringrazio per l'interessamento verso la teoria libertaria (visto che ad interessarcene in Italia siamo davvero in pochi!). Passo ad una considerazione personale sui vari punti da te proposti e vado per ordine.
    1) Tra neocon e paleocon c'è una enorme differenza sia in ambito di politica estera che di politica interna. Per quanto riguarda la politica estera i neocon sono in buona parte interventisti e favorevoli anche alla dottrina dell'attacco preventivo (Bush è un neocon infatti), mentre i paleocon sono tendezialmente isolazionisti e moderatamente pacifisti (cioè respingono sia la teoria dell'attacco preventivo ma anche il pacifismo assoluto sinistroide, in quanto ammettono il diritto di far guerra come legittima difesa o anche quando ci siano condizioni di minaccia reale e non solo potenziale).Su questo posso tranquillamente affermare che i neocon non sono altro che trotzkisti riformati!!! Per la politica interna sia neocon che paleocon sono sul piano morale proibizionisti, ma mentre per i neocon tale proibizionismo è anche politico e quindi l'autorità statale imporrà canoni di vita morali, per il paleocon questo proibizionismo morale non per forza e raramente si trasforma in proibizionismo legale, per il fatto che comunque lo stato non ha il diritto di imporre in comportamenti agli individui. Infine, anche in economia ci sono due posizioni abbastanza diverse: i neocon giustificano in molti casi l'intervento dello stato in economia, mentre per i paleocon e a ragion veduta l'economia di mercato non solo va giustificata per motivi utilitaristici, ma in modo particolare per motivi morali e perchè è l'unico sistema che genere libertà politiche individuali. (Ad esempio Luigi Einaudi in Italia era molto vicino per certi versi ai paleocon, mentre più vicino ai neocon era ad esempio Benedetto Croce). Per quanto mi riguarda io sono un libertario, e per questo non posso che essere contemporaneamente vicino ai paleocon e abbastanza lontano dalle idee neocon, e ritengo peraltro impossibile qualsiasi tentativo di fusione di posizioni che molte volte risultano essere contrastanti tra loro.
    2)Quanto al libertarismo, rispondo subito alla tua domanda. Ci sono due versioni del libertarismo, una miniarchica e una anarchica. Quella miniarchica prevede uno stato minimo che abbia compiti di fornire i servizi giuridici, la protezione, e il rispetto dei contratti e dei diritti individuali, ed è la prospettiva che si rifà a Robert Nozick e al suo testo principale "Anarchia, Stato e Utopia".
    La prospettiva anarchica (o più propriamente anarco-capitalista) vede nello stato il principale nemico dei diritti individuali e di ogni libertà, ed è rappresentata in particolare da Murray N. Rothbard e dai suoi testi "L'Etica della Libertà" e "Per una nuova Libertà".
    Se vuoi un giudizio personale io sono più vicino alla prospettiva anarchica di Rothbard, in quanto ritengo (nonostante sia auspicabile) che lo stato minimo comporti in sè diverse contraddizioni, e cioè: dal momento che uno stato tende comunque ad esepandere le proprie competenze, chi e cosa ci garantisce che lo stato minimo non diventi col tempo stato massimo? Ecco, perchè lo stato minimo è una grande utopia a mio avviso. E inoltre, altra obiezione: lo stato minimo prevede il monopolio della produzione del diritto, e quindi è "stato di diritto", che è una contraddizione in termini, in quanto il diritto per tutta la tradizione libertaria (e anche liberale classica) è prestatatuale e prepolitico, mentre lo stato è il principale negatore del diritto naturale...dunque è impossibile mettere insieme due cose contrastanti. Non mi dilungo, perchè potrei parlare dei pregi della soluzione anarco-capitalista, ma non voglio allungare oltre questo post, e perchè ciò può essere argomento in un altro thread.
    3) Il libertarismo (in entrambe le sue versioni) è molto vicino al liberalismo classico e al paleocon (che su certe cose coincidono), mentre e parecchio distante dai neocon.

    Spero di aver risposto con sufficiente chiarezza e brevità alle tue domande.

    Saluti libertari
    Anarcho-capitalist

  3. #3
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Concordo abbastanza con Libertarian, anche se l'estrema semplificazione (daltronde richiesta) ha portato qualche imprecisione.
    Innanzitutto, se è vero che i neocon non sono per principio contrari all'interventismo economico, va detto che la predisposizione dei paleoconservatori al free market è in alcuni casi totalmente nulla: basti pensare al protezionismo invocato da Buchanan.
    Va poi detto che, sebbene la parte più puritana della destra USA si trovi spesso in accordo con i neoconservatori (e del resto è normale che sia così, se si pensa che tra i paleo c'è una forte componente cattolica) il vizio di far combaciare legge e norme morali è tipico di tutte le molteplici anime repubblicane (che non sono due ma forse duemila). E se così non fosse poi che senso avrebbe un movimento libertario staccato dai conservatori?
    Sul libertarismo poi direi che le correnti anarchica e minarchica sono anch'esse frutto di una schematizzazione: io parlerei più di riformisti e massimalisti, cioè di libertari convinti o meno che sia lo stato a poter ridurre o addirittura estinguere sè stesso.
    Del resto una Rand o un Nozick non si sono mai definiti libertari (nè penso che chiunque li abbia letti con attenzione e conosca il libertarismo possa identificarli come tali, se non per talune affinità).
    In sintesi, rispondendo alle domande del 3d: i libertarian anarchici non sono a mio avviso una fronda, ma i più intransigenti sulla teoria. Non ci si stupisca se però poi si trovano impegnati in democrazia: lo stesso Rothbard era l'ideologo del primo Libertarian Party. Immaginarsi i libertari con il barbone o il fiocco nero che cospirano per la rivoluzione è semplicemente ridicolo. Sulle maggiori affinità con liberali o conservatori, si torna in un discorso complicato: le forme di società rivalutate dai libertarian sono spesso quelle premoderne (un esempio su tutti: la cosiddetta anarchia medievale), mentre il liberalismo è nato proprio in reazione alla modernità. Si può dire quindi che il libertario sia un liberale coerente: che poi si trovi su posizioni conservatrici o progressiste, poco importa. Al massimo si può fare un discorso di opportunità, chiedersi cioè quali convinzioni morali siano più appropriate per convincere l'opinione pubblica della desiderabilità di meno stato. Io ho la mia risposta, ma che ve la dico a fare?

  4. #4
    Straborghese
    Data Registrazione
    06 Sep 2004
    Messaggi
    396
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Su libertarismo e conservatorismo...

    In origine postato da Libertarian
    Bush è un neocon infatti
    Più che altro è confuso,ideologicamente parlando.....

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-06-09, 18:49
  2. Libertarismo al tg1
    Di -Duca- nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 21-10-08, 23:12
  3. Libertarismo e Conservatorismo
    Di Manfr nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 26-06-08, 02:46
  4. Che cos'e' il Libertarismo?
    Di Steppenwolf nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 19-11-04, 14:11
  5. Su libertarismo e conservatorismo...
    Di Italianhawk83 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-06-04, 17:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226