User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Iscritto
    Data Registrazione
    04 May 2004
    Messaggi
    52
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Incredibile: Gazebo della solidarietà a Brescia

    Dal quotidiano 'BresciaOggi'

    La suprema corte ha negato gli arresti domiciliari alle due insegnanti indagate per il caso di presunta pedofilia e detenute da settembre a Verziano

    La Cassazione: «Le maestre restino in carcere»

    Intanto si moltiplicano gli attestati di solidarietà: iniziata una raccolta firme, domani una fiaccolata


    La Cassazione ha negato gli arresti domiciliari e ha confermato - per la loro «pericolosità sociale» - la custodia cautelare in carcere per due maestre della scuola materna comunale di Brescia indagate dalla Procura per un presunto giro di pedofilia che vede indagate anche altre dieci persone. In particolare la Cassazione ha trovato «congrue e logiche» le argomentazioni con le quali il Tribunale del riesame di Brescia il 14 gennaio ha confermato la misura detentiva per le due insegnanti in carcere da settembre. Secondo l’accusa le due maestre sarebbero colpevoli di aver prelevato molte volte i bambini dall’istituto scolastico per portarli in altre case dove, oltre a subire gli abusi, sarebbero stati fotografati e filmati. Questo sempre secondo la ricostruzione effettuata dai pm Francesco Beraglia e Paolo Guidi.
    Si tratta di accuse molto pesanti, che hanno scosso profondamente la città. Tanto più che proprio nei giorni scorsi la procura ha chiuso l’inchiesta portando a 12 il numero degli indagati: 6 maestre (due sono le insegnanti detenute), 3 bidelli e 3 sacerdoti. Nei giorni scorsi la Chiesa bresciana ha preso le difese dei tre religiosi: ha respinto le richieste di dimissioni e nelle chiese interessate ha fatto leggere una lettera di monsignor Francesco Beschi, vescovo ausiliare, a difesa della moralità dei sacerdoti coinvolti.
    In città, intanto, si moltiplicano le prese di posizione e gli attestati di solidarietà a favore dei sacerdoti e delle insegnanti sotto inchiesta. Ieri è stato il turno della rappresentanza sindacale unitaria del Comune di Brescia, con una lettera indirizzata al sindaco Paolo Corsini, all’assessore alla Pubblica istruzione Carla Bisleri e all’assessore al Personale Luigi Gaffurini. Sulla base del documento approvato in settembre dall’assemblea delle scuole materne comunali con 3 astensioni, il Coordinamento Rsu conferma «il diritto alla salvaguardia delle persone coinvolte, da ritenersi innocenti e non condannabili fino alla chiusura del processo», sollecita la magistratura «a individuare fra le priorità un problema che pesa come un macigno nella coscienza di tutti, ma soprattutto distrugge la vita personale e sociale di chi sta in carcere e di chi è accusato per atti gravi, ponendo fine alla carcerazione preventiva delle due insegnanti», chiede al Comune «un atteggiamento coerente e sollecito nei confronti dei propri dipendenti con la stessa sensibilità espressa nei confronti dell’autorità ecclesiale» e «la tutela morale ed economica del personale educativo e ausiliario revocando la sospensione cautelare e la conseguente riduzione dello stipendio».
    E sempre ieri Comitato Abba Sorelli, Mec, Redemptoris Missio, Usm, Cism, Gis e Gruppo Genitori Pendolina hanno avviato una raccolta di firme a difesa di imputati e indagati, secondo loro, «totalmente estranei ai fatti». A sostegno della tesi assolutoria una dettagliata ricostruzione del caso a firma di don Mario Neva. Il «gazebo della solidarietà» sarà aperto anche oggi e domani, dalle 9 alle 21, in piazzetta dell’Olmo (San Faustino). Per domani sera è stata anche organizzata una fiaccolata con partenza alle 20 dalla parrocchia S.Filippo Neri del Villaggio Sereno e arrivo (con sit-in) a Verziano, il carcere in cui sono rinchiuse le due maestre sotto accusa. Maestre per le quali invece, secondo i giudici del riesame della Cassazione «vista la propensione delle due a commettere i reati contestati, anche a prescindere dal contesto scolastico e in collaborazione con altre persone, gli arresti domiciliari non sarebbero stati idonei a impedire la reitereazione di condotte criminose della stessa specie». Inoltre - è scritto nella sentenza 26982 depositata ieri - solo con la permanenza in carcere si può tutelare «l’esigenza probatoria» poichè le due donne con la concessione dei domiciliari avrebbero potuto «avere contatti sia con i minori offesi che con le relative famiglie, tenuto conto della pluralità dei soggetti coinvolti nell’inchiesta, ancora non in numero definito e in grado di operare potenzialmente in diversi ambiti».

    http://www.bresciaoggi.it/ultima/oggi/cronaca/Aab.htm

    Dopo le proteste dei familiari delle vittime, il gazebo è stato smontato.
    A mio avviso urge una manifestazione della Lega Nord a Brescia in sostegno delle famiglie e contro la pedofilia.
    BOSSI ! BOSSI ! BOSSI ! BOSSI !

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Incredibile: Gazebo della solidarietà a Brescia

    In origine postato da Clouseau
    Dal quotidiano 'BresciaOggi'

    La suprema corte ha negato gli arresti domiciliari alle due insegnanti indagate per il caso di presunta pedofilia e detenute da settembre a Verziano

    La Cassazione: «Le maestre restino in carcere»

    Intanto si moltiplicano gli attestati di solidarietà: iniziata una raccolta firme, domani una fiaccolata


    La Cassazione ha negato gli arresti domiciliari e ha confermato - per la loro «pericolosità sociale» - la custodia cautelare in carcere per due maestre della scuola materna comunale di Brescia indagate dalla Procura per un presunto giro di pedofilia che vede indagate anche altre dieci persone. In particolare la Cassazione ha trovato «congrue e logiche» le argomentazioni con le quali il Tribunale del riesame di Brescia il 14 gennaio ha confermato la misura detentiva per le due insegnanti in carcere da settembre. Secondo l’accusa le due maestre sarebbero colpevoli di aver prelevato molte volte i bambini dall’istituto scolastico per portarli in altre case dove, oltre a subire gli abusi, sarebbero stati fotografati e filmati. Questo sempre secondo la ricostruzione effettuata dai pm Francesco Beraglia e Paolo Guidi.
    Si tratta di accuse molto pesanti, che hanno scosso profondamente la città. Tanto più che proprio nei giorni scorsi la procura ha chiuso l’inchiesta portando a 12 il numero degli indagati: 6 maestre (due sono le insegnanti detenute), 3 bidelli e 3 sacerdoti. Nei giorni scorsi la Chiesa bresciana ha preso le difese dei tre religiosi: ha respinto le richieste di dimissioni e nelle chiese interessate ha fatto leggere una lettera di monsignor Francesco Beschi, vescovo ausiliare, a difesa della moralità dei sacerdoti coinvolti.
    In città, intanto, si moltiplicano le prese di posizione e gli attestati di solidarietà a favore dei sacerdoti e delle insegnanti sotto inchiesta. Ieri è stato il turno della rappresentanza sindacale unitaria del Comune di Brescia, con una lettera indirizzata al sindaco Paolo Corsini, all’assessore alla Pubblica istruzione Carla Bisleri e all’assessore al Personale Luigi Gaffurini. Sulla base del documento approvato in settembre dall’assemblea delle scuole materne comunali con 3 astensioni, il Coordinamento Rsu conferma «il diritto alla salvaguardia delle persone coinvolte, da ritenersi innocenti e non condannabili fino alla chiusura del processo», sollecita la magistratura «a individuare fra le priorità un problema che pesa come un macigno nella coscienza di tutti, ma soprattutto distrugge la vita personale e sociale di chi sta in carcere e di chi è accusato per atti gravi, ponendo fine alla carcerazione preventiva delle due insegnanti», chiede al Comune «un atteggiamento coerente e sollecito nei confronti dei propri dipendenti con la stessa sensibilità espressa nei confronti dell’autorità ecclesiale» e «la tutela morale ed economica del personale educativo e ausiliario revocando la sospensione cautelare e la conseguente riduzione dello stipendio».
    E sempre ieri Comitato Abba Sorelli, Mec, Redemptoris Missio, Usm, Cism, Gis e Gruppo Genitori Pendolina hanno avviato una raccolta di firme a difesa di imputati e indagati, secondo loro, «totalmente estranei ai fatti». A sostegno della tesi assolutoria una dettagliata ricostruzione del caso a firma di don Mario Neva. Il «gazebo della solidarietà» sarà aperto anche oggi e domani, dalle 9 alle 21, in piazzetta dell’Olmo (San Faustino). Per domani sera è stata anche organizzata una fiaccolata con partenza alle 20 dalla parrocchia S.Filippo Neri del Villaggio Sereno e arrivo (con sit-in) a Verziano, il carcere in cui sono rinchiuse le due maestre sotto accusa. Maestre per le quali invece, secondo i giudici del riesame della Cassazione «vista la propensione delle due a commettere i reati contestati, anche a prescindere dal contesto scolastico e in collaborazione con altre persone, gli arresti domiciliari non sarebbero stati idonei a impedire la reitereazione di condotte criminose della stessa specie». Inoltre - è scritto nella sentenza 26982 depositata ieri - solo con la permanenza in carcere si può tutelare «l’esigenza probatoria» poichè le due donne con la concessione dei domiciliari avrebbero potuto «avere contatti sia con i minori offesi che con le relative famiglie, tenuto conto della pluralità dei soggetti coinvolti nell’inchiesta, ancora non in numero definito e in grado di operare potenzialmente in diversi ambiti».

    http://www.bresciaoggi.it/ultima/oggi/cronaca/Aab.htm

    Dopo le proteste dei familiari delle vittime, il gazebo è stato smontato.
    A mio avviso urge una manifestazione della Lega Nord a Brescia in sostegno delle famiglie e contro la pedofilia.

    qualcuno segnali sta roba al ministro Castelli

  3. #3
    Ospite

    Predefinito

    Io sono per vedere prima se hanno davvero compiuto questi atti prima di emettere sentenze: non dimentichiamo gli usi poco puliti del potere giudiziario... poi se è vero che facevano ste porcherie, lavori forzati a vita!

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    25 May 2002
    Località
    Cazzago Brabbia
    Messaggi
    31
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Capitan Kurlash
    Io sono per vedere prima se hanno davvero compiuto questi atti prima di emettere sentenze: non dimentichiamo gli usi poco puliti del potere giudiziario... poi se è vero che facevano ste porcherie, lavori forzati a vita!
    PERO' INTANTO LI SOSPENDI........NON COME HA FATTO IL VESCOVO DI BRESCIA CHE HA RESPINTO LE DIMISSIONI DEI PRETI INDAGATI

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    04 May 2004
    Messaggi
    52
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E non fai gazebo di solidarietà .
    BOSSI ! BOSSI ! BOSSI ! BOSSI !

  6. #6
    Ospite

    Predefinito

    In origine postato da Zickler
    PERO' INTANTO LI SOSPENDI........NON COME HA FATTO IL VESCOVO DI BRESCIA CHE HA RESPINTO LE DIMISSIONI DEI PRETI INDAGATI
    Off topic: si parla del banchetto.

  7. #7
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    in queste cose bisogna avere i piedi di piombo.
    essere impriogionati per pedofilia senza essere colpevoli è persino peggio di essere accusati di omicidio.

    un omicidio si può perdonare, la pedofilia no.

    E' difficilissimo che un pedofilo trovi chi lo protegge e anche nella chiesa , quando vengono scoperti dei pedofili vengno allontanati velocemente e senza troppo rumore, ma non difesi.

    qui abbiamo gente che invece difende.

    passino i sindacati di cui non vale la pena di fidarsi ,perchè pur di difendere i dipendenti pubblici passarebbero sopra i loro figli, ma quella associazione genitori chi è? da chi è formata? perchè difende queste persone?


    se si parla di pedofilia il caos è molto, bisogna fare davvero molta attnezione, perchè spesso una accusa di pedofilia al momento giusto permette di liberarsi di nemici senza troppi problemi.

  8. #8
    Ospite

    Predefinito

    In origine postato da ilariamaria

    se si parla di pedofilia il caos è molto, bisogna fare davvero molta attnezione, perchè spesso una accusa di pedofilia al momento giusto permette di liberarsi di nemici senza troppi problemi.
    Sottoscrivo in pieno.

 

 

Discussioni Simili

  1. Il gazebo della discordia
    Di buran nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-04-09, 22:29
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-07-08, 23:13
  3. Solidarietà ai camerati di FN Brescia
    Di Cangrande (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 15-07-06, 14:31
  4. Incredibile!!! Neanche Brescia va bene!
    Di ago nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-10-02, 14:51
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-03-02, 14:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226