User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2009
    Messaggi
    757
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fu Garibaldi il primo a trattare con la Mafia


    (Garibaldi e Mazzini con aureola in testa intenti a lavorar di compasso, stampa del'800)

    Da sempre in Italia, i cassetti segreti si aprono per due motivi: quando è passato così tanto tempo da renderne il contenuto inoffensivo oppure per usare tali contenuti come arma contro l'avversario politico.
    La recente riesumazione del "Papello" sembrerebbe portare verso la seconda ipotesi.

    Secondo alcuni quotidiani la lista contenente una serie di richieste mafiose allo Stato, rappresenterebbe la prova di una trattativa intercorsa tra Stato e Mafia.
    Ma nel '92 si verificò un caso isolato oppure in precedenza vi furono altre trattative con la criminalità organizzata?

    Quando sui grandi quotidiani italiani è stato trattato l'argomento Garibaldi, per giustificare gli aspetti poco chiari e controversi dell'unificazione nazionale, si è scritto che: "visti i tempi erano necessarie misure urgenti" oppure "urgeva fare l'Italia ad ogni costo" ed ancora "a mali estremi, estremi rimedi"....
    Insomma per i media nazionali, le cattive azioni di Garibaldi e Cavour sono da assolvere e giusticare.

    Tra le "giustificazioni" ve ne sono alcune degne di nota che i Professoroni del Risorgimento mettono semplicisticamente e irresponsabilmente in secondo piano come ad esempio la liberazione coatta di tutti i criminali rinchiusi nelle carceri palermitane e napoletane senza distinzione di pena, in quanto "essendo imprigionati dai Borbone, erano per forza innocenti".

    Ma la vicenda più torbida dell'Unità d'Italia, sui cui spesso storici e giornali conformisti hanno volutamente chiuso gli occhi, è stato quando le forze garibaldo-piemontesi, anziose di assicurarsi al più presto il controllo definitivo delle Due Sicilie, stipularono degli accordi con la criminalità siciliana a napoletana(che allora non era organizzata) concedendo ai vari capi bastone diversi posti nelle istituzioni.
    Fu così che personaggi noti per le loro azioni criminali alla polizia borbonica divennero prefetti, capi della guardia nazionale, poliziotti, politici ecc.ecc. mentre criminali comuni assassinavano i dipendenti pubblici allo scopo di prenderne il posto.Completava il bel quadretto la classe politica piemontese faceva finta di non vedere, se non era direttamente implicata.

    Quello fu il momento in cui la criminalità di istituzionalizzò, assumendo il carattere organizzato che oggi la denota.

    Fatta questa lunga premessa, abbiamo immaginato per un'attimo cosa sarebbe successo se Falcone e Borsellino fossero vissuti ai tempi di Garibaldi e se il giornalista Alfano ed il generale Dalla Chiesa fossero stati assassinati quando Cavour era ancora vivo, sicuramente avremmo letto nelle pagine dei giornali dell'epoca frasi del tipo: "è normale se durante il processo unificatorio in corso non tutto fila liscio, soprattutto in questi primi anni in cui vi sarà un assestamento"

    Ma un Falcone fu ucciso davvero dalla mafia nel 1893, si chiamava Emanuele Notarbartolo, già presidente del Banco di Sicilia e sindaco di Palermo, spese la sua carriera politica nella lotta alla corruzione.Fu ucciso con 27 coltellate dai mafiosi Matteo Filippello e Giuseppe Fontana, su mandato pare del deputato colluso Raffaele Palizzolo. Tale omicidio venne considerato il primo delitto di mafia.
    E' inutile aggiungere che sfogliando i più autorevoli giornali e testi sulla storia del Risorgimento e dell'Unità d'Italia, questo importante delitto non viene mai citato se non, in alcuni casi, superficialmente.

    Le trattative e gli accordi che all'epoca furono stipulati con la mafie, dunque oggi verrebbero definiti "necessari"; ma in realtà tutta questa faccenda è una dannata storia di interessi politici. E ciò è dimostrato dal fatto che la questione del Papello e della trattativa è stata tirata fuori soltanto adesso e non certo per fare finalmente chiarezza sui rapporti secolari tra la criminalità organizzata ed una parte dell'apparato statale.

    Se i primi attacchi frutto delle nuove rivelazioni mafiose sono andati stranamente contro esponenti della sinistra (Mancino e Violante), oggi si leggono invece attacchi contro esponenti della destra (Dell'Utri e Berlusconi)
    Un attacco (stranamente) bipartisan?

    Per rispondere credo sia necessario cambiare domanda: A chi interessa spodestare sia la sinistra che la destra dalla Sicilia(e dunque dall'Italia)?

    Una risposta efficace forse ce l'ha data Beppe Grillo che qualche giorno fa si è lasciato andare in una dichiarazione sensazionale nel suo articolo Smemorati di Mafia: "Basta con la commedia, la Sicilia si dichiari indipendente"

    E chi ci legge sa a quale movimento politico oggi Grillo è vicinissimo.

    PER APPROFONDIMENTI:

    - Trattativa riservata - Il Consiglio dell'Abate Vella, 23 ottobre 2009

    - La prossima Tangentopoli? Partirà da via D'Amelio - Comitato Due Sicilie/SICILIA, 9 ottobre 2009



    FONTE: Associazione "Comitati delle Due Sicilie - SICILIA": Fu Garibaldi il primo a trattare con la Mafia

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista junior
    Data Registrazione
    24 Sep 2009
    Messaggi
    29
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Fu Garibaldi il primo a trattare con la Mafia

    Ma ke c'entra quell'affermazione di Beppe Grillo con questo discorso secondo te?

    Comunque il discorso dell'indipendenza della Sicilia era e và fuori certamente la persona di Grillo.

    Ricordo la Sicilia è una regione che chiedava l'indipendenza nell'immediato dopo guerra e alla quale le istituzioni italiane dopo alcune vicende concessero un'ampia autonomia che sopì la richiesta indipendentista e la stessa autonomia poiche non fù applicata e si scoraggiò la sua applicazione.
    Quindi non andando molto oltre nel tempo per questo motivo, considero la Sicilia già indipendente per violazione dello Statuto regionale da parte di ranghi alti delle istituzioni italiane, solo che le personalità politiche di adesso sono molto legate ai vari partiti italiani e quindi oggi lontani da far valere questo diritto.
    A me non c'è voluto Grillo per capire certe cose, basta un pò di storia e Dio che la fà comprendere e affrontare.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2009
    Messaggi
    757
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Fu Garibaldi il primo a trattare con la Mafia

    Ciao Gioa,
    è un mero ragionamento politico/elettorale quello che mi ha fatto riportare l'affermazione di Grillo.

    Grillo è a tutti gli effetti un uomo dell'IDV, che è un partito ai ferri corti con il PDL e sgomita con il PD per avere il controllo dell'opposizione.

    Recentemente l'IDV, è stata invitata al famoso Council of Foreign Relations(una lobby gestita dai banchieri Soros e Rockefeller), dunque un partito che acquista potere anche in certi ambienti internazionali.


    Citazione Originariamente Scritto da Gioa.Zerbo Visualizza Messaggio
    Ma ke c'entra quell'affermazione di Beppe Grillo con questo discorso secondo te?

    Comunque il discorso dell'indipendenza della Sicilia era e và fuori certamente la persona di Grillo.

    Ricordo la Sicilia è una regione che chiedava l'indipendenza nell'immediato dopo guerra e alla quale le istituzioni italiane dopo alcune vicende concessero un'ampia autonomia che sopì la richiesta indipendentista e la stessa autonomia poiche non fù applicata e si scoraggiò la sua applicazione.
    Quindi non andando molto oltre nel tempo per questo motivo, considero la Sicilia già indipendente per violazione dello Statuto regionale da parte di ranghi alti delle istituzioni italiane, solo che le personalità politiche di adesso sono molto legate ai vari partiti italiani e quindi oggi lontani da far valere questo diritto.
    A me non c'è voluto Grillo per capire certe cose, basta un pò di storia e Dio che la fà comprendere e affrontare.

  4. #4
    Forumista junior
    Data Registrazione
    24 Sep 2009
    Messaggi
    29
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Fu Garibaldi il primo a trattare con la Mafia

    Ciao Gonzalo.

 

 

Discussioni Simili

  1. Sì, lo stato italiano cercò di trattare la resa con la mafia
    Di L'Europeo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 65
    Ultimo Messaggio: 19-01-11, 15:47
  2. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 14-01-11, 21:29
  3. Fu Garibaldi il primo a trattare con la Mafia
    Di Gonzalo nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-10-09, 10:43
  4. garibaldi fu il primo leghista?
    Di Rif. Borbonica nel forum Padania!
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 18-11-08, 08:50
  5. La mafia sugli appalti dell'ospedale Garibaldi
    Di King Z. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-03-07, 22:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226