User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Il monaco di Ponza

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    10 Jul 2002
    Messaggi
    10,196
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il monaco di Ponza

    Abitata fin dall'epoca mitologica dai figli di Circe e Ulisse, poi fiorente colonia romana, attorno all'800 d.c. Ponza fu abbandonata a causa delle scorrerie dei pirati arabi. Nel 1734 fu ripopolata dai Borboni che vi trasferirono coloni da Ischia: questi si portarono anche le cupe leggende della Campania, tra cui la più comune è quella del "munaciello".
    E' il 1445, durante il regno Aragonese. Caterinella Frezza, bellissima figlia di un ricco mercante di stoffe, si innamora di Stefano Mariconda, un garzone. Naturalmente l'amore tra i due è fortemente contrastato e finisce in tragedia. Stefano viene assassinato nel luogo dei loro incontri segreti mentre Caterinella si rinchiude in un convento. Di lì a pochi mesi nasce un bambino deforme da Caterinella. Le suore del convento lo adotteranno cucendogli loro stesse vestiti simili a quelli monacali con un cappuccio per mascherare le deformità. Fu così che per le strade di Napoli veniva chiamato "munaciello". Gli si attribuirono poteri magici fino ad arrivare, dopo la sua morte, alla leggenda che oggi tutti i napoletani conoscono; spiritello dispettoso ma capace di indicare tesori nella tradizione napoletana, in quella ponzese divenne invece un malvagio nano senza testa, rivestito da una scura tonaca nel cui cappuccio era visibile solo un vuoto di innominabile orrore.
    Fin qui la leggenda.
    Un giorno di settembre del 1977 un turista salito a fare foto sul Monte Guardia, trovò il corpo decapitato di una donna di giovane età in una stanza del vecchio semaforo.
    Il vecchio semaforo è un edificio un po' spettrale che sorge sul punto più alto dell'isola.Per arrivarci bisogna salire una antica strada ormai nascosta dalla macchia mediterranea; scalini intagliati nel basalto da schiavi romani e cafoni borbonici per consentire ai muli di portare alla sommità dell'isola il combustibile necessario per tenere acceso il fuoco che segnalava l'isola e i suoi scogli alle navi.
    Attorno all'edificio, una vasta piana spazzata dal vento, dove l'erba alta nasconde fetidi e insidiosi stagni.
    Questa è una foto dell'edificio di qualche giorno fa.

    Il corpo mutilato non venne nemmeno identificato nè risultarono persone scomparse nella zona. La misteriosa morte venne però immediatamente ascritta dalla popolazione locale al "munaciello" sempre alla ricerca di una "testa".
    Quando poi, meno di tre anni dopo, il mare restituì il corpo di un marinaio, anch'esso privo di testa (sebbene per cause diciamo così "naturali", come ebbe a certificare l'autopsia) anche nelle menti più positive cominciò a insinuarsi qualche dubbio.
    E nelle notti senza luna, quando il maestrale ululava impetuoso tra gli scogli, non pochi si guardavano bene dall'avventurarsi soli in zone oscure dell'isola.
    Passarono gli anni e quando avvenne il successivo (e fortunatamente ultimo) "caso", ormai del "munaciello" assassino non si ricordava più quasi nessuno.
    Nel febbraio del 1996, scomparve un ragazzino di 13 anni, Silverio di Fazio. Era stato visto salire verso il vecchio semaforo e quindi vennero scandagliati gli stagni, le vecchie cisterne romane a cielo aperto e gli anfratti nascosti tra la macchia mediterranea.
    Il corpo non fu trovato, ma, non lontano dal vecchio semaforo, in una zona non particolarmente inaccessibile e sicuramente frequentata da cacciatori e turisti, fu invece trovato il teschio di una giovane donna, poi risultato appartenere alla ignota vittima del 1977.
    Il "munaciello" - dissero allora i superstiziosi abitanti del luogo - aveva trovato una nuova "testa" e perciò aveva "buttato" la vecchia.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie al sempre eccellente pcosta per i nuovi brividi, stavolta di memoria "vacanziera"...







    Lo C.S.I.C.S.C.I.O.P. (Comitato Silviesco per le Indagini e il Controllo Scrupoloso e Costante delle Incredibili Osservazioni Pcostiane) si consideri, tuttavia, in stato di massima allerta...

  3. #3
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    11,004
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il monaco di Ponza

    In Origine Postato da pcosta
    Abitata fin dall'epoca mitologica dai figli di Circe e Ulisse, poi fiorente colonia romana, attorno all'800 d.c. Ponza fu abbandonata a causa delle scorrerie dei pirati arabi. Nel 1734 fu ripopolata dai Borboni che vi trasferirono coloni da Ischia: questi si portarono anche le cupe leggende della Campania, tra cui la più comune è quella del "munaciello".
    E' il 1445, durante il regno Aragonese. Caterinella Frezza, bellissima figlia di un ricco mercante di stoffe, si innamora di Stefano Mariconda, un garzone. Naturalmente l'amore tra i due è fortemente contrastato e finisce in tragedia. Stefano viene assassinato nel luogo dei loro incontri segreti mentre Caterinella si rinchiude in un convento. Di lì a pochi mesi nasce un bambino deforme da Caterinella. Le suore del convento lo adotteranno cucendogli loro stesse vestiti simili a quelli monacali con un cappuccio per mascherare le deformità. Fu così che per le strade di Napoli veniva chiamato "munaciello". Gli si attribuirono poteri magici fino ad arrivare, dopo la sua morte, alla leggenda che oggi tutti i napoletani conoscono; spiritello dispettoso ma capace di indicare tesori nella tradizione napoletana, in quella ponzese divenne invece un malvagio nano senza testa, rivestito da una scura tonaca nel cui cappuccio era visibile solo un vuoto di innominabile orrore.
    Secondo un’altra tradizione, o munaciello era il soprannome di un orfano molto malato, accolto e allevato da una comunità di frati, noto per la sua vivacità nonostante una debilitante malattia (non meglio definita) che lo portò alla morte ancora adolescente.
    Chissà perché in quell’oasi di pace che mi immagino sia l’isola di Ponza la leggenda ha assunto una connotazione tanto macabra. Vero è che gli occultisti pensano che il popolo abbia arricchito via via la leggenda di caratteristiche "bonarie", per non accettare la teoria di una presenza demoniaca che tenterebbe ogni volta, con piccoli e grandi doni, di comprarsi un'anima (o di procurarsi una testa, a quanto pare…).

    E a Napoli era così radicata questa leggenda, che nel 1578 venne emanata una legge che consentiva all’inquilino, qualora fosse stato ripetutamente disturbato da un munaciello, di lasciare l'abitazione senza pagare l'affitto. Ma non sempre era possibile liberarsi di questi folletti dispettosi: si dice che un munaciello particolarmente ostinato, dopo aver costretto una famiglia al trasloco, decise tutto contento di seguirla. Fu visto ballare sopra i mobili pronti per il trasporto e, tra un saltello e l'altro, lo si udì rivolgere agli sventurati coinquilini questa frase: " Mo' jammo a casa nova ".

  4. #4
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    11,004
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Tomás de Torquemada

    Lo C.S.I.C.S.C.I.O.P. (Comitato Silviesco per le Indagini e il Controllo Scrupoloso e Costante delle Incredibili Osservazioni Pcostiane) si consideri, tuttavia, in stato di massima allerta...
    Tranquillo, lo C.S.I.C.S.C.I.O.P. indagherà...

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    10 Jul 2002
    Messaggi
    10,196
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    vabbè, dopo "Fin qui la leggenda." ho dimenticato di mettere "Da qui, la fantasia" ma non mi sembra il caso di scomodare lo C.S.I.C.S.C.I.O.P. per queste bazzecole...

  6. #6
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    11,004
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da pcosta
    vabbè, dopo "Fin qui la leggenda." ho dimenticato di mettere "Da qui, la fantasia" ma non mi sembra il caso di scomodare lo C.S.I.C.S.C.I.O.P. per queste bazzecole...
    Sì, meglio non scomodarlo, va (faccina che tira un respiro di sollievo), almeno eviterà le solite figuracce. Roba da andarsi a nascondere….

 

 

Discussioni Simili

  1. Ponza, Italia!
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-08-09, 11:40
  2. Ponza
    Di er uagh nel forum Natura e viaggi
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 02-11-07, 13:38
  3. Ponza
    Di Aug83 nel forum Natura e viaggi
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-09-06, 22:59
  4. Ponza
    Di Nirvana nel forum Cronaca
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-07-04, 18:39
  5. Ponza 2004
    Di enrique lister nel forum ZooPOL
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-05-04, 02:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226