User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 30
  1. #1
    anticomunista
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    West Side
    Messaggi
    2,540
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Marx ha sbagliato tutto

    Il marxismo è un errore atroce
    Perché non posso non dirmi anticomunista - IV

    di Stefano Doroni - 4 giugno 2004

    Marx ha sbagliato tutto. A cominciare dalle previsioni sugli esiti certi della storia, sulla crisi inevitabile e l'altrettanto sicuro crollo della società borghese in favore dell'avvento del mondo comunista senza classi retto da un improbabile collettivismo. I difensori di Marx giungono a rendersi ridicoli di fronte a qualunque lettore o ascoltatore dotato di dieci grammi di intelligenza. Riescono perfino a sostenere che Marx sia stato un umanista, che abbia voluto liberare il mondo dalle catene del capitalismo, accusato di spingere, con la sua accumulazione progressiva, la classe lavoratrice fino alla rivoluzione.

    Qualcuno ha perfino detto che, siccome in lui individuale e collettivo coinciderebbero, la proprietà collettiva dei mezzi di produzione salverebbe l'individualità della persona umana (Manacorda). Si giunge perfino a dire che nella negazione della religione ci sia una grande pietà umana verso gli individui, ridotti a rimandare le loro aspirazioni di giustizia e riscatto ad una dimensione escatologica spirituale. In realtà per la persona umana Marx non ha nessun sentimento, nessuna attenzione: per lui l'individuo è un oggetto della produzione, è irrimediabilmente legato alla dimensione del lavoro, unico elemento che dà senso alla storia e alla vita. Il demone della produzione.

    Marx ha un concetto «dialettico» dello sviluppo della storia; e qui ci viene in aiuto Hegel, un tizio che, per chi ha studiato filosofia negli anni della scuola, ha significato ore di sudore che gocciola sul libro. Secondo Hegel ogni cosa si definisce passando per una sua negazione, dando inizio così a un processo di trasformazione che la porterà ad essere qualcosa di diverso alla fine. È il movimento perenne della storia, la vita stessa del mondo.

    Il fatto è che per Hegel al centro dell'esistenza dell'universo c'è lo Spirito, cioè la ragione ultima delle cose finite, concrete. Ogni oggetto si definisce quindi in quanto parte di un tutto, si concepisce il finito giungendo all'infinito. Per Marx tutto questo è inutile. Per lui esiste solo il finito, il materiale, l'organico, l'oggetto. Gli ideali, l'attività spirituale, la religione, l'arte, la metafisica, il diritto sono infatti solo «sovrastrutture», elementi secondari dell'attività umana, orpelli, lussi.

    Quello che conta è la «struttura», cioè l'attività produttiva, il lavoro. Perciò i rapporti umani che hanno un senso sono soltanto quelli economici, che si instaurano nel ciclo della produzione. La società ha sempre avuto una struttura derivata dai rapporti economici e, in base a questa sua natura, un carattere conflittuale. Si sono cioè sempre scontrate diverse «classi sociali», gruppi umani individuati in base alla loro attività e al loro ruolo. Sovrani e schiavi, nobili e borghesi, feudatari e servi della gleba, borghesi e proletari.

    Il movimento dialettico della storia (in senso hegeliano) sta nel fatto che una classe dominante (sul piano economico e quindi sociale), dopo la sua affermazione (momento della «tesi»), viene messa in crisi dal sorgere di una nuova classe figlia di un diverso contesto produttivo e capace di sconvolgere i preesistenti rapporti sociali (momento della «antitesi»), fino all'affermazione di un nuovo modello socio-economico (momento della «sintesi») che rappresenta un ulteriore gradino dell'evoluzione storica. La dialettica di Hegel, che si rifaceva ad un movimento spirituale, viene ridotta a dimensioni esclusivamente materiali ed economiche.

    Il pensiero di Marx è anche debitore della teoria dell'evoluzionismo di Charles Darwin (formulata nel 1859 nell'Origine della specie), secondo la quale la natura favorisce quegli organismi che meglio di altri si adattano a sopravvivere in determinate condizioni ambientali superando le difficoltà che tali condizioni presentano. In questo modo la natura «seleziona» gli organismi migliori, cioè più evoluti. Marx legge dunque la storia come un processo evolutivo «per gradi», da forme inferiori a forme superiori. Frederich Engels, compagno inseparabile di Marx per tutta una vita, nel suo discorso al funerale dell'amico, disse: «Come Darwin ha scoperto le leggi dell'evoluzione della natura organica, così Marx ha scoperto le leggi della storia umana».

    Ma queste leggi, nel marxismo, non regolano un evoluzionismo aperto, cioè praticabile all'infinito. Il cammino della storia per Marx ha un punto di arrivo: l'ultima trasformazione dialettica sarà infatti quella che, in seguito alla crisi definitiva del capitalismo, darà la stura alla rivoluzione proletaria. In seguito a questa sollevazione si instaurerà un periodo di governo autoritario, definito «dittatura del proletariato», che sfocierà nell'avvento della società comunista vera e propria: senza classi sociali, senza Stato. Una società, dunque, nella quale il principio stesso dell'autorità, il concetto delle istituzioni e delle leggi, della legalità stessa, sarà interiorizzato dagli uomini, che non avranno più bisogno di un ordinamento giuridico che ne disciplini la vita sociale. Tutti proprietari dei mezzi di produzione, per cui ciascuno padrone. L'uomo sarà libero, non ci saranno più sfruttati né sfruttatori; il paradiso sarà in terra, tutti godranno non secondo i propri meriti, ma secondo i propri bisogni.

    Insidioso inganno, richiamo pericoloso, meschino tranello per chi ha sete di giustizia. Non sarà infatti dissetato, ma ulteriormente tartassato proprio da quel nuovo sistema oppressivo nel quale aveva riposto le sue speranze. Senza conflitti la storia si ferma: i contrasti e le problematiche mettono infatti alla prova l'ingegno umano e l'impegno per risolvere i problemi fa progredire l'umanità. Ci sono miglioramenti e regressioni, progressi e infamie, successi e sconfitte, nella storia umana: ma questo cammino non ha fine, perché il suo traguardo è la perfezione, il cui possesso - in misure umane - è la sua ricerca.

    Qualcuno ha il coraggio di dire che l'avvento del comunismo è la nascita e non la morte della storia, mentre quella in cui viviamo adesso sarebbe una sorta di preistoria. E invece no. Il mondo comunista è la perfezione ridotta a dimensioni materiali: e nella perfezione, in cui tutti sono giustamente trattati e non subiscono torti da altri, non ci può essere sviluppo ma solo la ripetizione e l'autocompiacimento. Non è il paradiso ma l'ultima, la definitiva prigione della persona umana, intrappolata nelle maglie dell'egualitarismo che non propone più sfide all'uomo, ma lo costringe all'immobilismo, all'atrofizzazione dei suoi slanci vitali. L'«uomo sociale» marxiano è un fossile, è un uomo morto. La dottrina di Marx distrugge la persona, la nega nel momento in cui le promette l'inserimento in un paradiso artificiale in cui non potrà più riconoscersi per se stessa.

    Stefano Doroni
    [email protected]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cacciatore di leoni
    Data Registrazione
    06 May 2003
    Località
    Savana brianzola
    Messaggi
    2,805
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Marx ha sbagliato tutto

    In Origine postato da ariel
    Il marxismo è un errore atroce
    Perché non posso non dirmi anticomunista - IV



    Stefano Doroni
    [email protected] [/B]
    Welcome to 50 years ago

  3. #3
    Bestia in via d'estinzione...
    Data Registrazione
    21 Apr 2004
    Località
    "Molti canti ho sentito nella mia terra natìa, canti di gioia e di dolor. Ma uno mi s' è inciso a fondo nella memoria ed è il canto del comune lavorator"...spettrale residuo di quegli estatici giorni rivoluzionari!
    Messaggi
    6,997
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Marx ha sbagliato tutto

    In Origine postato da ariel
    Il marxismo è un errore atroce
    Perché non posso non dirmi anticomunista - IV

    di Stefano Doroni - 4 giugno 2004

    Marx ha sbagliato tutto. A cominciare dalle previsioni sugli esiti certi della storia, sulla crisi inevitabile e l'altrettanto sicuro crollo della società borghese in favore dell'avvento del mondo comunista senza classi retto da un improbabile collettivismo. I difensori di Marx giungono a rendersi ridicoli di fronte a qualunque lettore o ascoltatore dotato di dieci grammi di intelligenza. Riescono perfino a sostenere che Marx sia stato un umanista, che abbia voluto liberare il mondo dalle catene del capitalismo, accusato di spingere, con la sua accumulazione progressiva, la classe lavoratrice fino alla rivoluzione.

    Qualcuno ha perfino detto che, siccome in lui individuale e collettivo coinciderebbero, la proprietà collettiva dei mezzi di produzione salverebbe l'individualità della persona umana (Manacorda). Si giunge perfino a dire che nella negazione della religione ci sia una grande pietà umana verso gli individui, ridotti a rimandare le loro aspirazioni di giustizia e riscatto ad una dimensione escatologica spirituale. In realtà per la persona umana Marx non ha nessun sentimento, nessuna attenzione: per lui l'individuo è un oggetto della produzione, è irrimediabilmente legato alla dimensione del lavoro, unico elemento che dà senso alla storia e alla vita. Il demone della produzione.

    Marx ha un concetto «dialettico» dello sviluppo della storia; e qui ci viene in aiuto Hegel, un tizio che, per chi ha studiato filosofia negli anni della scuola, ha significato ore di sudore che gocciola sul libro. Secondo Hegel ogni cosa si definisce passando per una sua negazione, dando inizio così a un processo di trasformazione che la porterà ad essere qualcosa di diverso alla fine. È il movimento perenne della storia, la vita stessa del mondo.

    Il fatto è che per Hegel al centro dell'esistenza dell'universo c'è lo Spirito, cioè la ragione ultima delle cose finite, concrete. Ogni oggetto si definisce quindi in quanto parte di un tutto, si concepisce il finito giungendo all'infinito. Per Marx tutto questo è inutile. Per lui esiste solo il finito, il materiale, l'organico, l'oggetto. Gli ideali, l'attività spirituale, la religione, l'arte, la metafisica, il diritto sono infatti solo «sovrastrutture», elementi secondari dell'attività umana, orpelli, lussi.

    Quello che conta è la «struttura», cioè l'attività produttiva, il lavoro. Perciò i rapporti umani che hanno un senso sono soltanto quelli economici, che si instaurano nel ciclo della produzione. La società ha sempre avuto una struttura derivata dai rapporti economici e, in base a questa sua natura, un carattere conflittuale. Si sono cioè sempre scontrate diverse «classi sociali», gruppi umani individuati in base alla loro attività e al loro ruolo. Sovrani e schiavi, nobili e borghesi, feudatari e servi della gleba, borghesi e proletari.

    Il movimento dialettico della storia (in senso hegeliano) sta nel fatto che una classe dominante (sul piano economico e quindi sociale), dopo la sua affermazione (momento della «tesi»), viene messa in crisi dal sorgere di una nuova classe figlia di un diverso contesto produttivo e capace di sconvolgere i preesistenti rapporti sociali (momento della «antitesi»), fino all'affermazione di un nuovo modello socio-economico (momento della «sintesi») che rappresenta un ulteriore gradino dell'evoluzione storica. La dialettica di Hegel, che si rifaceva ad un movimento spirituale, viene ridotta a dimensioni esclusivamente materiali ed economiche.

    Il pensiero di Marx è anche debitore della teoria dell'evoluzionismo di Charles Darwin (formulata nel 1859 nell'Origine della specie), secondo la quale la natura favorisce quegli organismi che meglio di altri si adattano a sopravvivere in determinate condizioni ambientali superando le difficoltà che tali condizioni presentano. In questo modo la natura «seleziona» gli organismi migliori, cioè più evoluti. Marx legge dunque la storia come un processo evolutivo «per gradi», da forme inferiori a forme superiori. Frederich Engels, compagno inseparabile di Marx per tutta una vita, nel suo discorso al funerale dell'amico, disse: «Come Darwin ha scoperto le leggi dell'evoluzione della natura organica, così Marx ha scoperto le leggi della storia umana».

    Ma queste leggi, nel marxismo, non regolano un evoluzionismo aperto, cioè praticabile all'infinito. Il cammino della storia per Marx ha un punto di arrivo: l'ultima trasformazione dialettica sarà infatti quella che, in seguito alla crisi definitiva del capitalismo, darà la stura alla rivoluzione proletaria. In seguito a questa sollevazione si instaurerà un periodo di governo autoritario, definito «dittatura del proletariato», che sfocierà nell'avvento della società comunista vera e propria: senza classi sociali, senza Stato. Una società, dunque, nella quale il principio stesso dell'autorità, il concetto delle istituzioni e delle leggi, della legalità stessa, sarà interiorizzato dagli uomini, che non avranno più bisogno di un ordinamento giuridico che ne disciplini la vita sociale. Tutti proprietari dei mezzi di produzione, per cui ciascuno padrone. L'uomo sarà libero, non ci saranno più sfruttati né sfruttatori; il paradiso sarà in terra, tutti godranno non secondo i propri meriti, ma secondo i propri bisogni.

    Insidioso inganno, richiamo pericoloso, meschino tranello per chi ha sete di giustizia. Non sarà infatti dissetato, ma ulteriormente tartassato proprio da quel nuovo sistema oppressivo nel quale aveva riposto le sue speranze. Senza conflitti la storia si ferma: i contrasti e le problematiche mettono infatti alla prova l'ingegno umano e l'impegno per risolvere i problemi fa progredire l'umanità. Ci sono miglioramenti e regressioni, progressi e infamie, successi e sconfitte, nella storia umana: ma questo cammino non ha fine, perché il suo traguardo è la perfezione, il cui possesso - in misure umane - è la sua ricerca.

    Qualcuno ha il coraggio di dire che l'avvento del comunismo è la nascita e non la morte della storia, mentre quella in cui viviamo adesso sarebbe una sorta di preistoria. E invece no. Il mondo comunista è la perfezione ridotta a dimensioni materiali: e nella perfezione, in cui tutti sono giustamente trattati e non subiscono torti da altri, non ci può essere sviluppo ma solo la ripetizione e l'autocompiacimento. Non è il paradiso ma l'ultima, la definitiva prigione della persona umana, intrappolata nelle maglie dell'egualitarismo che non propone più sfide all'uomo, ma lo costringe all'immobilismo, all'atrofizzazione dei suoi slanci vitali. L'«uomo sociale» marxiano è un fossile, è un uomo morto. La dottrina di Marx distrugge la persona, la nega nel momento in cui le promette l'inserimento in un paradiso artificiale in cui non potrà più riconoscersi per se stessa.

    Stefano Doroni
    [email protected]
    Ma tu lo leggi quello ke posti o lo metti solamente xke tanto sai ke è contro il comunismo??

  4. #4
    anticomunista
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    West Side
    Messaggi
    2,540
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    io leggo! Tu leggi? anzi sai leggere?!

  5. #5
    Bestia in via d'estinzione...
    Data Registrazione
    21 Apr 2004
    Località
    "Molti canti ho sentito nella mia terra natìa, canti di gioia e di dolor. Ma uno mi s' è inciso a fondo nella memoria ed è il canto del comune lavorator"...spettrale residuo di quegli estatici giorni rivoluzionari!
    Messaggi
    6,997
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine postato da ariel
    io leggo! Tu leggi? anzi sai leggere?!
    io si xke sai mica sn così ignorante cm te ke crede ke tt i comunisti siano cm stalin!mica è così!!!vedi berlinguer, vedi il chè, vedi pajetta, bertinotti, cossutta, diliberto e altri del passato!poi guarda ke comunismo nn è sinonimo di ignoranza, povertà, sfigataggine;anzi è segno di saper vivere, di voler vivere, e i comunisti sn molto più colti dei destrini!!!ma vergognati di quelli ke scrivi!!!anzi scrivi, posti, dato ke tt quello ke metti nei post sn articoli ke NON HAI DI CERTO SCRITTO TU...xke nn cominci a pensare(prima impara e poi incomincia)cn la tua testa invece di seguire quello ke ti dicono papino e mammina o gli articoli idioti ke leggi???e poi tu nn discuti tu posti sl articoli e io nn posso certo fare un dibattito contro qualcuno ke nn scrive roba sua...cioè nn rispondo a te, ma a quello ke ha scritto l'articolo!quindi te lo ripetoomincia a pensare cn la tua testa e ad andare alle scuole serali.

    Egol, fieramente socialista!

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    47,515
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Marx ha sbagliato tutto
    =======
    FIGURATI TUTTI GLI ALTRI....
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 Aug 2013
    Messaggi
    14,308
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine postato da Eegol
    io si xke sai mica sn così ignorante cm te ke crede ke tt i comunisti siano cm stalin!mica è così!!!vedi berlinguer, vedi il chè, vedi pajetta, bertinotti, cossutta, diliberto e altri del passato!poi guarda ke comunismo nn è sinonimo di ignoranza, povertà, sfigataggine;anzi è segno di saper vivere, di voler vivere, e i comunisti sn molto più colti dei destrini!!!ma vergognati di quelli ke scrivi!!!anzi scrivi, posti, dato ke tt quello ke metti nei post sn articoli ke NON HAI DI CERTO SCRITTO TU...xke nn cominci a pensare(prima impara e poi incomincia)cn la tua testa invece di seguire quello ke ti dicono papino e mammina o gli articoli idioti ke leggi???e poi tu nn discuti tu posti sl articoli e io nn posso certo fare un dibattito contro qualcuno ke nn scrive roba sua...cioè nn rispondo a te, ma a quello ke ha scritto l'articolo!quindi te lo ripeto:comincia a pensare cn la tua testa e ad andare alle scuole serali.

    Egol, fieramente socialista!
    Mai sentito parlare di Praga 1948 e 1969 , Warsavia 1956, Budapest 1956 , Berlino 1953 ?

    Saluti

  8. #8
    Re del Fondoscala
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Messaggi
    61,858
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ricordo che ancora ero un POLlista alle prime armi e mi ritrovai diciottenne a partecipare ad una discussione animata con cm814 che poi diverrà in futuro grande amico mio proprio sulle colpe di Marx e di Stalin. Ricordo bene quella discussione perchè fu lunga e fu un bel testa a testa, non so se lui se la ricorda. Io di destra (ma ancora non lo sapeva quasi nessuno) e lui ancora più destra (e lo sapevano tutti fuorchè io ).
    Lui sosteneva da buon destro che le colpe del comunismo sono state di colui che l'ha inventato (Marx), io sostenevo che la colpa è di Stalin che ha applicato male la formula.

    Lui se la prese a morte con me e me ne disse di tutte contro pensando che fossi un comunista visto come parlavo...il giorno dopo mi arrivò un suo privato con le scuse per come si era comportato perchè un'utente (Franci se non erro) gli disse che ero di destra affermando il fatto che si poteva litigare e non trovarsi d'accordo su tanti argomenti anche se politicamente siamo sulla stessa linea.

    3 anni dopo continuo a pensarla allo stesso modo: Marx ha solo inventato un teoria, una teoria utopica e orribile in quanto ci rende tutti uguali ma pur sempre una teoria è...una delle tante! Stalin sbagliò ad applicarla perchè portava a gravi conseguenze...tralasciando il fatto che poi lui esagerò pure trasformando il comunismo in una macchina mortale. La teoria comunista è un sogno di pochi sciocchi che non si rendono conto che nella sua applicazione si va incontro alla fine di un sistema sociale. Al massimo si può dire che Marx faceva meglio a farsi i fatti sua invece di mettersi a scrivere ma lui non ha causato nessun morto, quelli che hanno seguito la sua teoria sì.

    E' come dire che Einstein ha causato la morte di milioni di giapponesi con l'invenzione della bomba atomica, assurdo!

  9. #9
    anticomunista
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    West Side
    Messaggi
    2,540
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    si ma ad ammazzare in massa ha cominciato Lenin (11 milioni di morti tra 1917 e 1923).

    Il marxismo, quando si tenta di applicarlo, diventa sempre criminale...

  10. #10
    anticomunista
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    West Side
    Messaggi
    2,540
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine postato da cciappas
    Marx ha sbagliato tutto
    =======
    FIGURATI TUTTI GLI ALTRI....
    parliamo di Marx, non di "altri"....

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Francia Tutto Sbagliato Tutto Da Rifare
    Di berardiMSFT nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 07-11-05, 22:58
  2. Francia Tutto Sbagliato Tutto Da Rifare
    Di berardiMSFT nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-11-05, 16:12
  3. Francia Tutto Sbagliato Tutto Da Rifare
    Di berardiMSFT nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-11-05, 14:47
  4. Marx ha sbagliato tutto...
    Di ariel nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01-07-04, 04:13
  5. Il Foglio: tutto sbagliato, tutto da rifare. Centrodestra al 53%.
    Di brunik nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 16-10-03, 23:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226