User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 52
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    07 Mar 2004
    Messaggi
    42,452
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La popolazione celtica è un'invenzione..

    GLI ANTENATI
    Un saggio dell´antropologo Marco Aime
    Quando l´identità diventa razzismo
    fatti su misura


    Secondo lo storico Walter Pohl, la popolazione "celtica" fu inventata di sana pianta nel ?700 da scozzesi e irlandesi
    UMBERTO GALIMBERTI


    Ma esistono davvero le etnie, le identità culturali con le loro inconfondibili radici, lo scontro tra culture dai valori inconciliabili che con tanta frequenza ricorrono nei discorsi dei politici, sulle colonne dei giornali, nei dibattiti televisivi? C´è qualcosa di vero in queste espressioni, o si tratta invece di vere e proprie invenzioni senza alcun fondamento, enfatizzate per coprire, sotto la maschera della cultura, ben altre spinte e inconfessabili interessi?
    A sollecitare il dubbio, per paradossale che possa sembrare, è proprio un antropologo: Marco Aime dell´Università di Genova, che ha scritto un bel libro dal titolo Eccessi di culture (Einaudi, pagg. 136, euro 7), dove si dice che a incontrarsi e a scontrarsi non sono mai le culture, ma le persone, e che insistere sull´identità locale, nazionale o addirittura sovranazionale significa creare recinti invalicabili che alimentano nuove forme di razzismo.
    Si prenda ad esempio la Lega Nord che inventa le origini celtiche degli abitanti della pianura Padana che Roberto Maroni definisce: «Una nazione con una propria identità». Di fatto - riferisce lo storico medievista Walter Pohl - la popolazione denominata "celtica", che non aveva alcuna organizzazione politica che la riunisse, alcun regno, alcuno Stato, alcun culto comune, fu inventata di sana pianta nel 1700 da intellettuali scozzesi, irlandesi, gallesi e bretoni, per tentare di costruire le rispettive identità nazionali in contrapposizione alla popolazione dominante in Inghilterra e in Francia. E allora vien da dire con Gerard Lenclud che: «Non sono i padri a generare i figli, ma i figli che generano i propri padri. Non è il passato a produrre il presente, ma il presente che modella il suo passato».
    Di fatto l´etnia padana è stata di tutto punto inventata dalla volontà di autodeterminazione economica delle popolazioni del Nord, contro un´immagine del Sud che a loro parere le penalizza nella gestione della propria ricchezza.
    Ma siccome queste possono apparire motivazioni poco nobili, allora si scomodano i fattori culturali che, opportunamente strumentalizzati, si prestano a mascherare interessi anche legittimi ma, tutto sommato, come scriveva A. Giordano su un Venerdì di Repubblica «di bassa Lega».
    Che dire poi della Regione Veneto che ha istituito un assessorato alle Politiche per la cultura e l´identità veneta. Come osserva opportunamente Aime, ve la immaginate che identità culturale può esserci tra gli abitanti di Cortina d´Ampezzo, dolomitici a un passo dal Tirolo, e gli abitanti di Chioggia affacciati sull´Oriente? Che dire poi dei trevigiani, dalla cui città partono settimanalmente voli per Kiev in Ucraina o per Timisoara in Romania, dove imprenditori veneti aprono imprese di produzione, esportando un modello di globalizzazione che parte dal "locale", che i leghisti vorrebbero difendere proprio dalla globalizzazione? Non parliamo poi di Venezia che in tutta la sua storia, è stata un coacervo di popolazioni, esempio per secoli di multiculturalismo ante litteram. Dove sono rintracciabili qui le radici identitarie di una comunità culturalmente omogenea?
    Se dal "locale" passiamo al "nazionale", qual è l´identità dell´Italia, che solo da un secolo e mezzo esiste congiunta, dopo 1400 anni di divisioni e di dominazioni tra le più disparate, con conseguente contaminazione biologica delle popolazioni? Dove è rintracciabile quella "razza" italiana così mitizzata dal fascismo, che si rifaceva ai fasti dell´Impero romano, dimenticando, per inciso, che non c´è mai stato un impero così composito come quello romano, dove circolavano persone che provenivano da ogni parte del mondo allora conosciuto?
    Quando si smetterà di inventare identità culturali che non esistono e che, se proprio vogliamo, sono state costruite più dalla televisione che dalle radici storiche? Ricordate la campagna del ministro Letizia Moratti per riportare il crocefisso nelle aule scolastiche, a testimonianza della profonda radice cristiana del nostro paese? A parte che la religione cristiana, per il suo universalismo è di fatto incompatibile con un´identificazione nazionale, e poi, come ha scritto Umberto Eco su Repubblica, ricordando la sua infanzia in aule in cui c´era il crocefisso in mezzo ai ritratti del re e del duce: «Sui trenta alunni della classe, parte sono diventati atei, altri hanno fatto la Resistenza, altri ancora hanno votato per la Repubblica. Questo per dire che l´esibizione di simboli sacri nelle scuole non determina l´evoluzione spirituale degli alunni».
    Se dalla dimensione nazionale passiamo a quella sovranazionale sarebbe interessante che chi sostiene che gli immigrati, e in particolare, dopo l´11 settembre, quelli di fede islamica, sono portatori di valori diversi da quelli europei, dicesse anche quali sono i valori europei. Nella prima bozza della Costituzione europea redatta dal francese Giscard d´Estaing si elencano: «I valori della libertà, della democrazia, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti dell´uomo». Il Vaticano e i principali giornali cattolici hanno denunciato l´assenza di riferimenti ai valori cristiani. Ma, come ha scritto Guido Rampoldi su Repubblica, dovremmo attribuire a radici cristiane tanto all´Europa di oggi quanto all´Europa del 1939, caratterizzata da regimi che erano l´opposto dello Stato di diritto, come la cristianissima Spagna di Franco o l´Italia di Mussolini.
    La cristianità europea è, come il Confucianesimo o l´Islam, una categoria storica che contiene tutto e il contrario di tutto, quindi non è una categoria utilizzabile per definire l´identità europea. Molto meglio i principi di libertà, uguaglianza e fraternità che, come su Repubblica ha ricordato Claudio Rinaldi, in Europa si sono affermati con la rivoluzione francese, non grazie alle Chiese, ma fuori e contro di esse. Un conto è rifarsi ai "valori" cristiani, un altro alle "radici", perché non sempre i primi traggono alimento dalle seconde.
    Che dire poi se nell´Europa "cristiana" dovesse entrare uno Stato islamico come ad esempio l´Albania o la Turchia? In Turchia il Bosforo assurge a simbolo di spartiacque tra due civiltà. Di qui l´Occidente cristiano, di là l´Oriente islamico. Eppure Istanbul, già Costantinopoli, già Bisanzio, esiste uguale a se stessa sulle due sponde. Come osserva Marco Aime, nessuno deve aver detto ai suoi abitanti che essi vivono a cavallo d´un orizzonte generato dagli occidentali, specialisti a creare confini artificiali, come tragicamente testimonia l´Africa, dove guerre scatenate da élite politico-economiche vengono sciaguratamente descritte dai mezzi di comunicazione come guerre culturali, etniche, razziali.
    Proprio a Istanbul, ci ricorda sempre Aime, c´è uno splendido edificio che si può chiamare indifferentemente Santa Sofia o Aya Sofya, costruito da Giustiniano nel 537 in onore della Divina Sapienza, nel 1453 passò sotto gli Ottomani che non lo distrussero. Anzi furono proprio i fedeli di Allah a costruire i rinforzi che ne hanno impedito il crollo. Oggi è un museo dove mosaici cristiani e versi del Corano sembrano inseguirsi.
    Perché non pensiamo alla cultura come a quell´edificio dove si intrecciano storie, idee, gusti, identità, sogni, saperi? Perché continuiamo a pensare per linee nette che segnano confini che, spacciati per "naturali", risultano difficili da cancellare? Questi confini esistono realmente o, come ha affermato il viaggiatore norvegese Thor Heyerdhal: «Stanno solo nella mente degli uomiViviamo in mezzo a flussi di persone, idee, merci che si muovono in contesti sempre più svincolati dal territorio, e noi continuiamo a pensare ai territori come agli unici contenitori delle culture, quando non solo il presente, ma anche il passato è stato attraversato da una miriade di persone in movimento. Queste hanno a tal punto mescolato usi, costumi e credenze, che parlare ancora di "etnie" o "culture legate al territorio" ha tanto di arcaico, se non addirittura di artificialmente ideato per marcare il territorio o per giustificare i conflitti scatenati da ragioni difficilmente confessabili come gli interessi economici, o da cose che non vogliamo vedere come la disperazione degli uomini.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La popolazione celtica è un'invenzione..

    In origine postato da blob21
    GLI ANTENATI
    Un saggio dell´antropologo Marco Aime
    Quando l´identità diventa razzismo
    fatti su misura


    Secondo lo storico Walter Pohl, la popolazione "celtica" fu inventata di sana pianta nel ?700 da scozzesi e irlandesi
    UMBERTO GALIMBERTI


    Ma esistono davvero le etnie, le identità culturali con le loro inconfondibili radici, lo scontro tra culture dai valori inconciliabili che con tanta frequenza ricorrono nei discorsi dei politici, sulle colonne dei giornali, nei dibattiti televisivi? C´è qualcosa di vero in queste espressioni, o si tratta invece di vere e proprie invenzioni senza alcun fondamento, enfatizzate per coprire, sotto la maschera della cultura, ben altre spinte e inconfessabili interessi?
    A sollecitare il dubbio, per paradossale che possa sembrare, è proprio un antropologo: Marco Aime dell´Università di Genova, che ha scritto un bel libro dal titolo Eccessi di culture (Einaudi, pagg. 136, euro 7), dove si dice che a incontrarsi e a scontrarsi non sono mai le culture, ma le persone, e che insistere sull´identità locale, nazionale o addirittura sovranazionale significa creare recinti invalicabili che alimentano nuove forme di razzismo.
    Si prenda ad esempio la Lega Nord che inventa le origini celtiche degli abitanti della pianura Padana che Roberto Maroni definisce: «Una nazione con una propria identità». Di fatto - riferisce lo storico medievista Walter Pohl - la popolazione denominata "celtica", che non aveva alcuna organizzazione politica che la riunisse, alcun regno, alcuno Stato, alcun culto comune, fu inventata di sana pianta nel 1700 da intellettuali scozzesi, irlandesi, gallesi e bretoni, per tentare di costruire le rispettive identità nazionali in contrapposizione alla popolazione dominante in Inghilterra e in Francia. E allora vien da dire con Gerard Lenclud che: «Non sono i padri a generare i figli, ma i figli che generano i propri padri. Non è il passato a produrre il presente, ma il presente che modella il suo passato».
    Di fatto l´etnia padana è stata di tutto punto inventata dalla volontà di autodeterminazione economica delle popolazioni del Nord, contro un´immagine del Sud che a loro parere le penalizza nella gestione della propria ricchezza.
    Ma siccome queste possono apparire motivazioni poco nobili, allora si scomodano i fattori culturali che, opportunamente strumentalizzati, si prestano a mascherare interessi anche legittimi ma, tutto sommato, come scriveva A. Giordano su un Venerdì di Repubblica «di bassa Lega».
    Che dire poi della Regione Veneto che ha istituito un assessorato alle Politiche per la cultura e l´identità veneta. Come osserva opportunamente Aime, ve la immaginate che identità culturale può esserci tra gli abitanti di Cortina d´Ampezzo, dolomitici a un passo dal Tirolo, e gli abitanti di Chioggia affacciati sull´Oriente? Che dire poi dei trevigiani, dalla cui città partono settimanalmente voli per Kiev in Ucraina o per Timisoara in Romania, dove imprenditori veneti aprono imprese di produzione, esportando un modello di globalizzazione che parte dal "locale", che i leghisti vorrebbero difendere proprio dalla globalizzazione? Non parliamo poi di Venezia che in tutta la sua storia, è stata un coacervo di popolazioni, esempio per secoli di multiculturalismo ante litteram. Dove sono rintracciabili qui le radici identitarie di una comunità culturalmente omogenea?
    Se dal "locale" passiamo al "nazionale", qual è l´identità dell´Italia, che solo da un secolo e mezzo esiste congiunta, dopo 1400 anni di divisioni e di dominazioni tra le più disparate, con conseguente contaminazione biologica delle popolazioni? Dove è rintracciabile quella "razza" italiana così mitizzata dal fascismo, che si rifaceva ai fasti dell´Impero romano, dimenticando, per inciso, che non c´è mai stato un impero così composito come quello romano, dove circolavano persone che provenivano da ogni parte del mondo allora conosciuto?
    Quando si smetterà di inventare identità culturali che non esistono e che, se proprio vogliamo, sono state costruite più dalla televisione che dalle radici storiche? Ricordate la campagna del ministro Letizia Moratti per riportare il crocefisso nelle aule scolastiche, a testimonianza della profonda radice cristiana del nostro paese? A parte che la religione cristiana, per il suo universalismo è di fatto incompatibile con un´identificazione nazionale, e poi, come ha scritto Umberto Eco su Repubblica, ricordando la sua infanzia in aule in cui c´era il crocefisso in mezzo ai ritratti del re e del duce: «Sui trenta alunni della classe, parte sono diventati atei, altri hanno fatto la Resistenza, altri ancora hanno votato per la Repubblica. Questo per dire che l´esibizione di simboli sacri nelle scuole non determina l´evoluzione spirituale degli alunni».
    Se dalla dimensione nazionale passiamo a quella sovranazionale sarebbe interessante che chi sostiene che gli immigrati, e in particolare, dopo l´11 settembre, quelli di fede islamica, sono portatori di valori diversi da quelli europei, dicesse anche quali sono i valori europei. Nella prima bozza della Costituzione europea redatta dal francese Giscard d´Estaing si elencano: «I valori della libertà, della democrazia, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti dell´uomo». Il Vaticano e i principali giornali cattolici hanno denunciato l´assenza di riferimenti ai valori cristiani. Ma, come ha scritto Guido Rampoldi su Repubblica, dovremmo attribuire a radici cristiane tanto all´Europa di oggi quanto all´Europa del 1939, caratterizzata da regimi che erano l´opposto dello Stato di diritto, come la cristianissima Spagna di Franco o l´Italia di Mussolini.
    La cristianità europea è, come il Confucianesimo o l´Islam, una categoria storica che contiene tutto e il contrario di tutto, quindi non è una categoria utilizzabile per definire l´identità europea. Molto meglio i principi di libertà, uguaglianza e fraternità che, come su Repubblica ha ricordato Claudio Rinaldi, in Europa si sono affermati con la rivoluzione francese, non grazie alle Chiese, ma fuori e contro di esse. Un conto è rifarsi ai "valori" cristiani, un altro alle "radici", perché non sempre i primi traggono alimento dalle seconde.
    Che dire poi se nell´Europa "cristiana" dovesse entrare uno Stato islamico come ad esempio l´Albania o la Turchia? In Turchia il Bosforo assurge a simbolo di spartiacque tra due civiltà. Di qui l´Occidente cristiano, di là l´Oriente islamico. Eppure Istanbul, già Costantinopoli, già Bisanzio, esiste uguale a se stessa sulle due sponde. Come osserva Marco Aime, nessuno deve aver detto ai suoi abitanti che essi vivono a cavallo d´un orizzonte generato dagli occidentali, specialisti a creare confini artificiali, come tragicamente testimonia l´Africa, dove guerre scatenate da élite politico-economiche vengono sciaguratamente descritte dai mezzi di comunicazione come guerre culturali, etniche, razziali.
    Proprio a Istanbul, ci ricorda sempre Aime, c´è uno splendido edificio che si può chiamare indifferentemente Santa Sofia o Aya Sofya, costruito da Giustiniano nel 537 in onore della Divina Sapienza, nel 1453 passò sotto gli Ottomani che non lo distrussero. Anzi furono proprio i fedeli di Allah a costruire i rinforzi che ne hanno impedito il crollo. Oggi è un museo dove mosaici cristiani e versi del Corano sembrano inseguirsi.
    Perché non pensiamo alla cultura come a quell´edificio dove si intrecciano storie, idee, gusti, identità, sogni, saperi? Perché continuiamo a pensare per linee nette che segnano confini che, spacciati per "naturali", risultano difficili da cancellare? Questi confini esistono realmente o, come ha affermato il viaggiatore norvegese Thor Heyerdhal: «Stanno solo nella mente degli uomiViviamo in mezzo a flussi di persone, idee, merci che si muovono in contesti sempre più svincolati dal territorio, e noi continuiamo a pensare ai territori come agli unici contenitori delle culture, quando non solo il presente, ma anche il passato è stato attraversato da una miriade di persone in movimento. Queste hanno a tal punto mescolato usi, costumi e credenze, che parlare ancora di "etnie" o "culture legate al territorio" ha tanto di arcaico, se non addirittura di artificialmente ideato per marcare il territorio o per giustificare i conflitti scatenati da ragioni difficilmente confessabili come gli interessi economici, o da cose che non vogliamo vedere come la disperazione degli uomini.
    Il nulla pontifica...

    Paolo

  3. #3
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Uhm...può darsi che i celti siano un'invenzione...ma i terroni di merda sono una triste ed attualissima realtà.
    --------------
    The Warrior

  4. #4
    Ospite

    Predefinito

    In origine postato da naglfar
    Uhm...può darsi che i celti siano un'invenzione...ma i terroni di merda sono una triste ed attualissima realtà.
    Da incorniciare.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Eh si cosa vogliono i terroristi palestinesi che difende blob21 se siamo tutti uguali, in fondo non son carne come gli israeliani, hanno lo stesso dio, che egoisti questi palestinesi che vogliono il loro stato.

    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che accozzaglia di contraddizioni!!! Se si parla di global, significa implicitamente accettare l'idea di local, se si dice: "Perché non pensiamo alla cultura come a quell´edificio dove si intrecciano storie, idee, gusti, identità, sogni, saperi?", non si ammette l’esistenza di una molteplicità culturale da esaltare? Che poi a qualcuno piaccia il minestrone multiculturale e a qualcun altro la conservazione della propria identità (diversa dalle altre, unica e irripetibile, non necessariamente superiore) è un altro conto, che nulla ha a che vedere con i Celti (a proposito, un po’ datata la concezione che una comune cultura debba necessariamente essere collegata ad un’unica entità statuale), con le radici cristiane, con Mussolini o la Moratti.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    07 Mar 2004
    Messaggi
    42,452
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Shaytan
    Eh si cosa vogliono i terroristi palestinesi che difende blob21 se siamo tutti uguali, in fondo non son carne come gli israeliani, hanno lo stesso dio, che egoisti questi palestinesi che vogliono il loro stato.

    semmai i palestinesi hanno il diritto a decidere come governarsi.
    un diritto che non è per nulla in contraddizione con la centralità dell' essere umano che a mio parere va estrapolata da questo articolo,ma anzi attiene alla possibilità di ogni individuo di determinare la propria vita personale e sociale.

  8. #8
    Ospite

    Predefinito

    In origine postato da blob21
    semmai i palestinesi hanno il diritto a decidere come governarsi.
    un diritto che non è per nulla in contraddizione con la centralità dell' essere umano che a mio parere va estrapolata da questo articolo,ma anzi attiene alla possibilità di ogni individuo di determinare la propria vita personale e sociale.
    I palestinesi non esistono, cosa vuoi che si governino...

  9. #9
    Tradizion semper Viv !
    Data Registrazione
    24 Jan 2003
    Località
    INSUBRIA
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per correttezza e coerenza.....


    I Celti, alle radici dell'Europa, e dell'Italia:

    Rolando Dubini parte 1°
    Rolando Dubini parte 2°
    Rolando Dubini parte 3°


    Milano: il sacro Nemeton della Grande Madre:

    Andrea Romanazzi


    I Celti:

    Elena Percivaldi

  10. #10
    Forumista storico
    Data Registrazione
    07 Mar 2004
    Messaggi
    42,452
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dal momento che non ho il tempo di rispondere a ciascuno di voi,mi limito a postare la risposta che ho dato a Wotan,nel principale,che è un pò più articolata :

    Mi rendo conto del fatto che questo articolo scardina alcuni dei principali miti delle destre,ovviamente anche quelle italiane,da AN,a Forza Nuova,passando anche per i leghisti anch'essi rappresentanti di un nazionalismo estremo benchè limitato alla sola Italia settentrionale.
    In particolare relativizza proprio l'esaltazione egoistica delle differenze dal momento che puntualmente osserva come il nazionalismo esasperato si sia sempre basato su presupposti artificiosi dietro i quali si celavano evidenti inconfessabili motivazioni e interessi d'altro tipo.
    Il caso padano è esemplare nel senso che per giustificare le rivendicazioni economiche di affrancamento dal Sud,ci si è inventati dal nulla un'entita inesistente.Se già presupporre un'identità italiana è a mio parere una forzatura politica data la complessità storica dell'Italia e delle culture che l'hanno attraversata e considerando che come viene detto nell'articolo forse non esistono popoli ma persone in movimento,nel caso della Padania non esiste neanche un punto di riferimento politico o territoriale(non si capisce quali siano i confini,anche perchè i confini sono sempre un'invenzione umana).Fatto sta che la tua tesi secondo la quale esiste un'identità padana in forza della maggiore similitudine tra un lombardo e un veneto rispetto ad un siciliano è ridicola.Si potrebbe allora dire anche che un lombardo e un veneto sono più simili tra di loro di quanto non lo siano rispetto ad un bolognese.E via dicendo...E' impossibile cioè fare una scaletta delle differenze,è qualcosa di assolutamente forzato....Con questo non voglio negare che esistano differenze culturali o di altro tipo legate al territorio, nè a mio parere vanno annullate.Semplicemente trovo che sia assurdo porle come presupposto politico da cui far discendere le scelte di governo per la comunità,ma soprattutto trovo che sia assurdo e porti ai paradossi di cui sopra,esaltare le differenze se si considera che esse variano in misura maggiore tra una persona e l'altra rispetto a quelle che si riscontrano tra le diverse comunità territoriali.Ma soprattutto se si considera che le somiglianze tra una persona e l'altra sono INFINITAMENTE MAGGIORI delle differenze.Il fatto di discendere dalla stessa specie non è irrilevante,ma soprattutto non è irrilevante,ma anzi fondamentale la considerazione della comune appartenenza alla specie umana.Dell'avere gli stessi affetti,gli stessi bisogni da soddisfare,le stesse sofferenze da patire,vale a dire gli elementi essenziali di ciascuno di noi,ma anche quelli per i quali nasce ciascuna comunità.Per me dunque è sbagliato soprattutto l'approccio tra le culture diverse,perchè invece del confronto reciproco,ci si basa sempre sull'imposizione del proprio modello,proprio perchè si considera le differenze sempre più importanti delle analogie...Ecco perchè reputo fondamentale ad esempio la considerazione della centralità dell'essere umano che sta alla base del movimento umanista di cui peraltro faccio parte...
    L'articolo ci dice che i concetti di etnie,culture legate al territorio etc. sono molto relativi e artificiosi,e da essi discende spesso(nel caso della Lega sicuramente) il razzismo.O viceversa tali teorie servono come fondamento per avallare il razzismo.Come si preferisce.

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Ilva di Taranto, il patron Riva: "I morti di tumore sono un'invenzione"
    Di x_alfo_x nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 26-11-09, 20:08
  2. Scuola:prof.sospeso Per Aver Detto"la Shoah è Una Invenzione"
    Di mazzulatore nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 254
    Ultimo Messaggio: 30-11-08, 17:06
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-02-08, 19:18
  4. Risposte: 115
    Ultimo Messaggio: 01-11-06, 22:22
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-04-05, 19:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226