User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    07 Mar 2004
    Messaggi
    42,452
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sulla delibera della regione Campania..

    SUL CORRIERE DI OGGI E' PUBBLICATA LA LETTERA DELLA BUFFARDI ,ASSESSORE DELLA REGIONE CAMPANIA(DEMOCRATICI DI SINISTRA)E PROMOTRICE DELLA DELIBERA.
    PENSO CHE SIA IMPORTANTE PER CAPIRE IL SENSO DELL'INIZIATIVA.. :

    L’iniziativa di Napoli, le culture, il confronto


    Caro direttore, Le scrivo per tentare di diradare l’atmosfera catastrofica di scontro tra civiltà evocato dall’articolo di Paolo Macry «Il passo sbagliato», pubblicato sul Corriere della Sera del 7 luglio 2004.
    Una prima precisazione. La delibera della Giunta Regionale sul calendario scolastico per il prossimo anno contiene - oltre alla definizione delle date di inizio e fine anno e al richiamo alle festività legalmente riconosciute - la proposta di dedicare uno dei giorni festivi «mobili», assegnati alla gestione dei dirigenti, a ricorrenze di comunità etniche e/o confessioni religiose di componenti studentesche presenti nella scuola. Una proposta quindi che ciascuna comunità scolastica, nella sua autonomia, potrà, condividendola, attuare. A mo’ di esempio sono citati il Capodanno cinese o il giorno finale del Ramadan in ragione della realtà campana che vede largamente presenti nelle scuole figli/e di immigrati cinesi e magrebini. E laddove giorno festivo scolastico significa «non fare lezioni» sia chiudendo la scuola, che festeggiando nella scuola.
    Altra precisazione. Tale proposta si colloca ovviamente in un insieme di politiche di accoglienza e di parità per gli immigrati. Interventi molteplici - realizzati o avviati anche se ancora insufficienti - tesi a migliorare le loro condizioni materiali e il loro inserimento sociale. E sono politiche rese possibili anche da un rapporto positivo con le diverse comunità degli stranieri e dal ruolo propositivo della Consulta Regionale per l’Immigrazione.
    Ultima precisazione. La proposta è parte integrante di una serie di iniziative che abbiamo programmato e in parte attuato nella scuola pubblica in questi anni: dai seminari di formazione per gli insegnanti all’educazione interculturale al sostegno di biblioteche interetniche, dalla promozione di progetti formativi sulla pace e la solidarietà a un Protocollo d’intesa con la Direzione Regionale del Ministero dell’Istruzione per una migliore «integrazione» di bambini e ragazzi stranieri nelle scuole.
    Ora vengo alla questione del rapporto tra culture in relazione sia al fondamentalismo islamico sia alla identità europea, posta da Paolo Macry in modo che non condivido.
    Se infatti è compito della scuola favorire la costruzione consapevole di identità attraverso anche la trasmissione del patrimonio storico culturale del proprio paese, penso però al contrario di Macry che in questo processo tanto più oggi in una fase di globalizzazione sia importante il rapporto con altre culture, storie, tradizioni, religioni e che il compito di una scuola pubblica laica sia anche quello di favorire confronto e scambio.
    Festeggiare il Ramadan o il Capodanno cinese penso sia utile alla crescita consapevole di bambini e di bambine, musulmani o cinesi che vedono così riconosciuta e valorizzata la loro identità o appartenenza d’origine, mentre si formano per diventare cittadini/e italiani/e. Ma serve anche ai nostri e alle nostre ragazze e ragazzi per allargare la loro visione del mondo, per capirne la complessità, per vivere le differenze come ricchezza di tutti.
    Educazione interculturale non significa relativismo culturale ma al contrario dialogo tra culture, riconoscimento e valorizzazione reciproca. E’ anche un contributo decisivo - contro ogni fondamentalismo - alla convivenza paritaria fra diversi in Italia e in Europa, la cui identità, tra l’altro, deve tanto all’apporto di altre culture, da quella musulmana all’orientale. Dovremo imparare da una esperienza esemplare che ci viene da una situazione di estrema lacerazione e sofferenza, quella di otto insegnanti palestinesi e israeliani che hanno insieme scritto, accettando il confronto tra letture diverse e legittimandosi reciprocamente, un libro di testo che si chiama appunto «La storia dell’altro».

    Adriana Buffardi Assessore regionale all’Istruzione e Politiche giovanili

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Erwann
    Ospite

    Predefinito Re: Sulla delibera della regione Campania..

    In origine postato da blob21






    Ma preoccupatevi di come smaltire la spazzatura, che non avete da insegnare niente a nessuno...

 

 

Discussioni Simili

  1. I pendolari d'oro della Regione Campania
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18-11-08, 15:07
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-08-08, 17:45
  3. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 29-01-08, 22:14
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-05-06, 13:11
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-06-05, 23:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226