Roma, 19 lug 2004 - 08:19

Governo, oggi la decisione di Bossi

E' stata rinviata ad oggi la decisione sul futuro politico di Umberto Bossi. Il leader della Lega deve scegliere se mantenere il posto nel governo e la poltrona di ministro per le riforme oppure optare per il Parlamento Europeo. La serie di incontri avuti ieri nell'ospedale di Lugano dove si trova ricoverato per problemi di salute non ha partorito la decisione che tiene in bilico il Governo.

Sembra che Bossi voglia aspettare il Consiglio federale in programma oggi e far decidere all'organo della Lega quale strategia adottare. Dopo la visita di sabato sera del premier Silvio Berlusconi e dell'ex ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, dopo l'invito a non abbandonare, Bossi si è preso ventiquattr'ore di tempo per decidere. Ma l'incontro a Lugano, cui hanno partecipato diversi esponenti della Lega (Calderoli, Maroni, Castelli, Giorgetti), non ha dato la tanto attesa fumata bianca.

Nella stanza dell'ospedale ticinese c'è stata un'anticipazione del Consiglio federale di questa mattina. Anzi, si sono messe le basi su decisioni che il parlamentino leghista dovrà prendere nella sede storica di via Bellerio. Due ore di incontro nel corso delle quali i pro e i contro di una scelta che non può non avere riflessi politici sono stati sicuramente messi sul tappeto.

Alla fine i protagonisti di questo strano vertice sono usciti alla spicciolata: dapprima Giampaolo Gobbo, poi il Guardasigilli Castelli, poi Roberto Calderoli, che ha concesso poche battute: "la decisione domani (oggi, ndr)". Qual è l'orientamento? "Ci sta pensando".