User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Liberale
    Ospite

    Predefinito Il Medioevo Fu Libertario?

    IL MEDIOEVO FU LIBERTARIO?
    E' iniziato il dibattito
    La pubblicazione, da parte dell'editore Leonardo Facco di Treviglio, del libro di Guglielmo Piombini Prima dello Stato. Il Medioevo delle libertà ha dato il via ad un dibattito: davvero i libertari e i liberali devono guardare ai cosiddetti "secoli bui" come ad un periodo di libertà, non essendo ancora sorto il Leviatano di Hobbes, quello Stato moderno centralizzato e burocratizzato che, passo dopo passo, porterà l'umanità verso gli orrori del totalitarismo e delle guerre totali?
    Di questa opinione sono anche Carlo Lottieri e Marco Respinti, autori di due brillanti commenti finali al testo di Piombini. Sostanzialmente d'accordo ma con qualche riserva è invece il prof. Raimondo Cubeddu, mentre in radicale disaccordo si dichiara lo studioso Pietro Adamo, per il quale la mancanza dello Stato non impediva che nel Medioevo esistessero forme diverse di dominio.

    Il dibattito è proseguito sulle pagine dei giornali e su internet.

    Il prof. Claudio Risè, su Il Giornale del 24 giugno 2004, ha scritto una brillante recensione, in linea con le tesi del libro:

    LA LUCE DELLA CIVILTA'? FU QUELLA DEI "SECOLI BUI"

    Il Medio Evo tempo di "secoli bui"? Già la scuola degli Annales, guidata da Fernand Braudel aveva dimostrato l'infondatezza di questa leggenda, ingenerosa verso un'epoca in cui affondano le radici delle nostre pratiche più creative. Fu in quel "buio" che nacquero, tra l'altro, ricorda lo storico dell'economia David Landes, "la ruota idraulica, la rivoluzione nei metodi di coltivazione, le nuove tecniche di lavorazione del ferro, il libro, la stampa, la polvere da sparo, gli occhiali, l'orologio meccanico, il sapone, l'alcool, la notazione musicale, la ragioneria, la partita doppia e le nuove pratiche commerciali, le tecniche di conservazione del cibo. le cattedrali, le università, gli ospedali".

    In questo libro, però, Guglielmo Piombini riprende i punti più caldi dell'"affaire" medioevale, in aperta polemica con lo Stato moderno, visto come lo strumento di un processo autoritario, che ha gradualmente sepolto la libera creatività medioevale (organizzata in accordi spontaneamente stabiliti all'interno delle diverse comunità), sotto la burocrazia giudiziaria moderna, con le sue innumerevoli leggi e regolamenti, che entrano fino negli aspetti più intimi della vita umana.

    E qui il provocatorio testo di Piombini ha dalla sua, oltre che gli Annales, anche molti lavori di Michel Foucault. Ma fino a quando certe verità scomode le dicono i Grandi Maestri, li si lascia dire, li si omaggia, e poi si vota e si venera chi fa il contrario. Quando invece le stesse cose, con acuti approfondimenti e nuove inquadrature, le dice un eterodosso "paleolibertario" come Piombini, allora bisogna organizzare un'accurata congiura del silenzio, perché meno gente possibile "venga a sapere" come realmente stanno le cose.

    Ed è proprio per questo che noi, invece, ci occupiamo di questo libro coraggioso. Perché, ad esempio, il numero più ampio possibile di persone rifletta su affermazioni come questa: "Se l'organizzazione sociale medioevale ha portato l'Europa dalla barbarie al primato mondiale in poco più di un millennio, sotto l'egida del moderno Stato socialdemocratico, il tramonto della civiltà europea si compirà in tempi molto più brevi". E qui Piombini cita Ortega, e il suo commento sul ricorso dei romani ai barbari per tenere in piedi le fatiscenti strutture imperiali, come facciamo noi oggi con gli extracomunitari, chiamati a reggere i costi dei nostri Stati. Oppure paragona la centralizzazione dell'Unione Europea a quella romana del basso Impero, con suoi costi, le sue ridicole inefficienze, e il suo inevitabile schiacciamento delle libertà.

    Il libro di Piombini è accompagnato da quattro commenti critici di autorevoli accademici: Pietro Adamo, Raimondo Cubeddu, Carlo Lottieri,e Marco Respinti. Quest'ultimo presenta la sua (convincente) tesi di un mondo anglosassone tuttora molto più impregnato di Medio Evo di quanto sia l'Europa continentale e meridionale, dove tutto è stato spazzato via dall'Illuminismo e dai codici di Napoleone.


    fonte:www.libreriadelponte.com

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Proprio l'altro giorno ho discusso sul forum dei radicali.it sul fatto se il Medioevo fosse da considerarsi "anarchico".

    Dal momento che si trattava di un attacco alle mie teorie anarco-capitaliste ho espresso i miei dubbi...

    A fronte di questa analisi dell'anarco-capitalista Piombini devo dire che comunque mi restano molti dubbi... gli stessi che esprime Pietro Adamo.

    Però ritengo che sia sbagliatissimo interpretare il medioevo, in maniera "monolitica".
    Probabilmente alcune ristrette aree marginali dell'Europa vissero una felice era nella quale non vi furono esagerate forme di sfruttamento.

    In particolare, ad esempio, il periodo post bizantino dei giudicati in Sardegna, visse dei periodi e curiosi episodi di "Stato minimo" se non proprio di "anarchia agropastorale".
    Non ricordo più quale "Giudice" (governatore del Giudicato di Arborea) si mise in concorrenza alla fine del 1300 con i dominatori Spagnoli (che non dominavano ancora tutta la Sardegna) abolendo le tasse. Cosicchè i proprietari dei territori confinanti occupati dagli Spagnoli, cercarono di passare sotto il Giudicato di Arborea.

  3. #3
    Ospite

    Predefinito

    Mi sembra un'ipotesi azzardata se consideriamo che l'economia dell'alto medioevo si basava sul feudalesimo e che quelle del basso medioevo sulle corporazioni comunali , almeno qui da noi in Italia.

  4. #4
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Proprio azzardata forse no, ho saputo che lo stesso Grande David Friedmann di recente ha condotto una analisi sulla società islandese medievale, però appunto sono considerazioni applicabili limitatamente su tempi circoscritti ed in aree marginali.
    Basterebbe ricordare, ai "Lokiani" come lo stesso Piombini, che la teoria sul diritto di Natura nasce proprio in contrapposizione al feudalesimo.

  5. #5
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    l' alto medievo pre-franco si dopo no...

  6. #6
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ma nemmeno!
    Al limite, come detto, su può trovare qualche landa magrinale, qualche isola felice, dove per qualche brevissimo periodo, per puro caso, si può essere verificata qualche situazione strana... non lo nego!

    Il problema è che questi discorsi, sono sporchi e puzzano di pappette politiche ad uso e consumo nostrano contingente.
    CHE SCHIFO!

 

 

Discussioni Simili

  1. Capitalismo da Medioevo
    Di okter nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-07-10, 20:35
  2. ITALIA E MEDIOEVO
    Di occidentale nel forum Patria Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-05-10, 23:15
  3. Il Dittarore Libertario”: Il “Libertario” Rawls
    Di Domenico Letizia nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27-01-10, 00:09
  4. Medioevo messicano.
    Di bsiviglia nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 02-05-07, 18:09
  5. Un Medioevo diverso, un Medioevo di pace
    Di Davide (POL) nel forum Storia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-10-03, 17:29

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226