User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: La zampata di Umberto

  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito La zampata di Umberto

    è un articolo dal gazzettino di oggi, è un pò lungo, ma degno di essere letto....lo posto anche per tenerlo in archivio su questo forum...

    Martedì, 20 Luglio 2004




    COSA NASCONDE IL FORFEIT DEL LEADER
    LA ZAMPATA DI UMBERTO
    di LUIGI BACIALLI

    Dal suo letto d'ospedale Umberto Bossi, soprannominato, non dal Conte Nuvoletti ma da un volgare ex dc, "il Cafone in canottiera", ha dato una lezione di stile e dignità ai suoi riottosi alleati. Con un senso di responsabilità oggi più forte e tangibile alla Bocciofila pensionati di Portogruaro che all'interno della Cdl o dell'Ulivo, il Senatùr si è dimesso da ministro delle Riforme e da parlamentare, optando per il seggio di Strasburgo.
    Personalmente non credo si sia trattato, come dicono i dietrologi, di una scelta politica fredda e precisa, ma della certo sofferta scelta di un uomo «schiacciato dal dolore», consapevole dei propri attuali e futuri limiti e disgustato, soprattutto, da ciò che, una volta uscito dal coma, gli è toccato di vedere e di ascoltare in queste ultime settimane di tregenda. Leghisti "fidati" che, approfittando dell'assenza del capo, hanno sgomitato come matti per accreditarsi come suoi probabili successori; altri intenti a farsi vicendevolmente le scarpe con più modeste aspirazioni; per non parlare degli amici carissimi che dopo aver frequentato il salotto di casa del potente di turno, caduto il potente si dileguano (come potè amaramente constatare, tanto per fare un esempio,l'ex Presidente della Repubblica Antonio Segni dopo l'ictus che lo costrinse a lasciare il Quirinale nell'ormai lontano '63).

    Cose note, figuriamoci, in un ambientino in cui, appena schivato un coltello devi aspettarti, così ammoniva serio serio l'Umberto, un uccello padùlo. Però allo sbraco, egli deve aver pensato, c'è un limite. Mastella che si esibisce a pernacchi o Pecoraro Scanio che dà lezioni di politica estera sono traumi sopportabili. Passi pure l'ostico Follini che, in un raptus di megalomania, detta al Premier condizioni capestro e chiede che all'Udc venga assegnata qualche poltrona in più. Ma assistere all'assalto portato dai centristi Baccini, Lombardo e da altri carneadi al Federalismo mentre te ne stai lì pieno di flebo in terapia intensiva è davvero troppo, persino per chi, con anni e anni di politica on the road e avendone già viste di cotte e di crude, ha la pelle non dura ma durissima. Tuttavia quella di Bossi non è una resa ma una zampata.

    Pochi giorni dopo il suo ricovero scrissi un commento intitolato "Il lungo sonno del Senàtur". In effetti il leader del Carroccio ha dormito parecchio, ma meno a lungo e meno profondamente di quanto molti avessero, per mero opportunismo, sperato. An e Udc hanno fatto in tempo a far saltare Tremonti, ma poi, dicono i bene informati, il Malato Padano, tra un ospedale e l'altro, ha ripreso in mano il pallino e si è messo a ridare le carte.

    Alla fine del gioco, come si è visto, Fini e Follini, che hanno brigato e tramato per settimane e settimane pur di conquistarsi uno spazio al sole, se ne sono dovuti tornare a casa con le pive nel sacco. Ed è probabile che sia stato Bossi a suggerire a Berlusconi una cura per i traditori del centrodestra: fare ingoiare qualche rospo a chi mostrava, dopo aver chiesto e ottenuto la testa del ministro dell'Economia, troppa fame di potere e uno scarso senso della misura. Così, tanto tuonò che non piovve: al posto di Tremonti è stato messo il direttore del Tesoro Siniscalco, ovvero la fotocopia del giubilato. E Follini, che aveva grandi ambizioni, ha rimediato con un "gran rifiuto" a una fregatura, perché nella migliore delle ipotesi sarebbe finito in qualche ministero di poco conto, come un cocchiere seduto su un cocchio privo di cavalli.

    Bossi avrebbe potuto restare ministro per le Riforme sino all'ultimo giorno di vita del governo Berlusconi. Ma l'uomo, che è limpido come l'acqua e anche molto vendicativo, ha preso due piccioni con una fava. Con la mossa delle dimissioni da un lato si è sfilato da un governo che comunque, per coerenza e spirito di corpo, non intende far cadere; in fondo cinque anni "tranquilli" in Europa, per chiunque si trovi nelle sue condizioni, sono una migliore prospettiva di un disagevole rientro nei meandri della "Roma ladrona".


    Dall'altro ha sostituito un ministro delle Riforme, strano ma vero, lento, riflessivo e accomodante con quello che sarà sicuramente un ministro difficile, intransigente e fastidioso. E qui, se è vero che l'asse Berlusconi-Bossi è uscito intatto dalla buriana della verifica, chi si occuperà un domani degli scampoli della Devolution non potrà che essere gradito a Bossi: il "falco" Calderoli, vicepresidente del Senato e uno dei saggi di Lorenzago, lo stesso Tremonti, o qualche altra spina nel fianco.

    Ovviamente Bossi dà forfait in cambio di un "suo" ministro, ché se avesse fiutato un centrista (lui li chiama baciapile)in pectore o un uomo di An (lui li chiama fascisti) sarebbe rimasto dov'era, rigido come un paracarro.Per Berlusconi è, tra tutte, la soluzione migliore; una passeggiata rispetto al calvario che lo attende nei prossimi giorni. Il suo governo, grazie anche ai troppi che remano contro, è alle corde. E tra tanto sfacelo il centrosinistra ha buon gioco nel gridare al Re Travicello per chiedere le dimissioni e le elezioni anticipate. Il guaio è che, comunque vada, crisi o non crisi, l'Italia è destinata a passare da una padella a un'altra padella, se non addirittura, e basta guardare i volti torvi e inespressivi dei Diliberto e dei Rizzo per sospettarlo, da una padella alla brace.

    Luigi Bacialli

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    The Kount
    Ospite

    Predefinito

    e se lo dise Bacialli che xe tutto tranne che leghista...vol dire che xe vero!!

  3. #3
    Sposo di Teodolinda
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria: futura terra deislaminizzata
    Messaggi
    1,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono d'accordo con l'analisi di Bacialli che dimostra, tra le altre cose, la levatura politica di bossi, l'unico vero statista dell'ultimo ventennio. Però dimostra anche che senza di lui la Lega è praticamente finita.

  4. #4
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Autari
    Però dimostra anche che senza di lui la Lega è praticamente finita.

    dipenderà anche da noi se questo succede

  5. #5
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Brava pensiero.La politica dei polpastrelli non ha un futuro.
    Io non mi lamento più di tanto perchè non avendone mai fatta (la detesto e quindi non la capisco molto) non posso lagnarmi.

    Bossi è davvero un gigante della politica.


    Gli altri sono delle nullità.

  6. #6
    Sposo di Teodolinda
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria: futura terra deislaminizzata
    Messaggi
    1,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da pensiero
    dipenderà anche da noi se questo succede
    Cioè?

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    402 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: La zampata di Umberto

    In origine postato da pensiero
    è un articolo dal gazzettino di oggi, è un pò lungo, ma degno di essere letto....lo posto anche per tenerlo in archivio su questo forum...

    Martedì, 20 Luglio 2004




    COSA NASCONDE IL FORFEIT DEL LEADER
    LA ZAMPATA DI UMBERTO
    di LUIGI BACIALLI

    Dal suo letto d'ospedale Umberto Bossi, soprannominato, non dal Conte Nuvoletti ma da un volgare ex dc, "il Cafone in canottiera", ha dato una lezione di stile e dignità ai suoi riottosi alleati. Con un senso di responsabilità oggi più forte e tangibile alla Bocciofila pensionati di Portogruaro che all'interno della Cdl o dell'Ulivo, il Senatùr si è dimesso da ministro delle Riforme e da parlamentare, optando per il seggio di Strasburgo.
    Personalmente non credo si sia trattato, come dicono i dietrologi, di una scelta politica fredda e precisa, ma della certo sofferta scelta di un uomo «schiacciato dal dolore», consapevole dei propri attuali e futuri limiti e disgustato, soprattutto, da ciò che, una volta uscito dal coma, gli è toccato di vedere e di ascoltare in queste ultime settimane di tregenda. Leghisti "fidati" che, approfittando dell'assenza del capo, hanno sgomitato come matti per accreditarsi come suoi probabili successori; altri intenti a farsi vicendevolmente le scarpe con più modeste aspirazioni; per non parlare degli amici carissimi che dopo aver frequentato il salotto di casa del potente di turno, caduto il potente si dileguano (come potè amaramente constatare, tanto per fare un esempio,l'ex Presidente della Repubblica Antonio Segni dopo l'ictus che lo costrinse a lasciare il Quirinale nell'ormai lontano '63).

    Cose note, figuriamoci, in un ambientino in cui, appena schivato un coltello devi aspettarti, così ammoniva serio serio l'Umberto, un uccello padùlo. Però allo sbraco, egli deve aver pensato, c'è un limite. Mastella che si esibisce a pernacchi o Pecoraro Scanio che dà lezioni di politica estera sono traumi sopportabili. Passi pure l'ostico Follini che, in un raptus di megalomania, detta al Premier condizioni capestro e chiede che all'Udc venga assegnata qualche poltrona in più. Ma assistere all'assalto portato dai centristi Baccini, Lombardo e da altri carneadi al Federalismo mentre te ne stai lì pieno di flebo in terapia intensiva è davvero troppo, persino per chi, con anni e anni di politica on the road e avendone già viste di cotte e di crude, ha la pelle non dura ma durissima. Tuttavia quella di Bossi non è una resa ma una zampata.

    Pochi giorni dopo il suo ricovero scrissi un commento intitolato "Il lungo sonno del Senàtur". In effetti il leader del Carroccio ha dormito parecchio, ma meno a lungo e meno profondamente di quanto molti avessero, per mero opportunismo, sperato. An e Udc hanno fatto in tempo a far saltare Tremonti, ma poi, dicono i bene informati, il Malato Padano, tra un ospedale e l'altro, ha ripreso in mano il pallino e si è messo a ridare le carte.

    Alla fine del gioco, come si è visto, Fini e Follini, che hanno brigato e tramato per settimane e settimane pur di conquistarsi uno spazio al sole, se ne sono dovuti tornare a casa con le pive nel sacco. Ed è probabile che sia stato Bossi a suggerire a Berlusconi una cura per i traditori del centrodestra: fare ingoiare qualche rospo a chi mostrava, dopo aver chiesto e ottenuto la testa del ministro dell'Economia, troppa fame di potere e uno scarso senso della misura. Così, tanto tuonò che non piovve: al posto di Tremonti è stato messo il direttore del Tesoro Siniscalco, ovvero la fotocopia del giubilato. E Follini, che aveva grandi ambizioni, ha rimediato con un "gran rifiuto" a una fregatura, perché nella migliore delle ipotesi sarebbe finito in qualche ministero di poco conto, come un cocchiere seduto su un cocchio privo di cavalli.

    Bossi avrebbe potuto restare ministro per le Riforme sino all'ultimo giorno di vita del governo Berlusconi. Ma l'uomo, che è limpido come l'acqua e anche molto vendicativo, ha preso due piccioni con una fava. Con la mossa delle dimissioni da un lato si è sfilato da un governo che comunque, per coerenza e spirito di corpo, non intende far cadere; in fondo cinque anni "tranquilli" in Europa, per chiunque si trovi nelle sue condizioni, sono una migliore prospettiva di un disagevole rientro nei meandri della "Roma ladrona".


    Dall'altro ha sostituito un ministro delle Riforme, strano ma vero, lento, riflessivo e accomodante con quello che sarà sicuramente un ministro difficile, intransigente e fastidioso. E qui, se è vero che l'asse Berlusconi-Bossi è uscito intatto dalla buriana della verifica, chi si occuperà un domani degli scampoli della Devolution non potrà che essere gradito a Bossi: il "falco" Calderoli, vicepresidente del Senato e uno dei saggi di Lorenzago, lo stesso Tremonti, o qualche altra spina nel fianco.

    Ovviamente Bossi dà forfait in cambio di un "suo" ministro, ché se avesse fiutato un centrista (lui li chiama baciapile)in pectore o un uomo di An (lui li chiama fascisti) sarebbe rimasto dov'era, rigido come un paracarro.Per Berlusconi è, tra tutte, la soluzione migliore; una passeggiata rispetto al calvario che lo attende nei prossimi giorni. Il suo governo, grazie anche ai troppi che remano contro, è alle corde. E tra tanto sfacelo il centrosinistra ha buon gioco nel gridare al Re Travicello per chiedere le dimissioni e le elezioni anticipate. Il guaio è che, comunque vada, crisi o non crisi, l'Italia è destinata a passare da una padella a un'altra padella, se non addirittura, e basta guardare i volti torvi e inespressivi dei Diliberto e dei Rizzo per sospettarlo, da una padella alla brace.

    Luigi Bacialli

    *** "volgare ex dc" vorrai dire un ladro?

    -N-

 

 

Discussioni Simili

  1. L'ultima zampata di Zapatero
    Di zwirner nel forum Politica Europea
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 17-06-11, 21:12
  2. Tentare la Zampata o aspettare cinicamente la distruzione del Paese ?
    Di Il Condor nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 20-04-06, 02:51
  3. La zampata del fuoriclasse: il programma del CDX
    Di O B H nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 25-02-06, 19:22
  4. UMBERTO II e il Sud
    Di Fante d'Italia nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-10-04, 15:28
  5. La zampata di Umberto
    Di pensiero nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 22-07-04, 17:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226