User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Perfino la Francia

  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Perfino la Francia

    che è lo stato più centralista in assoluto....

    Corriere della Sera, 21/07/2004

    di Nava Massimo

    All’Assemblea Nazionale la riforma del settore pubblico

    «Stato francese in crisi Addio al centralismo»

    Il ministro Dutreil: «Meno personale, stessi servizi»

    PARIGI - Quante volte ci lamentiamo del nostro Stato inefficiente e sprecone? E quante volte abbiamo invidiato il modello francese, quello «che funziona» e che rende servizi ottimali, dai supertreni veloci alla posta puntuale, dagli ospedali alla funzione pubblica formata all' Ena , la grande scuola d'amministrazione? Proprio la Francia, tradizionalmente orgogliosa, fa una diagnosi spietata, che contraddice in parte i luoghi comuni: lo Stato centralista, ereditato da Napoleone, perde colpi, non è più adeguato a una società che invoca partecipazione e decentramento, costa troppo, tanto da aver stravolto i principi per cui era concepito. E' sempre meno uno Stato che investe e sempre più uno Stato che gestisce. Con l'acqua alla gola, assediato da resistenze corporative che si scontrano con propositi di riforma e malcontento dei cittadini, che vorrebbero pagare meno tasse mantenendo le garanzie dello Stato protettore, del «socialismo» realizzato in democrazia, caro ovviamente alla gauche ma anche alla tradizione gollista. Lo scontro è arrivato proprio in queste ore all'Assemblea nazionale, dove il governo vorrebbe imporre il voto di fiducia sul capitolo del decentramento.

    Un rompicapo su cui si è lanciato un giovane ministro di prima nomina, Renaud Dutreil, 44 anni, giurista, vicino ai centristi dell'Udf, gli alleati scomodi di Chirac. Si occupa del dicastero della Funzione pubblica e della Riforma dello Stato. «L'obiettivo è fare in pochi mesi quello che non si è riusciti a fare in tanti anni di dibattiti. Ci muoviamo su tre direttrici : il decentramento a regioni e dipartimenti, la ripartizione di risorse anche a livello locale, la gestione delle risorse umane, secondo criteri di produttività e meritocrazia analoghi al settore privato. Napoleone ci ha lasciato in eredità una struttura piramidale a immagine della struttura militare e anche un corporativismo medievale, con un migliaio di vere e proprie corporazioni, ciascuna con proprie regole, carriere, funzioni, stipendi. Si rischia la necrosi. Oggi è impossibile spostare un impiegato da un ministero all'altro o anche all'interno di uno stesso ministero».

    Le corporazioni sono anche potentissime, come i sindacati. In Francia si discute ancora di servizio minimo e della retribuzione dello sciopero.
    «Al servizio minimo ci stiamo arrivando anche nei trasporti. Le giornate di sciopero non saranno più pagate. E infatti ci sono meno scioperi. Ma il problema è come ridurre i costi. Lo Stato francese significa quasi cinque milioni di addetti, un quinto della forza lavoro del Paese, il più alto rapporto di insegnanti per allievo in Europa (oltre un milione), quasi il 46 per cento del prodotto interno lordo. La scommessa è come ridurre il personale, garantendo servizi laddove la domanda sociale è in crescita: istruzione, ricerca, sanità, sicurezza, giustizia»

    E come pensate di vincerla?
    «Già nel 2003 sono stati soppressi centomila posti. Entro il 2005, 65 mila funzionari andranno in pensione e almeno diecimila non verranno sostituiti. Altri risparmi verranno ottenuti con il taglio della spesa corrente, riduzione di sprechi, privatizzazione di servizi, vendita del patrimonio immobiliare. Lo Stato francese possiede 40 milioni di metri quadri, quasi un metro per cittadino. Molti ministeri sono alloggiati in palazzi di pregio nei centri storici, nobili, bellissimi, ma inefficienti e costosi».

    In che modo pensate di aumentare la produttività?
    «Introducendo criteri di meritocrazia. Abbiamo cominciato con le direzioni generali, con premi di efficienza fino al 20 per cento della retribuzione. Abbiamo introdotto il merito per équipe, legato ai risultati, per esempio nella polizia. Vorremmo anche modificare i criteri di reclutamento. In Francia, l'impiego fisso è talmente ambito che, pur di averlo, molti laureati accettano un lavoro inferiore alle loro competenze. Quindi meno interessante e frustrante. Da un lato abbiamo meno efficienza, dall'altro un senso di appartenenza che fa escludere strati sociali più deboli. Lo Stato deve favorire l'integrazione, reclutare e qualificare anche giovani non diplomati».

    In pratica, la riforma sembra mettere in discussione anche un caposaldo del sistema francese: la «casta« dei funzionari e degli alti dirigenti pubblici, i cosiddetti «enarchi» usciti dalle grandi scuole d'amministrazione, spesso prestata alla politica e alla grande industria, pubblica o privata.
    «I tempi sono cambiati. I migliori laureati oggi scelgono le businnes schools , internazionali o francesi. L' Ena è stata trasferita a Strasburgo e la sede di rue dell'Université è in vendita. La mia ambizione è realizzare una specie di Harvard europea della funzione pubblica, che soddisfi anche la nostalgia dello Stato investitore per grandi progetti, come l'aveva immaginato de Gaulle e come è oggi quello americano. C'è bisogno di "manager globali" che spezzino la spirale della conservazione».

    D'altra parte, ogni volta che si parla di riforma dello Stato i francesi, sia come cittadini, sia come dipendenti pubblici, protestano.
    «I francesi sono orgogliosi del loro Stato. Lo sono quelli che ci lavorano e i cittadini che ne ricevono mediamente buoni servizi. Il cerchio dell'immobilismo si chiude se si considera che molti cittadini sono anche funzionari. Purtroppo la ricchezza nazionale e l'equilibrio demografico non sono più compatibili con i costi. Per questo il governo è impegnato nella riforma delle pensioni e della spesa sanitaria e vuole riformare lo Stato. Dobbiamo scegliere fra la paura dei tagli della spesa e il maggior pericolo della degradazione dei servizi».

    Il ministro si congeda con un omaggio all'Italia. «Il nostro riferimento per la funzione pubblica è la riforma Bassanini. Chapeau!!».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Il ministro si congeda con un omaggio all'Italia. «Il nostro riferimento per la funzione pubblica è la riforma Bassanini. Chapeau!!».


    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  3. #3
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Iunthanaka
    c'è niente da ridere....Bassanini le competenze le ha passate più di questi che non vogliono passare un cazzo....è che non ha dato i danè.....

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tornando al tema, a me sembra che la proposta francese contenga elementi validi (fondi e poteri alle Regioni, possibilita' di carriere trasversali nella pubblica amministrazione), qualcosa di dubbio ("spezzare" il legame con le grandi scuole: in linea di principio e' giusto, ma cosa ci mettono al loro posto? Le "Business Schools", insomma l' Universita' privata. Se non e' zuppa, e' pan bagnato, solo in salsa anglo-sassone).
    Anche qualcosa di pericolosissimo: l' aziendalizzazione delle istituzioni pubbliche e la "meritocrazia". Questa non e' legata alla formula "piu' meriti, piu' paga", che condividerei, ma addirittura al posto di lavoro di per se stesso, quindi l' estensione del precariato.
    Risultato: i francesi faranno meno figli perche' saranno meno sicuri del loro futuro e a ripopolare la Grande Nation ci penseranno i Binghi-Bonghi.

 

 

Discussioni Simili

  1. Fanno perfino tenerezza
    Di cireno nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-11-13, 15:46
  2. perfino in Romania si vergognano di..........
    Di tucidide nel forum Politica Estera
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-10-07, 03:57
  3. Perfino Sirchia non è d'accordo!!!
    Di Claude nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-10-02, 01:34
  4. Perfino le elezioni di miss padanistan!!! :)
    Di Orazio Coclite nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 25-05-02, 21:46
  5. Perfino al TG4 hanno scioperato
    Di yurj nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 17-04-02, 00:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226