LOMBARDIA, cuntom sù
di Marco Candiani

Sòtta l'ultim moron,
settaa-giò sòtt on ciel
inscì bell quando l'è bell,
voeuri stà un poo con tì,
Lombardia che gh'hoo in di mè venn.
Parlemm de l'acqua ciara, di lòdol,
del formen che tribbiaven su l'era
e de l'uga schisciada coi pee.
Parlemm sòttvos, mì e tì,
dei nòst vecc col vestii de fustagn,
la beretta, i barbis,
e di vòlt mezz toscan.
Parlem di nòst tosann
coi spaditt argentaa
infilzà in di cavei.
Me piasaria sentì ancamò el savor
di minester con dent
'na pestada de lard
oò el profumm de la polenta che nega
in la tazza de latt.
Voeuri sentì in del sògn
la vos de la mia nònna
che cont i man in cros la me insegnava:
"O Gesù d'amor acces
mi t'avessi mai offes...."
E prima an'mò de mì,
lee la boralava via stracca mòrta
cont i penser mondaa...
....'me capitava a tucc, in Lombardia..


Preghiera disperata” alla Madonnina del Duomo
di Ada Lauzi

L’è ‘na preghiera fada in milanes
con umiltà, fervor, senza pretes:
te preghi madonnina, per on’ora
fa ritornà Milan ‘me l’era allora...
e, per quell’ora, famm vedè i navilli,
i bei tosann coi sòcch fin’ai cavilli,
i “Gigi” con la gnaccia e intorna i fioeu
e sentì anmò el cantà di barchiroeu,
el vosattà di dònn in sul Verzee
e quell del Vicolin di lavandee!
O Madonnina, famm ‘sta carità.
per on’oretta sola famm tornà
ne la Milan di brumm e di cavai
quand sòtta Tì giugavom num bagaj,
e Te parevet alta in Paradis
coi gulli intorna, bianch come benis,
famm rivedè ‘ncamò i spazzacamin
con tutta la carisna sul faccin...
...el soo...l’è ‘na preghiera disperada...
d’on coeur che ne pò pù de sta bugada...
ma...quand de damm a trà Te avree decis...
famm sarà i oeucc...e derva el Paradis.