User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Il patriottico borseggio -- di Gilberto Oneto

    Se questo fosse un Paese libero, ogni comunità (piccola o grande) disporrebbe delle proprie risorse in maniera del tutto autonoma e responsabile in funzione del sacrosanto principio di sussidiarietà, assieme all’altrettanto sacrosanto diritto di affrontare le proprie esigenze sulla base di libere determinazioni.
    Invece questo non è un Paese libero, e uno Stato centrale, esoso e prepotente (allo stesso tempo fascista e comunista, perché giacobino) si porta via tutte le risorse sulla base di decisioni prese non da chi le risorse le produce ma da chi si è arrogato il privilegio di gestirle. Poi, in base a criteri e decisioni presi in cima alla piramide, distribuisce le risorse a chi secondo lui ne ha più bisogno o a chi può garantire in cambio fedeltà, tranquillità e complicità nella gestione centralistica del potere.
    Così succede che un certo numero di comunità locali (di solito concentrate in talune parti geografiche) ricevono nella ridistribuzione una porzione ridicola di quello che hanno dato, e che altre comunità ricevano invece molto di più di quello che hanno prodotto. La somma algebrica del dare e dell’avere riferita all’intero territorio repubblicano non è neppure zero: quello che ricevono in più i beneficiati non è infatti uguale a quello che ricevono in meno gli sfruttati. L’intero processo ha infatti costi che per carità di patria chiameremo “di gestione” che sono esosissimi: nel rigiro della raccolta e della distribuzione sparisce una bella fetta del raccolto che non passa dagli involontari benefattori ai cosiddetti bisognosi ma che serve a tenere in piedi l’intera struttura dell’estorsione, della contabilità e della concessione delle elemosine. Si tratta di una patriottica perequazione o - per usare un termine molto di moda - di solidarietà di cui non beneficiano tanto e solo quelli cui sarebbe diretta quanto quelli che la gestiscono. Ci sono in questa Repubblica milioni di pubblici funzionari che vivono più o meno munificamente grazie al passaggio di risorse, e che non producono ricchezza ma che trattengono un po’ (sic) di quella che gestiscono. Ci sono in questa Repubblica molte migliaia di politici che vivono molto gagliardamente grazie al business della ridistribuzione delle ricchezze. Si tratta di consorterie che il professor Miglio chiamava di “pidocchi” perché come i pidocchi prosperano parassitariamente alle spalle di un organismo che vive e produce risorse.
    In un Paese libero una comunità locale che ha bisogno - per fare un esempio qualsiasi - di una palestra chiede ai suoi cittadini se siano disposti a contribuire di tasca loro alla necessità: se non sono in grado di farlo autonomamente ricorrono a prestiti e finanziamenti (cui dovranno fare fronte) oppure - se ritengono di averne diritto o che l’opera sia di interesse relativo a un più alto grado di sussidiarietà - chiedono aiuto al livello amministrativo superiore. Questo risponderà seguendo analoghi criteri di efficienza e di democrazia.
    In un Paese che non è libero, chi ha bisogno della palestra si deve presentare, con il cappello in mano, dalle “superiori autorità” a elemosinare i soldi per costruirla. Si verificano così alcune condizioni ineliminabili: 1) L’umiliazione di dover supplicare la restituzione di parte di quello di cui si è stati rapinati; 2) L’immoralità di dovere negoziare tale restituzione sulla base di favori politici e contiguità ambigue; 3) La concessione del finanziamento sulla base di interessi che esulano dalle condizioni locali; 4) La sottrazione e la riconcessione delle risorse assumono in talune parti geografiche i connotati di vera e propria oppressione etnica e politica; 5) La concessione di finanziamenti è subordinata anche ad alcune “prebende” di cui beneficia la struttura burocratica e oppressiva dello Stato. Così, se si vuole costruire la palestra, si devono pietire i quattrini, si devono accettare disposizioni di legge che favoriscono appalti a imprese provenienti da chissà dove, si deve affidare la progettazione a tecnici ammanicati e in grado di ottenere tutti i timbri necessari, si devono rispettare tonnellate di norme scritte da chissà chi sulla base di criteri esoterici; si devono elemosinare le autorizzazioni a enti centralisti che nulla hanno a che vedere con il territorio. Così succede che la palestra riceverà un finanziamento che non è commisurato alle reali necessità locali (a volte si fanno addirittura opere poco utili o addirittura inutili pur di “non perdere il finanziamento”), che verrà progettata da un tecnico di regime (spesso ultroneo) con modalità poco identitarie, che sarà controllata da uffici attenti più alle verifiche formali e burocratiche che non a quelle funzionali, che sarà costruita da imprese provenienti da terre lontane che si sono inventate ribassi improponibili e che a volte spariscono dopo avere incassato il primo acconto. Alla fine una comunità che ha versato alle esose tasche del Fisco centrale delle somme enormi si ritroverà un’opera inadatta, mal progettata e mal costruita. Su tale opera tutti saranno intervenuti tranne i soli che ne avrebbero avuto il diritto, e cioè chi ne deve usufruire e ha tirato fuori i soldi per farla.
    In un Paese libero i cittadini decidono di costruire una cosa se serve, se la fanno grande quanto serve e quanto possono permettersela, se la progettano con schemi culturali locali, la fanno costruire da imprenditori locali e la affidano in gestione a qualcuno designato e pagato da loro. Tutta gente che si conosce, che si può tenere sott’occhio e che si va a prendere per il bavero (si licenzia o non si rielegge) se le cose non vanno per il verso giusto.
    Non è quello che capita in un Paese che non è libero, con deputati che stanno lontano (a Roma o a Strasburgo) e che sono stati eletti in listoni chiusi e scelti dalle segreterie dei partiti, con soprintendenti, impiegati del catasto, segretari comunali, funzionari delle Asl… Un’allegra comitiva che campa con i soldi che gli passa qualcuno che li ha sfilati dalle tasche della gente, in un patriottico borseggio.

    Gilberto Oneto

    (Da Il Federalismo)
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ANTIMASSONE
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    BRESCIA
    Messaggi
    4,891
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    La massoneria il vero nemico!

  3. #3
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Anche questa analisi di Oneto è perfetta e non fa altro che ricordare i motivi fondamentali per i quali sono nate le leghe al Nord, confluite poi e confederate nella Lega Nord per l'indipendenza (anche se ora la parola indipendenza si ignora) della Padania.

    I motivi di roma ladrona non sono mai venuti meno, anzi se ne sono aggiunti degli altri!

    E allora facciamo ritornare alla memoria i simboli della lotta passata, sperando che in via Bellerio non se ne siano completamente dimenticati...


  4. #4
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ne aggiungo altri...

    Ricordate questa data?

    E questa ancora più importante?




  5. #5
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Altre ancora...




  6. #6
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ancora per gli appassionati

















  7. #7
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Altre...


  8. #8
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ancora...





  9. #9
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ancora...

    Chi ne ha più ne metta


  10. #10
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Per il momento vi basta?




    Il distintivo, che riproduce le scritte sui muri del 1866 (qualcuna ancora oggi esistente):

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Gilberto Oneto ora su LA7
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-11-10, 23:09
  2. Intervento di Gilberto Oneto
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 07-07-06, 22:21
  3. In difesa di Gilberto Oneto
    Di Genyo nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 26-03-06, 11:06
  4. Gli articoli di Gilberto Oneto....
    Di padus996 (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-08-04, 21:43
  5. Arimortis - di Gilberto Oneto
    Di Stonewall nel forum Padania!
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 20-07-04, 10:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226