User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    20 May 2002
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    1,306
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il bilinguismo è inutile in Valle d'Aosta

    Personalmente ritengo inutili le scritte bilingui in Valle d'Aosta. Il francese letterario non lo parla e non lo scrive nessuno nella vita di tutti i giorni: la popolazione locale usa un patois con vocabolario limitato che non si può certo definire lingua. La lingua letteraria di tutti è l'italiano, dunque che le scritte ufficiali siano solo in questo idioma...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    unu in mesu de millionis
    Data Registrazione
    25 Jun 2003
    Messaggi
    734
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il bilinguismo è inutile in Valle d'Aosta

    Il tuo punto di vista è esattamente un "punto di vista". Non hai voce in capitolo ne competenze per decidere circa l'utilità del bilinguismo in Val d'Aosta. Saranno i Valdostani a decidere cosa fare.

    falchetto

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    20 May 2002
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    1,306
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Le competenze le ho eccome, visto che parlo correntemente il francese e so che è ben diverso dal patois valdostano, che non si può certo definire lingua...

    I valdostani possono ovviamente decidere quello che gli pare e piace, ma per me restano assolutamente inutili le scritte ufficiali in una lingua che nessuno parla...

  4. #4
    Monarchico da sempre !
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Località
    Italia
    Messaggi
    10,883
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Michele64 Visualizza Messaggio
    Personalmente ritengo inutili le scritte bilingui in Valle d'Aosta. Il francese letterario non lo parla e non lo scrive nessuno nella vita di tutti i giorni: la popolazione locale usa un patois con vocabolario limitato che non si può certo definire lingua. La lingua letteraria di tutti è l'italiano, dunque che le scritte ufficiali siano solo in questo idioma...
    Citazione Originariamente Scritto da su stori Visualizza Messaggio
    Il tuo punto di vista è esattamente un "punto di vista". Non hai voce in capitolo ne competenze per decidere circa l'utilità del bilinguismo in Val d'Aosta. Saranno i Valdostani a decidere cosa fare.

    falchetto
    Citazione Originariamente Scritto da Michele64 Visualizza Messaggio
    Le competenze le ho eccome, visto che parlo correntemente il francese e so che è ben diverso dal patois valdostano, che non si può certo definire lingua...

    I valdostani possono ovviamente decidere quello che gli pare e piace, ma per me restano assolutamente inutili le scritte ufficiali in una lingua che nessuno parla...
    Infatti. Devo dire che ha pienamente ragione Michele. Il Francese è parlato da pochissimi, mentre la maggioranza dei Valdostani parla il dialetto locale. Il Bilinguismo è una stronzata politica, che da un lato riporta indietro il tempo di secoli, mentre dall'altro svaluta l'unità della nostra lingua nazionale, "L'Italiano"

    Sarebbe come assegnare al pinerolese un bilinguismo forzato, dal momento che si parla un piemontese imbastradito di vocaboli francesizzanti.
    Diversa potrebbe invece essere la richiesta delle popolazioni dell'Alta Savoia (Lato Francese) per ottenere un bilinguismo (italiano), in quanto quelle popolazioni erano effettivamente Italiane fino a 140 fa.
    Fu il Duca Emanuele Filiberto, a Stabilire che la lingua ufficiale del Ducato di Savoia, nel 1570 circa fosse l'Italiano, sia per la parte ad oves che per la parte ad est delle Alpi.
    Nulla di più sbagliato quindi di questo illegittimo e per nulla sentito bilinguismo in Valle d'Aosta.

  5. #5
    Mitteleuropea di Trieste
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Free Territory of Trieste
    Messaggi
    1,955
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma saranno affaracci loro?

  6. #6
    Forumista junior
    Data Registrazione
    18 Feb 2008
    Messaggi
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "Il Francese è parlato da pochissimi, mentre la maggioranza dei Valdostani parla il dialetto locale."
    — Ignorante. Ca 20% degli autoctoni (cioè appena l'8% dei cittadini in VDA) sanno ancora un po di patois. Fra 10 anni sarà morto.
    La presenza pure simbolica del francese, in quanto è la versione dotta-colta-letteraria-scritta del dialetto, è percio indispesabile.


    "Il Bilinguismo è una stronzata politica, che da un lato riporta indietro il tempo di secoli"
    — Da secoli? Un solo secolo fa, prima della pulizia etnica ordinata dai fascisti, nessuno parlava italiano nella Vallée.

    "Diversa potrebbe invece essere la richiesta delle popolazioni dell'Alta Savoia (Lato Francese) per ottenere un bilinguismo (italiano), in quanto quelle popolazioni erano effettivamente Italiane fino a 140 fa.
    Fu il Duca Emanuele Filiberto, a Stabilire che la lingua ufficiale del Ducato di Savoia, nel 1570 circa fosse l'Italiano, sia per la parte ad oves che per la parte ad est delle Alpi."

    — L'italiano non è MAI, MAI e MAI stato usato in Savoia.
    Invece nel 500 Emanuele Filiberto ordinò che negli atti ufficiali venisse usato il francese in Savoia, Valle d'Aosta, Val di Susa, Canavese, valli valdesi ecc (il che non faceva nient'altro che confermare in diritto il fatto stabilito da almeno due secoli) mentre il toscano sostituirebbe il latino nelle provincie piemontesi ad est.

  7. #7
    Sottosegretario alla GIUSTIZIA
    Data Registrazione
    11 Jun 2006
    Località
    ITALIAn KINGDom...COMING SOON!!!
    Messaggi
    506
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ovviamente, da Valdostano dissento dalle opinioni espresse dai vari interventi in questo thread.
    Vedo un atteggiamento retrogrado nel valutare oggettivamente la cosa, in quanto:

    a) il francese è stato SEMPRE la lingua ufficiale del territorio valdostano, confinante con la Francia e la Svizzera, oltre che lingua dei colti fino all'avvento dell'inglese ovvero XX secolo e non prima. I piu grandi filosofi si son espressi in francese se ricordate, come tutte le upper classes d'europa lo usavano come lingua della comunicazione per antonomasia.
    Gli atti pubblici, potete verificarlo al B.R.E.L., son sempre stati redatti in francese e DAL fascismo solo in italiano, quando il DUCE tradusse nomi di Paesi e cognomi dal francese in Italiano.
    b) il franco provenzale, ovvero patois, è un fenomeno spontaneo ed è assolutamente dovuto il suo rispetto, analogamente come rispettiamo e apprezziamo il piemontese, il napoletano ed il calabrese, altrettanto di nostra difficile comprensione come per voi il patois. NON é vero che un misero 20% lo parla: ad eccezione della città di Aosta, il patois è la realtà quotidiana...
    c) il francese è per noi mezzo di comunicazione e fratellanza con le altre minoranze residenti nella zona anticamente denominata savoia e oggi divisa in cantoni, alta savoia, valle d'aosta etc. ANCORA OGGI, oggi piu che mai a fronte della globalizzazione.
    D) l'accanimento di alcuni italiani nei confronti dell'autonomia valdostana mi fa RIDERE:

    anziché invidiare biecamente l'autonomia di un territorio DIVERSO quanto povero di risorse, la cui abolizione porterebbe solo ad un neo abbandono delle campagne a favore delle città (torino? genova? ginevra? -) e ad una cancellazione delle nostre radici e della nostra identità a favore della tanto criticata globalizzazione ed omologazione dell'umanità.

    i nove decimi del riparto fiscale valdostano ritornano direttamente all'amministrazione regionale, la quale si prodiga in mille modi pur di sostenere i residenti (non siamo a Montecarlo, volete vivere in vda? basta prendere casa là e richiedere la residenza per ottenere i tanto criticati vantaggi millantati).

    siamo centomila ed abbiamo 1 ospedale, ma che funziona, le strade sono asfaltate ( VS salerno reggio calabria) , abbiamo deliberato la costruzione di 2 termovalorizzatori (VS napoli), abbiamo l'acqua potabile a tutte le ore (VS sicilia).

    guardo il TG nazionale e ci son solo tanti italiani che lamentano "lo schtato ci deve aiutàààààà"...ecco se il risultato dell'omologazione a nazione collettiva è questo, DIO mi scampi dal subire un trattamento analogo. e se qualcuno volesse obiettare che è opera Cavouriana in ottica di critica distruttiva, prego il lettore di comprendere che il ripetersi degli errori è diabolico ed evidentemente l'invidia, tipica del collettivismo di sinistra che permea tutta la società italiana, rende cieco l'intelletto ed il raziocinio che invece di logicamente concludere un sano spirito di emulazione di un sistema che FUNZIONA vuole invece preferire la riduzione dei valdostani da eroici cittadini adeguatamente tutelati in altri poveracci costretti a subire il potere centrale (roma 650 km e 150 anni VS una storia millenaria comprovata da un perfettamente conservato patrimonio artistico e culturale molto più antico dei resti romani che potete solo immaginare visitando ROMA e invece OSSERVARE, perfettamente rispettati e conservati, passeggiando per AOSTA).

    L'unico trait d'union della regione valle d'aosta con l'Italia sono gli stessi SAVOIA che avete cacciato, motivo per cui, durante la Costituente, chiedete a Scalfaro o ad Andreotti che c'erano già, le ragioni per cui si è deciso di concedere, saggiamente , come saggia è tutta la costituzione italiana, basata sullo statuto albertino (Savoia) l'autonomia ad un popolo (!!!) che ha avuto anche momenti di TOTALE autonomia ed autogestione.

    VI auguro di comprendere che dovete NON desiderare l'annullamento dell'autonomia valdostana ma aspirare ad altrettanto caparbio risultato ottenuto con il sacrificio di mille anni e non 60 repubblichini o 150 di unità d'Italia: prima liberate il sud dalle sue tragedie umane e poi ripensate a noi montanari che tentiamo solo di resistere in un territorio poco felice, ma che è e sarà per sempre la nostra casa, tra le nostre pietre e le nostre terrazze cosi eroicamente costruite e che POI abbiamo arato e coltivato.

    Chiudo il cerchio e concludo: il bilinguismo è solo la facciata dell'autonomia, che sia un vezzo o una realtà, non è problema Vostro in quanto ce lo studiamo parificandolo all'italiano ovvero i nostri studenti stanno più tempo a scuola per impararne la grammatica. Che lo si parli bene o male non mi sembra determinante: Parigi stessa è piena di sgrammaticati, spesso nemmeno caucasici che lo parlano.

    Nessun politico nazionale ha mai messo in dubbio l'effettiva opportunità di abrogare lo statuto valdostano in quanto è solo un mulino a vento: pensate ai problemi dell'Italia, forse come direbbero i nostri semplici anziani "negli occhi guarda la tua trave anzichè la mia pagliuzza"

 

 

Discussioni Simili

  1. veltrusca sconfitto in valle d'aosta
    Di ginospinella nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 26-05-08, 22:56
  2. Precipita aereo in Valle d'Aosta
    Di TW 843 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 22-07-05, 23:47
  3. Repubblicani in VALLE D'AOSTA
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-03-05, 17:56
  4. elezioni Valle d'Aosta
    Di PINOCCHIO (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-06-03, 20:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226