User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sulla Sovranità e sulla Proprietà

    Come promisi molto tempo fa, oggi mi sono deciso ad affrontare il tema della Sovranità (lasciando comunque aperto il tema per entrare nei particolari in seguito).

    Se l'essere libertari corrisponde a rivendicare l'assoluta libertà di ciascun individuo e se l'essere anarchici equivale ad opporsi a qualsiasi potere del'uomo sull'uomo (che ne limita la libertà) io, dimostrando che per esercitare questa libertà è indispensabile riconoscere ad ogni individuo una "sovranità territoriale", dimostro che in condizioni libertarie si deve riconoscere a ciascun individuo una sua sovranità territorriale.

    Due o più individui non possono esercitare libertà assolute in uno stesso territorio, altrimenti queste libertà entrano in conflitto e non vi sarà più libertà assoluta, tranne nel caso in cui si mettano liberamente daccordo, ma per fare ciò liberamente devono partire almeno da un principio di sovranità territoriale individualmente separata.

    Nel mondo, noi vediamo come Popoli privi di una indipendente sovranità, siano necessariamente popoli oppressi, privi di libertà.
    Così pure se non si concede almeno un principio di sovranità all'individuo, esso non potrà mai essere libero.
    Utilizzo l'espressione "almeno un principio", ben sapendo che la maggioranza degli individui preferirebbe (per convenienza) delegare la propria sovranità ad un ente superiore, ma il principio deve permanere, se non altro per lasciare l'individuo libero di scegliere a quale ente superiore delegare la propria sovranità, o parte di essa.

    La "sovranità territoriale" però è una cosa totalmente diversa dalla "proprietà territoriale" in quanto ad esempio la proprietà si acquista, mentre se (come dimostrato) la libertà è inscindibilmente legata alla sovranità, nessun libertario potrebbe mai ammettere che la libertà, quindi la Sovranità, debba essere un bene "acquistabile"... in alternativa alla schiavitù.
    La proprietà è "vendibile" (altrimenti che proprietà sarebbe?), mentre la sovranità territoriale può al massimo essere scambiata con altro territorio sovrano, o temporaneamente condivisa, altrimenti si genererebbe una frode alla libertà.

    La proprietà può essere ricavata su sovranità diverse, regolamentata da leggi diverse disposte dall'ente sovrano: io posso ad esempio avere proprietà negli USA oppure forse in Cina... con limitazioni diverse (che fanno della proprietà concezioni totalmente diverse), ma questo non significa che io assuma anche solo in minima parte sovranità territoriale.

    Si noti che si può ammettere, in una ipotesi di libertà per tutti gli individui, che la proprietà, assuma una valenza prossima alla sovranità solo garantendo agli individui non proprietari (per scelta o indisponibilità) una "proprietà pubblica" a titolo di garanzia della loro libertà. Ma questa è appunto l'attuale ipotesi statuale-capitalista, contro la quale noi ci battiamo, perchè foriera di liberticidi interessi parassitari, giocati proprio sull'ambiguità di questo patrimonio pubblico, imposto dall'arbitraria autorità statale.

    Sul forum di libertari.org, nel luglio del 2002 Marcello (tra l'altro proprietario del sito libertari.it ), intuendo il problema, ma confondendo ancora i due termini "Sovranità" e "Proprietà" scriveva:
    Se prendiamo la superficie della Terra, eliminiamo quella coperta di acqua e la dividiamo per sei miliardi (il numero di cittadini del mondo) otteniamo la cifra di due ettari e mezzo. Questo è lo spazio che mi spetta, e che durante la mia vita voglio ambire a ri-ottenere.
    Io gli feci notare quanto questo suo conteggio della serva era sciocco ma che indubbiamente la sua "idea kazzuta" nasceva da una ovvia esigenza di libertà.
    Sempre Marcello precisò che:
    Mi spetta. Comunque non la chiedo per legge. Ho detto che me ne voglio ri-appropiare e lo farò tramite il mio lavoro. Quando avrò i miei due ettari e mezzo faccio un bel muro e li dentro varranno solo le mie leggi!
    Non so più se pubblicamente o privatamente, gli feci notare che, se gli spettavano (per esercitare la propria libertà) perchè mai doveva essere costretto a pagare ciò che era già suo, in quanto gli spettava.
    All'origine di queste incongruenze l'incomprensione della differenza concettuale tra Proprietà e Sovranità.... la Sovranità, come la LIbertà ti Spetta senza condizioni, la Proprietà te la compri, accettando le leggi del Sovrano.
    Bella Storia se il Sovrano cambia le leggi di proprietà, dopo il tuo acquisto.... ma si sa il valore delle proprietà in condizioni di inaffidabilità dell'ente Sovrano sono bassi o nulli. Al contrario la Sovranità ha un "valore" sempre illimitato, tanto da non poter essere neppure introdotto nel mercato, salvo (come detto) commettendo una frode.
    Potremmo dire senza dubbio che la celebre frase Shespiriana: "My kindom for one horse" è chiaramente, per molti versi, una "proposta commerciale" fraudolente.

    Certo, come rileva Marcello detto Max, non si può pensare che la Sovranità sia garantita da una legge, infatti si noti che non vi è alcuna legge che stabilisce la Sovranità delle Nazioni, solo "trattati", fortunatamente non vi è ancora nessuna autorità Superiore che che sovraintende questi trattati, nessun Superstato... obbrobrio degli obbrobrii!
    E se questo libero sistema può funzionare tra le nazioni, non vedo perchè non dovrebbe poter funzionare tra gli individui e loro libere associazioni.

    L'argomento certamente non si esaurisce qui, ma se vorrete potrò completarlo rispondendo alle vostre domande di chiarimento.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    la Banda Fratelli
    Data Registrazione
    22 Jan 2004
    Località
    Catanzaro
    Messaggi
    3,053
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Due o più individui non possono esercitare libertà assolute in uno stesso territorio, altrimenti queste libertà entrano in conflitto e non vi sarà più libertà assoluta, tranne nel caso in cui si mettano liberamente daccordo, ma per fare ciò liberamente devono partire almeno da un principio di sovranità territoriale individualmente separata.
    Avrei una voglia matta di imbrattare i muri delle case (private...) dei comunisti con quanto da te scritto, ma non lo farò, perchè rispetto i confini della mia sovranità territoriale.

  3. #3
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ti dirò Jimmino85 che il mio discorso per certi versi è abbastanza affine a quello anarco-comunista, con la differenza che il comunismo materializza la libertà nel possesso dei "mezzi di produzione", mentre io incarno la libertà nel possesso della sovranità territoriale.
    Il dibattito è appena aperto, ma mi sembra che il mio discorso sia più corretto, diciamo universalmente valido.... infondo pensa te che so... agli aborigeni australiani oppure alle tribù dell'amazzonia piuttosto che ai clochards, cosa può fregare a loro dei mezzi di produzione? Anzi... probabilmente non ne vogliono proprio sapere... nè di una pianificazione comunista nè di una pianificazione o desertificazione capitalista.
    La libertà è data dalla sovranità territoriale, perchè gli individui e le loro attività si manifestano su un territorio, la loro libertà si esercita su un territorio.... ma tieni presente che anche i mezzi di produzione hanno un legame con il territorio, lo occupano insieme agli individui, fanno parte delle loro attività, e sono stati frutto (felice o infelice) di concessioni statali... dunque forse fanno parte di quel territorrio da spartire.
    Insomma la mia ipotesi anarchica è affine a tutte le teorie libertarie, senza alcuna esclusione, tantopiù a quella anarco-comunista.
    E' comunque certo che ciascuna ideologia verrebbe "imbarrata" (come dici tu) nel territorio sovrano degli individui che la condividono, ma a tutto vantaggio dell'ideologia stessa e degli individui che desiderano praticarla...

    Devo però correggerti, all'interno della sovranità territoriale dei comunisti non vi sarebbero "mura di case private", ma liberamente condivise proprio comunisticamente.
    Ripeto non si può confondere la sovranità con la proprietà.

  4. #4
    la Banda Fratelli
    Data Registrazione
    22 Jan 2004
    Località
    Catanzaro
    Messaggi
    3,053
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sul forum di libertari.org, nel luglio del 2002 Marcello (tra l'altro proprietario del sito libertari.it ), intuendo il problema, ma confondendo ancora i due termini "Sovranità" e "Proprietà" scriveva:
    Se prendiamo la superficie della Terra, eliminiamo quella coperta di acqua e la dividiamo per sei miliardi (il numero di cittadini del mondo) otteniamo la cifra di due ettari e mezzo. Questo è lo spazio che mi spetta, e che durante la mia vita voglio ambire a ri-ottenere.
    Io gli feci notare quanto questo suo conteggio della serva era sciocco....
    Caspita se é sciocco! Per ottenere l'egualitarimo capitalista dobbiamo dividere la superficie terrestre abitabile per sei miliardi di persone. Il problema é che il numero di abitanti varia da secondo a secondo. Quindi, per avere un egualitarismo duraturo, dovremmo riassegnare le proprietà private ininterrottamente.

  5. #5
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ... ed il problema non si ferma li...

  6. #6
    la Banda Fratelli
    Data Registrazione
    22 Jan 2004
    Località
    Catanzaro
    Messaggi
    3,053
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Devo però correggerti, all'interno della sovranità territoriale dei comunisti non vi sarebbero "mura di case private", ma liberamente condivise proprio comunisticamente.
    Ma infatti ho scritto "case (private...)" dove quei tre punti indicano il senso ironico delle mie parole. Ironizzo sul fatto che specie in Italia, quelli che si riempiono la bocca di comunismo sono le ultime persone che rinuncerebbero alla loro proprietà privata.... (Comunismo solo a parole!)

  7. #7
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In questo senso hai perfettamente ragione, ma più in generale
    l'introduzione del principio secondo cui il "popolo" è la libera adesione degli individui, metterebbe in luce innumerevoli ipocrisie.
    La libertà rende tutti più responsabili.

  8. #8
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    cheeseburger,
    appurato che la faccenda dei due ettari era una minchiata... penso che sia poco libertario, o altrettanto una cazzata, attribuire alle proprie dimensioni fisiche una pretesa più o meno ampia di libertà.

    cheeseburger go home! Anzi... "go MacDonald!"

  9. #9
    Araldo
    Data Registrazione
    17 Mar 2004
    Località
    nel web
    Messaggi
    564
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si mcdonald's... evidentemente non sono esperto in materia come te cheeseburger!

    Comunque se tu scherzavi io non scherzavo affatto, eccetto sul "cheeseburger go home!" (che chiaramente era detto in tono ironico).

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jul 2004
    Messaggi
    39
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In pratica in cosa consiste la sovranità territoriale di un individuo?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. una domanda sulla proprietà privata
    Di ----- nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 11-06-08, 21:43
  2. Brevi Note sulla proprietà privata
    Di Outis nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 407
    Ultimo Messaggio: 10-06-07, 18:20
  3. Brevi Note sulla proprietà privata
    Di Outis nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 07-06-07, 19:06
  4. Bertinotti sulla proprietà privata...
    Di Orso Brrrrr nel forum Padania!
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 06-03-05, 08:57
  5. Riflessioni Cattoliche sulla ricchezza e sulla proprietà
    Di Vassilij nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 29-11-03, 01:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226