User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: il Duce a Prato

  1. #1
    kshatrya
    Data Registrazione
    21 Oct 2002
    Località
    Thule
    Messaggi
    1,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito il Duce a Prato

    Vincolo di Sangue

    Oggi, a Prato, per le estreme solenni onoranze a Federico Florio, converranno i fascisti di tutta la Toscana, i cittadini di tutta Prato — quelli almeno, e devono essere la maggioranza, che nutrono sensi d'italianità — e, spiritualmente, i fascisti di tutta Italia.

    Il nostro Caduto, vero martire della fede fascista, è degno dell'universale rimpianto. Egli apparteneva alla schiera degli eletti. Tutta la sua giovinezza era stata meravigliosa di ardimento e di spirito di sacrificio. Non ci fu, in questi ultimi tempi, battaglia in cui fossero in gioco l'onore e l'interesse d'Italia, senza che Federico Florio non si trovasse al suo posto di responsabilità, di coraggio, di gloria. Dopo la grande guerra, dopo l'impresa di Fiume, anch'egli era venuto al Fascismo, come lo sbocco naturale e fatale di tutta la rinascita nazionale iniziatasi nel maggio del 1915.

    Comandante delle squadre pratesi, egli era l'oggetto dell'odio bestiale e criminale di tutta la canaglia sovversiva. Lo hanno ucciso. L'assassino è un disertore. Basta questa constatazione per giudicare e condannare una politica di Governo che crede di poter rimanere al disopra della mischia nella quale, da una parte, stanno i disertori e dall'altra coloro che hanno difeso, a prezzo di sangue, la esistenza della Nazione.

    Non v'è dubbio che assistiamo ad una recrudescenza della delinquenza social-comunista. Queste prime settimane del 1922 sono rosse di sangue fascista. Tutte le circolari Bonomi, tutte le misure di polizia hanno condotto al disarmo dei difensori della Nazione ed all'armamento dei nemici della Nazione. Se le cose non mutano, se la situazione non cambia, si appalesa come necessario e fatale che il Fascismo ritorni ad applicare i suoi metodi di attacco e di rappresaglia. Ma, intendiamoci. Se il Fascismo sarà forzato a ciò, se il Fascismo, per salvare la Nazione e la vita dei suoi gregarî, dovrà riprendere le armi, lo farà, stavolta, su scala vastissima. Non più lo stillicidio della bastonatura individuale, che è antifascista, ma un'azione di stile generale, che dovrà essere in qualche modo risolutiva. Azione intelligente. Bisognerà colpire i punti essenziali del nemico. Bisognerà distruggere i centri vitali del nemico. Bisognerà annientare i focolai dell'infezione dell'antifascismo.

    Questo è il monito, questo, anzi, è il comandamento che sale dalle fosse dei nostri innumerevoli Morti. C'è qualcuno in Italia che ad ogni episodio clamoroso della storia fascista pregusta la soddisfazione del nostro sfacelo. Le occasioni sono passate. È passata la polemica sulla tendenzialità repubblicana — in Italia, sia detto fra parentesi, finché ci saranno repubblicani del calibro degli attuali, la Monarchia continuerà a guadagnare proseliti e partigiani — è passata la crisi — che fu a nostro avviso la più grave — delle giornate di Roma; è passata la crisi della costituzione formale e programmatica del partito. Che questa ripresa sporadica della barbarie social-comunista possa anche lontanamente incrinare la compagine del Fascismo, è assurdo, anche nella sola ipotesi. Il vero è nel contrario.

    La realtà è, che al disopra delle tessere, degli statuti, dei regolamenti, dei programmi, al disopra dei simboli e delle parole, al disopra della teoria e della pratica, al disopra dell'ideale e della politica, un cemento formidabile tiene legate le falangi fasciste; un vincolo sacro infrangibile tiene serrati i fedeli del Littorio: il cemento, il vincolo sacro dei nostri Morti. Sono centinaia. Adolescenti, giovinetti, uomini maturi. Nessun partito d'Italia, nessun movimento nella storia recente italiana può essere confrontato al Fascismo; nessun ideale è stato come quello fascista, consacrato dal sangue di tanti giovinetti. Se il Fascismo non fosse una fede, come darebbe lo stoicismo e il coraggio ai suoi gregarî? Solo una fede, che ha raggiunto le altitudini religiose, solo una fede può suggerire le parole uscite dalle labbra ormai esangui di Federico Florio. Esse sono un documento. Esse sono un testamento. Sono semplici e gravi come un versetto del Vangelo. I fascisti di tutta Italia le raccolgano e le meditino, in silenzio, continuando a camminare, sempre più risoluti, verso la mèta. Nessun ostacolo ci fermerà.

    Benito Mussolini
    "Vincolo di sangue" in Il Popolo d’Italia, 20 gennaio 1922.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    www.agfirenze.it
    Data Registrazione
    26 Sep 2006
    Località
    FIRENZE
    Messaggi
    812
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    cos'è una news? sei più perspicace dell'ANSA

 

 

Discussioni Simili

  1. Faccetta nera e Duce Duce
    Di Neva nel forum Salute e Medicina
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-10-08, 12:44
  2. dal comizio di ieri a napoli... "duce, duce"
    Di assata nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 11-04-06, 10:17
  3. da comizio di ieri a napoli... "duce, duce"
    Di assata nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 08-04-06, 13:27
  4. per i livornesi....duce!duce!
    Di andreas (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 19-09-05, 17:37
  5. 9 novembre 2004 - GN Prato e MSFT Prato in piazza
    Di Decima Legione nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-11-04, 13:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226