User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Spagna: Zapatero taglia l'iva su libri e cd

    La mossa del nuovo governo piace anche ai discografici
    Spagna: Zapatero taglia l'iva su libri e cd
    Il ministro della Cultura Carmen Calvo: «Ci sarà un doppio effetto positivo, più gente avrà la possibilità di comprarli»




    MADRID (SPAGNA) - Stimolare il consumo di cultura in Spagna era una delle promesse elettorali del Partito socialista. Ieri la nuova ministro della Cultura, Carmen Calvo, ha annunciato in un’intervista alla radio una riduzione dell’Iva su libri e dischi. Nel caso dei dischi, il ribasso sarà drastico, dall’attuale 16% calerà al 4, mentre per i libri passerà dal 4% a un simbolico 1.
    Carmen Calvo, estroversa signora che in qualità di assessore alla Cultura nel governo regionale andaluso si era fatta conoscere per il suo dinamismo, ha assicurato che «la cultura non può essere intesa come un prodotto, ma deve essere considerata un bene comune». La misura da lei preconizzata va in questo senso.
    «Il forte ribasso dell’Iva - ha spiegato - ridurrà i prezzi finali di libri e dischi con effetto doppiamente positivo: aumenteranno gli acquisti da parte dei cittadini e crescerà la produzione. Il rafforzamento dell’industria contribuirà alla lotta alla pirateria musicale e alla protezione della proprietà intellettuale e dei diritti d’autore».
    Alla neoministro piace molto il modello di «eccezione culturale», la politica di protezionismo a favore del prodotto indigeno che attualmente si applica in Francia nel settore culturale. E’ proprio la politica criticata duramente dall’ex primo ministro Aznar in diverse occasioni. Per lui, l’«eccezione culturale» è protezionismo di una cultura in decadenza che vuole difendersi di fronte allo strapotere americano, soprattutto nel settore cinematografico.
    Anche in Spagna, il cinema di Hollywood è dominante e le pellicole spagnole sono costrette a ritagliarsi a fatica spazi sempre più marginali. Per il governo popolare, la cultura non era una priorità e faceva orecchio da mercante alle lamentele di intellettuali e cinematografari. Ora i tempi sono cambiati, dopo la vittoria a sorpresa dei socialisti alle elezioni del 14 marzo.
    «La via delle quote nazionali - ha dichiarato Carmen Calvo - offre buoni risultati, se guardiamo alle cifre nella vicina Francia. Per esempio, sei pellicole su dieci che vedono i francesi sono di produzione nazionale. Per questa ragione, senza obbligare nessuno su quello che deve o no vedere, stimolare da parte del governo la produzione di cinema nazionale significa favorire una maniera di esprimersi e di riflettere una immagine del Paese nel mondo».
    Nel corso del suo mandato, la ministro Carmen Calvo dovrà confrontarsi con un altro grave problema: la pirateria musicale. E’ una seria emergenza da quando la tecnologia permette la riproduzione illegale dei dischi. Saranno necessari, ha sostenuto la Calvo, nuovi «sistemi di protezione», che spetterà alle case discografiche inventare, e «misure di prevenzione e di sanzione» che saranno adottate dalla pubblica amministrazione. In questo ultimo caso, bisognerà cercare la collaborazione con le autorità locali, più al corrente dei reati che si commettono in strada, come la vendita massiccia di cd illegali.
    L’industria discografica ha espresso soddisfazione per le misure annunciate dal nuovo governo. «Un buon inizio», hanno commentato, anche perché l’Iva drasticamente ridotta permetterà di porre un limite al «trattamento discriminatorio» nei confronti dei dischi rispetto a libri.
    «Non si capiva perché per i dischi il compratore dovesse pagare il 16% di Iva e per libri soltanto il 4%», ha dichiarato Antonio Guisasola, il presidente della Associazione discografici. E’ convinto che i risparmi sull’Iva permetteranno all’industria di affrontare meglio le enormi perdite che sta soffrendo a causa della pirateria e di studiare contromisure. Su questo ultimo punto, Guisasola ha spiegato che le imprese stanno investendo forti somme nelle misure antipirateria ma, fino a oggi, non è stato trovato un sistema veramente efficace.
    Mino Vignolo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito

    Così in Europa

    [inwin=400]www.corriere.it/Media/Foto/2004/04_Aprile/30/tabella.gif[/inwin]

  3. #3
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    però la cosa strana è che in inghilterra che tante cose sono care qua i cd costano di meno e l'iva è al 17% io pensavo che fosse esente come su libri e giornali.

    confronto poi tra lo stesso negozio virgin di piccadily circus e virgin di padova.
    che quando sono tornato ho anche rotto i maroni a quello del negozio in quanto trovo incocepibile che virgin a londra lo stesso cd costi metà rispetto a virgin a padova.

  4. #4
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi sembra una misura ottima, quella del taglio dell'iva, anche se andrà valutata "sul campo".
    mi convince di meno l'eccezione culturale

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Caleranno libri e CD. Ma vi chiederei di confermarmi o smentirmi una cosa con dei dati.
    Ho conosciuto una ragazza spagnola che mi ha detto che i contratti di lavoro vengono rinnovati ogni tre mesi, e insieme al rinnovo del contratto il datore di lavoro (lo Stato o il privato) decide se riassumere o no il proprio dipendente.
    Se ciò fosse confermato, dimostrerebbe come la gente in Spagna viene costretta a dimostrare sottomissione e fedeltà ai potenti, pena la perdita del posto di lavoro e il ritrovarsi in mezzo a una strada.

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito

    In origine postato da Esmor
    Caleranno libri e CD. Ma vi chiederei di confermarmi o smentirmi una cosa con dei dati.
    Ho conosciuto una ragazza spagnola che mi ha detto che i contratti di lavoro vengono rinnovati ogni tre mesi, e insieme al rinnovo del contratto il datore di lavoro (lo Stato o il privato) decide se riassumere o no il proprio dipendente.
    Se ciò fosse confermato, dimostrerebbe come la gente in Spagna viene costretta a dimostrare sottomissione e fedeltà ai potenti, pena la perdita del posto di lavoro e il ritrovarsi in mezzo a una strada.
    grazie ad aznar

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da danny78
    grazie ad aznar
    Quindi è vero ? E la cosa risale al precedente governo Aznar ? Grazie per le informazioni.

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito

    In origine postato da Esmor
    Quindi è vero ? E la cosa risale al precedente governo Aznar ? Grazie per le informazioni.
    aspetta aspetta... mi son spiegato male, non so se esiste veramente questo tipo di contratto ma se fosse sarebbe grazie agli 8 anni di governo di destra.... non posso confermare però..

  9. #9
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da danny78
    aspetta aspetta... mi son spiegato male, non so se esiste veramente questo tipo di contratto ma se fosse sarebbe grazie agli 8 anni di governo di destra.... non posso confermare però..
    A me ricorda un pò il contratto dei co.co.co., anche se qui da noi mi pare sia su base annuale: già è precario e sottoposto a qualunque tipo di capriccio il nostro figuriamoci questo. Se estste veramente, c'è da sperare che perlomeno le condizioni fiscali degli Spagnoli in questione siano migliori di quelle dei nostri collaboratori coordinati continuativi.

  10. #10
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Spagna: Zapatero taglia l'iva su libri e cd

    In origine postato da danny78
    La mossa del nuovo governo piace anche ai discografici
    Spagna: Zapatero taglia l'iva su libri e cd
    Il ministro della Cultura Carmen Calvo: «Ci sarà un doppio effetto positivo, più gente avrà la possibilità di comprarli»




    MADRID (SPAGNA) - Stimolare il consumo di cultura in Spagna era una delle promesse elettorali del Partito socialista. Ieri la nuova ministro della Cultura, Carmen Calvo, ha annunciato in un’intervista alla radio una riduzione dell’Iva su libri e dischi. Nel caso dei dischi, il ribasso sarà drastico, dall’attuale 16% calerà al 4, mentre per i libri passerà dal 4% a un simbolico 1.
    Carmen Calvo, estroversa signora che in qualità di assessore alla Cultura nel governo regionale andaluso si era fatta conoscere per il suo dinamismo, ha assicurato che «la cultura non può essere intesa come un prodotto, ma deve essere considerata un bene comune». La misura da lei preconizzata va in questo senso.
    «Il forte ribasso dell’Iva - ha spiegato - ridurrà i prezzi finali di libri e dischi con effetto doppiamente positivo: aumenteranno gli acquisti da parte dei cittadini e crescerà la produzione. Il rafforzamento dell’industria contribuirà alla lotta alla pirateria musicale e alla protezione della proprietà intellettuale e dei diritti d’autore».
    Alla neoministro piace molto il modello di «eccezione culturale», la politica di protezionismo a favore del prodotto indigeno che attualmente si applica in Francia nel settore culturale. E’ proprio la politica criticata duramente dall’ex primo ministro Aznar in diverse occasioni. Per lui, l’«eccezione culturale» è protezionismo di una cultura in decadenza che vuole difendersi di fronte allo strapotere americano, soprattutto nel settore cinematografico.
    Anche in Spagna, il cinema di Hollywood è dominante e le pellicole spagnole sono costrette a ritagliarsi a fatica spazi sempre più marginali. Per il governo popolare, la cultura non era una priorità e faceva orecchio da mercante alle lamentele di intellettuali e cinematografari. Ora i tempi sono cambiati, dopo la vittoria a sorpresa dei socialisti alle elezioni del 14 marzo.
    «La via delle quote nazionali - ha dichiarato Carmen Calvo - offre buoni risultati, se guardiamo alle cifre nella vicina Francia. Per esempio, sei pellicole su dieci che vedono i francesi sono di produzione nazionale. Per questa ragione, senza obbligare nessuno su quello che deve o no vedere, stimolare da parte del governo la produzione di cinema nazionale significa favorire una maniera di esprimersi e di riflettere una immagine del Paese nel mondo».
    Nel corso del suo mandato, la ministro Carmen Calvo dovrà confrontarsi con un altro grave problema: la pirateria musicale. E’ una seria emergenza da quando la tecnologia permette la riproduzione illegale dei dischi. Saranno necessari, ha sostenuto la Calvo, nuovi «sistemi di protezione», che spetterà alle case discografiche inventare, e «misure di prevenzione e di sanzione» che saranno adottate dalla pubblica amministrazione. In questo ultimo caso, bisognerà cercare la collaborazione con le autorità locali, più al corrente dei reati che si commettono in strada, come la vendita massiccia di cd illegali.
    L’industria discografica ha espresso soddisfazione per le misure annunciate dal nuovo governo. «Un buon inizio», hanno commentato, anche perché l’Iva drasticamente ridotta permetterà di porre un limite al «trattamento discriminatorio» nei confronti dei dischi rispetto a libri.
    «Non si capiva perché per i dischi il compratore dovesse pagare il 16% di Iva e per libri soltanto il 4%», ha dichiarato Antonio Guisasola, il presidente della Associazione discografici. E’ convinto che i risparmi sull’Iva permetteranno all’industria di affrontare meglio le enormi perdite che sta soffrendo a causa della pirateria e di studiare contromisure. Su questo ultimo punto, Guisasola ha spiegato che le imprese stanno investendo forti somme nelle misure antipirateria ma, fino a oggi, non è stato trovato un sistema veramente efficace.
    Mino Vignolo
    Mi pare un'ottima idea, ridurre l'iva su libri e cd (specialemtne quest'ultimi, che hanno costi veramente proibitivi), sarebbe una misura da applicare anche qui...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Zapatero taglia gli stipendi.
    Di GNU-GPL nel forum Politica Europea
    Risposte: 327
    Ultimo Messaggio: 05-08-11, 12:48
  2. La Spagna di Zapatero
    Di Kobra nel forum Politica Europea
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 03-04-10, 12:20
  3. I-taglia vs Spagna
    Di [email protected] nel forum Padania!
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 21-05-08, 16:46
  4. La Spagna di Zapatero
    Di Fernando nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 23-11-04, 19:25
  5. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 19-04-04, 20:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226