User Tag List

Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 83

Discussione: Usa-UE-Padania

  1. #1
    Totila
    Ospite

    Predefinito Usa-UE-Padania

    Stati Uniti versus Europa: un gioco pesante

    Un pericoloso grande vecchio della potere USA come Henry Kissinger, nella sua ultima visita in Italia, si è espresso piuttosto chiaramente:
    "Mi preoccupa il fatto che quando l'Unione Europea agisce come soggetto unico negli affari mondiali molto spesso, e sarei tentato di dire, sempre, agisce in opposizione agli Stati Uniti" ha detto Kissinger in una intervista ad un noto settimanale italiano. "Sarebbe un errore" ha proseguito "un errore capace di portare gradualmente a una frattura tra le due sponde dell'Atlantico in un mondo sempre pieno di problemi" (Panorama, giugno 2001)).
    Il tono esplicito di un uomo influente come Henry Kissinger, ricorda molto da vicino quello di un altro influente esperto americano come Martin Feldstein.
    Feldstein, noto economista, era il capo dello staff economico di Bush padre ed è stato assunto come consigliere anche nell'amministrazione presidenziale di Bush figlio. Nel 1997, Feldstein pubblicò un famoso saggio sulla rivista Foreign Affairs che fece tremare le vene ai polsi ai leader europei. La sua tesi, confermata in una intervista al Sole 24 Ore, era che l'introduzione dell'Euro avrebbe portato "alla discordia e alla guerra all'interno dell'Europa" e "alla guerra tra Europa e Stati Uniti", ragione per cui egli aveva richiesto un cambiamento della politica estera degli USA verso l'Europa (Sole 24 Ore, novembre 1997).
    Un altro consigliere di Bush padre ed ora vice-ministro dell'amministrazione di George W.Bush, Paul Wolfowitz, è colui che agli inizi del 1992 presentò un rapporto del Pentagono in cui si affermava la "indiscutibilità della supremazia mondiale americana" e si dissuadevano i partner dal cercare di mettere in discussione tale supremazia. A tale scopo, secondo Wolfowitz, occorreva scongiurare la nascita di qualsiasi potenziale rivale degli Stati Uniti dopo la dissoluzione dell'URSS. Dopo gli attentati a New York e Washington, Wolfowitz ha viaggiato molto in "parallelo" a Colin Powell e ha visitato anche i "partner europei". I colloqui diplomatici di queste settimane con le varie cancellerie europee, non devono essere stati molto "facili".
    Infine, le tesi esplicitate da un altro pericoloso "grande vecchio" come Zbignew Brzezinski nel Mein Kampf della politica estera americana ("La Grande Scacchiera") e in una recente intervista al TG3, hanno riconfermato che gli Stati Uniti non accettano affatto l'esistenza di un polo europeo competitivo e che gli Stati europei devono rimanere divisi tra loro anche nella partecipazione a questa "guerra americana".
    Quale influenza possono aver avuto all'interno dei governi europei fattori come quelli segnalati? Essere tornati a "sentire il fiato sul collo" del primus inter pares statunitense quanto ha rafforzato o indebolito il progetto strategico dell'Unione Europea?
    Siamo alla vigilia di una crisi politica, di una crisi di classe dirigente inadeguata alle ambizioni del progetto europeo?


    Sbaragliare i "competitori" in Asia Centrale

    L'area euroasiatica, ha visto crescere nella seconda metà degli anni '90 una pesante offensiva statunitense per inserirsi nella regione, tagliare fuori la Russia e Iran dai corridoi strategici ed energetici della "Via della Seta", emarginare i competitori europei dalla spartizione dell'area apertasi al mercato dopo il biennio 1989/91. Ma questa offensiva ha innescato anche un processo di reazione tra gli altri competitori nell'area euroasiatica.

    Il cambio di leadership al Cremlino.
    Alla fine del '99 viene pensionato Eltsin e sale al potere Putin. Con lui torna al potere la percezione degli interessi "strategici" russi. Sostenuto dai boss delle società petrolifere e del gas, Putin avvia una politica più "aggressiva" sulle repubbliche ex sovietiche tesa ad impedire che la Russia venga tagliata fuori dalle rotte petrolifere. Indicativa è la recente notizia secondo cui una joint venture tra Russia e Kazachistan per la fornitura di gas kazaco alla Russia è in dirittura d'arrivo. La sua commercializzazione verrebbe quindi affidata alla infrastrutture russe capaci di arrivare anche sui terminali di sbocco.
    A luglio 2001, Russia e Cina raggiungono una trattato della durata di 20 anni. E' il "Trattato di buon vicinato, amicizia e cooperazione tra la Federazione Russa e la Repubblica Popolare Cinese". Il trattato parla di "partnership strategica per far fronte alla crescente egemonia americana". Quasi contemporaneamente l'India sigla un accordo militare-commerciale con la Russia per 10 miliardi di dollari.

    Si muove l'Europa.
    Anche l'Italia, tramite l'ENI, ha cominciato a manifestare ambizioni di grandezza nell'area eurasiatica.
    L'ENI, ha recentemente soffiato alle compagnie USA (Exxon-Mobil) il contratto sugli immensi giacimenti di Kachagan, in Kazachistan. Ha inoltre siglato un supercontratto con la Russia sul giacimento di Astrakan. L'ENI ha avviato il gasdotto sottomarino Bluestream in collaborazione con la Russia. Questo gasdotto, che porterà dalla Russia il gas in Turchia, rimette in gioco Mosca e, nei fatti, rende obsoleto il progetto Baku-Ceyhan sul quale l'amministrazione USA aveva riposto molte aspettative. Nel 1998 gli USA avevano dichiarato apertamente la loro opposizione al progetto Blue Stream e nel corso del 2000 hanno fatto pressione sui parlamentari turchi affinchè non approvassero il progetto, ma il pressing si è rivelato inutile.
    Infine, ENI e TotalFinaElf stanno "dilagando" in Iran firmando contratti e concessioni miliardarie sui giacimenti di South Pars approfittando dell'assenza USA dovuta all'embargo contro Teheran. Emergono indiscrezioni su telefonate di fuoco tra l'Albright prima e Powell poi verso le autorità italiane. Contatti e preparativi fervono anche con l'Iraq suscitando anche qui l'ira degli Stati Uniti.
    "Le divergenze con l'Europa in merito all'Iran e all'Iraq sono state considerate dagli Stati Uniti non come una questione tra pari, bensì come una manifestazione di insubordinazione" commenta perentorio Brzezinski.
    Le vecchie ingerenze di una volta si sentono però rispondere: "e' l'economia bellezza!!"
    Ragione per cui alcune compagnie petrolifere USA (tra cui l'Exxon-Mobil) cominciano a mordere il freno e ad aggirare l'embargo firmando contratti formalmente "fuori-legge" con l'Iran e cercando di frenare l'asse Rumsfeld-Rice-Israele che vorrebbe nuovamente aggredire militarmente l'Iraq.

    La reazione USA.
    E' evidente che se gli Stati Uniti intendono mantenere e rafforzare la loro egemonia mondiale non possono che intervenire in Eurasia. Tutti i rischi indicati dal Rapporto Wolfowitz nel 1992 e da Brzezinski più recentemente, si stanno presentando tutti: emersione di potenze rivali in competizione con gli USA, perdurante assenza dallo scacchiere euroasiatico, fallimento del progetto di tagliare fuori dalle rotte strategiche Russia, Iran ma anche la Cina. Un quadro aggravato dalla possibilità che alcuni dei più importanti paesi petroliferi comincino tra pochi mesi ad adottare l'euro piuttosto che il dollaro per le loro transazioni internazionali.
    L'Afganistan è collocato geopoliticamente al posto giusto per consentire agli Stati Uniti di entrare di forza e direttamente nel "Grande Gioco sull'Eurasia". "In virtù della sua ubicazione geografica, l'Afganistan ha sempre giocato un ruolo importante nella stabilità regionale ed è stato frequentemente al centro dell'attenzione delle grandi potenze" scrive il Ten. Col. Lester W. Grau uno dei maggiori esperti militari americani della regione sulla Military Review, (settembre 2001).

    Il famoso Rapporto Wolfowitz nel 1992 e il Mein Kampf della politica internazionale americana ("La Grande Scacchiera" di Brzezinski), hanno esplicitato in questo ultimo decennio di come gli USA devono impedire la nascita di potenze rivali in grado di minacciarne l'egemonia. L'avvento dell'Euro, il riarmo cinese, la sfida culturale islamica, minano i tre fattori decisivi della potenza imperiale: moneta, militare, culturale. Gli USA stanno lottando contro il proprio declino.
    Per questo sono disposti a tutto...anche alla guerra.


    per la redazione di Contropiano
    (Sergio Cararo)




    Ora siccome la Padania fino a prova contraria fa parte geograficamente dell'Europa, anche se qualcuno la vorrebbe piantata nel Middle West, vorrei qualche risposta ad hoc sulle considerazioni fatte dal trio wasp Brzezinsky-Kissinger-Wolfowitz.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Va bene che siete in guerra con i libertarliberistiliberitutti però chi l'avrebbe detto che le vostri fonti sarebebro state queste



    http://www.tuttinlotta.org/Convegno_...tti_Cararo.htm





    mitiko kompagno totilov

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    Pur di dare contro gli USA farebbero lingua in bocca anche coi più estremisti di sinistra come in questo caso

    P.S.

    Nanths se ti vede Beli che hai sformattato il layout ti squarta
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  4. #4
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In fondo, da settimane non fanno altro che riprendere articoli da Liberazione, e oggi esultano per la vittoria ai brogli del comunista venezuelano Chavez...

    I forumisti etno:

    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mah francamente nons apevo che prendessero anche estratti di liberazione...ma sono gli stessi che si stracciavano le vesti e diriamavano scomuniche quando qui postavamo il simbolo del p.al.p.? Incredibile e...imbarazzante...

  7. #7
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    strano che totila sia uscito dalla tana etno-nazionalista



  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da benfy
    strano che totila sia uscito dalla tana etno-nazionalista
    Gi è stato garantito un visto diplomatico

  9. #9
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ahahahahah...ridicoli!
    Tra poco cominceranno a frequentare i centri sociali...li si che il buon Totila respirerà il Vero spirito anti-Usa dei suoi sogni
    Saluti Padani

  10. #10
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    totila esce di casa secondo te

 

 
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 12-03-08, 14:22
  2. la padania
    Di partenopeo (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 24-04-06, 10:50
  3. Ultimi Sondaggi: Lega Nord Padania al 51%. Nasce la Padania
    Di Vecio-Fighèl nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 06-07-05, 11:23
  4. Padania! o Padania Indipendente
    Di Shaytan (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 14-10-03, 14:21
  5. la padania non esiste la padania non esite
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 13-11-02, 01:02

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226