User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 47
  1. #1
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito "Noi, donne iraniane, vogliamo la libertà, non la guerra"

    A ventisei anni dalla rivoluzione


    Una donna iraniana parla del suo Paese e della rivoluzione, delle contraddizioni e delle speranze di un popolo che, minacciato da una possibilità di guerra, cerca il futuro



    9 marzo 2004 - “Non lo so, davvero non so cosa succederà, come sarà il futuro per il mio Paese”.
    A parlare è Mavash Alemi, donna architetto iraniana, e continua: “Io ho fatto la rivoluzione del 1978, allora sconfiggemmo lo Shah, Mohamad Reza Pahlevi, avevamo grandi speranze. Come sempre quando succedono fatti storici così imponenti non si ha a che fare solo con la ragione, ma anche col cuore”.

    La casa di Mavash, a Roma, svela le origini persiane in mille particolari.
    I tappeti, gli oggetti, un grande cuscino basso e colorato vicino a una finestra, l’odore di un riso con il finocchietto appena preparato per la cena.

    “All’inizio eravamo tutti insieme, uniti – insiste ricordando quegli anni irripetibili – la sinistra, i religiosi, i moderati. Volevamo uscire dall’incubo dello Shah. Tutto era costruito ogni giorno, ci permetteva di immaginare un Iran nuovo, democratico, libero. Mio zio era un regista teatrale e per aver messo in scena una commedia di Samuel Beckett fu incarcerato da Pahlevi.
    Prima della rivoluzione le cose andavano così, non era permesso nulla, anche se si raccontava la favola di un processo di democratizzazione di tipo occidentale. In realtà il governo curava gli interessi delle grandi compagnie petrolifere, degli americani. Le donne non usavano il chador perché negli anni Trenta e Quaranta il padre di Reza Pahlevi ne aveva vietato l’uso. Con Khomeiny ci fu un recupero del sentimento religioso, ma non era una imposizione. Chi voleva si copriva. Poi, nel settembre 1980, l’Iraq invase l’Iran e cominciò la stretta autoritaria. Bisogna tener conto che il presidente iracheno Saddam Hussein era un alleato degli Stati Uniti e fu lui a scatenare la guerra. Ancora una volta per garantire interessi economici occidentali. Noi stavamo nazionalizzando il petrolio e questo alle grandi compagnie non piaceva affatto. Gli ayatollah cominciarono ad arrestare prima i militanti di estrema sinistra, poi i comunisti filosovietici, poi tutti gli altri”.

    Mavash continua: “Oggi, nonostante quello che si suppone, le donne in Iran hanno un peso politico importante. Dopo gli anni duri sono tornate a insegnare, a ricoprire molte e importanti cariche istituzionali.
    Il problema del chador è un falso problema, non è certo quello il termometro della libertà. Io insegnavo all’Università di Teheran nella prima fase della rivoluzione e coprivo il capo solo quando ero in ufficio. Fui cacciata via e venni in Italia solo dopo la radicalizzazione prodotta dalla politica aggressiva di Saddam Hussein. In seguito, dopo la fine della guerra, quando ci si rese conto che era in corso una massiccia 'fuga dei cervelli' dal Paese, il governo ha allentato le maglie e in molti sono rientrati. Anche tante donne. A me è stato chiesto di farlo. Insomma, quale che sia la situazione, si deve sapere che l’Iran di oggi è migliore di quello prima del 1978. Lo scontro tra conservatori e riformatori è una questione di interessi e di potere. C’è sicuramente corruzione e per questo i gruppi si contrappongono per motivi che con la religione hanno poco a che fare. Sono tornata a dicembre e si discuteva molto di politica. Una volta in un taxi collettivo il conducente era molto infastidito per l’incertezza del presente e lo diceva senza paura ai suoi sconosciuti clienti. Certo, chiudono i giornali dei riformatori, ma nello stesso tempo altri se ne aprono. Insomma tutto è in movimento. Ogni volta mi accorgo che le donne sono meno costrette a coprirsi, che si vedono capelli più lunghi, occhi truccati”.

    Mavash sembra contraddittoria, difende l’Iran del dopo Shah, anche se ne è stata allontanata perché donna e non integralista. Lei non assolutizza i fatti, ma li collega e li valuta secondo un sistema di relazioni logiche e insiste: “Se si va a una cena si scopre che nella maggior parte dei casi c’è alcool, e si beve, esattamente come e più che in Italia. Eppure sarebbe vietato. Ma è proprio la proibizione che spinge a trasgredire. In qualsiasi caso la società iraniana ha fatto molti passi avanti, anche se molti ancora se ne devono fare. E’ drammatica la condizione di molti giovani, che non hanno nessun interesse per la politica, ma che pensano solo a se stessi e a divertirsi. C’è molta droga e prostituzione. Eppure queste cose fanno comprendere come il potere centrale sia meno invasivo di quanto non si dica in Occidente. Il mio Paese adesso deve difendersi dal pericolo di una nuova guerra. La vicenda irachena è molto preoccupante. Eppure sono convinta che non c’è altra soluzione che l’accordo politico. A Baghdad come a Teheran. E il rispetto della nostra sovranità nazionale e delle nostre risorse”.

    E le ultime elezioni, l’astensione dei riformatori, la vittoria dei conservatori? Lei risponde: “Mia madre è una manager, costruisce case, dirige imprese. Con le sue amiche, nella consultazione precedente, aveva lavorato molto per l’affermazione del presidente riformatore, Sayed Mohamad Khatami. Facevano telefonate, spingevano amici e conoscenti a votarlo. Poi quest’ultima volta non ha votato. Non per boicottare le elezioni, ma per stanchezza. Perché il conflitto tra i gruppi di potere rallenta la crescita dell’Iran e produce sfiducia. Il nodo della questione è il progetto per il futuro e la crisi nell’Area, in questo momento, non facilita nulla. Ma chi l’ha prodotta se non la politica dell’amministrazione del presidente George W. Bush, dei neoconservatori, del vice presidente Cheney? Spero nelle elezioni Usa, nella vittoria dei democratici e del candidato John Kerry. Per le donne tutto è legato al quadro generale. Una cosa sola so per certa. Noi non accetteremo aggressioni da parte di Washington, come non vogliamo la guerra, nessuna guerra. Uomini e donne iraniani insieme. Di tutti gli schieramenti”.

    Roberto Bàrbera
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Sep 2002
    Messaggi
    3,685
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questa è la dimostrazione che le ciance (tutte di provenienza pannelliana, o cmq delle spie di washington-tel aviv) sugli iraniani che non ce la farebbero più a stare sotto la sciia, sono propaganda e nient'altro.
    In realtà gli iraniani hanno trovato una loro via all'islam, che magari è diversa da quella dei pakistani, o dei somali, ecc.
    I guardiani della rivoluzione si limitano ad intervenire per frenare certi eccessi in contrasto coi principii di base, ma le libertà sono salvaguardate.
    Basta con la propaganda neocon!

  3. #3
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Vahagn
    Questa è la dimostrazione che le ciance (tutte di provenienza pannelliana, o cmq delle spie di washington-tel aviv) sugli iraniani che non ce la farebbero più a stare sotto la sciia, sono propaganda e nient'altro.
    In realtà gli iraniani hanno trovato una loro via all'islam, che magari è diversa da quella dei pakistani, o dei somali, ecc.
    I guardiani della rivoluzione si limitano ad intervenire per frenare certi eccessi in contrasto coi principii di base, ma le libertà sono salvaguardate.
    Basta con la propaganda neocon!
    la propaganda neocon strumentalizza la lotta degli oppositori iraniani facendo credere a noi occidentali che gli iraniani non vedono l'ora di essere liberati con unaguerra preventiva da parte degli stati uniti, e questo è completamente falso..

    sul tuo riferimento al consiglio dei guardiani invece sono completamente in disaccordo con te, io sono coi riformisti e quindi credo che quella istituzione sia un obbrobrio autoritario e reazionario e deve essere abolito, perchè frena la giustissima rivendicazione del popolo dei diritti sociali e civili.

    e poi i neocon sono speculari ai conservatori iraniani, stessa concezione dei diritti sociali(meno diritti per tutti, d'altronde i conservatori iraniani sono moltro più liberisti dei riformisti) e delle libertà civili.
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Sep 2002
    Messaggi
    3,685
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da thematrix
    la propaganda neocon strumentalizza la lotta degli oppositori iraniani facendo credere a noi occidentali che gli iraniani non vedono l'ora di essere liberati con unaguerra preventiva da parte degli stati uniti, e questo è completamente falso..

    sul tuo riferimento al consiglio dei guardiani invece sono completamente in disaccordo con te, io sono coi riformisti e quindi credo che quella istituzione sia un obbrobrio autoritario e reazionario e deve essere abolito, perchè frena la giustissima rivendicazione del popolo dei diritti sociali e civili.

    e poi i neocon sono speculari ai conservatori iraniani, stessa concezione dei diritti sociali(meno diritti per tutti, d'altronde i conservatori iraniani sono moltro più liberisti dei riformisti) e delle libertà civili.
    Benissimo: i Guardiani possono essere considerati i falchi della situazione.
    Eallora? Ci sono dappertutto. Ogni politica nazionale ha il suo spettro di tendenze, che corrispondono alle tendenze varie della popolazione.
    Le tendenze dei Guardiani sono di fatto frenate da tutti gli altri, e gli ayatollah hanno sempre saputo dosare il rigore ai principii, senza cedere ai massimalisti più ottusi. Però ogni tanto fanno anche comodo, per esempio per stoppare sul nascere dei focolai interni di disordine sociale che degenererebbero in cavalli di Troia per USA-Israele, o per la sovversione ateo-modernista.

  5. #5
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Vahagn
    Benissimo: i Guardiani possono essere considerati i falchi della situazione.
    Eallora? Ci sono dappertutto. Ogni politica nazionale ha il suo spettro di tendenze, che corrispondono alle tendenze varie della popolazione.
    Le tendenze dei Guardiani sono di fatto frenate da tutti gli altri, e gli ayatollah hanno sempre saputo dosare il rigore ai principii, senza cedere ai massimalisti più ottusi. Però ogni tanto fanno anche comodo, per esempio per stoppare sul nascere dei focolai interni di disordine sociale che degenererebbero in cavalli di Troia per USA-Israele, o per la sovversione ateo-modernista.
    in iran non ci sono focolai interni di rivolta pro-bush..non ti lasciare infinocchiare dalla propaganda neoconservatrice, anche gli oppositori più estremisti, quelli che vorrebbero rovesciare il regime, sono totalmente contrari a un agressione da parte degli ststi uniti...
    certo i falchi esistono dappertutto, il problema è che in iran hanno il diritto di veto persino sulle leggi varate dall'esecutivo, capito qual'è il problema?
    e poi il consiglio dei guardiani sono un organo non elettivo, quindi per la mia opinione non è un organo legittimo...
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

  6. #6
    Giu' la maschera!
    Data Registrazione
    14 Dec 2002
    Località
    Il Capitale
    Messaggi
    7,438
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Vahagn
    Questa è la dimostrazione che le ciance (tutte di provenienza pannelliana, o cmq delle spie di washington-tel aviv) sugli iraniani che non ce la farebbero più a stare sotto la sciia, sono propaganda e nient'altro.
    In realtà gli iraniani hanno trovato una loro via all'islam, che magari è diversa da quella dei pakistani, o dei somali, ecc.
    I guardiani della rivoluzione si limitano ad intervenire per frenare certi eccessi in contrasto coi principii di base, ma le libertà sono salvaguardate.
    Basta con la propaganda neocon!
    Certi eccessi, come un bacio sulla guancia a tua moglie, fermato a frustate? Ma stiamo impazzendo?

    E questo non dimostra un cazzo, i tumulti studenteschi di quake mese fa ne' sono la prova.

    E' kiaro ke nessuno vorrebbe un conflitto ke provokerebbe migliaia di morto...cio' ke bisogna trovare e' un modo per far cadere quei corrotti tiranni senza una guerra...
    Mr. Hyde


  7. #7
    Giu' la maschera!
    Data Registrazione
    14 Dec 2002
    Località
    Il Capitale
    Messaggi
    7,438
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da thematrix
    in iran non ci sono focolai interni di rivolta pro-bush..non ti lasciare infinocchiare dalla propaganda neoconservatrice, anche gli oppositori più estremisti, quelli che vorrebbero rovesciare il regime, sono totalmente contrari a un agressione da parte degli ststi uniti...
    certo i falchi esistono dappertutto, il problema è che in iran hanno il diritto di veto persino sulle leggi varate dall'esecutivo, capito qual'è il problema?
    e poi il consiglio dei guardiani sono un organo non elettivo, quindi per la mia opinione non è un organo legittimo...
    1. ovvio ke non ci siano focolai probush! ma non essere probush appunto non vuol dire essere pro-ayatollah..e focolai contro quei barbari ci sono eccome.

    2. condivido pienamente la tua posizione sull'ingiusto diritto di veto e sul consiglio dei "guardiani". Guardiani de ke, dei loro interessi a scapito di tutto il resto della popolazione...
    Mr. Hyde


  8. #8
    Liberal
    Data Registrazione
    17 Oct 2002
    Messaggi
    246
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Mr. Hyde
    Certi eccessi, come un bacio sulla guancia a tua moglie, fermato a frustate? Ma stiamo impazzendo?

    E questo non dimostra un cazzo, i tumulti studenteschi di quake mese fa ne' sono la prova.

    E' kiaro ke nessuno vorrebbe un conflitto ke provokerebbe migliaia di morto...cio' ke bisogna trovare e' un modo per far cadere quei corrotti tiranni senza una guerra...
    Speriamo presto!
    "...chi salva una vita, salva il mondo intero..." (Itzhak Stern)

  9. #9
    Giu' la maschera!
    Data Registrazione
    14 Dec 2002
    Località
    Il Capitale
    Messaggi
    7,438
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da PacoWT
    Speriamo presto!
    Di sicuro un Iraq STABILE, LIBERO e MODERNO sarebbe utile a cio'...e i "guardiani dei loro interessi" lo sanno benissimo...ragione per cui continuano a mandare terroristi a cercare di destabilizzare...
    Mr. Hyde


  10. #10
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Mr. Hyde
    Di sicuro un Iraq STABILE, LIBERO e MODERNO sarebbe utile a cio'...e i "guardiani dei loro interessi" lo sanno benissimo...ragione per cui continuano a mandare terroristi a cercare di destabilizzare...
    su questo devo contraddirti, in realtà anche gli iraniani vogliono un iraq stabile, solo vogliono un iraq stabile che si confà ai loro interessi...
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Maroni: "ci dicono che vogliamo le ronde? ebbene sì, le vogliamo!"
    Di Rossodisera nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 05-12-09, 14:41
  2. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 13-02-07, 19:23
  3. Iran : paese aperto alla "libertà " delle donne
    Di svicolone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 10-10-05, 01:36
  4. Due donne iraniane in cima all'Everest(le prime donne musulmane)
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 31-05-05, 08:24
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-04-05, 08:29

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226