Juventus: Buffon, Grygera, Cannavaro, Chiellini, Grosso, Melo, Poulsen (31' st Amauri), Camoranesi (31' pt Thiago), Diego, Giovinco (39' st De Ceglie), Trezeguet. In hand Manninger, Legrottaglie, Molinaro, Immobile.Coach Ferrara

Napoli: De Sanctis, Campagnaro (13' st Datolo), Cannavaro, Contini, Maggio, Gargano, Cigarini, Hamsik, Aronica, Lavezzi (42' st Pazienza), Denis (24' st Quagliarella). In hand Iezzo, Grava, Rinaudo, Pià. Coach Mazzarri

Reti: 35' pt Trezeguet (J), 10' st Giovinco (J), 14' st Hamsik (N), 19' st Datolo (N), 37' st Hamsik (N)


Torino - Oddio mio! Ma cosa ha fatto il Napoli! Incredibile, sensazionale, strepitoso, fantastico. Da stasera la storia ha un nome con la N maiuscola e l'infinito un solo colore: l'azzurro dell'immensità del cielo. Il Napoli sorpassa la Juve nella partita dei sogni. Una rimonta ai confini della realtà, dallo 0-2 al 3-2 nella mezzora più bella dellla storia del Rinascimento napoletano. Da urlo. Nella notte di Halloween gli azzurri portano le streghe a casa di Madama. Dolcetto e scherzetto. Memorabile. Segnano Hamsik, Datolo e ancora Hamsik. Tre flash back da raccontare come un'iperbole onirica. Jesus non perdona ed il Fanciullino è una macchina da gol. Paolo batte Fabio nella Cannavaro's Valley. Le lacrime napulitane sono per Ciro Ferrara. Le lacrime di felicità sono per Mazzarri, il Walter Ego della Riscossa azzurra e per un popolo intero, indomito, invincibile che mette la bandiera azzurra sulla Mole Antonelliana dopo 21 anni. L'impresa più grande della nostra storia moderna. Un trionfo lungo l'infinito, nell'azzurro dell'immensità del cielo. Oddio mio! Ma cosa ha fatto il Napoli!

Che partita. Si comincia a cento all'ora. Dopo 18 secondi Giovinco va via sulla linea del fuorigioco e si presenta davanti a De Sanctis: diagonale fuori. Ma poi è il Napoli a sfiorare più volte il gol. Al 7' Lavezzi si inserisce benissimo sulla sinistra, cross teso, arriva Maggio che rimette al centro e Denis non ci arriva di un soffio.

Al 20' sinistro d'incontro da oltre trenta metri di Aronica: Buffon fa una superparata e la toglie dal set. Sull'azione successiva d'angolo palla gol per Denis che anticipa tutti ma non trova la porta. Identica azione di 3 minuti dopo: ancora il Tanque svetta in area ma la palla finisce fuori. Peccato. Napoli che avrebbe potuto passare. Ed invece passa la Juve. Al 35' cross di Grygera e colpo di testa di Trezeguet: 1-0. Al 41' punizione di Gargano ed ancora volo di Buffon. Finisce il primo tempo. Juve avanti.

E nel secondo tempo si rompono ancora gli argini. Giovinco fa il 2-0 ed apre una botola grande così. In cui però, nessuno immagina, cadrà proprio la Juve. Perchè qui comincia l'avventura del Napoli. Immagini che resteranno scolpite nel marmo. Al 13' entra Datolo. E cambia la partita. Dopo un minuto Jesus crossa radente da sinistra, arriva Hamsik come una furia: destro sotto la traversa, 2-1.

Cinque minuti e pareggio. Denis stacca in area e schiaccia di prepotenza, Buffon ci arriva prodigiosamente ma Datolo è lì e la mette dentro: 2-2. Non finisce qui. Al 37' delirio azzurro. Ancora Datolo a sfonda a sinistra, cross tagliato, ribatte la difesa ed Hamsik è micidiale: palla nel sette, di forza e precisione. Tre a due! Napoli in Paradiso. Dopo 21 anni la bandiera azzurra svetta su Torino bianconera. La storia siamo noi!