User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Il salto di qualità della lega

    Maroni e il video-choc «Un errore mostrarlo» - Corriere della Sera

    L’intervista - Il ministro: purtroppo la reazione civile è tiepida
    Maroni e il video-choc «Un errore mostrarlo»
    «Travisa la realtà. Bastava un fotogramma»


    La lega ha fatto un salto di qualità.
    Ormai eravamo abituati alla lega che difende roma.
    La lega che difende l'unità d'italia affinché roma possa avere quelle risorse che le permettono di essere una città rigogliosa da quando è diventata sede del papato Palladista.

    Però Maroni ha fatto qualcosa in più.

    Ha difeso anche l'immagine di Napoli.
    Non vuole che si veda quale è la mentalità semitica che vige al Sud.

    roma saprà premiare chi aiuta l'italia
    Forse con questa presa di posizione Maroni potrebbe mettere una ipoteca alla successione di Bossi.
    Questi in 20 anni non ha mai avuto il coraggio di difendere il Sud, si è fermato a roma.

    Maroni no.
    Ha dimostrato che lui difende tutta l'italia nel suo insieme sia nel pagare le tasse al Nord, e sia nello scavalcare i cadaveri nel Sud.

    Pensierino.
    Ma quelli del Nord che non scavalcano i cadaveri, hanno il diritto di fregiarsi del titolo onorifico di italiani?.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il salto di qualità della lega

    l'intervista di maroni è terrificante.
    spero che molte persone da noi l'abbiano vista.
    spero anche che ci meditino sopra, questi padagni ...

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il salto di qualità della lega

    Maroni e il video-choc «Un errore mostrarlo»
    «Travisa la realtà. Bastava un fotogramma»

    ROMA — Nel fine settimana in cui si conclude la cattura dell’intero vertice del clan Russo, al ministro dell’Interno arriva*no i messaggi inviati da colleghi della mag*gioranza ma anche quelli degli esponenti dell’opposizione: «Sulla lotta alla mafia non ci devono essere divisioni e io stesso cito sempre le iniziative positive del gover*no precedente sul contrasto alla criminali*tà », risponde Roberto Maroni che gira subi*to i complimenti «alle forze dell’ordine an*che per l’eccezionale coordinamento con la magistratura inquirente».

    «I complimenti sono dovuti a questi ser*vitori dello Stato», si schermisce il mini*stro che spiega anche come lo Stato stia puntando a prosciugare le risorse finanzia*rie della mafia: «Beni per oltre 5 miliardi se*questrati in poco più di un anno perché con meno soldi a disposizione anche la lati*tanza dei boss diventa più difficile».

    Però in questo fine settimana — insie*me all’arresto dei fratelli Pasquale e Salvato*re Russo — Maroni ha dovuto digerire an*che il video agghiacciante girato a Napoli: immagini terribili trasmesse in tv e pubbli*cate sui giornali in cui si vede un killer in azione circondato dall’indifferenza dei pas*santi che scavalcano il cadavere: «Io, quel video non lo avrei trasmesso...».

    Perché non trasmettere quel video che poi ha aiutato ad individuare l’identità dei responsabili di un omicidio?
    «Io il video l’ho visto in tv. Devo dire che ho un ottimo rapporto personale con il pro*curatore Lepore, che considero un grandis*simo magistrato, ma io non condivido quel*la sua decisione. Sul piano squisitamente tecnico-investigativo, infatti, la diffusione del video non era necessaria: bastava pub*blicare il fotogramma che inquadrava quel soggetto perché, alla fine, la diffusione ha aiutato ma solo nel fermo immagine che viene dopo la parte truculenta. Io, dunque, avrei utilizzato il fotogramma... Comunque avrei sfruttato la foto che era nitida: e forse il soggetto si sarebbe potuto catturare men*tre adesso c’è un latitante in più. Sappiamo chi è ma è latitante».

    Le immagini del killer in azione a Napo*li hanno fatto il giro del mondo.
    «Prendo atto della decisione della procu*ra ma spero che non sia necessario ripetere l’esperimento. Sono immagini scioccanti: hanno dato l’idea di una città, Napoli, ben diversa dalla realtà. Purtroppo c’è anche il crimine ma la città è certamente diversa».

    E l’indifferenza dei passanti?
    «Il coraggio non è un obbligo. Ma è an*che inaccettabile che uno scavalchi un cada*vere come se non fosse successo niente. L’indifferenza è una fatto altamente negati*vo perché noi possiamo catturare pure tan*ti latitanti, e lo stiamo facendo, ma la guer*ra contro la mafia si vince anche sul piano culturale. Purtroppo, la reazione civile è molto tiepida ma questa è questione che non può risolvere il ministro dell’Interno».

    Il «modello Campania» di contrasto al*la criminalità verrà esportato?
    «Lo schema sperimentato in Campania sta diventando un modello di efficienza nel*la lotta alla criminalità organizzata. Funzio*na molto bene a Napoli e a Caserta: più uo*mini, più militari sul territorio senza però intralciare le indagini perché il rischio era proprio quello di inutili sovrapposizioni. Quindi, tutto questo sarà esportato: in setti*mana sarò a Bari per concordare anche lì l’applicazione del modello Campania».

    Spesso, nella gara per la cattura dei la*titanti, non funziona il gioco di squadra tra polizia e carabinieri.
    «Forse, in passato, sì. Ma adesso non è più così. C’è un’ottima collaborazione che è stata rafforzata con l’insediamento del nuovo comandante dei carabinieri, il gene*rale Leonardo Gallitelli: è come se le forze dell’ordine fossero sotto un’unica guida pur essendo subordinate a diversi ministe*ri, come è noto. E non parlo solo di polizia e carabinieri. Adesso con il prefetto Manga*nelli (direttore del dipartimento della pub*blica sicurezza, ndr ) e con il generale Galli*telli c’è una cooperazione di fatto che non ha precedenti. È questione di uomini, non di leggi».

    Dopo la morte del detenuto Stefano Cucchi e il suicidio in cella della brigati*sta Diana Blefari Melazzi, ora si apre un caso carceri nell’agenda del governo?
    «Io non credo che ci sia una questione carceri sotto questo profilo. Questo è il sui*cidio di una persona complessa che aveva appena ricevuto la conferma della sua con*danna definitiva e che aveva problemi per*sonali ben noti. Non credo che, in questa sua decisione di suicidarsi, la brigatista sia stata influenzata dal sistema carcerario. Su Cucchi, poi, c’è un’inchiesta in corso ma an*che lì penso che il carcere c’entri poco...».

    Diana Blefari Melazzi stava collaboran*do?
    «Su questo non posso dire nulla».

    Dino Martirano

 

 

Discussioni Simili

  1. Salto di qualitá nella politica italiana
    Di Abdullah nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-12-10, 10:04
  2. Finiscono gli ammortizzatori, crisi verso il salto di qualità
    Di Imperium nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 19-08-09, 18:28
  3. chi sarebbe pronto al salto di qualita?
    Di "Il Ventennio" nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 23-01-09, 07:54
  4. Salto di qualità nelle rivolte dei sobborgi parigini!
    Di Roberto Mime nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-11-05, 09:49
  5. Art 18, un salto di qualità per le piccole imprese
    Di yurj nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 22-01-03, 12:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226