User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Oct 2003
    Località
    La tradizione non è il passato. La tradizione ha a che vedere con il passato né più né meno di quanto ha a che vedere col presente o col futuro. Si situa al di là del tempo.
    Messaggi
    820
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ambientalismo nazionalsocialista

    Salve!
    Qualcuno sa darmi una dritta sull'ambientalismo in ambito nazionalsocialista?
    Mi interessano anche bibliografie e siti.
    Grazie
    Pro aris rege!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    5,583
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ambientalismo nazionalsocialista

    Fondamentali:
    - Anna Bramwell Ecologia e società nella Germania nazionalsocialista Ed. Reverdito, Trento 1988
    - Andrea D'Onofrio Ruralismo e stroria nel terzo Reich Ed. Liguori, Napoli 1997
    - Walther Richard Darrè La nuova nobiltà di sangue e suolo Ed. Ar Padova 1979

    Puoi recuperarli alla lib AR, o Europa, o Bottega del Fantastico dipende dove ti trovi. Harm

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Oct 2003
    Località
    La tradizione non è il passato. La tradizione ha a che vedere con il passato né più né meno di quanto ha a che vedere col presente o col futuro. Si situa al di là del tempo.
    Messaggi
    820
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie Harm!
    Dai titoli promettono bene...
    Pro aris rege!

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    5,583
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vedi anche:
    Ma quei carnefici capirono molte cose sul cancro

    Robert Proctor, «La guerra di Hitler contro il cancro», traduzione di Margherita Botto, Cortina, Milano 2000, pagg. 452, L. 59.000.
    Con La guerra di Hitler contro d cancro Robert Proctor prosegue la storia della medicina sotto il nazismo iniziata con Racial Hygiene (Harvard University Press, 1988). Dopo un quadro generale della ricerca tedesca prima del 1933, Proctor racconta come una volta cacciati i ricercatori ebrei, il regime ne riprese le idee sull'origine genetica e soprattutto ambientale dei tumori, e sulla necessità della diagnosi precoce e della prevenzione. I fini rimasero quelli dell'epoca guglielmina: ottenere una forza lavoro adatta allo sviluppo industriale con una discendenza di buona qualità. Ma cambiò il senso delle parole, per esempio di "agenti patogeni". Ora proteggere la razza dal cancro significava mondarne l'ambiente e i geni anche da contaminanti quali ebrei, zingari e altri disabili fisici e mentali. Con molte risorse, una buona coordinazione e un ampio raggio, partirono iniziative per identificare e combattere gli effetti di radiazioni, polveri e svariati elementi e composti chimici nei luoghi di lavoro. Nelle fabbriche cancerogene, furono mandati i nemici del Reich. Agli ariani venne insegnato a evitare cibi conservati o artefatti, alcool, grassi, zuccheri. Infine «la Germania nazista condusse la più energica campagna mondiale contro il fumo e sviluppò la più sofisticata epidemiologia mondiale delle malattie indotte dal tabacco». Dopo l'invasione dell'Unione Sovietica, la propaganda sanitaria fu in parte sospesa, anche se il «programma "eutanasia"» continuò alacremente. Ai soldati si distribuirono alcool e sigarette; i dirigenti nazisti non si preoccupavano delle conseguenze, il «programma "eutanasia"» avrebbe eliminato i depravati.
    Gli scienziati avevano stabilito, almeno empiricamente, il legame tra cancro e molte sostanze. Lo Stato ne tenne conto, tutelò la maternità, riconobbe e indennizzò le malattie professionali, raccomandò ai cittadini il moto, un'alimentazione possibilmente vegetariana come quella del Führer, cure alternative come l'omeopatia e la fitoterapia. Con disagio, chi legge ritrova nelle campagne di allora slogan di oggi o l'idea ossessiva di una natura 'buona'.
    Ma tutti erano privati del diritto di disporre di sé. Diversamente dalle vittime dei campi di concentramento però, gli ariani avevano verso lo Stato il dovere di essere sani. «Il tuo corpo appartiene al Führer», diceva un manifesto. Nessuno lo stracciava eppure diceva che, complici gli scienziati, i tedeschi erano bestiame, e lui l'allevatore di «carne da macello». La metafora non viene espressa dall'autore ma è sempre sottintesa. Dopo aver elencato i provvedimenti "progressisti" presi grazie alla medicina del lavoro, per esempio, scrive che questa «si propose... di ridurre idealmente a zero la differenza tra l'età della pensione e l'età della morte... per risparmiare alla Volksgemeinschaft gli oneri finanziari procurati da infermi anziani e "improduttivi"». E rimanda alle fonti: manuali, riviste di «igiene aziendale» e perfino bollettini sindacali.
    Proctor non semplifica i paradossi, li sottolinea con giustapposizioni di ricerche raffinate e di violenza bruta che sfidano l'incredulità. Non "mira a colpire" ma a far riflettere sul fatto che nel dopoguerra la comunità degli oncologi abbia ignorato i lavori tedeschi nella rassicurante illusione che la conoscenza possa nascere soltanto dal bene. Con il risultato che per ricollegare cancro a sigarette, radiazioni, amianto, radon, coloranti alimentari, tinture o fertilizzanti sono occorsi altri decenni e altre morti. Alcuni oncologi americani e inglesi hanno reagito accusando l'autore dì voler da un lato riabilitare la medicina dei nazisti, e dall'altro di suggerire che le attuali campagne contro il fumo o l'obesità ne ripetano l'intolleranza. Proctor scrive nel Prologo che sa di rischiare questo "malinteso" mentre, in realtà, gli preme «spezzare i già logori legami che un tempo si diceva tenessero unite virtù tecniche e morali». Il libro, anche quando è orribile o grottesco, illustra che si può evitare la confusione fra le virtù, misurare i dati epidemiologici con criteri tecnici e gli intenti e le azioni delle persone con criteri morali. Si sente che l'autore è aggrappato a questa distinzione come a una boa di salvataggio. Forse gli ha permesso di scrivere questa storia, sicuramente è quella che spinge il lettore a leggerla fino alla fine.

    Per il reperimento leggi il messaggio pvt che ti ho inviato

 

 

Discussioni Simili

  1. L'ambientalismo del FARE!!!
    Di Razionalista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-02-08, 15:14
  2. Cristianesimo e ambientalismo
    Di Demogorgon nel forum Cattolici
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 26-12-07, 15:23
  3. Ambiente e Ambientalismo
    Di felis nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-09-05, 16:47
  4. Ambientalismo Ecologista
    Di Muhaddip nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 04-02-05, 00:21
  5. L'ambientalismo uccide!
    Di ciaparat nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-07-02, 16:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226