User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Il Senato federale

  1. #1
    Enciclopedista
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,627
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Senato federale

    Secondo la riforma costituzionale approvata dal Senato, il Senato federale può determinare l'annullamento delle leggi regionali che danneggiano l'interesse nazionale. Che ne dite ?
    I leghisti sono soddisfatti ?

    Art. 31.
    (Leggi regionali ed interesse nazionale
    della Repubblica)
    1. All’articolo 127 della Costituzione dopo il primo comma è inserito il seguente: «Il Governo, qualora ritenga che una legge regionale pregiudichi l’interesse nazionale della Repubblica, può sottoporre la questione al Senato federale della Repubblica, entro trenta giorni dalla pubblicazione della legge regionale. Il Senato, entro i successivi trenta giorni, decide sulla questione e può rinviare la legge alla Regione, con deliberazione adottata a maggioranza assoluta dei propri componenti, indicando le disposizioni pregiudizievoli. Qualora entro i successivi trenta giorni il Consiglio regionale non rimuova la causa del pregiudizio, il Senato, con deliberazione adottata a maggioranza assoluta dei propri componenti, entro gli ulteriori trenta giorni, può proporre al Presidente della Repubblica di annullare la legge o sue disposizioni. Il Presidente della Repubblica può emanare il conseguente decreto di annullamento».
    Diderot

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Arrivederci a Tutti!
    Data Registrazione
    16 Mar 2004
    Messaggi
    1,932
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' ovvio che dipende dalle Materie su cui una Regione legifera,se non è di competenza regionale o intacca gravemente una materia di competenza statale il senato può rivedere il tutto.

  3. #3
    Arrivederci a Tutti!
    Data Registrazione
    16 Mar 2004
    Messaggi
    1,932
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    tratto da Il Giornale del 16 ottobre 2004

    Costituzione...finalmente si cambia
    di Gianni Baget Bozzo


    La Camera dei deputati ha iniziato la discussione sul nuovo testo del progetto di riforma costituzionale.

    Il governo Berlusconi ha raggiunto un traguardo che venne tentato (e fallì) nelle sette precedenti legislature.

    Il metodo della commissione bicamerale, che fu adottato nei casi precedenti sul modello indiretto della Costituente, non ha mai dato frutti: il governo Amato scelse per primo la via di una riforma relativamente al solo titolo V della Costituzione, relativo alle autonomie locali.

    Quel testo è considerato infelice ora da esponenti della stessa maggioranza di sinistra che lo propose e lo sostenne in un referendum.

    Quella riforma ha trasferito alla Corte costituzionale tutte le questioni relative al governo delle autonomie, mancando così del tutto l'idea di federalismo.

    Il nuovo progetto tratta della forma di Stato e di governo e quindi va al cuore della struttura istituzionale.

    I partiti della maggioranza hanno composto le loro diverse esigenze in un sistema relativamente armonico, che mostra la fecondità del dibattito avvenuto.

    La forma di governo è intermedia tra premierato e cancellierato.

    Il presidente del Consiglio diviene primo ministro, è designato dagli elettori, nomina e dimette i ministri, scioglie la Camera dei deputati.

    Però qualche elemento del cancellierato è stato immesso nel premierato, perché il presidente della Repubblica non scioglie la Camera se la medesima maggioranza indica un altro presidente del Consiglio nel suo seno.

    È un po' la sfiducia costruttiva della Costituzione tedesca.

    Il presidente della Repubblica ha quindi un ruolo che consiste nell'accertare le condizioni di scioglimento e mantiene come una prerogativa il potere di grazia.

    La Camera dei deputati diviene l'unica assemblea politica della Repubblica e decide da sola tutte le questioni che la riforma riserva al potere centrale dello Stato.

    Il Senato è concepito in forma che ricorda il Senato federale americano, ma le sue competenze sono limitate alle sole questioni che interessano congiuntamente le competenze dello Stato e quelle dei poteri locali.

    La novità costituzionale è la costruzione di un corridoio tra le due Camere in caso di non accordo su una materia di competenza mista o sulle questioni relative alla illegalità di una norma disposta da una regione.

    Il progetto esprime un sistema originale che non ha precedenti in altre costituzioni e il cui scopo è di mantenere la connessione tra l'indicazione elettorale e la maggioranza politica della Camera dei deputati, come avevano chiesto gli elettori in occasione del referendum Segni.

    La riforma intende conservare l'omogeneità della maggioranza ma, al tempo stesso, non mortificare la dialettica interna all'assemblea stessa.

    Il punto più delicato è il rapporto tra il Senato ed il governo: rapporto che, di fatto, non sussiste.

    Ciò ricorda - come abbiamo detto - piuttosto il Senato americano che i Senati europei.

    L'influenza americana è visibile nell'impianto costituzionale, che tende a mantenere la stabilità delle maggioranze e a impedire crisi intra ed extra parlamentari.

    E' delineata una forma di governo concepita come negazione delle prassi che furono della prima Repubblica.

    La riforma federale consiste soprattutto nella "riforma della riforma", cioè a distinguere tassativamente tra competenze centrali e competenze regionali.

    E' stato introdotto il diritto del governo di provvedere in caso di pubblica necessità, intervenendo anche in casi che sarebbero ordinariamente di competenza delle Regioni.

    Inoltre molte competenze significative (dall'energia ai trasporti) sono tornate competenze statali e non competenze miste.

    Nonostante tutte le critiche alla devoluzione di Bossi, essa è servita per riformare in senso più conforme all'interesse nazionale la riforma dello spezzatino delle competenze introdotta dal governo Amato.

    La devoluzione toglie meno al governo centrale di quanto non gli avesse tolto la riforma fatta dalla sinistra.

    Il governo Berlusconi ha così fatto un altro passo innanzi per realizzare quello che sembrava il punto più difficile del suo programma: la riforma della forma di Stato e di governo disegnata dalla Costituzione del '48.

    Se si aggiunge questo fatto a numerose altre riforme, dalla scuola al lavoro, alla giustizia, l'esecutivo Berlusconi può essere definito il governo riformatore che ha cambiato le istituzioni politiche italiane in tutto l'arco delle loro competenze: un caso unico nella storia dei governi italiani, che mai riuscirono a realizzare una riforma di cui, da decenni, era matura l'esigenza.

  4. #4
    Enciclopedista
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,627
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Contano le norme che saranno approvate in via definitiva,
    non le chiacchiere di San Baget Bozzo.
    Diderot

  5. #5
    Arrivederci a Tutti!
    Data Registrazione
    16 Mar 2004
    Messaggi
    1,932
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ovvio...però quello che volevo dire è che,secondo me,conta la Lista delle Materie che sarà considerata "regionale" o "statale"...

    E' quella la Voce che bisognerà andare a controllare (anche da me che sono meridionale)...non le fumose chiacchiere che possono venire da Entusiasti o Detrattori qualunque...

  6. #6
    Enciclopedista
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,627
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da peppe
    Ovvio...però quello che volevo dire è che,secondo me,conta la Lista delle Materie che sarà considerata "regionale" o "statale"...

    E' quella la Voce che bisognerà andare a controllare (anche da me che sono meridionale)...non le fumose chiacchiere che possono venire da Entusiasti o Detrattori qualunque...

    Le cose che scrive Baget Bozzo sono deliranti. E' evidente la
    sua totale ignoranza di cose giuridico-costituzionali.
    Diderot

 

 

Discussioni Simili

  1. Senato federale a Torino
    Di jotsecondo nel forum Padania!
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 28-03-10, 15:58
  2. Senato Federale: articolo 1
    Di MOOOM nel forum Padania!
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 20-09-04, 23:20
  3. Il senato federale
    Di nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-07-04, 10:22
  4. Chi mi spiega il Senato federale ?
    Di Delaware nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-03-04, 18:19
  5. Quale Senato Federale?
    Di Josto nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-03-02, 22:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226