"No ghe xe gnente al mondo che me fassa sentir contento come el saver che go fato ridare qualcun". Lo ga scrito un comico de classe, Gino Bramieri. De sti tempi, da ogni pulpito televisivo publico o privato, quela che i pensa comicitą, no xe altro che na litania rufiana de portade poliche e de volgaritą de le pił cretine. Se salva pochi da sto diluvio de sterco, come ga scrito Baraldo nel so libro "La Morale della Professione". Na specie de guida par i professioisti de tute le categorie, secondo le intension de l'Autore: dai avocati ai giudici, dai aministratori ai comercianti, dai giornalisti, sportivi e no, a tuta la zente de spetacolo. Praticamente se trataria de un lavoro su la falsariga de quel famoso galateo de mons. Della Casa, a uso e consumo del mondo professionale del nostro tempo. No posso fare na recension del libro, prima de tuto parchč nol xe el me lavoro e questo no xe el posto. Ma ghe xe anche el fato che se trata de un lavoro complicą e tanto bocalon che uno no sa proprio da dove scominsiare. Cussģ go pensą de nominarlo solamente parchč go trovą dei passi che se pol anche condividare e, fra l'altro, no i xe par gnente novi, come supone, credo, l'Autore. Par sto motivo a l'inissio go nominą Bramieri. Se leze, a pagina 47: " Un comico che usa la volgaritą per far ridere, non sarą mai un comico ma solo un pagliaccio, essendo l'umorismo vero, un manufatto della mente e del cervello". A sto punto no se capisse se la mente fassa parte del servelo o de n'altro organo. No me fermo su i tanti sugerimenti par i atori in genere, ve scrivo questo che xe a pagina 62: " Un bravo attore non accetta mai qualunque parte, pur di lavorare, ma pretende la sua. Quella alla quale le doti professionali si adattano e la possono esprimere compiutamente". Se pol essare dacordo a pato che l'atore in question possa magnare lo stesso. Anche quela sui giornalisti merita na sotolineatura, parchč la toca na categoria de la quale fasso parte. Prima el se la tole coi giornalisti sportivi che ga la colpa de aver roviną el calcio in particolare e tuti i altri sport, co de le valanghe de ciacole inutili. Dopo el passa ai cronisti de redassion, quei che ga da contare un serto numaro de batute par coverzare el bianco de la pagina . " La notizia č una mera merce di scambio da barattare come i fagioli dei contadini. Solo il commento dą valore ed impotanza alla notizia, ma il commento č una spremuta d'uomo, se c'č" Sto fato me piase da mati parchč sucede da vero - e tante volte e purtropo - che serti comenti a fati de cronaca, fa pensare a quel "Se c'č". Anche quela che riguarda i giudici xe bela, nel senso che la xe stramba, no me ricordo la pagina : " Un giudice č saggio solo quando riesce a giudicare con la forza dello spirito, al di fuori dal pantano delle meschinitą umane del pro e del contro". A sto punto bisognarģa che lo spirito del giudice gavčse la parola, invesse che dipendare da la parte materialmente umana del solito omo che come tale, a volte xe de parte. La bota par i aministratori, publici e privati, la xe come la spada de san Piero che ga tają la recia a Malco ne l'Orto dei ulivi: tempo perso. " L'aministratore onesto č colui che ci rimette di suo, piuttosto che manipolare i conti ". Stampato a spese de l'Autore, che se definisse: uno che ga tante robe da dire. E schei da butare, ghe zonto mi.
Ugo Suman