User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Emergenza carcere: collegamento in diretta con Marco Pannella da Marrakech

    Emergenza carcere: collegamento in diretta con Marco Pannella dal "Forum for the future" di Marrakech
    Radio, 3 novembre 2009 - 08:42
    Invia a un amico, Stampa
    Marco Pannella parla dell'emergenza carceraria partendo dall'articolo di Luca Ricolfi "Carceri ipocrisia bipartisan" pubblicato oggi sul quotidiano "La Stampa"

    Emergenza carcere: collegamento in diretta con Marco Pannella dal "Forum for the future" di Marrakech | RadioRadicale.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Emergenza carcere: collegamento in diretta con Marco Pannella da Marrakech

    INTERVISTA A GUIDO CALVI: "TOSSICODIPENDENTI, IMMIGRATI LE NOSTRE CARCERI SCOPPIANO"

    • da L'Unità del 2 novembre 2009

    Stefano Cucchi è morto "per caso" in cella; ma Diana Blefari Melazzi si è certamente suicidata. Modi diversi per dire addio alla vita nel suggestivo scenario delle carceri italiane, anzi, in questi due casi, romane. Qualunque cosa sia successa a Stefano per metterlo in quelle terribili condizioni, l`atrocità della sua morte ha comunque riportato a galla un problema e una consuetudine antichi: la violenza, omologabile alla tortura, che si consuma ancora tra le maglie del nostro sistema di sicurezza con perseveranza endemica. L`Europa ha obiettato al nostro dispositivo carcerario che la tortura esiste già nel costringere i detenuti in spazi pro capite inferiori ai tre metri quadri. Ne parliamo con Guido Calvi, uno dei più bravi e impegnati penalisti d`Italia.

    Che accade? La cronaca non ci aiutano a ricordare che in questa terra è stata cancellata dall`ordinamento giuridico la pena di morte. Nelle nostre celle si muore troppo facilmente...

    «Veramente il nostro Paese è anche quello che nell`articolo 27 della sua Carta costituzionale prevede, riferendosi alla pena, la rieducazione e la reintroduzione di chi ha sbagliato nella società civile. Tanti altri paesi non hanno inteso dare al trattamento della pena un senso così elevato e profondamente umano...»

    Tanto peggio, allora. Cos`è che ci spinge indietro con tanta brutalità?

    «Partiamo da un dato: il sovraffollamento. E ogni mese questa popolazione aumenta di mille nuove unità. Siamo del tutto fuori norma e chi afferma che la soluzione è aumentare "i posti letto" non capisce la radice del problema. Ma ecco altri elementi utili: quest`anno si sono tolti la vita tre agenti della polizia penitenziaria. Questo, mentre sempre nel 2009 si registra un incremento di 20 casi di suicidio tra i detenuti. Per restare ad ottobre, otto detenuti sono morti in cella, di cui tre suicidi, tre per malore e due per cause non ancora accertate, tra cui anche il povero Stefano Cucchi. Siamo di fronte a una tragedia immensa che accomuna detenuti e personale carcerario. Una defaillance di sistema e non è una banale questione di cubature...»

    Arriviamo alla radice, se esiste...

    «Mi aiuto ancora con delle quantità. Un terzo degli ospiti delle nostre carceri sono tossicodipendenti, un terzo extracomunitari, un terzo, infine, sono dentro per reati comuni. A parte il fatto che da questo elemento si può prendere atto di come sia praticamente impossibile per un colletto bianco finire in prigione, e la gente lo sa, ecco che sotto questa luce si possono prendere in considerazione le responsabilità di due leggi ad hoc, quella, appunto, sulle tossicodipendenze e quella sulla clandestinità. Queste sono le chiavi principali della situazione che stiamo cercando di affrontare. Se decidiamo che un ragazzo come Stefano Cucchi può finire in prigione in quelle condizioni, se vogliamo punire con il carcere l`extracomunitario che non ha documenti regolari, non possiamo allargare la cubatura delle prigioni per risolvere il problema, le celle non basteranno mai».

    Depenalizzare è la via d`uscita?

    «Operare attraverso altri strumenti restrittivi, il carcere deve restare la soluzione estrema. Che senso ha, anche sotto il profilo del dettato costituzionale, trattenere in cella migliaia di persone che si drogano? Sanzioni amministrative, allora, e interdizioni. Al medico che prescrive il doping per un ciclista, si può comminare la sospensione dall`esercizio della professione, per esempio».

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 07-01-12, 15:57
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-12-11, 17:03
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-12-09, 17:06
  4. Da Marco Pannella
    Di Willy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 17-04-07, 21:01
  5. Marco Pannella.
    Di Sir Demos nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 24-04-02, 02:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226