User Tag List

Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 56
Risultati da 51 a 60 di 60
Like Tree14Likes

Discussione: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

  1. #51
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    18 Jul 2015
    Località
    Modena
    Messaggi
    24,875
    Mentioned
    396 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    Ciao Silvia è un topic molto interessante grazie per averlo postato

    Io sono Davide piacere.


    Inviato dal mio iPhone laminato oro 24k utilizzando Tapatalk

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #52
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,942
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    Citazione Originariamente Scritto da david477 Visualizza Messaggio
    Ciao Silvia è un topic molto interessante grazie per averlo postato
    Grazie a te!

  3. #53
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,942
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    A quasi 100 anni dalla sua scoperta, la tomba di Tutankhamon continua a rivelare segreti...



    Antonio Lodetti


    «TROVATA LA MISTERIOSA TOMBA DI NEFERTITI»




    Sembra di vivere in una scena de "La mummia" o di qualche film sull'antico Egitto. Un archeologo inglese sostiene di aver trovato la chiave per svelare uno dei più grandi enigmi dell'epoca egizia, che divide ancora oggi esperti, storici e archeologi. Secondo Nicholas Reeves, studioso della University of Arizona, ci sono le prove che la sepoltura di Nefertiti, regina vissuta nel XIV secolo a.C., si trovi all'interno della celebre tomba di Tutankhamon, riportata alla luce nel 1922 nella Valle dei Re dall'archeologo inglese Howard Carter.

    L'affascinante ipotesi, di cui parla diffusamente il Times , è che quest'ultima sia solo l'anticamera del luogo in cui Nefertiti, considerata la madre del giovane faraone e personaggio più illustre rispetto al figlio, sia stata deposta per l'eternità. Molti studiosi hanno parlato del luogo dove è sepolta Nefertiti arrivando a diverse conclusioni. Secondo alcuni colei che è stata definita «Signora di tutte le donne» e «Regina dell'Alto e del Basso Egitto» sarebbe seppellita ad Amarna, la capitale dell'antico Egitto (situata sulla riva est del Nilo) costruita dal marito, il faraone Akhenaten. Per altri Nefertiti sarebbe una delle due mummie ritrovate nel 1898 nella tomba di Amenhotep II... Ma recenti studi sul DNA delle mummie hanno stabilito che la più vecchia è Tiye, la madre di Akhenaten, mentre la seconda è rimasta sconosciuta. Nel 2003 la studiosa dell'Università di York Joann Fletcher ha suggerito che questa seconda mummia potesse essere Nefertiti, ma la teoria non ha trovato molto seguito.

    Reeves è arrivato a queste conclusioni grazie alla tecnologia. Dopo aver analizzato alcune scansioni digitali ad alta risoluzione dei muri interni alla tomba di Tutankhamon, ha scoperto due ingressi, che non sarebbero stati violati dall'antichità, e uno di questi porterebbe a una scoperta «straordinaria». Reeves ritiene che la tomba appartenga a Nefertiti perché la collocazione dell'ingresso, sulla destra della camera, è generalmente usata per le regine piuttosto che per i re. Anche le modeste dimensioni della tomba di Tutankhamon, in relazione alla sua importanza, hanno da sempre stimolato le discussioni fra gli archeologi e, ora, Reeves propone che sia stata costruita solo come appendice per nascondere e proteggere un sepolcro già esistente, quello della madre. «Le implicazioni di una tale scoperta sarebbero straordinarie - ha scritto Reeves -, se l'apparenza digitale dovesse trasformarsi in una realtà fisica, ci troveremmo davanti non solo a un nuovo locale con oggetti dell'era di Tutankhamon a ovest; ma a nord, come continuazione della tomba KV62, ci troveremmo davanti a un locale di epoca precedente, cioè alla tomba della stessa Nefertiti, consorte, coreggente ed eventuale ereditiera al trono del faraone Akhenaten».

    Il dottor Reeves sostiene che la scoperta di una porta nascosta suggerisce l'ipotesi di una tomba all'interno di un'altra tomba. Una parete della stanza, decorata con scene religiose antecedenti a quelle delle altre tre mura, e la protezione della stanza suggeriscono che «solo una donna della diciottesima dinastia può aver ricevuto tali onori... Nefertiti».



  4. #54
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,412
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    L'anomalia termica delle Piramidi

    Alle soglie di un nuovo mistero: l'esplorazione all'infrarosso delle Piramidi rivela la presenza di architetture ignote, forse mai violate.

    http://www.focus.it/cultura/storia/r...altre-piramidi

    "Tante aurore devono ancora splendere" (Ṛgveda)

  5. #55
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,942
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    E' di origine meteoritica - di uno degli innumerevoli meteoriti caduti sul deserto egiziano, che ancora oggi è facile raccogliere - il ferro della lama di uno dei due pugnali trovati con la mummia di Tutankhamon.



    Fabrizio Assandri

    I RAGGI X SVELANO IL SEGRETO DEL PUGNALE DI TUTANKHAMON: FERRO DI ORIGINE METEORITICA





    Gli antichi egiziani lo sapevano e, in fondo, ce lo avevano detto. Un papiro racconta di un «ferro piovuto dal cielo». Ma il mistero dell’origine di uno dei due pugnali trovati insieme alla mummia del faraone bambino, Tutankhamon, ha diviso gli studiosi fin da quando, nel 1925, fu aperto il sarcofago custodito nella Valle dei Re. A mettere la parola fine alla disputa è una ricerca italo-egiziana, nata anche dopo il ritrovamento di un cratere. Tra i tanti misteri e le superstizioni legati al faraone, a partire dalla maledizione che avrebbe colpito chi avesse profanato la sua tomba, almeno un’incognita è stata risolta. Con la fluorescenza a raggi X, gli scienziati hanno tolto ogni dubbio: il ferro della lama di quel pugnale arriva dallo spazio.

    «Gli oggetti egizi di ferro sono pochissimi, non avevano sviluppato la metallurgia del ferro e non c’erano cave. Così, era considerato più prezioso dell’oro», spiega Francesco Porcelli, professore di Fisica al Politecnico di Torino. «Per questo il ritrovamento del pugnale di Tutankhamon aprì un dibattito». A stupire era anche la grande qualità della manifattura, segno della capacità nella lavorazione del ferro raggiunta già allora. Il pugnale, di circa 35 centimetri e per nulla arrugginito, era infilato tra le bende della mummia, per prepararsi all’incontro con l’aldilà: basti a dire quanto era ritenuto prezioso.

    C’erano studiosi che già sostenevano si trattasse di un meteorite, mentre altri pensavano che fosse stato importato: in Anatolia nel XIV secolo a. C., quando visse Tutankhamon, il ferro c’era già. «Incredibilmente, però, finora nessuno aveva fatto analisi».

    L’antefatto di questa storia è la scoperta nel 2010, che finì sulla rivista Science, del Kamil Crater nel mezzo del deserto egiziano. Si tratta di un piccolo «cratere lunare», rarissimo sul nostro pianeta, perché di norma l’erosione cancella i segni degli impatti dei meteoriti. A quella spedizione parteciparono tra gli altri gli studiosi di Pisa e dell’osservatorio astronomico di Pino Torinese. «Quando fu scoperto il cratere, parlammo del mai risolto interrogativo sul pugnale sulla mummia del giovane faraone della diciottesima dinastia, e decidemmo di fare le analisi, superando un po’ di riluttanza delle autorità egiziane, che giustamente custodiscono gelosamente i reperti», spiega Porcelli.

    Ma come si è arrivati a stabilire che si tratta di un metallo alieno? Dalla composizione: il ferro infatti contiene nichel al 10% e cobalto allo 0,6: «Sono le concentrazioni tipiche dei meteoriti. Pensare che possa essere il frutto di una lega, in queste concentrazioni, è impossibile». La strumentazione utilizzata sul reperto in Egitto non è stata invasiva, la fluorescenza a raggi X, poi i dati e i risultati sono stati analizzati in Italia.


  6. #56
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Sep 2013
    Località
    Al Rakka
    Messaggi
    7,524
    Mentioned
    84 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    caos e disordini già da queste mattina in egitto,per l'aumento dei biglietti dei mezzi di trasporto

    ????? ????: ?????? ????? ???? ???? ????? ??? ???????
    il popolo itagliota si merita di essere invaso da milioni di negri che poi lielo buttano nel culo,il popolo itagliota si merita di esser preso per il culo dai politici,il popolo itagliota si merita di prenderlo nel culo dalla sera alla mattina.

  7. #57
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,412
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    Citazione Originariamente Scritto da vasconcelos Visualizza Messaggio
    caos e disordini già da queste mattina in egitto,per l'aumento dei biglietti dei mezzi di trasporto

    ????? ????: ?????? ????? ???? ???? ????? ??? ???????
    Stanno per aumentare anche i biglietti dei musei, se è per questo...

    https://djedmedu.wordpress.com/2017/...gici-egiziani/

    Ma non si tratta esattamente di misteri... o, almeno, non nel senso in cui li intendiamo noi.
    "Tante aurore devono ancora splendere" (Ṛgveda)

  8. #58
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,942
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    LUXOR, SCOPERTE SEI MUMMIE NELLA TOMBA DI UN GIUDICE

    L’eccezionale ritrovamento nella tomba di Userhat, importante magistrato della XVIII dinastia




    Sei mummie sono state ritrovate in una tomba nei pressi di Luxor, in Egitto. A dare la notizia dell’eccezionale scoperta archeologica è stato il governo egiziano. Insieme alle mummie erano presenti anche sarcofagi colorati (come quello nell’immagine sopra, scoperto lo scorso anno) e circa mille figure funerarie. La tomba è probabilmente quella di Userhat, un magistrato della diciottesima dinastia (1550-1295 avanti Cristo), giudice della città: ma sarebbe stata riutilizzata durante la XXI dinastia per far posto ad altre inumazioni.

    La tomba rinvenuta è composta da una camera che conduce a una sala rettangolare, un corridoio e una camera interna. In una delle sale gli archeologi hanno trovato una serie di statuette funerarie (ushabti), coperchi di sarcofagi e maschere lignee. Gli scavi ora proseguiranno nella seconda camera. All’inizio dell’anno, archeologi svedesi avevano scoperto dodici siti funerari risalenti a circa 3.500 anni fa presso la città di Assuan, nelle regioni meridionali dell’Egitto. A marzo era stata rinvenuta in un sobborgo del Cairo una grande statua del faraone Psammetico I, che regnò dal 664 al 610 a . C. All’inizio si era pensato che il faraone raffigurato fosse Ramses II.



  9. #59
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,942
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    L'ANTICO EGITTO A MILANO CON AMENOFI II

    Al Mudec esposti documenti originali scoperti nella sua tomba



    Stele che raffigura Thutmosi III e suo figlio Amenofi II
    (© Stichting Rijksmuseum van Oudheden, Leida) [Nr archiv. 3]


    MILANO - L'Antico Egitto andrà in scena al Mudec di Milano, dal 13 settembre al 7 gennaio 2018, grazie alla mostra "Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II", incentrata sulla figura del faraone Amenofi II, vissuto tra il 1427 e il 1401 a.C. e figlio del grande Thutmosi III. Amenofi II non è mai stato oggetto di una mostra monografica ed è poco noto al grande pubblico, forse perché messo in ombra dal celebre padre Thutmosi III, ma anche perché i documenti relativi alla scoperta della sua tomba nella Valle dei Re da parte dell'archeologo Victor Loret nel 1898 erano sconosciuti fino a una quindicina di anni fa. Oggi questi documenti originali sono di proprietà dell'Università degli Studi di Milano, che li conserva negli Archivi di Egittologia, e per la prima volta verranno esposti al pubblico.

    I preziosi materiali saranno presentati attraverso una ricostruzione in scala 1:1 della sala a pilastri della tomba di Amenofi II. Un'esperienza immersiva che accompagnerà il pubblico invitandolo ad entrare, attraverso un focus sulle credenze funerarie e la mummificazione, nella camera funeraria per ammirare i tesori che accompagnavano il faraone nel suo viaggio verso l'Aldilà. L'archeologo Loret portò alla luce non solo la mummia del faraone, ma anche quelle di alcuni celebri sovrani del Nuovo Regno, che erano state nascoste all'interno di una delle quattro stanze annesse alla camera funeraria, con lo scopo di sottrarle alle offese dei profanatori di tombe. Tra gli altri corpi ritrovati da Loret nella tomba, anche quelli della madre e della nonna di Tutankhamon.

    L'antica civiltà del Nilo all'epoca del II millennio a.C. verrà presa in esame nelle altre sezioni della mostra, grazie a reperti provenienti dal Museo Egizio del Cairo, il Rijksmuseum van Oudheden di Leida, il Kunsthistorisches Museum di Vienna e il Museo Archeologico Nazionale di Firenze. La mostra è promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura - Gruppo 24 ORE, che ne è anche il produttore, in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano. Sono entrambi egittologi della Statale infatti i due curatori, Patrizia Piacentini, titolare della cattedra di Egittologia, e Christian Orsenigo, che con il coordinamento dell'egittologa Massimiliana Pozzi Battaglia (SCA-Società Cooperativa Archeologica) hanno ideato il percorso della mostra.


  10. #60
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,942
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alla radice del pensiero... L'Egitto e i suoi misteri

    IL LABORATORIO HI-TECH SVELA I SEGRETI DELLA BIMBA MUMMIFICATA




    Il ritratto della bimba incastonato nella mummia.
    Foto della Northwestern University di Chicago


    La tecnologia più avanzata al mondo per ricostruire la storia di una mummia egizia senza rimuovere le bende che la avvolgono da quasi due millenni. Le spoglie, conservate alla Northwestern University di Chicago, appartengono a una bambina morta all’età di circa 5 anni. Un reperto eccezionale, per la tenera età della piccola e perché si tratta delle pochissime - appena un centinaio - mummie accompagnate dal ritratto del defunto di cui ad oggi si ha conoscenza.

    L’analisi ai raggi X fino ad ora ha consentito di accertare che la bambina era in buono stato di salute e non è deceduta a seguito di un trauma violento. «La più probabile causa della morte - spiega il professor Marc Walton, ricercatore della Northwestern - potrebbe essere una malattia come la malaria o il morbillo»

    La mummia è stata scoperta durante uno scavo condotto nel 1911 dall’archeologo inglese Sir William Flinders Petrie, ad Hawara in Egitto, e trasferita l’anno successivo a Chicago. Da allora è entrata a far parte dei pezzi da esposizione più pregiati ed è rimasta intatta, a differenza di molte altre sottoposte a sezionamento per le analisi di laboratorio.

    Ora i ricercatori hanno messo a punto un metodo per analizzare le mummie senza alterare la complessa procedura di bendaggio e questa bambina è la prima su cui viene testato questo metodo sperimentale. Con risultati, già da ora, sorprendenti.
    Il synchrotron a raggi X consente di mappare ogni elemento invisibile a occhio nudo. In questo modo i ricercatori potranno esaminare il tessuto delle ossa e dei denti e fare luce su un oggetto individuato all’interno del cranio, inserito probabilmente a seguito della rimozione del cervello durante il processo di mummificazione.

    « È una sfida affascinante, abbiamo ancora moltissimo da scoprire sul culto dei morti nell’antico Egitto», spiega il professor Walton. Ma sono attese grandi rivelazioni anche in campo medico: «Ci interessa analizzare la qualità e la struttura delle ossa. Come si è evoluta nel tempo? - aggiunge il professor Stuard Stock della scuola di medicina della Northwestern - In questo modo possiamo iniziare a costruire un database capace di tracciare l’evoluzione delle ossa umane nel corso dei millenni».



 

 
Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 56

Discussioni Simili

  1. INTERVENTO - Alla Radice Della Societa’ La Famiglia
    Di Affus nel forum Conservatorismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-01-09, 23:09
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-07-08, 18:20
  3. Alla Radice Della Societa’ La Famiglia
    Di Affus nel forum Cattolici
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 13-02-07, 18:18
  4. Il caso Moro e i suoi FALSI misteri.
    Di Michele S- nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 07-09-06, 16:36
  5. Alla Radice
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-06-06, 18:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225