User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito Prezzi ballerini,fondamento della societa'libera

    Prezzi ballerini, fondamento della società libera
    di Carlo Stagnaro - 27 febbraio 2004


    Alessandro Manzoni, I promessi sposi, capitolo XII. Renzo giunge a Milano, ove si trova coinvolto in un tumulto popolare. I fornai sono accusati di tenere nascosto il grano allo scopo di realizzare ingiusti profitti. Per sedare le proteste, il gran cancelliere Antonio Ferrer si rende conto «che l'essere il pane a un prezzo giusto, è per sé una cosa molto desiderabile; e pensò, e qui fu lo sbaglio, che un suo ordine potesse bastare a produrla. Fissò la meta (così chiamano qui la tariffa in materia di commestibili), fissò la meta del pane al prezzo che sarebbe stato il giusto, se il grano si fosse comunemente venduto trentatré lire il moggio: e si vendeva fino a ottanta. Fece come una donna stata giovine, che pensasse di ringiovinire, alterando la sua fede di battesimo».

    Chi, come Manzoni, conosce le ferree leggi dell'economia sa bene che il prezzo non è una variabile indipendente. Esso porta con sé un'informazione: è un "indice di scarsità" sulla base del quale è possibile effettuare il calcolo economico. "L'economia di mercato - spiega Ludwig von Mises - è reale perché può calcolare". Quando però il prezzo viene "falsato" dall'intervento del governo (per esempio attraverso l'imposizione di una soglia massima o minima), l'intero mercato scivola su una buccia di banana. Cambiare i prezzi d'autorità è come decidere ope legis che il pi greco valga 3 anziché 3,14: senz'altro i calcoli sono più semplici, ma, disgraziatamente, i risultati sono del tutto avulsi dalla realtà.

    Decidere arbitrariamente che, nella città di Vattelapesca, le zucchine costano, diciamo, mediamente 10 centesimi di troppo (rispetto a cosa?), e sanzionare quei commercianti che vendono le zucchine a un prezzo "eccessivo", significa porre le premesse perché in città vi siano meno zucchine. Esattamente come accadeva nella capitale lombarda dipinta da Manzoni: «i magistrati qualche cosa facevano: come di stabilire il prezzo massimo d'alcune derrate, d'intimar pene a chi ricusasse di vendere, e altri editti di quel genere. Siccome però tutti i provvedimenti di questo mondo, per quanto siano gagliardi, non hanno virtù di diminuire il bisogno del cibo, né di far venire derrate fuor di stagione; e siccome questi in ispecie non avevan certamente quella d'attirarne da dove ce ne potesse essere di soprabbondanti; così il male durava e cresceva».

    Non sta alla Guardia di Finanza vigilare sui prezzi; i commercianti debbono badare a un guardiano ben più inflessibile: la concorrenza. Se qualcuno pretendesse di vendere le zucchine a 100 euro al chilo, non troverebbe alcun acquirente, perché un suo collega gli metterebbe i bastoni tra le ruote, per attirare nuovi clienti. Il libero mercato è un meccanismo meraviglioso proprio perché piega ogni egoismo individuale al bene comune. Nelle parole di Adam Smith, «non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che noi attendiamo il nostro pranzo, ma dalla loro considerazione del proprio interesse. Noi ci rivolgiamo non alla loro umanità, ma al loro interesse, e non parliamo mai dei nostri bisogni ma dei loro vantaggi». La libertà dei commercianti è la prima e più importante arma dei consumatori.

    Perché, allora, i prezzi di molti beni in Italia sono aumentati? Non certo perché decine di migliaia di negozianti si siano messi d'accordo (nella qual cosa, comunque, ci sarebbe nulla di male). In fondo, uno dei principi di una società libera è la libertà di associazione. I sindacati, per esempio, assolvono alla funzione di creare un "cartello di lavoratori": e sconfinano nella distruzione della libertà allorché pretendono d'imporre il prezzo di cartello anche a quei lavoratori che sarebbero disposti a percepire uno stipendio inferiore. In parte, i prezzi sono alti perché i consumatori debbono sostenere l'immane peso del protezionismo e della politica agricola comune.

    Del resto, quando all'inflazione si accompagna, come nel momento attuale, la stagnazione economica, significa che l'economia nel suo complesso è malata, e non è certo truccando le carte o additando nuovi untori che si risolve il problema. Per usare l'efficace battuta di Antonio Martino, "rompere il termometro non cura la febbre". Secondo Milton Friedman, "il controllo dei prezzi (inflazione soppressa) fa molti più danni degli aumenti dei prezzi (inflazione aperta)".

    L'introduzione dell'euro gioca un ruolo rilevante nell'aumento dei prezzi. Se non altro perché, nella percezione diffusa, s'è affermata l'equivalenza tra la moneta da un euro e la banconota da mille lire. Per giunta, l'ostilità del nostro Paese alla grande distribuzione (che si manifesta politicamente ogniqualvolta un supermercato fa per aprire i battenti) non ha agevolato la transizione. Come ha sottolineato il presidente Silvio Berlusconi, «che l'euro abbia fatto aumentare i prezzi è una assoluta verità che vale per tanti altri Paesi. Perché la moneta è stata adottata senza adeguati studi e trattative. Ma anche perché ci troviamo in mercati liberi e la grande distribuzione in Italia rappresenta una percentuale ridotta del sistema commerciale rispetto ad altri Paesi». Inoltre, sono le tariffe dei servizi pubblici ad aver spiccato il balzo più vistoso: eppure, nessuno denuncia gl' "ingiusti profitti" di autostrade, ferrovie, poste e quant'altro.

    In ogni caso, «i governi non possono intervenire sul controllo dei prezzi, non lo può fare un governo liberale, né un governo totalitario», prosegue il Cavaliere. A controllare i prezzi deve essere «il singolo acquirente, la massaia, che dovrebbe dare alla spesa più tempo, in modo che, quando un prezzo è ingiustificatamente alto, decida di soprassedere dall'acquisto, rivolgendosi ad altri negozi e acquistando dove il prezzo è più conveniente».

    In generale, insomma, «il controllo dei prezzi - spiega Martino - impedisce al mercato di funzionare, distorce i segnali che i prezzi e le loro variazioni danno a venditori e acquirenti; se funzionante, crea scarsità dove c'era abbondanza (prezzo inferiore a quello altrimenti prevalente), o surplus di prodotti invenduti dove prima c'era equilibrio (prezzo superiore a quello che prevarrebbe altrimenti), diffondendo inefficienza e distorsione nell'impiego delle risorse produttive».

    Chi si fa portavoce della battaglia per il controllo politico dei prezzi (che, insieme alla proprietà statale dei mezzi di produzione, è uno dei cardini della politica economica comunista) combatte contro la realtà. Parafrasando Ernest Hemingway, il controllo dei prezzi è il primo rimedio cui ricorre un Paese mal governato: pur creando prosperità temporanea e illusoria, nel lungo termine è la causa di rovina permanente. Questo lo rende l'ultimo rifugio degli opportunisti economici e politici.

    D'altronde, la scienza economica mostra che commercianti e consumatori sono alleati, e che il loro comune nemico sono le politiche interventiste. Metterli gli uni contro gli altri è il sogno di tutti gli statalisti. Ma se questi gruppi si prestano alla strumentalizzazione, finiscono e finiranno come i capponi di Renzo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ospite

    Predefinito ...privatizzazioni fallite...

    ..caro amico ed omonimo,...pur essendo un convinto sostenitore di questo governo (come si evince facilmente dai miei post),..questo non mi esime da severe critiche e stigmatizzazioni,....io non credo che le cose vadano bene,..trovo che il Berlusconi (oltre ai suoi tanti meriti),..non solo per causa sua,..ovviamente,..ma con la sfiga del periodo contingente,...sia un po' troppo rilassato sul fattore economia,..qui le cose vanno male,..i prezzi sono aumentati a dismisura e continuano a crescere,..le bollette aumentano,..ci avevano detto che con le privatizzazioni i costi si sarebbero calmierati ed invece vedo che questo vale solo per i commercianti,..per il resto,..banche,assicurazioni,..gas ,..luce,..acqua,..treni,..ecc..ecc....ciccia,..e allora??..ma come il re del liberismo naufraga proprio sul suo terreno??,..bisognera' che qualcuno lo avverta,..cosi' non ci siamo proprio,..ed il dramma e' che non abbiamo l'alternativaaaaaaaaaaaa......aiutooooooooooo!!!!! !!!!!!!!!!

  3. #3
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito Re: ...privatizzazioni fallite...

    In Origine Postato da silvio
    ..caro amico ed omonimo,...pur essendo un convinto sostenitore di questo governo (come si evince facilmente dai miei post),..questo non mi esime da severe critiche e stigmatizzazioni,....io non credo che le cose vadano bene,..trovo che il Berlusconi (oltre ai suoi tanti meriti),..non solo per causa sua,..ovviamente,..ma con la sfiga del periodo contingente,...sia un po' troppo rilassato sul fattore economia,..qui le cose vanno male,..i prezzi sono aumentati a dismisura e continuano a crescere,..le bollette aumentano,..ci avevano detto che con le privatizzazioni i costi si sarebbero calmierati ed invece vedo che questo vale solo per i commercianti,..per il resto,..banche,assicurazioni,..gas ,..luce,..acqua,..treni,.. ecc..ecc....ciccia,..e allora??..ma come il re del liberismo naufraga proprio sul suo terreno??,..bisognera' che qualcuno lo avverta,..cosi' non ci siamo proprio,..ed il dramma e' che non abbiamo l'alternativaaaaaaaaaaaa......aiutooooooooooo!!!!! !!!!!!!!!!
    credo che si debba fare molto sopratutto in fatto di concorrenza,di liberalizzazioni...è li'il nodo...mi sono stufato invece di sentire cazzate sui prezzi che andavano controllati....puttanate.

  4. #4
    Noi siamo il vento
    Data Registrazione
    15 Sep 2002
    Località
    Roma Capitale
    Messaggi
    79,052
    Mentioned
    1593 Post(s)
    Tagged
    69 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    In Origine Postato da silvioleo
    ...mi sono stufato invece di sentire cazzate sui prezzi che andavano controllati.... puttanate.
    Ma andate a fare in c*lo.

    E' proprio vero che la madre dei cretini è sempre incinta. In questo caso ha fatto un parto gemellare.

  5. #5
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Dario
    Ma andate a fare in c*lo.

    E' proprio vero che la madre dei cretini è sempre incinta. In questo caso ha fatto un parto gemellare.
    occhio....che in qualche altro post state facendo un monumento a montezemolo che in sostanza dice queste cose sui prezzi...

  6. #6
    Noi siamo il vento
    Data Registrazione
    15 Sep 2002
    Località
    Roma Capitale
    Messaggi
    79,052
    Mentioned
    1593 Post(s)
    Tagged
    69 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    In Origine Postato da silvioleo
    occhio....che in qualche altro post state facendo un monumento a montezemolo che in sostanza dice queste cose sui prezzi...
    Io faccio la spesa e so quello che dico. Chiunque dica il contrario sui prezzi al dettaglio non sa quello che dice.

  7. #7
    Per l'unità dei comunisti.
    Data Registrazione
    13 Jun 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,842
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: ...privatizzazioni fallite...

    In Origine Postato da silvio
    ..caro amico ed omonimo,...pur essendo un convinto sostenitore di questo governo (come si evince facilmente dai miei post),..questo non mi esime da severe critiche e stigmatizzazioni,....io non credo che le cose vadano bene,..trovo che il Berlusconi (oltre ai suoi tanti meriti),..non solo per causa sua,..ovviamente,..ma con la sfiga del periodo contingente,...sia un po' troppo rilassato sul fattore economia,..qui le cose vanno male,..i prezzi sono aumentati a dismisura e continuano a crescere,..le bollette aumentano,..ci avevano detto che con le privatizzazioni i costi si sarebbero calmierati ed invece vedo che questo vale solo per i commercianti,..per il resto,..banche,assicurazioni,..gas ,..luce,..acqua,..treni,..ecc..ecc....ciccia,..e allora??..ma come il re del liberismo naufraga proprio sul suo terreno??,..bisognera' che qualcuno lo avverta,..cosi' non ci siamo proprio,..ed il dramma e' che non abbiamo l'alternativaaaaaaaaaaaa......aiutooooooooooo!!!!! !!!!!!!!!!
    Ma di che illusioni sei campato con Berlusconi? Berlusconi è un imprenditore e il suo scopo è quello di arricchirsi e di far arricchire i suoi compagni di merenda. Certo chi ci rimette siamo noi con la luce, gas etc, ma sveglia che il liberismo è questo! L'alternativa c'è, eccome, basta che non appoggi un sistema che trova la sua radice in ciò che tu stesso hai elencato.
    Ma credevi veramente che il neoliberismo avrebbe portato a vantaggi per la gente comune?
    Emanuele

  8. #8
    Noi siamo il vento
    Data Registrazione
    15 Sep 2002
    Località
    Roma Capitale
    Messaggi
    79,052
    Mentioned
    1593 Post(s)
    Tagged
    69 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Re: ...privatizzazioni fallite...

    In Origine Postato da LeleRm
    ....Ma credevi veramente che il neoliberismo avrebbe portato a vantaggi per la gente comune?
    Certo che ci credevano. Non sanno neppure che cos'è, ma siccome l'ha detto Berlusconi....

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    16 Apr 2009
    Località
    vicino Roma
    Messaggi
    19,307
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Prezzi ballerini,fondamento della societa'libera

    In Origine Postato da silvioleo

    Non sta alla Guardia di Finanza vigilare sui prezzi; i commercianti debbono badare a un guardiano ben più inflessibile: la concorrenza. Se qualcuno pretendesse di vendere le zucchine a 100 euro al chilo, non troverebbe alcun acquirente, perché un suo collega gli metterebbe i bastoni tra le ruote, per attirare nuovi clienti. Il libero mercato è un meccanismo meraviglioso proprio perché piega ogni egoismo individuale al bene comune. Nelle parole di Adam Smith, «non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che noi attendiamo il nostro pranzo, ma dalla loro considerazione del proprio interesse. Noi ci rivolgiamo non alla loro umanità, ma al loro interesse, e non parliamo mai dei nostri bisogni ma dei loro vantaggi». La libertà dei commercianti è la prima e più importante arma dei consumatori.

    Perché, allora, i prezzi di molti beni in Italia sono aumentati? Non certo perché decine di migliaia di negozianti si siano messi d'accordo (nella qual cosa, comunque, ci sarebbe nulla di male). In fondo, uno dei principi di una società libera è la libertà di associazione. I sindacati, per esempio, assolvono alla funzione di creare un "cartello di lavoratori": e sconfinano nella distruzione della libertà allorché pretendono d'imporre il prezzo di cartello anche a quei lavoratori che sarebbero disposti a percepire uno stipendio inferiore. In parte, i prezzi sono alti perché i consumatori debbono sostenere l'immane peso del protezionismo e della politica agricola comune.

    A parte che queste affermazioni paiono più scritte da un truffatore e speculatore al soldo di altri commercianti di pari risma si deve constatare l’assurdità di tali affermazioni.

    Dire che “se i negozianti si sono messi d’accordo non ci sarebbe nulla di male” significa proprio violare il principio della libera concorrenza che l’autore vorrebbe sostenere.

    Oltre che violare una legge quella dell’aggiotaggio (od anti-trust) che è presente nella maggioranza dei paesi occidentali e non solo in Italia!

    Si tratta proprio di violare le leggi del commercio! Altro che “ci sarebbe nulla di male”!!!

    In nome della libertà si vorrebbe sostenere la legge della truffa (se sei un fesso che si fa fregare ben ti sta) e del più forte (se io sono forte (economicamente perché magari controllo il mercato) tu devi subire e starti pure zitto).

    Ovvio l’improponibilità di un tal sistema! Mi fa specie che qualcuno venga pure a sostenerla!

    Nessuna società libera tollererà mai un simile sistema di rapporti sociali!

    Come ha sottolineato il presidente Silvio Berlusconi, «che l'euro abbia fatto aumentare i prezzi è una assoluta verità che vale per tanti altri Paesi. Perché la moneta è stata adottata senza adeguati studi e trattative. Ma anche perché ci troviamo in mercati liberi e la grande distribuzione in Italia rappresenta una percentuale ridotta del sistema commerciale rispetto ad altri Paesi». Inoltre, sono le tariffe dei servizi pubblici ad aver spiccato il balzo più vistoso: eppure, nessuno denuncia gl' "ingiusti profitti" di autostrade, ferrovie, poste e quant'altro.

    In ogni caso, «i governi non possono intervenire sul controllo dei prezzi, non lo può fare un governo liberale, né un governo totalitario», prosegue il Cavaliere. A controllare i prezzi deve essere «il singolo acquirente, la massaia, che dovrebbe dare alla spesa più tempo, in modo che, quando un prezzo è ingiustificatamente alto, decida di soprassedere dall'acquisto, rivolgendosi ad altri negozi e acquistando dove il prezzo è più conveniente».

    Ma come? Prima si sostiene che la colpa è del sistema commerciale e che i governi non possono intervenire e poi si ricorda che i primi ad innescare l’ondata di aumenti sono state proprio le tariffe dei servizi pubblici? Tali tariffe da chi sono state modificate se non dal governo?
    Questo è un modo truffaldino di nascondere la verità che è stato proprio il governo a creare l’ondata inflativa salvo poi non farla rilevare dall’ISTAT per non incorrere nelle denunce della Comunità Europea!

    In generale, insomma, «il controllo dei prezzi - spiega Martino - impedisce al mercato di funzionare, distorce i segnali che i prezzi e le loro variazioni danno a venditori e acquirenti; se funzionante, crea scarsità dove c'era abbondanza (prezzo inferiore a quello altrimenti prevalente), o surplus di prodotti invenduti dove prima c'era equilibrio (prezzo superiore a quello che prevarrebbe altrimenti), diffondendo inefficienza e distorsione nell'impiego delle risorse produttive».

    Chi si fa portavoce della battaglia per il controllo politico dei prezzi (che, insieme alla proprietà statale dei mezzi di produzione, è uno dei cardini della politica economica comunista) combatte contro la realtà. Parafrasando Ernest Hemingway, il controllo dei prezzi è il primo rimedio cui ricorre un Paese mal governato: pur creando prosperità temporanea e illusoria, nel lungo termine è la causa di rovina permanente. Questo lo rende l'ultimo rifugio degli opportunisti economici e politici.

    D'altronde, la scienza economica mostra che commercianti e consumatori sono alleati, e che il loro comune nemico sono le politiche interventiste. Metterli gli uni contro gli altri è il sogno di tutti gli statalisti. Ma se questi gruppi si prestano alla strumentalizzazione, finiscono e finiranno come i capponi di Renzo.
    La critica a questo punto andrebbe rivolta proprio a questo governo oltre che alle opposizioni.

    Infatti anche questo governo di recente si è espresso a favore di controlli.

    La soluzione è invece da cercarsi nella creazione di una concorrenza estranea a qualsiasi “cartello” sostenuta da enti statali di consumo o di riequilibrio della concorrenza che potrebbero competere a livello paritario sul libero mercato con tariffe competitive.

    A quel punto questi enti creerebbero gli elementi per indurre il mercato a ribassare il livello dei prezzi.

    Saluti

 

 

Discussioni Simili

  1. Il fondamento di qualsiasi società
    Di Gian_Maria nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-03-10, 09:30
  2. Dove c'è libera concorrenza i prezzi calano
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 25-02-08, 16:34
  3. Prezzi ballerini,fondamento della societa'libera
    Di Silvioleo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-10-04, 10:27
  4. Convegno: Le radici cristiane della società libera
    Di Stonewall nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-09-04, 10:08
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-12-02, 17:29

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226