User Tag List

Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 73

Discussione: Lo statista Berlusconi

  1. #1
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Lo statista Berlusconi

    La ricerca dell'unità nazionale nelle ultime vicende in Iraq e la difesa di una finanziaria old style, ma anche tante altre circostanze - non ultimo l'apprezzamento per i discorsi consociativi di Montezemolo - ci hanno indubbiamente mostrato un Berlusconi diverso da quello che eravamo abituati a vedere (e, a volte, apprezzare).
    Lo affermano - ovviamente con opinioni diverse sulla svolta del premier - tre articoli degli ultimi giorni: Berselli su Repubblica, Mingardi sull'Indipendente e Folli sul Corriere.
    Ma è proprio mentre ci si sforzava di interpretare questa "normalizzazione" che il Cavaliere, con una lettera al quotidiano di via Solferino, nega tutto, e rilancia la sua idea di potare lo stato e sconfiggere il partito delle tasse. Propaganda di un leader agonizzante (preoccupante il suo riferimento alla rielezione come prosieguo del percorso di tagli fiscali) o sincero rilancio del suo spirito originario? Ditelo voi, io di seguito vi incollo tutto il materiale che ho citato. Riporto anche l'articolo di Panebianco citato da Berlusconi nella lettera.




    ----------oOo----------

    SE BERLUSCONI ABBRACCIA RUTELLI

    di ALBERTO MINGARDI


    Lucidissima analisi, quella di Edmondo Berselli uscita ieri su Repubblica. Berselli ha saputo celebrare quello che altri, fino ad oggi, avevano appena intuito. La totale e completa “normalizzazione” di Silvio Berlusconi, che porta indietro le lancette della politica italiana agli anni delle contrapposizioni di velluto, della cortesia istituzionale, dei rancori di scena e delle differenze di cartone.


    Il nuovo Berlusconi, nota Berselli nella sua prosa plissettata e avvolgente, sa mettere il braccio sulle spalle di Rutelli, chiude in soffitta l’anticomunismo ruggente delle cavalcate elettorali, si lava dagli occhi ogni ombra rimasta di rimmel liberista. E’ pronto per indossare l’impegnativa corazza di “statista”, l’elmo glielo abbassa sugli occhi un quotidiano avversario. Forse con un po’ di malizia: vale la pena ricordare quell’aforisma americano per cui uno statista è soltanto un politico morto. Fisicamente, o elettoralmente.

    Sempre ieri, con un commento magistrale, “Il riformista” ha rigirato il coltello nella piaga di una finanziaria che non convince. Al quarto comma del primo articolo, la diminuzione delle imposte è equiparata alle catastrofi naturali. Una possibilità remota e sfuggente. Un meteorite che squarcia l’atmosfera. Si spera senza conseguenze.


    Ed effettivamente cosa rimane, cosa ci resta, del berlusconismo di lotta, nella minestrina riscaldata della “Reggenza”, in una finanziaria che è spesa e tasse, nell’artefatta “armonia” che regna seguendo le uniche logiche che in democrazia sanno calmare i venti. La moltiplicazione delle promesse e l’accorta distribuzione delle elemosine.


    Non ci si faccia illusione sui successi internazionali, la liberazione degli ostaggi, il profilo, mai così severo e compreso, del manovratore in bandana che dieci anni fa era dileggiato e vilipeso come solo una promessa di novità può essere. La gente vota aggrappata al portafoglio, e se ne fa nulla delle medaglie raggranellate in un percorso che ha spento gli entusiasmi del “fare” in omaggio a una politica dell’equilibrio che è solo immobilismo. Sappia Berlusconi che da un contratto si può pure svicolare. Ma poi si passa dal tribunale del voto.


    ----------oOo----------

    UN TERMIDORO PER IL PREMIER

    di STEFANO FOLLI



    Il nuovo Silvio Berlusconi che ha preso forma dopo la calda estate non finisce di stupire. È un Berlusconi meno nevrotico e più riflessivo, evidentemente abbastanza sicuro della solidità del suo governo, convinto di essere sfuggito al baratro che lo attirava a sé. Si è persino concesso, stando a quel che riferiva ieri La Stampa , una certa generosità verso le due Simone, assolvendole entrambe per le sciocchezze (gravi sciocchezze, in qualche caso) dette all’indomani del rientro dall’Iraq. Più che di una metamorfosi, si deve parlare di un adattamento alle circostanze. Il presidente del Consiglio ha smesso l’uniforme del radicale di destra, aggressivo e a parole giacobino, per indossare l’abito del moderato, quasi un centrista. Quanto meno, è ciò che appare. Tant’è che un segretario della maggioranza, Follini (sì, proprio quello del duello estivo al penultimo sangue), ammette oggi che il governo è entrato nel suo Termidoro. Se questo è vero, vuol dire che siamo di fronte non all’oscillazione di un pendolo, bensì all’avvio di un ciclo destinato a durare fino alle elezioni del 2006.
    Non ci metteremmo la mano sul fuoco. Il personaggio Berlusconi ci ha abituato da tempo ai suoi scarti improvvisi, dovuti alla difficoltà di comprendere e controllare le dinamiche della sua coalizione. Ma è pur vero che stavolta anche un sedicente impolitico, come pretende di essere, capisce che la convenienza consiste nel cambiarsi d’abito. Il vecchio modello berlusconiano si è esaurito con l’uscita di scena di Giulio Tremonti che ne era il personaggio simbolo. Oggi è prioritario per il centrodestra riprendere un rapporto con il mondo dell’economia e con i gruppi sociali, in forme non troppo conflittuali. La nuova figura chiave, nella sua carica emblematica, è Gianni Letta, il cui stile rispettoso e dialogante, capace addirittura di creare un clima di relativa solidarietà nazionale, ha dato frutti nella vicenda delle due sequestrate, ma è applicabile sulla carta ad altri capitoli dell’agenda politica.
    E’ chiaro che non stiamo evocando intrecci consociativi. Basterebbe osservare quello che accade con la riforma della Costituzione: il centrosinistra non ha alcun interesse a condividere la ricetta della Casa delle Libertà e quest’ultima non ha voglia di disgregarsi per compiacere l’opposizione. Ma la strada è lunga, in Parlamento, e le sorprese sono sempre possibili.
    Il fatto è che il «neoberlusconismo» rivela soprattutto un’attitudine, se si vuole anche un’astuzia: un modo per dialogare anziché arroccarsi. È un sentiero necessario per affrontare senza scottarsi le dita l’emergenza internazionale, la condizione economica del Paese, le riforme che languiscono (il risparmio, la giustizia...). Il convegno di Capri, ad esempio, ha mostrato quale sia lo stato d’animo degli imprenditori, al di là del giudizio sulla legge finanziaria di Siniscalco. Si cerca di restituire coesione al Paese, ma per metterla al servizio di un progetto innovativo. Il rischio che l’Italia sia tagliata fuori sulla scena del mondo va preso molto sul serio. E il pericolo che gli appelli alle riforme si riducano sempre più a uno stanco manierismo è altrettanto alto.
    Ben venga allora il Termidoro di Berlusconi, purché la novità non sia un mero gioco di specchi. È augurabile che si tratti invece di un metodo originale per affrontare i problemi collettivi senza sgambetti reciproci. Nella coscienza che tale metodo non può non avere come obiettivo ultimo il rinnovamento complessivo delle classi dirigenti. Della classe dirigente politica, in primo luogo. Perché la statura dei leader, a destra come a sinistra, si valuta anche da come sanno preparare la loro successione.


    ----------OoO----------

    LA GUERRA PERDUTA CONTRO LE TASSE

    di ANGELO PANEBIANCO


    Archiviata la promessa con cui Berlusconi vinse le elezioni del 2001, una generalizzata riduzione delle tasse, chiave di volta dell' annunciata rivoluzione liberale, siamo tornati, con l' attuale Finanziaria, alle «manette agli evasori» e a un ulteriore accrescimento della pressione fiscale affidato all' azione impositiva degli enti locali. Del resto, Berlusconi non era mai riuscito a spiegare, né in campagna elettorale né dopo, come, con quali risorse, avrebbe realizzato la promessa riduzione della pressione fiscale. Lo scetticismo era lecito e si è rivelato fondato. Osservo, tuttavia, che anche se il progetto di rivoluzione fiscale di Berlusconi fosse stato credibile (e non lo era), quasi certamente la «rivoluzione» sarebbe stata ugualmente sconfitta. Essendo l' ancien régime, ossia il partito delle tasse (alte), fortissimo in Italia. A parole, tutti vorrebbero tasse più leggere. Di fatto, il partito delle tasse copre un blocco sociale potentissimo e trasversale, dominante a destra e a sinistra. Il che spiega perché, se c' è in giro tanta gente delusa dal fatto che Berlusconi non ha mantenuto la promessa, ce n' è tanta altra che ne è felicissima. Immaginiamo che cosa accadrebbe se andasse al potere un leader simile a Margaret Thatcher (abbiamo già constatato che Berlusconi non lo è). Un leader così abbasserebbe drasticamente le tasse (sulle famiglie e sulle imprese) riducendo la spesa pubblica. L' effetto sarebbe una completa trasformazione del Paese. Il rapporto fra Stato e cittadini cambierebbe notevolmente. Affluirebbero copiosi gli investimenti esteri, si innescherebbe un circolo virtuoso di crescita degli investimenti e dei consumi, non ci sarebbero più imprese protette e la concorrenza porterebbe ovunque i suoi benefici. Non essendoci più molta lana da tosare, la pubblica amministrazione sarebbe costretta a razionalizzare la spesa, eliminando sprechi e privilegi. Le risorse «pubbliche» diventerebbero più scarse e la scarsità le renderebbe preziose, obbligando tutti a trattarle con più cura. Più concorrenza, più crescita, più libertà personale e (forse) persino più efficienza nell' uso delle risorse pubbliche sarebbero i probabili frutti di una simile rivoluzione fiscale. Ma il partito delle tasse non vuole questo. Esso è un complesso blocco sociale che comprende imprese assistite, sindacati, e gran parte dell' impiego pubblico nelle sue variegate componenti. Come tutti i partiti forti, il partito delle tasse non è solo un' aggregazione di interessi. E' anche una cultura o, quantomeno, una ideologia. Per la quale tasse alte e spesa pubblica gonfiata sono le vie maestre della giustizia sociale e dell' equità. E poiché le ideologie sono indifferenti alla realtà, poco importa che, nei fatti, tasse alte e spesa gonfiata possano legittimare e coprire grandi sprechi e le tante iniquità che gli sprechi comportano. E' una regola che ammette poche smentite il fatto che le maggioranze disorganizzate sono impotenti, impossibilitate a prevalere, sulle minoranze organizzate. Il grosso dei contribuenti è appunto una maggioranza disorganizzata. Vorrebbe un fisco più leggero ma non può avere la meglio sull' insieme di minoranze organizzate, forti di risorse e di influenza, che compongono il partito delle tasse. Berlusconi ha fatto promesse che non poteva o non sapeva mantenere. Resta il fatto che la strada per rilanciare lo sviluppo è quella: sconfiggere il partito delle tasse, ridurre la spesa pubblica, ridurre, e di molto, la pressione fiscale. Prima o poi, forse con nuovi protagonisti (diversi da tutti quelli che oggi circolano), la questione dovrà essere in qualche modo riaperta.


    ----------OoO----------

    SUL TAGLIO DELLE TASSE STO ANDANDO AVANTI

    di SILVIO BERLUSCONI



    Egregio direttore, la perentorietà con cui il professor Panebianco, nell’editoriale di ieri, dichiara «archiviata la promessa con cui Berlusconi vinse le elezioni del 2001, una generalizzata riduzione delle tasse», mi ha francamente sorpreso. Panebianco è un osservatore attento e scrupoloso della vita politica e mi colpisce che, in questa occasione, gli siano sfuggiti molti, evidenti fatti.
    Vale la pena allora ricordarne alcuni, a beneficio non solo di Panebianco, ma dei lettori del Corriere.
    «Meno tasse per tutti» non è stato solo uno slogan elettorale, ma una linea costante dell’azione di governo in questi tre anni. Con la Legge finanziaria per il 2003 il governo ha tagliato le tasse sui redditi personali per quasi 6 miliardi di euro, a beneficio dei redditi medio-bassi al di sotto dei 25 mila euro all’anno.

    Ed è stato anche un modo per difendere le famiglie meno fortunate dalla fiammata dei prezzi determinata dal passaggio dalla lira all'euro, le cui modalità non sono state definite dal nostro governo che invece ha varato una vasta area di totale esenzione, la «no tax area», l'abolizione dell'imposta di successione, dell'imposta sulle donazioni, e altre numerose facilitazioni per i contribuenti.
    Accanto a questi provvedimenti per le persone, il governo ha adottato una serie di misure di riduzione fiscale a favore delle imprese, come ad esempio la legge Tremonti-bis, l'abbassamento al 33% della tassa sul reddito delle società, una prima riduzione dell'Irap, l'esenzione dalla tassazione delle plusvalenze, il nuovo regime semplificato dei dividendi e delle plusvalenze dei gruppi di imprese. Tutti questi provvedimenti, insieme al primo taglio delle tasse, hanno abbassato la pressione fiscale al 41,3%, rispetto al 42,1% a cui l'avevano portata i governi precedenti, e ciò al netto dei condoni, che sono ad adesione spontanea e rappresentano il recupero di somme non pagate a tempo debito.
    Ma veniamo all'oggi.
    Con il Documento di programmazione economica e finanziaria, il governo ha deciso di ridurre, nel biennio 2005-2006, l'imposizione fiscale per 12 miliardi di euro, un punto del prodotto interno lordo. E ha stabilito di ridurre, dal 1° gennaio 2005, le aliquote sul reddito personale a tre: 23%, 33%, 39%. (Una ulteriore riduzione di 12 miliardi, se gli italiani ci confermeranno la loro fiducia, sarà realizzata nel 2007 e nel 2008, in modo da arrivare ad abbassare la pressione fiscale globale al 39% del Pil). Questo obiettivo - che è e che resta al primo posto degli impegni del presidente del Consiglio, del governo, della maggioranza ed è pienamente condiviso dal Tesoro - sarà realizzato attraverso due strumenti: la legge finanziaria e un provvedimento ad hoc per il taglio delle tasse e il rilancio della competitività. I due provvedimenti procederanno insieme in Parlamento e saranno approvati entro il 31 dicembre, per entrare in vigore il 1° gennaio.
    Con la legge finanziaria - che, detto per inciso, non contiene, come invece asserisce Panebianco, le "manette agli evasori" né l'aumento della pressione fiscale da parte degli enti locali - si rispettano, per il quarto anno consecutivo, gli impegni previsti dal Trattato di Maastricht: contenimento del rapporto del deficit sul Pil sotto il 3% e riduzione del debito pubblico.
    Con la riduzione fiscale in preparazione si realizzerà la politica economica del governo. Che è esattamente quella che Panebianco, nel suo articolo, descrive e che io per primo ho sintetizzato nella equazione per lo sviluppo: meno Stato, meno tasse sulle persone, sul lavoro e sulle imprese, uguale: più competitività, più sviluppo, più lavoro. Quindi, maggiori entrate dell'erario, nuova ricchezza e più risorse per trasformare lo Stato sociale in un vero «Stato amico».
    La scelta di presentare prima la Finanziaria e poi la riduzione fiscale è dettata da un'unica esigenza: dare immediatamente un segnale forte ai mercati internazionali sull'affidabilità finanziaria del nostro Paese, gravato dal terzo debito pubblico del mondo che abbiamo ereditato dai precedenti governi e che abbiamo ridotto al 106% del Pil. E quindi, una volta incassata la credibilità sui conti pubblici, realizzare gli obiettivi di politica economica.
    Questo è il programma del governo.
    C'è un punto, però, degli argomenti di Panebianco che condivido e che mi sta particolarmente a cuore. Esiste un partito delle tasse e degli sprechi, un complesso blocco sociale che è trasversale ai blocchi politici. Questo partito è ben rappresentato dall'opposizione che in queste settimane sta discutendo se proporre, nel suo programma elettorale, la reintroduzione dell'imposta sulla successione e una tassa sul patrimonio.
    Concordo anche sull'affermazione che le maggioranze disorganizzate difficilmente prevalgono sulle minoranze organizzate. E il partito delle tasse è una sommatoria di quelle minoranze.
    Mi limito a dire, però, che se dieci anni fa decisi di lasciare la mia attività di imprenditore, che pure non mi aveva lesinato soddisfazioni, e decisi di affrontare quella che considero la più impegnativa fatica della mia esistenza, è perché ho voluto e voglio organizzare - e mi pare di esserci finora riuscito - quella maggioranza degli italiani che sono convinti della necessità di cambiare profondamente l'Italia.
    Come intendo farlo? Con le 24 riforme che abbiamo in parte realizzato e che stiamo portando a termine. E con la riduzione della pressione fiscale, che comprende anche la riduzione delle aliquote che sarà in vigore dal 1° gennaio 2005. Soltanto allora vedremo se il partito del benessere e dello sviluppo, per il quale mi batto, sconfiggerà definitivamente il partito delle tasse. Cordialmente


    Silvio Berlusconi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Straborghese
    Data Registrazione
    06 Sep 2004
    Messaggi
    396
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Aridatece il Berlusca liberista......

    Sto alla finestra.Aspettiamo il 2005 e vediamo se il taglio si realizzerà........ultima chance però......

  3. #3
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ultimissima chance davvero.E comunque,si decida un po': Follinian-tremonkeynesian-sirchiano che "bisogna cercare l'accordo con Mastella"(..?...ma la "casa' puo' essere piu' fessa di cosi'?)...o..l'uomo,che aspettiamo, il dittatore liberista che fa' incazzare i sindacati per davvero ( E magari...li fa' a pezzi!)...o uno o l'altro.

  4. #4
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Steppen
    Ultimissima chance davvero.E comunque,si decida un po': Follinian-tremonkeynesian-sirchiano che "bisogna cercare l'accordo con Mastella"(..?...ma la "casa' puo' essere piu' fessa di cosi'?)...o..l'uomo,che aspettiamo, il dittatore liberista che fa' incazzare i sindacati per davvero ( E magari...li fa' a pezzi!)...o uno o l'altro.
    secondo me sta giustamente cercando una mediazione fra queste 2 figure...xche'altrimenti sopravvivere sarebbe durissima...

  5. #5
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by silvioleo
    secondo me sta giustamente cercando una mediazione fra queste 2 figure...xche'altrimenti sopravvivere sarebbe durissima...
    Caro Silvioleo,ci vuole coraggio. Se e'il mediatore,tergiversante,pauroso e vulnerabile,allora,gia' in partenza,NON e'la cosa che ci aveva dato un po' di speranza

  6. #6
    Straborghese
    Data Registrazione
    06 Sep 2004
    Messaggi
    396
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In ogni caso,gli articoli che Ari6 ha postato vertono su due diverse questioni:quella dell'abbassamento delle tasse e quella del cambiamento di atteggiamento del Berlusca.
    Cerco di trattarli separatamente,anche se il legame è abbastanza evidente.
    Per quanto concerne la normalizzazione nel senso di cambiamento di atteggiamento,sembra che il Cav abbia deciso di adottare la filosofia dell'appeasement,una sorta di perenne sfida in punta di fioretto con l'opposizione che comporta,da un lato una evidente istituzionalizzazione del personaggio(il Silvio che faceva imbestialire i sindacati,quello fissato con l'iperliberismo thatcheriano,quello dei supermercati,il superconsumista insomma),dall'altro un oblio di quelle riforme che potrebbero essere la soluzione ai problemi del paese(Cav,sulle pensioni,dia un'occhiatina all'aurea riforma cilena,per piacere......).E in puro stile prima repubblica, il Cav istituzionale ha preferito cercare l'accordo coi sindacati sull'affaire Alitalia,tratta una miniriforma costituzionale che è un pò federalismo e un pò centralismo,promuove una finanziaria dove vige l'obbligo di assicurazione in caso di calamità naturali per il settore edilizio........E se,indubbiamente,l'articolo di Berselli è tutto centrato a sottolineare quasi morbosamente i punti deboli del Cav,è difficile non concordare quando dice che "oscilla continuamente fra l'atteggiamento combattente e il tratto consociativo".Probabile che,quando si troverà di fronte "il tribunale del voto",la sentenza sarà più dura di quella che Berlusconi si aspetta.
    In merito alla questione delle tasse,Berlusconi ha di fronte a sè una nutrita schiera di avversari:quel maledettissimo 3% deficit/Pil(giuro che mi incazzo se Prodi viene rieletto:dopo quello che ha combinato non lo si può rivotare..........),un sindacato consociativo e conservatore che sembra giocare di sponda magnificamente con il neoeletto Montezemolo,una casa delle libertà che è una strana commistione di destrosocialismo,protezionismo leghista,cattolicesimo di sinistra,socialismo craxiano,dc e post-comunisti che sono diversi in tutto tranne che in una cosa:l'antipatia verso il mercato e il liberalismo.A questo punto,Berlusconi,se davvero è un liberale e se davvero vuole una rivoluzione liberista,deve cambiare qualcosa nel governo,a cominciare dal ministro dell'Economia(non si può nominare uno che dice che il fisco non è il problema del caro-benzinaeggio di Tremonti.......):nomini Martino.In secondo luogo,deve parlare chiaro agli alleati:entro un anno dovranno essere privatizzate tutte o quasi tutte le aziende di stato.E chi crea problemi se ne può andare.Terzo:dichiari ai sindacati e alla Confindustria,che d'ora in poi non si consulterà più con loro e che prenderà le decisioni in maniera indipendente,prescindendo dalle conseguenze(scioperi generali,serrate ecc..........)E' vero che qualche tassa il governo Berlusconi l'ha ridotta.Ma è ancora ben lontano dalla rivoluzione compiuta dalla Thatcher e da Reagan negli anni '80.Il Cav si deve mettere l'animo in pace:la sua rielezione passa dal portafogli.

  7. #7
    Straborghese
    Data Registrazione
    06 Sep 2004
    Messaggi
    396
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by silvioleo
    secondo me sta giustamente cercando una mediazione fra queste 2 figure...xche'altrimenti sopravvivere sarebbe durissima...
    Però,silvioleo,Berlusconi sta mediando tra Colbert e la Thatcher,o,come ha scritto Carlo Scarpa,tra il diavolo e l'acqua santa.......

  8. #8
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si',Martino all'economia,buonanotte .E magari Biondi,alla giustizia e la Lega aveva gente come Pagliarini ministro.Si cercavano anche accordi stabili e sensati con Pannella.Quello era ...il Polo. Quando ancora c'era una speranza,a centro-destra, di fare,effettivamente qualcosa.Non credo che si rivedra' piu'. Dalla ..."Casa" in poi...non vedo quasi piu' nulla.Se non l'accerchiarsi ,disperatamente ,attorno a Berlusconi,in quanto il "meno peggio" per sconfiggere le sinistre.

  9. #9
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Steppen
    Cara Silvioleo,ci vuole coraggio. Se e'il mediatore,tergiversante,pauroso e vulnerabile,allora,gia' in partenza,NON e'la cosa che ci aveva dato un po' di speranza
    non capisco xche'un mediatore debba essere pauroso e vulnerabile...a me sembra molto piu'vulnerabile un berlusconi "rivoluzionario"...credo che la mediazione convenga a tutti,anche a te...ad oggi silvio è l'unica speranza xche'cambi davvero qualcosa...magari poco,magari in un lungo arco di tempo...ma un berlusconi che non riesce a mediare secondo me fra 2 anni fa le valige con biglietto sola andata...

  10. #10
    Straborghese
    Data Registrazione
    06 Sep 2004
    Messaggi
    396
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Steppen
    Si',Martino all'economia,buonanotte .E magari Biondi,alla giustizia e la Lega aveva gente come Pagliarini ministro.
    Magari........Comunque,se crede davvero nella sconfitta del partito delle tasse,deve cambiare rotta perchè così non si va da nessuna parte.(In ogni caso,non credo accadrà........)

 

 
Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Berlusconi statista
    Di Bladerunner_60 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 01-11-10, 14:07
  2. Berlusconi grande statista del XXI secolo
    Di pacatamente (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 05-06-08, 01:05
  3. Afghanistan: Berlusconi NON è uno statista
    Di Libdx nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 10-04-07, 17:02
  4. Berlusconi statista di livello europeo!!!!
    Di Red Shadow nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 18-03-06, 09:28
  5. Berlusconi, la levatura dello statista
    Di Österreicher nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-05-02, 16:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226