User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 35
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    3,099
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito TIME mette in copertina le due Simone

    Prima pagina di Time delle due Simone tra gli European Heroes 2004 non a causa del rapimento ma della scelta umanitaria di aiutare il popolo iracheno lavorando per una ong.

    Nessuno è profeta in patria. Da noi sui giornali di destra vengono fatto oggetto di sarcasmo, scherno e critiche per la loro scelta.
    Furio Colombo su l'Unità ha parlato di vero e proprio mobbing nei loro riguardi. Segnalo l'articolo:



    Avvertenza ai lettori. Se non ci fosse l’Unità, se all’improvviso questo giornale, per le ragioni del mercato (niente pubblicità, meno pagine, meno copie) dovesse una mattina non essere più in edicola, non leggereste questo articolo né niente, anche più tenue, indiretto, moderato, in difesa di Simona Torretta e Simona Pari, su un altro giornale. Ciò che sta accadendo, che l’Unità e Antonio Padellaro hanno già denunciato, è un attacco che si disloca tra sarcasmo, disprezzo e accusa, contro le ragazze scampate allo sgozzamento, una sorta di persecuzione rumorosa e mirata che rimbalza - forse per emulazione - fra giornali rivali (Libero, Il Giornale, di cui pubblichiamo le truculente aperture nelle pagine interne) e nei testi sacri del fondamentalismo occidentale, guidati da Il Foglio. Tutti gli altri giornali, per grandi che siano, tacciono. Il fenomeno si chiama “mobbing”. È un parola americana diventata comune in Italia. Vuol dire quando un branco di teppisti si accorda per isolare e tormentare qualcuno, fino a cacciarlo (dal lavoro), a espellerlo (dalla scuola), a screditarlo (fra i suoi colleghi e i suoi vicini), a indurlo alla resa e alla fuga. Il mobbing si può fare a una condizione: coloro che non partecipano devono stare zitti. Una sola intromissione, una sola voce libera, e il mobbing diventa impossibile.

    Questo per dire che cosa sta succedendo in Italia. Da giorni e giorni un mobbing furioso, volgare, violento è cominciato contro Simona Torretta e Simona Pari. Dicono gli esperti che il mobbing quasi mai è completamente gratuito. Qualche ragione, magari una piccola cosa, c’è sempre. Nel caso di Torretta e Pari ci sono - più o meno esplicite - tre ragioni: sono donne e dovrebbero stare zitte. Sono pacifiste e dovrebbero vergognarsi. Sono vive e avrebbero dovuto tornare solo come salme per una bella cerimonia di unità nazionale, come prova evidente che la guerra di civiltà è scoppiata davvero. In quel caso, donne o non donne, nessuno avrebbe negato loro l’Altare della patria. Disgraziatamente sono tornate vive. E come se non bastasse, dopo avere guastato la festa unitaria che era pronta per loro («le lacrime non sono né di destra né di sinistra», avrebbe nobilmente dichiarato qualcuno in un appropriato talk show politico-funerario), queste sfacciate parlano. Parlano come se l’Italia in cui stiamo vivendo fosse un Paese normale.

    Questo è un altro punto su cui voglio richiamare con senso di allarme ciò che sta accadendo. Il mobbing a due ragazze, tornate a casa dopo essere sopravvissute a un grave e imminente rischio di morte, oggi non sarebbe possibile in alcun Paese democratico al mondo, occidentale o no. Non lo sarebbe perché gli autori del mobbing sarebbero severamente zittiti dagli altri organi di televisione e di stampa, perché chi ha voce pubblica e capacità di farsi sentire non tacerebbe, perché articolisti, editorialisti e rubrichisti per un giorno dedicherebbero qualche paragrafo a condannare l’infame spettacolo italiano. Invece silenzio. L’ostinazione a non vedere, non sapere, non notare ha avuto un suo piccolo exploit la mattina del 2 ottobre, quando Marco Taradash, un ex deputato di Forza Italia che il sabato legge la rassegna della stampa di Radio Radicale, ha detto: «Oggi l’Unità ha davvero passato il segno con il titolo: “Il linciaggio delle ragazze liberate”». Stranamente non ha visto, o non gli ha fatto alcun effetto, il titolo di Libero dello stesso giorno: “Ci hanno stufato: le due Simone petulanti superstar di stampa e Tv” (apertura, pag. 1).

    E ancora: “Pontificano sui bravi guerriglieri mentre Al Qaeda lancia minacce all’Italia”, (pag. 1). (Si noti la mancanza di nesso fra la prima e la seconda parte della frase). E a pag. 2: “Prima sproloquiano sulla guerriglia, poi si pentono ma alla fine ci ricascano: i cattivi sono gli americani”. È lo stesso giorno in cui l’altro quotidiano di destra, Il Giornale, titola “Rivolta contro le due Simone”. “Nelle lettere degli italiani, critiche, rammarico e sdegno”. Le lettere dei lettori di destra (spesso più oltranzisti del loro quotidiano preferito) a un giornale di destra vengono presentate come “le lettere degli italiani”. Il titolo è grave anche perché può suonare come un appello alla rivolta che finora non c’è stata, salvo due svastiche sotto casa, quando le due ragazze erano ancora prigioniere. Anzi c’è sempre sul portone una piccola folla che fa festa. Ma tutto ciò non impressiona l’ex deputato di Forza Italia che ogni sabato conduce la rassegna stampa di Radio Radicale. Malafede di Taradash? Qui affiora qualcosa che fa più paura. Una volta stabilito un solido regime mediatico e un unico modo di dare notizie, con il silenzio totale, immediato e complice di chi permette il trionfo delle interpretazioni di regime, diventa oggettivamente difficile cogliere il senso di una voce anomala che sfida il silenzio. Strano che avvenga in casa dei Radicali, che il silenzio non l’hanno mai accettato. Ma è avvenuto, e bisogna segnalarlo come un sintomo insolito e allarmante.

    La stagione di caccia, un po’ ignobile e decisamente estranea alla democrazia, si è aperta quando Gianfranco Fini, pur essendo il vicepresidente del Consiglio italiano, ha pubblicamente e drammaticamente dichiarato: «Guerra al pacifismo». Lo ha fatto di fronte a una platea di giovani e di ragazzi che tipicamente, data l’età, non sono inclini a interpretare le parole come metafora. Guerra vuol dire guerra, e il pacifismo viene indicato come un nemico contro il quale è necessario combattere. La domanda che svela il tormento italiano nel quale viviamo è sempre la stessa: potrebbe una cosa simile accadere in un altro Paese? Potrebbe uno come Fini, con il ruolo che riveste, dire ciò che ha detto senza essere duramente attaccato - o almeno criticato - dalla stampa di qualunque Paese non intimidito, senza una televisione non colonizzata? Si tenga conto che la solenne dichiarazione di guerra al pacifismo da parte del numero due del governo è avvenuta mentre le due italiane erano ostaggi di cui non si aveva notizia, mentre si ricevevano terribili annunci della cui attendibilità, allora, non si sapeva nulla. Si tenga conto che - negli stessi giorni - tutta l’opposizione si era impegnata al silenzio per dare prova di unità nazionale. Quel silenzio - evidentemente - non era considerato vincolante per Fini. E neppure per il titolare di un’altra istituzione repubblicana, la Commissione Affari Esteri della Camera.

    In piena prigionia delle due Simone, il presidente di quella Commissione, Gustavo Selva, ha proposto una domanda che era stato proibito porre a proposito dei primi ostaggi italiani, i quattro “addetti alla sicurezza”. Ha detto: «E poi, quando tornano, ci dovranno spiegare che cosa facevano quelle signore in Iraq». Naturalmente Selva avrebbe potuto telefonare a “Un ponte per...” nel caso che gli fossero sfuggite le storie, note a tutti, delle due Simone. Ma Selva, in un gioco di staffetta non proprio nobile, però giustificato dalla “guerra al pacifismo” già dichiarata da Fini, doveva aprire la strada al dottor Scelli, commissario straordinario della Croce Rossa italiana. Scelli ha parlato, tra conferme, mezze versioni, smentite e altre conferme, di un oscuro elenco di spie, forse quello che i sequestratori avevano in mano al momento del rapimento delle due Simone, e che Scelli ha definito “elenco americano”, ripetendo non si sa a quali fini e perché, in Italia e in pubblico, ciò che gli sarebbe stato detto da mediatori non identificati.

    È buon materiale per un racconto di Graham Greene o per un romanzo di John Le Carré. Ma in quelle narrazioni tutti i personaggi sono sporchi, ambigui e dediti all’avventura. Noi, invece, stiamo parlando dell’Italia di oggi, di fatti e persone realmente esistenti e titolari di funzioni istituzionali o di responsabilità nell’informazione. Stiamo citando tra virgolette cose dette davvero, pubblicate davvero, nel silenzio del resto della Repubblica, come non potrebbe avvenire in alcuna democrazia del mondo. E ci permettiamo di nuovo di far notare ai lettori che se questa storia non l’avessimo raccontata noi, non ci sarebbe. La vicenda della persecuzione alle due ragazze colpevoli di essere tornate vive mancherebbe per sempre dall’archivio italiano degli anni di Berlusconi e di Fini. È un appello a coloro che comprano ogni giorno l’Unità.
    mr

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito Re: TIME mette in copertina le due Simone

    il Giornale non critica le simone x quel che facevano in iraq,ma x l'atteggiamento vergognoso che hanno avuto dopo esser state liberate....come si faccia a negare che la loro mancata riconoscenza sia stata scandalosa lo sapete solo voi...

  3. #3
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    no no,è scandaloso che non abbiano ringraziato non solo il governo,ma anche opposizione e cri....e nessuno vuole che si uniformino,x carita',che tornino dai rapitori rispettosi e dai musulmani che le hanno aiutate....ma grazie ci vuol poco a dirlo..anche a noi italiani....e non solo ai bambimni iraqeni....xche'altrimenti la prossima volta che facciano una colletta fra casarini e l'imam di colle...

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    09 Apr 2004
    Messaggi
    11,861
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da silvioleo
    no no,è scandaloso che non abbiano ringraziato non solo il governo,ma anche opposizione e cri....
    scusa ma la storia dei mancati ringraziamente a governo , opposizione e cri è una balla.
    o forse nn so piu cio che ascolto...
    in conferenza stampa hanno ringraziato tutti.

    poi hanno spiegato i valori che muovon la loro vita.
    e questo a gran parte degli italiani ha dato fastidio , perche le loro parole x molti sono inconcepibili.non eran smunte , hanno parlato di un nemico umano , son state donne pensanti , non hanno fatto ricorso alla retorica clerico patriottica.

    ma i ringraziamenti ci son stati.

  5. #5
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da alemaggia
    scusa ma la storia dei mancati ringraziamente a governo , opposizione e cri è una balla.
    o forse nn so piu cio che ascolto...
    in conferenza stampa hanno ringraziato tutti.

    poi hanno spiegato i valori che muovon la loro vita.
    e questo a gran parte degli italiani ha dato fastidio , perche le loro parole x molti sono inconcepibili.non eran smunte , hanno parlato di un nemico umano , son state donne pensanti , non hanno fatto ricorso alla retorica clerico patriottica.

    ma i ringraziamenti ci son stati.
    dopo le giornalate del mattino certo che hanno ringraziato...ma prima avevano fatto una sfilza cosi lunga di ringraziamenti che un posticino x quelli sopra potevano trovarlo subito,le ragazze....

  6. #6
    Moderatori anghe noi...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    55,215
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse sarebbe stato meglio leggere cosa scriveva il Time piuttosto che gli sproloqui della Red Bible.

    Avvertenza ai lettori. Se non ci fosse l’Unità, se all’improvviso questo giornale, per le ragioni del mercato (niente pubblicità, meno pagine, meno copie) dovesse una mattina non essere più in edicola,

    ... probabilmente pochi ne sentirebbero la mancanza! dico io... Meno pagine e meno copie non vuol dire meno lettori?

    E si che vengono pure finanziati. I casi sono due:
    • - o la Red Bible "addomestica" i fatti.
      - oppure la redazione non sa fare il suo mestiere.


    Si può applicare il mobbing ad un giornale? Magari al suo direttore...

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    09 Apr 2004
    Messaggi
    11,861
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da silvioleo
    dopo le giornalate del mattino certo che hanno ringraziato...ma prima avevano fatto una sfilza cosi lunga di ringraziamenti che un posticino x quelli sopra potevano trovarlo subito,le ragazze....
    non mi sembra un peccato grave.
    è un po il potere che s offende e che ha potuto sfruttar poco l accaduto.
    tutti qlli in fila sotto l aereo hanno tentato di infilarsi tra le telecamere ma gli è andata male..
    e i servi del potere urlacchiano...

    ripeto.
    2 famiglia riservate e discrete.
    poco inclini agli italici piagnistei.
    poco patriottiche.
    poco clericali.
    poco sveglie coi giornalisti.

    due ragazze con un cervello.

    tutto questo ha cozzato con l italia delle bandierine tricolore e degli inni cantati ovunque , con l italia dei preti , con l italia in cui le donne hanno il culo al vento in tv.

    e quindi il potere incazzato ha trovato terreno fertile in qsta italia rimasta spuiazzata davanti a simona pari e simona torretta.
    due figure troppo inconsuete , per gli italici stereotipi.

  8. #8
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da alemaggia
    non mi sembra un peccato grave.
    è un po il potere che s offende e che ha potuto sfruttar poco l accaduto.
    tutti qlli in fila sotto l aereo hanno tentato di infilarsi tra le telecamere ma gli è andata male..
    e i servi del potere urlacchiano...

    ripeto.
    2 famiglia riservate e discrete.
    poco inclini agli italici piagnistei.
    poco patriottiche.
    poco clericali.
    poco sveglie coi giornalisti.

    due ragazze con un cervello.

    tutto questo ha cozzato con l italia delle bandierine tricolore e degli inni cantati ovunque , con l italia dei preti , con l italia in cui le donne hanno il culo al vento in tv.

    e quindi il potere incazzato ha trovato terreno fertile in qsta italia rimasta spuiazzata davanti a simona pari e simona torretta.
    due figure troppo inconsuete , per gli italici stereotipi.
    i tuoi son deliri...hanno il culo salvo grazie a noi e ringraziano loro...a me girano i coglioni...poi nella vita che facciano e pensino quel che vogliono...meno male che sono inconsuete...sai che paese di mmmmmerda

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    09 Apr 2004
    Messaggi
    11,861
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da silvioleo
    i tuoi son deliri...hanno il culo salvo grazie a noi e ringraziano loro...a me girano i coglioni...poi nella vita che facciano e pensino quel che vogliano...meno male che sono inconsuete...sai che paese di mmmmmerda
    ma se a un ragionamento rispondi con giramenti di coglioni e definendo le mie parole deliri , vuol dir che ho colto nel segno.
    ciao.

    MENO FICTION +CERVELLI

  10. #10
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: TIME mette in copertina le due Simone

    In Origine Postato da mariarita
    Prima pagina di Time delle due Simone tra gli European Heroes 2004 non a causa del rapimento ma della scelta umanitaria di aiutare il popolo iracheno lavorando per una ong.
    Facile per il TIME , chissà se avrebbe fatto lo stesso se fossero state rapite Kelly Smith e Kelly Damfield , e che tornate una volta a casa avrebbero ringraziato per la liberazione le comunità musulmane , il mondo arabo e tutto il cucuzzaro ma non i Servizi nè il Congresso nè il Presidente....

    TUTTI i media si sarebbero scagliati contro di loro , quindi per favore siamo seri , e non facciamo i soliti provinciali.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 239
    Ultimo Messaggio: 19-02-12, 13:12
  2. Il New Yorker mette Grillo in copertina
    Di Enrico1969 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 28-01-08, 11:22
  3. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 09-05-05, 16:04
  4. Time Warner mette in vendita Warner Music
    Di Creso nel forum Telefonia e Hi-Tech
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-11-03, 00:41
  5. Time: Saddam come Hitler, cancellato con una X in copertina
    Di skorpion (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 14-04-03, 03:00

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226