User Tag List

Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23
Risultati da 21 a 26 di 26
  1. #21
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Luca_liberale
    Ma tu che ne sai per chi voto???
    Pannella-Bonino. I due marines.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Cyborg nazzysta teleguidato da Casaleggio
    Messaggi
    26,848
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Beh rega' potevano rivolgersi a Cosa Nostra.....

    Vi posto una roba interessante nella quale mi sono imbattuto:


    Audizione del sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania, dottor Sebastiano Ardita, e del procuratore della Repubblica aggiunto presso la procura circondariale di Firenze, dottor Beniamino Deidda.

    PRESIDENTE. L'ordine del giorno reca l'audizione del sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania, dottor Sebastiano Ardita, e del procuratore della Repubblica aggiunto presso la procura circondariale di Firenze, dottor Beniamino Deidda.

    Nel ringraziare i nostri ospiti, desidero precisare che i temi che tratteremo con ciascuno di essi sono diversi e la loro concomitante presenza è dovuta unicamente a doveri di ospitalità nei loro confronti, data la coincidenza di tempi e di luogo delle audizioni.

    Inizierei quindi con il dottor Sebastiano Artida, sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale di Catania, che abbiamo convocato in ordine al ritrovamento di materiale radioattivo avvenuto recentemente, che ha destato vasta preoccupazione e allarme presso la popolazione ed anche in seno alle forze politiche locali.

    Come ho annunciato in precedenza, la pubblicità della seduta è assicurata anche attraverso impianti audiovisivi a circuito chiuso, ma - ove fosse necessario, potremo in qualunque momento interrompere la pubblicità e sottoporre la seduta a regime di riservatezza.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Posso riassumere i termini della vicenda. Gli aspetti che forse più interessano la Commissione sono quelli relativi alle caratteristiche, quantità e qualità del materiale ritrovato.

    PRESIDENTE. Ed anche le ipotesi che si fanno sulla sua provenienza.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Certo. Per riassumere brevemente la vicenda, mi richiamo agli atti che sono stati formati sia dalla procura distrettuale sia dal giudice per le indagini preliminari, che sono la richiesta per l'applicazione di misure cautelari e l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Catania. Premetto subito che si tratta di atti depositati, in quanto da parte degli indagati è stato fatto ricorso al tribunale della libertà; questi atti sono a conoscenza della controparte e non vi è quindi motivo che siano coperti da particolare segreto.

    La vicenda processuale nasce da alcune dichiarazioni rese da un soggetto il quale, raggiunto da gravi indizi di colpevolezza, ha preferito collaborare con la giustizia. Questa persona era in contatto con una organizzazione, la quale opera prevalentemente a Catania e i cui componenti sono vicini alla famiglia catanese di Cosa nostra.

    Cosa intendo per "vicini"? La famiglia catanese di Cosa nostra, come tutte le altre famiglie nella Cosa nostra regionale, ha un'articolazione particolarmente ampia e ruoli molto definiti. All'interno della famiglia vi sono soggetti che hanno dichiarato la propria appartenenza alla associazione mafiosa e che quindi sono alle dipendenze dell'organizzazione periferica, in questo caso dell'organizzazione catanese. Tra i soggetti che erano interessati alla vicenda che ci occupa ve ne era uno il quale era dichiarato con la famiglia catanese di Cosa nostra; era quindi un soggetto che operava sicuramente sotto una sfera di controllo della famiglia stessa. Sappiamo questo perché su tale soggetto sono stati fatti riconoscimenti da parte di altri soggetti estranei alla vicenda processuale ed organicamente legati in Cosa nostra, i quali lo hanno individuato come appartenente alla famiglia. Ce lo aveva detto anche il teste da cui parte questo processo, ma questo teste in effetti, non essendo egli stesso in Cosa nostra, parla in base a ciò che sente e quindi ha una attendibilità che, relativamente alla appartenenza degli altri alla associazione mafiosa, è per noi piuttosto relativa.

    Questo teste ci dice ancora che altri soggetti sono anch'essi legati ad altri rami della Cosa nostra regionale e ci dice anche che un altro soggetto arrestato appartiene alla famiglia palermitana, ma a questo fatto, non avendo altri elementi forniti da altri collaboratori di giustizia estranei al processo, diamo l'attendibilità che ben si comprende, cioè limitata.

    Detto questo, il Fiamingo Gaetano, che è la persona che ci rende queste dichiarazioni, ci riferisce che questa organizzazione aveva una pluralità di interessi. Tra di essi il commercio di armi, il commercio di denaro falso, il riciclaggio di denaro sporco proveniente dal traffico di stupefacenti ed altre attività delittuose. Su queste altre vicende sono in corso indagini; mi limito pertanto a dire che si verificherà la fondatezza di quanto riferito.

    PRESIDENTE. Il nominativo da lei fatto è il teste esterno?

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Sì, è un soggetto sottoposto a programma di protezione. Il teste, tra gli affari di cui ci riferisce e di cui egli sa occuparsi l'associazione, ci dice anche - testualmente - che esiste la possibilità di acquistare dei missili nucleari. Questo è il punto di partenza da cui ci siamo mossi.

    PRESIDENTE. Chi fa questa affermazione invece è interno?

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Chi fa questa affermazione è Fiamingo Gaetano, cioè il soggetto che è entrato in contatto con tali Murroni Marco, Tringale Salvatore e Messina Carmelo. Tringale Salvatore è certamente inserito nella Cosa nostra catanese; Messina Carmelo è soggetto vicino a Cosa nostra catanese perché indicato da altre persone come vicino a Sciuto Sebastiano, che è un uomo d'onore della famiglia di Acireale; quanto a Murroni Marco, il nostro teste, Fiamingo Gaetano, ci dice essere soggetto vicino al boss latitante Provenzano; questa affermazione è tutta da verificare, mentre per quanto riguarda gli altri due ci possiamo muovere con sufficiente certezza perché abbiamo già fatto le verifiche sugli altri appartenenti alla Cosa nostra catanese.

    Questa persona, dicevo, in un primo momento ci dice che vi è la possibilità di occuparci di un traffico di missili nucleari, cioè armi nucleari provenienti probabilmente - secondo lui - dai paesi dell'ex Patto di Varsavia. Così prendono spunto le indagini. Vengono effettuate intercettazioni telefoniche sia di utenze fisse sia di utenze cellulari; particolarmente queste ultime danno frutto. Vengono allacciate le utenze del Murrone, del Tringale Salvatore, del Messina Carmelo, ma anche dello stesso Fiamingo Gaetano di cui, essendo persona che si avvicinava alla collaborazione con la giustizia ma di cui non avevamo referenze, volevamo verificare l'attendibilità.

    Dalle telefonate è emersa una fitta rete di rapporti ed un contatto con soggetti che operavano a Roma, perché i missili sarebbero stati detenuti da alcune persone che avevano precedenti specifici proprio per traffico d'armi ed altri di vario genere, operanti a Roma. Queste persone venivano identificate in Carbone Armando, con i figli Carbone Riccardo e Romeo, Damia Remo, con i figli Damia Alessandro e Damia Luca. Accanto a queste persone, con una funzione di pari interesse rispetto all'organizzazione di questo traffico, ci venivano segnalati alcuni nomi; anzi venivano svolti degli incontri preliminari, cui si faceva partecipare anche personale dello SCICO centrale della Guardia di finanza. Nel corso di questi incontri si è dato vita all'acquisto simulato di armi, secondo la procedura della legge n. 306 del 1992 (acquisto simulato di armi sotto copertura). A seguito della autorizzazione all'acquisto simulato di armi, effettuata dal comando generale della Guardia di finanza, vi sono stati questi incontri fra i militari dello SCICO sotto mentite spoglie ed alcuni soggetti che successivamente sono stati identificati in Damia, Carbone ed altri soggetti appartenenti al mondo della criminalità calabrese, tali Russo, Stelitano e Zampaglione.

    In effetti abbiamo capito che il rapporto forte esisterebbe tra i calabresi e la criminalità romana, in particolare soggetti vicini alla "banda della Magliana"; queste sono notizie che mi sono state riferite dallo SCICO centrale; probabilmente vi sono altri atti coperti da segreto; sono state svolte indagini nei confronti di Carbone Armando e si ritiene che egli sia vicino al boss Nicoletti della "banda della Magliana"; non conosco questo personaggio, di cui mi è stato detto solo il nome. Tra questi personaggi della "banda della Magliana" ed i calabresi vi sarebbe un rapporto intenso e contatti frequenti.

    Viene svolto questo incontro. Partono, da Catania il Tringale Salvatore e da Palermo, ritengo, il Murroni, che vengono a contatto con il presunto acquirente, cioè il militare dello SCICO sotto copertura che era stato indicato dal Fiamingo, che si era fatto garante. Il Fiamingo faceva parte dell'organizzazione e svolgeva vari traffici. E' stato fatto un primo incontro, una prima trattativa e poi un secondo incontro, nel corso del quale i militari dello SCICO sono entrati in azione, identificando tutti i soggetti che si trovavano in quel momento nei luoghi e comunicando gli esiti di tale attività alla procura distrettuale di Catania ed anche a quella di Roma, che era quella territorialmente competente per qualunque eventuale atto urgente che si volesse compiere.

    Nel frattempo veniva sequestrata una barra contenente materiale radioattivo; una delle nove barre proposte in vendita.

    PRESIDENTE. Come siamo passati dai missili nucleari alle barre? Credo si trattasse di elementi; di solito nei reattori nucleari più barre compongono un elemento; mi parrebbe strana la vendita di una singola barra e più probabile invece la vendita di un insieme di barre, costituenti un elemento.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Infatti, alla fine dell'attività svolta e con il sequestro di quanto abbiamo trovato, ci siamo accorti che non eravamo di fronte ad un missile ma ad una semplice barra della lunghezza di circa 70 centimetri e contenente uranio, le cui caratteristiche sono state poi meglio specificate dall'ENEA.

    E' possibile che gli interlocutori abbiano voluto giocare sul materiale che veniva ceduto. Certo è che, non appena è stato visto (è stato presente al primo sopralluogo anche un tecnico), attraverso un rudimentale contatore geiger, ci si è accorti che ci trovavamo di fronte non ad un'arma nucleare ma a qualcosa di diverso. Infatti, a parte una generica imputazione per possesso di materiale d'armamento ai sensi della legge n. 185 del 1990, è stata mossa anche l'imputazione - a mio avviso più pertinente - prevista dall'articolo 12 della legge n. 222 del 1992, che prevede il commercio e l'introduzione nel territorio dello Stato di materiale radioattivo.

    Dall'esame fatto dall'ENEA è stata rilevata, attraverso il numero di matricola, la provenienza della barra, che è stata costruita dalla ditta General Atomics, con sede in San Diego in California; si tratta di una barra venduta allo Zaire (all'epoca Congo Belga) nel novembre del 1971. E' stata quindi identificata l'esatta provenienza della barra.

    PRESIDENTE. Ci può anticipare le caratteristiche della barra, cioè il peso e il tipo di materiale fissile?

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. La parte fissile radioattiva è costituita da una lega di idruro di zirconio e uranio naturale arricchito, al 19,9 per cento, di uranio 235 per un peso di circa 38 grammi e di circa 150 grammi di uranio 238. Queste sono le caratteristiche in base all'analisi che è stata fatta.

    Per quanto riguarda la ricostruzione del percorso della barra, i militari dello SCICO hanno ipotizzato che essa, venduta al Congo Belga nel 1971, doveva servire per usi connessi all'attività di una centrale nucleare che poi non fu costruita. Potrebbe essere stata portata nel territorio nazionale nel corso delle vicende verificatesi recentemente nello Zaire. Pare infatti che da quel paese si sia allontanato un capo di Stato o un dittatore portando con sé tutto quello che aveva di valore: è possibile che abbia portato con sé anche queste barre.

    Tra l'altro le barre in vendita erano nove, mentre soltanto una è stata sequestrata dai militari, anche se si è cercato in ogni modo di recuperarle tutte.

    PRESIDENTE. E' stata fatta una stima del loro valore venale di mercato?

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Il valore di mercato della barra dovrebbe aggirarsi intorno ai 200 milioni. Naturalmente l'organizzazione chiedeva una cifra astronomica, circa 30 miliardi. Dopo una contrattazione nella vendita sotto copertura si è addivenuti ad una cifra diversa che ora non so indicarvi.

    PRESIDENTE. Francamente mi stupisce già la cifra di 200 milioni.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. E' molto?

    PRESIDENTE. Sì. E' una barra di uranio arricchito, però anche includendo il processo di arricchimento, mi pare che la cifra di 200 milioni sia già alta.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Mi limito a riferire quello che mi è stato detto; non ho idea dell'esatto prezzo di mercato.

    Probabilmente l'intento dell'organizzazione era quello di lucrare il più possibile da soggetti che appartenessero ad un governo del terzo mondo (questo era stato il contatto). I militari dello SCICO si presentavano come appartenenti ad un governo del terzo mondo e quindi l'organizzazione cercava di far leva anche sull'ignoranza della controparte, la quale avrebbe potuto verificare con strumenti assolutamente inidonei le esatte caratteristiche del bene che si acquistava, strumenti adatti a verificare soltanto la radioattività ma non il livello di arricchimento. In questo modo l'organizzazione pensava di poter caricare il prezzo ed in sostanza di fare una truffa ai danni della controparte.

    Ho la fotocopia di alcuni atti che credo possano essere utili alla Commissione: la richiesta dell'applicazione di misure cautelari, l'ordinanza che disponeva le medesime misure e alcune note a firma di funzionari dell'ENEA, nelle quali vengono descritte le caratteristiche della barra sequestrata. Ho anche una nota dell'informativa fatta, ai sensi della legge n. 185 del 1990 sull'importazione, esportazione e transito di materiale di armamento, ai ministri degli affari esteri e della difesa, come d'obbligo.

    In questo momento, vi sono altre otto barre in possesso di questi signori: ne siamo certi, perché nel corso del primo incontro è stata esibita una barra della quale il militare presente ha scorto il numero di matricola che è diverso da quello della barra sequestrata. Abbiamo quindi due barre e sicuramente ve ne sono anche altre otto, che non sono state trovate e sono ancora in possesso di questa organizzazione.

    GIUSEPPE SPECCHIA. Considerato che avete avuto modo di approfondire il problema in relazione alle barre, vorrei sapere se nel corso dell'attività svolta dal vostro ufficio siano emersi altri elementi relativi a questo tipo di traffici illeciti.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Sempre in ordine a questo tipo di traffici, tempo fa il mio ufficio (non me ne occupai io personalmente) si occupò di una complessa vicenda basata su intercettazioni telefoniche, nella quale un soggetto con passaporto portoghese (non ricordo esattamente la sua nazionalità) conversava con altri soggetti in ordine all'acquisto di materiale radioattivo, in particolare mercurio rosso. Questa persona è stata poi arrestata per traffico di materiale, ma nelle numerose perquisizioni effettuate non è stato trovato nulla. I militari dello SCICO della Guardia di finanza, appena li ho investiti di questa indagine, mi hanno chiesto se si trattasse di mercurio rosso, perché a loro risultavano circa 50 casi di tentativi di truffa effettuati nei confronti di vari soggetti per il commercio di questa sostanza che o non esiste ovvero ha caratteristiche tali per cui non si trova facilmente per cui è oggetto di svariate truffe.

    Sempre nel corso dell'attività investigativa svolta un paio di anni fa dalla procura di Catania - lo ricordo perché me lo riferirono alcuni colleghi, ma non ho alcun atto ufficiale da indicare - si è parlato di otto o nove barre di uranio provenienti dallo Zaire. Può darsi che si tratti delle stesse barre.

    PRESIDENTE. Visto che ci sono in giro otto barre, è ragionevole supporre che si tratti delle stesse di cui lei era già a conoscenza per altre vie. Esprimo un contenuto stupore per il fatto che ci si sia fermati alla prima barra. L'ipotesi di reato sul commercio di armi non è così astratta o infondata come potrebbe apparire, perché il materiale fissile presente nelle barre, arricchito ad un livello elevato (19 per cento) anche se in contenuti sostanzialmente piccoli (si parla di decine di grammi), attraverso tecnologie anche molto semplici, è riutilizzabile per piccole armi atomiche.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Sono tra coloro che hanno posto il problema della sicurezza, perché mi è stato detto che se, ad esempio, di queste barre ci si disfacesse in maniera superficiale, buttandole in un fiume o mettendole a contatto con acqua, esse potrebbero rappresentare un pericolo dal punto di vista dell'inquinamento.

    PRESIDENTE. Questo è il motivo fondamentale per cui la abbiamo chiamata. Infatti, gran parte delle cose che lei ci ha detto non attengono strettamente alle competenze ed ai compiti di questa Commissione, la quale però si occupa proprio delle ipotesi relative alla destinazione finale di questi materiali.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Tutti ci siamo preoccupati circa l'ipotesi che le barre siano state buttate nel Tevere.

    Nell'operazione è stata disposta una serie di perquisizioni in tutte le abitazioni dei soggetti interessati, sono stati fatti dei pedinamenti e altre attività di competenza della polizia giudiziaria, delle quali il nostro ufficio non può disporre, in ordine alla ricerca di oggetti che costituiscono corpo di reato. Nonostante ciò le barre non sono state trovate. Del resto il procedimento non è chiuso e determinato, ma proseguirà fino a quando gli sforzi investigativi e quelli giudiziari porteranno al ritrovamento delle barre. Mi permetto di dire che l'unico sistema per trovarle è che qualcuno degli quindici imputati ci dica dove sono.

    PRESIDENTE. Forse sarebbe stato meglio portare avanti l'operazione fino al punto di poter avere tutta la partita. Ovviamente ciò non dipende dall'autorità giudiziaria.

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Fra le obiezioni che ho avanzato sul momento vi era anche quella relativa alla necessità di avere tutto il materiale che doveva essere acquistato. Mi è stato detto che venivano richieste delle garanzie economiche. L'operazione sotto copertura è avvenuta attraverso la costituzione di un fondo presso una banca svizzera e contestualmente la presenza di alcuni degli indagati in Svizzera per riscuotere le somme. Si è intervenuti contestualmente a Roma ed in Svizzera. Però la banca svizzera dava allo SCICO centrale una garanzia di circa 25 miliardi, cifra con cui si poteva avere una barra e non otto.

    PRESIDENTE. Stiamo ragionando col senno di poi, però indubbiamente una maggiore conoscenza tecnica della questione...

    SEBASTIANO ARDITA, Sostituto procuratore della Repubblica presso la direzione distrettuale antimafia di Catania. Avrebbe consentito di tirare sul prezzo.

    PRESIDENTE. Sì, di tirare molto sul prezzo e di ridurlo ad un livello che, sia pure alla lontana, poteva avvicinarsi a quello reale. Si trattava di scendere di molto.

    La ringraziamo e possiamo considerare conclusa la prima audizione all'ordine del giorno.
    Vuoi una soluzione VERA alla Crisi Finanziaria ed al Debito Pubblico?

    NUOVA VERSIONE COMPLETATA :
    http://lukell.altervista.org/Unasolu...risiEsiste.pdf




  3. #23
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Jan 2004
    Messaggi
    1,764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Totila
    Pannella-Bonino. I due marines.
    Appunto....e quindi le critiche di FLenzi e frontista vanno a vuoto.....

  4. #24
    AUTOSOSPESO!!!!
    Data Registrazione
    12 Jun 2002
    Località
    Firenze
    Messaggi
    91,262
    Mentioned
    1219 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    In Origine Postato da Luca_liberale
    Appunto....e quindi le critiche di FLenzi e frontista vanno a vuoto.....
    Perche' vanno a vuoto?
    Voi tra i peggiori siete i piu' schifosi, siete quelli che vendono gli amici, i parenti e se stessi per soldi e per gli USA sareste disposti a far tutto. Addirittura avete fatto NESSUNO TOCCHI CAINO quando gia' c'era AI per combattere la pena di morte, ma da un eponente di questa associazione o sentito dire, dobbiamo fare una distinzione tra la pena di morte in USA e la pena di morte negli altri paesi, da qui si capisce che razza di animali siete.
    Chi sono i filosudici? Quelli che definiscono filoterroristi i difensori dei palestinesi.
    Ci sono cretine che dicono che ora abbiamo un governo eletto
    e che quello precedente non era lecito perchè non eletto

    MA LA CONOSCETE LA CULONA?

  5. #25
    W BUSH
    Data Registrazione
    12 Sep 2002
    Località
    Birds of a feather flock together
    Messaggi
    1,298
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Effettivamente è innegabile

    In Origine Postato da Luca_liberale
    DETTO DA UNO CHE VOTA PER IL PARTITO DELLA NIPOTE DI COLUI CHE PORTO' ALLA ROVINA L'ITALIA.......beh......
    Su questo non ci piove!!!!!

  6. #26
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Apr 2002
    Messaggi
    6,582
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da FLenzi
    Invece essere alleati dei fascisti che erano stati scacciati dagli americani e essere nello stesso tempo filousa, votare lega e volere la divisione dell'Iltalia ed essere alleati con chi vuole tutto il contrario e ha tutti i suoi voti al sud e' una cosa molto, votare con chi disse che Mussolini era stato il piu' grande statista e poi se ne va a israele a piangere i morti dell'olocausto quando lo aveva negato 2 anni prima e' intelligente vero? Almeno loro sono coerenti voi non avete neanche quella, la scelta della Mussolini mi e' sembrata intelligentisima e di carattere, per lo meno so di avere a che fare con un concorrente leale e non con dei ladri che per soldi venderebbero sua madre.
    buoni.....alleati con loro allora.

 

 
Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23

Discussioni Simili

  1. Afghanistan, ucciso un militare italiano
    Di Medsim nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-07-11, 15:25
  2. italiano ucciso a Gerusalemme
    Di benfy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-08-06, 20:58
  3. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 29-03-05, 09:44
  4. Iraq, Ucciso Militare Italiano
    Di Wandervogel nel forum Destra Radicale
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 24-01-05, 15:51
  5. Israele: Ucciso fotoreporter Italiano
    Di natolibero (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 23-03-02, 14:13

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226