User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26
  1. #1
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La sinistra "ha ragione" e lo studio delle ottave.

    La sinistra,su' questa guerra..."ha ragione". La sinistra sta' dicendo , su questa guerra, le stesse..."cose" che diciamo noi. O ,perlomeno, cosi' appare, perche',in realta',stanno solo dicendo le stesse...PAROLE:"Guerra sbagliata" . Ragioni confuse , poco sostenibili e coerenti.Imperialismo, espansionismo. Imposizione,improbabile, "a forza", della democrazia. Interessi petroliferi. ..et cetera. Stesse parole. Ma sono le stesse INTENZIONI? Gli stessi scopi?Da DOVE vengono queste parole?Ora .."Le ottave",cosa sono?Per chi abbia mai preso in mano una chitarra o una tastiera non c'e' molto da spiegare : La stessa nota e' ripetuta,dopo un certo numero di note,12 per l'esattezza,tanto che questa nota ripetuta la si potrebbe chiamare,in realta': "la tredicesima".Cioe'...viene "detta"..(suonata) la stessa nota,sull'ottava piu' alta, ma ci troviamo, in realta' all'altro estremo del manico di chitarra.La stessa nota(parola) ma "toni" ,altezza del suono,(Intenzioni) totalmente distanti.Questa e' un' osservazione ed uno studio che si applica alla comunicazione, ai toni ,a tutti gli atteggiamenti della vita:Le parole, di per se' stesse, NON sono sempre cosi' dominanti,cosi' importanti ,cosi' vincolanti come molti credono o vorrebbero farci credere. Piu' importanti sono le vere intenzioni ,i veri propositi che gli stanno alle spalle. Noi diciamo: George Washington. "Affari con tutti , alleanze ferree con nessuno". Cio' che ha prodotto,originalmente, L'America . Loro dicono..l'opposto: "A morte l'America ,tutta, ma particolarmente cio' che e' rimasto di "se' stessa "..". Noi diciamo..: "Niente imperialismo". Loro,i sinistri, dicono:" ANTI-imperialismo, come forma di altro-imperialismo" (Se non comunista,perlomeno,comunque e certamente COLLETTIVISTA.) Noi diciamo: " Orgoglio di noi stessi, di chi siamo e lasciamo che ognuno abbia lo stesso diritto di essere padrone in casa propria". Loro dicono..."Nessun orgoglio di noi stessi e... TUTTO cio' che e' altro,specialmente cio' che e',ovviamente, peggiore, e' meglio di ...noi e dovrebbe prevalere" . Ora,apparentemente,a volte, sembriamo dire le stesse parole, eppure ,su' quel manico di chitarra,siamo all'opposto.E veniamo alla seconda osservazione:Noi suoniamo.. (diciamo) una nota(parole), completamente diversa dai protettori ad oltranza di Bush e questa guerra.Suoniamo una nota che suona completamente diversa. Eppure,su' quel manico di chitarra, siamo piu' vicini.Siamo meno lontani.Il tono, le intenzioni,tra noi ed i "guerra-fondai", sono meno lontane.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Straborghese
    Data Registrazione
    06 Sep 2004
    Messaggi
    396
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Purtroppo Steppen,la sinistra è contraria all'imperialismo solo quando è all'opposizione.Guardacaso,l'imperialismo statunitense(che c'è e va combattuto)faceva comodo ai comunisti di casa nostra quando si andava a bombardare il Kosovo.................e curiosamente,i pacifisti che oggi si strappano le vesti per la guerra in Iraq,allora erano in quattro gatti quattro a manifestare contro la guerra in Kosovo.Viva la coerenza!(Naturalmente,i comunisti di casa nostra erano favorevoli dell'imperialismo nel passato......quello sovietico.Fosse stato per loro,ci saremmo ritrovati ad essere un satellite di Breznev e compagnia cantante.......)

  3. #3
    PaleoLibertario Cattolico
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    Portici (Napoli)
    Messaggi
    726
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La sinistra "ha ragione" e lo studio delle ottave.

    Originally posted by Steppen
    La sinistra,su' questa guerra..."ha ragione". La sinistra sta' dicendo , su questa guerra, le stesse..."cose" che diciamo noi. O ,perlomeno, cosi' appare, perche',in realta',stanno solo dicendo le stesse...PAROLE:"Guerra sbagliata" . Ragioni confuse , poco sostenibili e coerenti.Imperialismo, espansionismo. Imposizione,improbabile, "a forza", della democrazia. Interessi petroliferi. ..et cetera. Stesse parole. Ma sono le stesse INTENZIONI? Gli stessi scopi?Da DOVE vengono queste parole?Ora .."Le ottave",cosa sono?Per chi abbia mai preso in mano una chitarra o una tastiera non c'e' molto da spiegare : La stessa nota e' ripetuta,dopo un certo numero di note,12 per l'esattezza,tanto che questa nota ripetuta la si potrebbe chiamare,in realta: "la tredicesima".Cioe'...viene "detta"..(suonata) la stessa nota,sull'ottava piu' alta, ma ci troviamo, in realta' all'altro estremo del manico di chitarra.La stessa nota(parola) ma "toni" ,altezza del suono,(Intenzioni) totalmente distanti.Questa e' un' osservazione ed uno studio che si applica alla comunicazione, ai toni ,a tutti gli atteggiamenti della vita:Le parole, di per se' stesse, NON sono sempre cosi' dominanti,cosi' importanti ,cosi' vincolanti come molti credono o vorrebbero farci credere. Piu' importanti sono le vere intenzioni ,i veri propositi che gli stanno alle spalle. Noi diciamo: George Washington. "Affari con tutti , alleanze ferree con nessuno". Cio' che ha prodotto,originalmente, L'America . Loro dicono..l'opposto: "A morte l'America ,tutta, ma particolarmente cio' che e' rimasto di "se' stessa "..". Noi diciamo..: Niente imperialismo. Loro,i sinistri, dicono:" Anti-imperialismo, come forma di altro-imperialismo" (Se non comunista,perlomeno,comunque e certamente collettivista.) Noi diciamo " orgoglio di noi stessi, di chi siamo e lasciamo che ognuno abbia lo stesso diritto di essere padrone in casa propria". Loro dicono..."Nessun orgoglio di noi stessi e... TUTTO cio' che e' altro,specialmente cio' che e',ovviamente, peggiore, e' meglio di ...noi e dovrebbe prevalere" . Ora,apparentemente,a volte, sembriamo dire le stesse parole, eppure ,su' quel manico di chitarra,siamo all'opposto.Inoltre: "Diciamo" una nota completamente diversa dai protettori ad oltranza di Bush e questa guerra.Suoniamo una nota che suona completamente diversa. Eppure,su' quel manico di chitarra, siamo piu' vicini.Siamo meno lontani.Il tono, le intenzioni, sono meno lontane.

    C'è una grande differenza da fare tra il nostro principio di non aggressione e il pacifismo della sinistra. Il pacifismo della sinistra infatti è assoluto, non ammette diritto di legittima difesa, e in ultima istanza conduce all'essere inermi anche contro chi ti attacca: la conseguenza ultima del pacifismo della sinistra corrisponde all'estinzione o quasi della intera umanità, visto che nessuno potrebbe più difendersi, ed alla relativa scomparsa dei diritti naturali inalienabili dell'uomo, vita, libertà e proprietà, cioè alla scomparsa dell'uomo stesso. Il nostro principio di non aggressione, proprio perchè basato sulla difesa dei diritti naturali inviolabili, consente la legittima difesa e difende così la sopravvivenza dell'uomo e dei suoi diritti. Attenzione a non fare confusione su un punto che deve essere chiaro e forte.
    Saluti
    Anarcho-capitalist

  4. #4
    Radicalpignolo
    Data Registrazione
    16 Apr 2004
    Località
    www.radicalweb.it
    Messaggi
    18,344
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In effetti l'esempio delle ottave mi pare più che azzeccato: la nota è la stessa, ciò che cambia è l'altezza del suono: l'effetto, per chi ascolta, è però molto diverso. C'è una bella differenza tra un mio Do e il Do di petto di Pavarotti; eppure stiamo cantando la stessa cosa (inutile dire che i Pavarotti della situazione siamo noi libertari e quelli che fanno cagare gli altri .......... ).
    Quando mi trovo a parlare della strana guerra in Iraq mi trovo nella paradossale situazione di essere definito neo-cons dai comunisti, e comunista dai neo-cons.
    Questo è il bello ( o il brutto) di avere il coraggio di pensare diversamente e senza preclusioni.

  5. #5
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by LIBERAMENTE
    In effetti l'esempio delle ottave mi pare più che azzeccato: la nota è la stessa, ciò che cambia è l'altezza del suono: l'effetto, per chi ascolta, è però molto diverso. C'è una bella differenza tra un mio Do e il Do di petto di Pavarotti; eppure stiamo cantando la stessa cosa (inutile dire che i Pavarotti della situazione siamo noi libertari e quelli che fanno cagare gli altri .......... ).
    E....QUANTO fanno cagare!

  6. #6
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by LIBERAMENTE

    Quando mi trovo a parlare della strana guerra in Iraq mi trovo nella paradossale situazione di essere definito neo-cons dai comunisti, e comunista dai neo-cons.
    Questo è il bello ( o il brutto) di avere il coraggio di pensare diversamente e senza preclusioni.
    Si. Vivo negli USA e, a volte mi sono imbattuto negli stessi problemi.Ho scoperto che e' importante dire la Verita'.Sempre. Pero' ho scoperto che e' ugualmente importante farsi capire. Non farsi malcomprendere e travisare. Mai.Quando parlo con "quelli che" dicono una nota completamete diversa ma...sono piu' vicini su quel manico di chitarra a me: I conservatori,o anche solo classe media produttiva,"maggioranza silenziosa",(...a volte..."neocon" non sanno nemmeno cos'e'...sono solo ,giustamente.."anti-sinistri"in senso morale o economico)... che trovano gli attacchi a Bush ed alla guerra della sinistra americana incoerenti, sguaiati,etc. ....Gli do'... ...ragione! Ribadisco la mia differenza ed opposizione a "quelli li' ". Magari gli ricordo che....A PARTE...quelli' li'... A parte l'urgenza del voto a Bush,che capisco perfettamente, a parte la necessita',l'emergenza,di controbattere i sinistri, (un po' simile alla realta' virtuale di questi forum), ci sono realta',proprio nella storia e tradizione dell'America come George Washington, come il conservatismo isolazionista,etc.( E gli dico qualcosa come..."MA, PER FAVORE, NON confondermi con...quelli li'....che a me' stanno sulle balle tanto quanto e PIU' che a te' "!)

  7. #7
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Direi che la parola Anarchismo e'(Cosi' come "l'essere anti -guerra imperialista") e' un altra parola ,o concetto che si applica perfettamente a questo thread sulle "ottave" e gli opposti ,veri messaggi ed intenzioni contenuti nelle parole. A mio parere l'anarchismo terrorista, bombarolo,"irresponsabilita' ed incoscienza totale", con l'intenzione unica,malvagia e rabbiosa, di distruggere la comunita',in modo aperto ,o spesso , nascosto,rappresenta,in realta', l'esatto opposto dell'anarchismo di Rothbard e Hoppe. Possono apparire simili a tratti,cosi' come un demente,per un attimo,puo' apparire simile ad un genio del piu' alto livello;ma basta un minimo di esperienza ed osservazione per capire che si tratta di 2 realta' opposte.Tra l'altro questi personaggi,gli "anarchici' bombaroli,sono,storicamente,sempre stati utilissimi e funzionali a dare potere e giustificazione agli stati ed agli stati di polizia. Cosi' come Bin laden o Saddam Hussein sono,oggi, utilissimi ai neo-con. Io sono un ..."anarchico"con un grandissimo problema di comunicazione:Il problema di essere in qualsiasi modo accomunato a "quelli li'" . "Quelli' li' "che non sono meglio, e forse peggio dei com...: I terroristi "anarchici". Anarchia in quel senso e con quegli scopi non solo non ha senso ma....fa' venire voglia di giustificare polizia e democrazia. Si tratta di un grandissimo problema comunicativo. Per questo ritengo che la parola "libertario" abbia ancora un grandissimo valore e potere comunicativo rispetto ad "anarchico".C'e' un articolo di Rothbard ,sul sito di Lewrockwell,in cui parla di "anarchismo di destra" e lo definisce. Comunque l'uso comune della parola libertario e,conseguentemente, l'evitare la simbologia classica "anarchico" di sinistra,tradizionale in Europa, credo che abbia un forte valore pratico e funzionale,una forte convenienza.Non si comunica coi liberali, con i cattolici ,con i sinceri conservatori,quando si usano simbologie da loro ,anche giustamente, aborrite.Il rischio di essere presi per cio' che non si e' e di essere giudicati, cosi', "a prima impatto", e' troppo grande. Ciao

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Messaggi
    13,224
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: La sinistra "ha ragione" e lo studio delle ottave.

    Originally posted by Libertarian
    C'è una grande differenza da fare tra il nostro principio di non aggressione e il pacifismo della sinistra. Il pacifismo della sinistra infatti è assoluto, non ammette diritto di legittima difesa, e in ultima istanza conduce all'essere inermi anche contro chi ti attacca: la conseguenza ultima del pacifismo della sinistra corrisponde all'estinzione o quasi della intera umanità, visto che nessuno potrebbe più difendersi, ed alla relativa scomparsa dei diritti naturali inalienabili dell'uomo, vita, libertà e proprietà, cioè alla scomparsa dell'uomo stesso. Il nostro principio di non aggressione, proprio perchè basato sulla difesa dei diritti naturali inviolabili, consente la legittima difesa e difende così la sopravvivenza dell'uomo e dei suoi diritti. Attenzione a non fare confusione su un punto che deve essere chiaro e forte.
    Saluti
    Il nostro principio di non aggressione non comprende il dovere di diarmare l'aggressore?
    Per me l'unico vero principio di diritto internazionale è il rispetto dei diritti dell'individuo.
    Al di là di ogni sovranità.
    Dove c'è l'aggredito è legittimo intervenire militarmente.
    Altra cosa è l'opportunità politica.

  9. #9
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Inserzioni Blog
    11
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Up.( Le parole,concetti e visione politiche a cui questo thread sarebbe applicabile sono molte,no? Il tema specifico"guerre imperialiste",poi', e' tornato di moda.)

  10. #10
    Classical Liberal
    Data Registrazione
    26 Jan 2004
    Località
    GEORGE: Ringraziate zio Silvio, vi rimanda a casa e ve la detassa pure
    Messaggi
    21,674
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: La sinistra "ha ragione" e lo studio delle ottave.

    Originally posted by Libertarian
    C'è una grande differenza da fare tra il nostro principio di non aggressione e il pacifismo della sinistra. Il pacifismo della sinistra infatti è assoluto, non ammette diritto di legittima difesa, e in ultima istanza conduce all'essere inermi anche contro chi ti attacca: la conseguenza ultima del pacifismo della sinistra corrisponde all'estinzione o quasi della intera umanità, visto che nessuno potrebbe più difendersi, ed alla relativa scomparsa dei diritti naturali inalienabili dell'uomo, vita, libertà e proprietà, cioè alla scomparsa dell'uomo stesso. Il nostro principio di non aggressione, proprio perchè basato sulla difesa dei diritti naturali inviolabili, consente la legittima difesa e difende così la sopravvivenza dell'uomo e dei suoi diritti. Attenzione a non fare confusione su un punto che deve essere chiaro e forte.
    Saluti
    Spero di non andare troppo off topic...

    Ma il principio di non difesa che si imputa alla sinistra non è un principio implicito nel libertarismo?

    Mi spiego. Rothbard non dice che non devono esistere eserciti? non dice che il principio di difesa si basa sul fatto che non essendoci uno stato centrale è impossibile occupare i posti di comando e quindi è inutile attaccare una "realtà libertaria"? non è questo un principio di non difesa? la negazione della legittima difesa dei cittadini di una "realtà libertaria"?

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 25-06-13, 19:25
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-11-11, 13:11
  3. "Liberals" : la Sinistra americana, nata da "una" delle Destre
    Di Manfr nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 19-08-08, 08:47
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-10-05, 17:37
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-10-05, 17:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226