User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 45

Discussione: Il fascismo eterno

  1. #1
    Ospite

    Predefinito Il fascismo eterno

    Bruno Vespa e il fascismo eterno
    di Roberto Cotroneo

    Ci sono molti modi per fare dell’ironia sulla nuova svolta del «Porta a Porta» di Bruno Vespa. Dopo aver visto in pochi giorni un tandem di puntate da neanche immaginarsi. Nella prima campeggiavano Emanuele Filiberto di Savoia con la sua giovane sposa, più il contorno, è proprio il caso di dirlo, di corte più o meno adorante. Nella seconda avevamo il jazzista Romano Mussolini, la di lui figlia Alessandra Mussolini, con aggiunta di storici. Da tutte e due le puntate usciva, nella sostanza, un’immagine della monarchia italiana e del fascismo ben lontana da quelle che le pagine di storia ci hanno tramandato.
    La monarchia era terribilmente chic, elegante, controcorrente, e persino antifascista (se non fosse stato per quel Vittorio Emanuele III così vanesio a chiedere al Duce l’impero). Il fascismo fu una dittatura, certo, e Mussolini aveva un caratteraccio, però era un padre affettuoso, un uomo che rispettava le istituzioni, e guai a chi parlava male del papa davanti a lui. Inoltre, poveraccio, cosa poteva fare con quel traditore di Galeazzo Ciano? Suo genero. Lo aveva tradito, e dunque non aveva scelta. Fucilato all’alba, e speriamo che la povera Edda non la prenda a male.
    Credo che sia del tutto legittimo, e soprattutto spiegabile, che se inviti in trasmissione un uomo quasi ottantenne, vissuto nella memoria di un padre come Benito Mussolini, non può che uscirne un ritratto commosso e privato. Va da sé che un Savoia del ramo regnante non possa che parlare bene della sua famiglia e rimpiangere, anche se non apertamente, l’idea di non essere più al Quirinale ad assegnare onoreficenze e ricevere il capo del Governo. Il fatto è che queste persone, fino a poco tempo fa, campeggiavano sui rotocalchi popolari, quelli che leggono le pensionate poco istruite e un piccolo mondo antico che si appassionava alle sorti di Maria José, e di Reza Pahlevi, di Soraya e di Marina Doria. E si perdeva in quel profumo d’antan, in quel mondo di voci seducenti alla Milly e rauche alla Buscaglione, nei Grand Hotel di felliniana memoria, e nel ricordo dello sguardo di Amedeo Nazzari che conquista le modiste. Poi ci sono stati gli anni Sessanta, e il Jet Set, la modernità, e la nuova borghesia. Per arrivare al tardo vippismo berlusconiano, meno smaltato e più abbordabile, fatto da star televisive, calciatori e veline.
    Però nessuno poteva immaginare di accendere il televisore, il televisore digitale, quello che ti mostra il mondo in diretta, quello attaccato a parabole e cavi in fibra ottica, per intenderci. E ritrovarti la stilista Micol Fontana, che presenta nello studio di Vespa i vestiti che fabbricò per le signore Savoia e i loro matrimoni, discettando su quale sia mai il vero “blu Savoia”. E nessuno avrebbe mai immaginato di poter ascoltare le invettive di Alessandra Mussolini contro il Re, e la supposizione di Bruno Vespa, che Mussolini volesse essere liberato, sul Gran Sasso, dagli alleati, e non dai tedeschi. Al punto tale che quando fu preso dai tedeschi ebbe un moto di disperazione.
    Come diceva Aby Warburg, il buon dio si nasconde nel particolare. Ed è facendo perno che si capiscono molte cose. Bruno Vespa: «si dice che suo padre volesse essere liberato dagli alleati». Romano Mussolini: «questo non mi risulta». Ma Vespa insiste. Perché su questo si gioca una grande partita. E su questa partita si gioca fino in fondo la strategia di Vespa. E naturalmente non soltanto la sua.
    Perché bisogna accreditare una cosa falsa, che Mussolini non volesse essere liberato dai tedeschi? Primo: perché ormai si riteneva sconfitto, e i tedeschi lo avrebbero costretto a continuare la guerra dalla loro parte. Secondo: perché in questo modo si risparmiava la Repubblica Sociale Italiana, con tutto quello che ne consegue.
    Terzo punto, determinante: perché gli alleati, in questo caso gli anglo-americani, sono buoni. Lo avrebbero processato, con un «regolare processo», e forse avrebbe vissuto ancora per un bel po’. Invece poi, nell’epilogo estremo, lo hanno preso quei comunisti di partigiani, Valerio e compagnia bella, e lo hanno assassinato, assieme all’amante Petacci, che non aveva alcuna colpa.
    Ora, perché la sinistra uccide Mussolini, e gli alleati non lo avrebbero ucciso? Perché gli alleati non erano propriamente antifascisti, perché Churchill ammirava Mussolini, e poi l’Italia era un Paese monarchico, come l’Inghilterra. E perché i Savoia meriterebbero di stare sul trono d'Italia? Perché furono quelli che unificarono l’Italia, e fu soltanto una debolezza, di quel Re, a portarci al disastro. Comprese quelle leggi razziali, che sì furono un errore. Ma un errore, non la conseguenza logica di una politica europea e un tassello determinante dell’ideologia nazi-fascista.
    Perché purtroppo, e qui veniamo a completare il punto, la sinistra ci ha impedito di vedere fino in fondo le cose come stanno. Ci ha dato un’immagine del ventennio alterata (figuriamoci poi quella dell’era Berlusconi). Ci ha restituito una storia della resistenza che non ebbe nulla a che fare con la realtà. Ha ignorato il concetto di guerra civile (e ogni guerra civile reca con sé l’equivalenza e la legittimità delle ragioni di entrambe le parti) e ha egemonizzato la cultura per impedire che si scrivesse una storia più veritiera.
    Qui non si tratta di ridicolizzare i giornalisti adoranti davanti al principe ereditario, o gli storici a fare da contorno agli storicismi di Alessandra e Romano Mussolini, qui non siamo di fronte a goffi tentativi di riscrivere la storia. La storia è già stata scritta, in tutti i modi, ma a leggerla sono sempre gli stessi, e sempre troppo pochi.
    Aveva ragione Umberto Eco in un saggio di quasi dieci anni, quando parlava di «fascismo eterno». Il fascismo eterno è qualcosa che non ci si leva di dosso, e che i revisionisti e i terzisti hanno cercato in qualche modo di nascondere. È quello che con i distinguo cerca di celare quel disprezzo per le regole democratiche che ha fondato per anni le istituzioni di questo Paese. Il fascismo fu tutto, purtroppo. Opportunismo, dittatura, autoritarismo, fronda, debolezza istituzionale, parate ridicole e tragedia, violenza brutale e bivacco per manipoli. Fu confino e persecuzione degli oppositori, ma anche bagliori di cultura e qualche tollerante distrazione. Ma non per merito, solo per incapacità, pochezza, e dilettantismo. I totalitarismi, vedi Stalin e Hitler, furono una cosa terrificante e assai più seria. Ma il fascismo fu soprattutto un’ideologia conforme allo status del nostro Paese. Nessun rispetto per alcunché, parole a vuoto, rimangiate il giorno dopo, demagogia, e retorica.
    Il fascismo eterno è classista, anche se è espressione della piccola borghesia, ossessionato dalle sinistre, dalle rivoluzioni, dagli scioperi, dal disordine sociale. Il fascismo eterno ha paura dei diversi, degli stranieri, delle altre religioni, degli omosessuali, di tutto quanto non rientrebbe secondo loro nella sana tradizione del nostro popolo. E soprattutto il fascismo eterno ha il culto della guerra, del cercar la bella morte, della difesa dei confini, e della grandezza della nostra civiltà, a cominciare dalla romanità per finire con la padania. Vespa: «Vero che suo padre avrebbe preferito essere salvato dagli alleati?». Traduzione: caro telespettatore sprovveduto, non capisci che Mussolini piaceva anche agli americani? Non vedi poi cosa è accaduto in Italia? E non sarebbe stato meglio che finisse come in Spagna, facendo sfumare il fascismo in una lenta agonia autoritaria, che andava a finire in un post-fascismo retto da una monarchia illuminata? Se non fosse stato per questa sinistra e per certi cattolici troppo fissati con la dottrina sociale della Chiesa, partigiana e non, tutto in questo Paese sarebbe andato diversamente, già da allora. Meno male che alleati degli alleati siamo rimasti e oggi molto più di ieri. Perché, se un tempo era tutto così bello, e lo ricordiamo a «Porta a porta», perché non dovrebbe essere ancora più bello il nostro futuro?
    rcotroneo@unita.it

  2. #2
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
     Likes dati
    372
     Like avuti
    1,153
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    secondo me l'unità ha ragione. perchè secondo te no?
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

  3. #3
    Alessandra
    Ospite

    Predefinito

    Aveva ragione Umberto Eco in un saggio di quasi dieci anni, quando parlava di «fascismo eterno». Il fascismo eterno è qualcosa che non ci si leva di dosso, e che i revisionisti e i terzisti hanno cercato in qualche modo di nascondere.

    Avrà anche ragione, ma che cosa c'entra ciò che è stato il fascismo, o che è, visto che per qualcuno come Eco è eterno, la trasmissione di Vespa? Secondo me ben poco, non avendo la pretesa di rifare la storia nè tantomeno di essere una trasmissione storicistica....è una sorta di gossip riferito a ciò che fu, ed il pettegolezzo, si sa, è sempre di parte. Ho visto la trasmissione con il principino e consorte, embhè, sarebbe stato assurdo che tra gli ospiti ci fossero anche accaniti antimonarchici, oltre che particolarmente di cattivo gusto...non mi sembra che Porta a Porta abbia la pretesa di cambiare la storia, e la critica de L'Unità non ha senso, riferita come è a qualcosa che non è stato.

  4. #4
    Alessandra
    Ospite

    Arrow Per Manuel & tutti

    Si dovrebbe evitare, quanto possibile, di postare col sistema di cui sopra, pagine di siti che comportano l'automatica apertura di finestre pubblicitarie pop_up perchè caotizzano tutto il 3d e per chi non lo sa sembra che sia Pol ad essere pieno di pubblicità di questo tipo...grazie

  5. #5
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    59,977
     Likes dati
    3,725
     Like avuti
    6,095
    Mentioned
    127 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    non mi sembra che Porta a Porta abbia la pretesa di cambiare la storia, e la critica de L'Unità non ha senso, riferita come è a qualcosa che non è stato.
    ===
    COME NO??!!
    NON CREDO CHE TU NON SAPPIA PERCHè VESPA LO PAGHINO E LO TENGANO A DOPPIO GUINZAGLIO ALLA TELEVISIONE DI STATO??
    è UN PERSUASORE....ANZI UN AGIT PROP FURBASTRO ,FAZIOSO....MELLIFLUO QUANTO BASTA. PER ESSERE UGUALMENTE INSIDIOSO E PERICOLOSO PER LE ANIME SEMPLICI..
    SE FA SIMILI TRASMISSIONI è PROPRIO PERCHè I MENO INFORMATI CADANO NELL'INGANNO DI QUESTO FINTO BUONISMO A POSTERIORI.
    I BENEFICIARI DI SIMILI PAGLIACCIATE E FAZIOSITà SARANNO I MONARCHICI E I FASCISTI ..... CHE VEDRANNO AUMENTARE I CONSENSI SIN QUI RICEVUTI..
    PROPRIO COME VOGLIONO I POTERI FORTI CHE REGGONO E DECIDONO LE SORTI DI QUESTA REPUBBLICCHETTA.
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    03 May 2003
    Messaggi
    7,785
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Alessandra
    Aveva ragione Umberto Eco in un saggio di quasi dieci anni, quando parlava di «fascismo eterno». Il fascismo eterno è qualcosa che non ci si leva di dosso, e che i revisionisti e i terzisti hanno cercato in qualche modo di nascondere.

    Avrà anche ragione, ma che cosa c'entra ciò che è stato il fascismo, o che è, visto che per qualcuno come Eco è eterno, la trasmissione di Vespa? Secondo me ben poco, non avendo la pretesa di rifare la storia nè tantomeno di essere una trasmissione storicistica....è una sorta di gossip riferito a ciò che fu, ed il pettegolezzo, si sa, è sempre di parte. Ho visto la trasmissione con il principino e consorte, embhè, sarebbe stato assurdo che tra gli ospiti ci fossero anche accaniti antimonarchici, oltre che particolarmente di cattivo gusto...non mi sembra che Porta a Porta abbia la pretesa di cambiare la storia, e la critica de L'Unità non ha senso, riferita come è a qualcosa che non è stato.
    Siamo sicuri che le masse sanno distinguere la storia dal pettegolezzo?

    Agli stupiti.
    "Che l'uomo si concepisca come una creatura di Dio oppure come una scimmia che ha fatto carriera comporta una netta differenza nell'atteggiamento da tenere verso la realtà; nei due casi si obbedirà a imperativi interiori diversissimi."

    Arnold Gehlen

  7. #7
    Alessandra
    Ospite

    Predefinito

    E' la solita tiritera della sinistra finta_intellettuale che per la fissa di distinguersi dalle masse ha finito essa stessa per divenire una massa di insulsi luoghi comuni, come quello che tutti quelli che non votano a sinistra sono scemi condizionati dalla televisione, mai chiedendosi del perchè nel corso degli anni sia arrivati ad una disaffezione verso la sinistra stessa, spesso forcaiola e tracotante.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    09 Apr 2004
    Messaggi
    11,861
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Alessandra
    E' la solita tiritera della sinistra finta_intellettuale che per la fissa di distinguersi dalle masse ha finito essa stessa per divenire una massa di insulsi luoghi comuni, come quello che tutti quelli che non votano a sinistra sono scemi condizionati dalla televisione, mai chiedendosi del perchè nel corso degli anni sia arrivati ad una disaffezione verso la sinistra stessa, spesso forcaiola e tracotante.
    applausi

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    03 May 2003
    Messaggi
    7,785
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Alessandra
    E' la solita tiritera della sinistra finta_intellettuale che per la fissa di distinguersi dalle masse ha finito essa stessa per divenire una massa di insulsi luoghi comuni, come quello che tutti quelli che non votano a sinistra sono scemi condizionati dalla televisione, mai chiedendosi del perchè nel corso degli anni sia arrivati ad una disaffezione verso la sinistra stessa, spesso forcaiola e tracotante.
    Con chi stai parlando?
    Io ti sto chiedendo se, secondo te, la gente comune che guarda la tv di Vespa, il quale, correggimi, è iscritto all'albo dei giornalisti, e viene proposto come un giornalista, compie un distinguo tra pettegolezzo e Storia.

    Riesci a ragionarci senza ricorrere allo stereotipo?

    Riesci a distinguere tra stereotipo e ideal-tipico ?

    Ai lessici.
    "Che l'uomo si concepisca come una creatura di Dio oppure come una scimmia che ha fatto carriera comporta una netta differenza nell'atteggiamento da tenere verso la realtà; nei due casi si obbedirà a imperativi interiori diversissimi."

    Arnold Gehlen

  10. #10
    Alessandra
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da ScimmioneNudo
    Con chi stai parlando?
    Io ti sto chiedendo se, secondo te, la gente comune che guarda la tv di Vespa, il quale, correggimi, è iscritto all'albo dei giornalisti, e viene proposto come un giornalista, compie un distinguo tra pettegolezzo e Storia.

    Riesci a ragionarci senza ricorrere allo stereotipo?

    Riesci a distinguere tra stereotipo e ideal-tipico ?

    Ai lessici.
    c.v.d.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Per ridere] "Il Fascismo è Eterno"
    Di Sabotaggio nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 17-05-07, 10:03
  2. Il fascismo è eterno.
    Di LupaNera (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 14-05-07, 08:18
  3. “il Fascismo è Eterno”…
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-05-07, 13:32
  4. Umberto Eco - Il fascismo eterno
    Di Myrddin-Merlino nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 76
    Ultimo Messaggio: 06-04-07, 23:49
  5. “Fascismo eterno”
    Di cornelio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01-06-03, 17:06

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •