LA BATTAGLIA DI LEPANTO E LA DIFESA DELL’EUROPA
Un convegno a Nettuno per ricordare lo storico evento

Sabato 9 ottobre 2004, nella prestigiosa Sala dei Sigilli del Forte Sangallo di Nettuno, si è svolto un convegno organizzato dall’Istituto di Studi Storici “Beato Pio IX” dal titolo “Marcantonio Colonna e la Battaglia di Lepanto nel CDXXXIII anniversario”.
Il convegno è stato preceduto da una Santa Messa celebrata Don Fabrizio Turriziani Colonna nella Chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Nettuno in ricordo delle vittime della strage di Beslan.
L’incontro culturale è stato preceduto dai saluti del Sindaco Vittorio Marzoli e dell’Assessore Prof. Ettore Cuccillato, poi l’introduzione del Presidente dell’Istituto Conte Prof. Fernando Giulio Crociani che ha ringraziato dell’ospitalità concessa dalla Città e le altre Autorità presenti tra cui spiccavano il delegato del Gran Priore del Sovrano Militare Ordine di Malta, la Marchesina Alessandra d’Epiro con una delegazione dell’Istituto della Guardia d’Onore al Pantheon, il Cap. Salvatore Olivari de la Moneda dell’Accademia di Marina del Sovrano Militare Ordine di S. Stefano, l’Avv. Juan Carlos Gentile dell’Associazione Nazionale Combattenti Italiani in Spagna e l’On. Prof. Luca Romagnoli, Deputato Europeo e Segretario Nazionale della Fiamma Tricolore.
Sono seguiti gli interventi del Prof. Massimo Viglione dell’Università di Cassino, della Prof.ssa Dianella Gambini dell’Università per stranieri di Perugia e del Generale Massimo Iacopi.
«Non capita certo tutti i giorni di assistere ad una manifestazione culturale di questo spessore – ha detto il Dott. Pietro Cappellari, Accademico dell’Istituto di Studi Storici “Beato Pio IX” ed organizzatore del convegno – e dobbiamo doverosamente ringraziare l’Amministrazione Comunale ed in particolar modo l’Assessore Ettore Cuccillato per aver contribuito al successo dell’incontro. Per la prima volta, ad esempio, Nettuno ha ospitato la bandiera dell’Istituto Guardie d’Onore al Pantheon. Per non parlare della presenza del S.M.O. di Malta e del S.M.O. di S. Stefano che hanno onorato la città. Non si può poi non sottolineare la meravigliosa Santa Messa celebrata da Don Fabrizio Turriziani Colonna: da quanti anni a Nettuno non si assisteva ad una consacrazione in latino? Dopo trent’anni abbiamo riportato in città una Tradizione solenne. Gli interventi dei relatori sono stati studiati per dar modo di approfondire il messaggio che l’Istituto voleva dare con questa iniziativa. Il convegno, infatti, non è stato una sterile illustrazione di un qualcosa che è avvenuto in un lontano passato, ma più precisamente una riaffermazione di eterni valori. Marcantonio Colonna fu un grande Condottiero di quello che fu uno dei primi esempi di esercito europeo. Un esercito fondato su degli ideali. E proprio questi ideali che l’Istituto ha voluto riaffermare per proiettarli nel presente. Un presente contraddistinto dal terrorismo fondamentalista che persegue lo scontro di civiltà contro l’Occidente. Come non pensare a ciò che sta venendo nel mondo di oggi? Quale è la risposta che bisogna dare? Come difendere la Civiltà Europea? Sono domande a cui abbiamo voluto dare una risposta precisa con questa iniziativa, proprio mentre si sta discutendo dell’entrata in Europa di Paesi quali la Turchia, Paesi distanti anni luce dalla nostra Civiltà, dalla nostra Religione, dalla nostra Cultura che – come ha ricordato l’On. Romagnoli nel suo seguitissimo intervento – gettano un ombra sul futuro del Vecchio Continente».

Ares