User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    I amar prestar aen
    Data Registrazione
    09 Sep 2002
    Località
    Brescia
    Messaggi
    8,891
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Perché Bush è meglio di Kerry (e perché, se eletto, Kerry non potrà fare altro ....

    Una risposta a Luca Sofri (cioè l'endorsement di Camillo)

    Antefatto:
    Caro “Camillo”, non ti chiediamo di dire “ho sbagliato”, ma di scrivere ciò che pensi davvero di Bush
    Appello. Mancano solo pochi giorni: Christian Rocca, ripensaci. Non ti irrigidire su posizioni che neanche tu puoi condividere più. Persino Andrew Sullivan ha avuto il coraggio di dire che le cose sono cambiate e le sue opinioni sull’uomo anche. Manca solo Hitchens, ma quello per elaborare i suoi errori ci mette di solito una ventina d’anni: nel 2030 si dissocerà da Bush e dai neocon. Tu invece puoi farcela. Non temere, noi non siamo gente che dà del voltagabbana a chiunque dichiari di avere capito delle cose e cambiato idea, men che mai ci costruiremmo una carriera giornalistica: la coerenza è una virtù sopravvalutata, o se preferisci il buonsenso popolare solo-gli-stupidi-non-cambiano-mai-idea (per questo Wittgenstein si rivolge a te e non direttamente a George Bush). Christian, lo diciamo per il tuo bene: segui gli esempi di metà dei giornali americani che sostennero Bush quattro anni fa, e salvati. Che se vince Kerry, quella è gente che non fa prigionieri. Non ti chiediamo nemmeno un “ho sbagliato”: tu da domani di punto in bianco cominci a scrivere di Bush quello che pensi davvero – vabbè, vuoi dire che c’è qualche cosa su cui non è stato così male? Accordato – e noi facciamo come se niente fosse. Capiremo. Puoi farcela, torna in te. E la settimana prossima ci mettiamo tutti allegramente a insultare il nuovo presidente, che se lo meriterà.
    Luca Sofri, da
    www.ilfoglio.it/wittgenstein

    Risposta:

    http://www.ilfoglio.it/uploads/camillo/bushokerry.html

    Caro Luca Sofri, mi inviti a ripensarci, a dire quello che davvero penso su Bush, come ha appena fatto Andrew Sullivan. E allora te lo dico spassionatamente, pur non sentendomi minacciato dal blocco conservatore americano visto che non sono gay come AS (hai capito perché ora preferisce Kerry, no?). Dunque. Fossi americano voterei George Bush. Fossi europeo, come sono, ancora di più. Per un solo motivo (ce ne sarebbero altri, ma sono meno importanti). Il motivo è questo. Bush ha capito che c'è un nemico che vuole ucciderci, e il suo avversario no. Bush ha capito che l'unico modo per sconfiggerlo è quello di stare all'offensiva, e il suo avversario no. Per capirci: Bush è Sacchi, Kerry è Trapattoni. Uno preferisce affrontare il nemico a Bassora anziché a Baltimora, l'altro lo vuole aspettare al limite dell'area e se il caso colpire in rare occasioni di contropiede. Calcio totale contro catenaccio.
    Bush ha capito che contro chi ama la morte più di quanto noi amiamo la vita non serve quello che è stato fatto finora, e che certamente avrei sostenuto anch'io se non ci fosse stato l'11 settembre ad aprirci gli occhi. Un blitz dei carabinieri contro il terrorismo è utile, ma insufficiente. Quelli ci vogliono uccidere non chiedono il pizzo. Vogliono ristabilire il califfato, conquistare l'Andalusia e pure la Sicilia, non vendere cd agli angoli delle strade.
    L'unica strategia efficace è quella di andare diritti all'origine del fondamentalismo. Anzi, lo chiamo per nome e per cognome: all'origine di questo "male assoluto", come il nazismo e il comunismo. La causa scatenante questo odio arabo e islamico (il terrorismo è solo uno strumento) è la dittatura in medio oriente, è l'oscurantismo in medio oriente, è il totalitarismo in medio oriente, è la tirannia in Arabia Saudita, è la cultura della morte in Iran, è l'odio che sgorga da quella parte del mondo. Non perché gli arabi o gli islamici siano cattivi o bruti, ma solo perché le dittature questo producono, di questo si alimentano e non possono fare altro che incitare l'antiamericanismo e l'antisemitismo, offrendo un facile capro espiatorio che li protegga dai loro fallimenti. E per abbattere tirannia, oscurantismo, dittatura e cultura della morte c'è bisogno, sia con le buone sia con le cattive, di rimuovere i regimi autoritari del medio oriente, cioè i responsabili della povertà, della tortura, dei massacri, della mancanza di libertà e di speranza. C'è bisogno di liberare quelle società, aprire quelle frontiere, far cadere quei muri, spaccare quelle cortine. Con la guerra? Sì, anche con la guerra, visto che te l'hanno dichiarata. Con le soluzioni tecniche e le nuances il nazismo prosperava, come sai bene. Con i summit internazionali si pappava la Polonia e sterminava i sudeti, come sai. Monaco, anno domini 1938, era un summit, o no? Sarà un'operazione pericolosa? Certo. Ci vorrà molto tempo? Sicuro. Bush ha fatto molti errori? Ci puoi giurare, ma Kerry propone esattamente il contrario (almeno fino a quando non dice la stessa cosa): il contenimento. L'ha detto chiaro, infine: il terrorismo deve tornare a essere come il gioco d'azzardo, come la prostituzione, cioè una seccatura, niente di più. Ma le puttane e i biscazzieri non si fanno saltare in aria e non ci uccidono. Anzi. (continua nell'inserto II)

    (continua da pagina uno) La strategia di Kerry è la stabilità in medio oriente, cioè la continuità, non la democrazia né la libertà: mettiamoci un nostro uomo e fuck the arabs. Suo obiettivo è quello di continuare con la politica rovinosa di Henry Kissinger, sintetizzabile con un "appoggiamo un dittatore amico nostro che ci passi il petrolio". Ha funzionato, eh. Ed era probabilmente necessario finché il medio oriente era campo di battaglia della Guerra fredda. Mandato in soffitta l'orrore sovietico s'è scoperchiata la pentola, quasi come ora in casa di Simona Ventura.
    Su questo Kerry è la destra, Luca. E Bush è la sinistra, se solo valessero le etichette. Il primo non trova il modo di dire una parola che sia una sui popoli afghani e iracheni liberati da decenni di orrore, e anzi si lamenta che la Casa Bianca abbia chiuso stazioni dei pompieri a Cleveland o letti d'ospedale a Milwaukee per aprirli a Bassora e a Baghdad. Io mi vergogno di Kerry quando dice queste cose, anche se poi 5 minuti dopo dice il contrario e sembra di nuovo serio e presidenziale. Ma, questo, lo sai, è un altro motivo per cui non potrei mai votare Kerry o, che ne so, Cesco Rutelli. Insomma per chi modifica le proprie idee in base a chi si trova davanti. Per uscire a cena lo trovo un atteggiamento cortese e nobile verso i commensali, per guidare il mondo no. E, domandina, dimmi caro Luca: va bene tutto, Bush è un incasinatore ma, fammi sapere, secondo te, Zarqawi e bin Laden, i resistenti e i Fratelli musulmani, come prenderebbero una sconfitta di Bush? Come una sconfitta o con lo champagne? Come un lutto o come abbiamo visto al cinema in Black Hawk Down?

    Kerry è una specie di ingegnere che ti sa dare la soluzione tecnica a ogni problema, Bush è pasticcione. Ma io tra il pasticcione che ha capito che cosa c'è in gioco e l'ingegnere che non vede oltre il suo palmo di naso, nonostante abbia viaggiato e beva grandi rossi francesi, che si limita a sperare che non ci sia un altro attacco, che vuole contrastare una cultura potente come quella islamista nelle aule di tribunale, che al massimo chiude le frontiere e che gli arabi vadano a farsi fottere-perché-non-hanno-la-cultura-democratica _ be' non ho dubbi quale dei due scegliere.
    Mettila così. Tu ti trovi a New York e sai che devi andare a Miami. L'unica auto che va a Miami è guidata da un autista inesperto e magari ex ubriacone, uno che rischia di farti andare fuori strada a ogni curva, però sai che va certamente nella direzione giusta. Poi c'è un autista bravissimo, preparatissimo, fichissimo e che è stato finanche un asso nelle strade del Vietnam, ma va in su, verso Boston, invece che in giù, verso Miami. Tu che fai? Io vado a Miami, anche con il rischio di finire fuori strada, tanto più che tutta questa ficaggine in quell'altro non la vedo. E tu non dire che, da terzista, resteresti a New York, perché sennò ti corco.
    Ci sarebbero altri motivi per cui mi piacerebbe che vincesse Bush: è ottimista, cioè è più americano di Kerry; non vuole che lo Stato s'impicci nella vita del cittadino, ancora meno di Kerry; vuole meno tasse, non di più. Il conservatorismo americano ha questo di eccezionale, caro Luca: è progressista, è volto al futuro, l'unica cosa che vuole conservare è la libertà. Le cose che non mi piacciono di Bush sono molte altre: diciamo, per intenderci, il suo programma sociale. Non credo però che sia un fascista, che voglia togliere i diritti ai gay (è favorevole alle unioni civili, al contrario del Gad o come diavolo si chiama il centrosinistra italiano); non è vero che abbia vietato la ricerca sulle cellule staminali, ha soltanto limitato quella con i fondi federali (al contrario di quanto ha fatto una parte del Gad o come diavolo si chiama il centrosinistra italiano). Sì, d'accordo è contrario all'aborto e favorevole alla pena di morte. Ma chi è favorevole all'aborto? Nessuno, no? Una cosa è legalizzare una situazione penosa e criminogena, un'altra è garantire il diritto ad abortire-per-view o fare figli col bancomat. Non ho certezze su queste cose. Ma almeno a destra se lo pongono il problema della creazione o della distruzione di una vita al fine di curarne un'altra. Io, chiudendo gli occhi, sono favorevole al riconoscimento di questi diritti, ma da qui a dire con disinvoltura chic che si possa fare qualsiasi cosa, ce ne passa. Pena di morte, ok. Ma sull'altro fronte è uguale. L'ultima di Kerry è questa: è contrario, tranne che per i terroristi. Ma che vuol dire? E il nessuno tocchi Caino? Se vale il principio è proprio Caino quello che non deve essere toccato, il più tremendo, il più difficile da difendere.
    Kerry mi soddisfa su un paio di cose: sulla ricerca scientifica (unico argomento su cui non ha mai cambiato idea) e sulla necessità di ampliare il sistema di protezione sociale del cittadino americano. Su come farlo ha idee opposte rispetto a quelle di Bush, e non so quale ricetta sia più efficace. Certo questa è una priorità per i democratici, molto più di quanto lo sia per i repubblicani. E in tempi normali mi piacerebbe che vincessero i liberal. Ma oggi che te ne fai di un'assistenza sanitaria meravigliosa se non ti puoi bere in pace un caffè perché qualcuno anziché ordinare una brioche ti vuole far saltare in aria?
    Detto questo, se dovesse vincere Kerry sarebbe poco male, perché vincerebbe comunque un americano. E saremmo alle solite: per un quarto d'ora Le Monde sarebbe tutto un frisson di ritrovato americanismo, poi non più. Circondato dagli interventisti democratici di Bill Clinton, Kerry non potrà che continuare la dottrina Bush. E' americano, Luca. Non c'è alternativa. Quando sono attaccati e minacciati fanno sempre così, per la fortuna di noi che ci possiamo permettere di chiacchierare in pace guardando l'Isola dei Famosi. Tanto ci sono loro, la Cavalleria. E se ci sarà da abbattere un dittatore, liberare due popoli, magari soltanto per ragioni geopolitiche, magari senza risoluzioni dell'Onu, magari senza prove, magari senza piani per il dopo, tu e io sappiamo bene che bosniaci e kosovari non hanno dubbi che dei clintoniani ci si può fidare.

    Christian Rocca

    Cordiali Saluti
    E voi tutti, o Celesti, ah! concedete,
    Che di me degno un dì questo mio figlio
    Sia spendor della patria, e de Troiani
    Forte e possente regnator. Deh! fate
    Che il veggendo tornar dalla battaglia
    Dell'armi onusto de' nemici uccisi,
    Dica talun: NON FU SI' FORTE IL PADRE:
    E il cor materno nell'udirlo esulti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 May 2010
    Messaggi
    13,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Certo che questi ex sinistri improvvisamente convertiti alla "guerra santa" sono contorti mica poco...Ma ci vuol tanto a capire che la politica di Bush non ha fatto altro che ALIMENTARE il terrorismo? Ci vuol tanto a capire che le immagini che le tv arabe mostrano tutti giorni sugli effetti dei bombardamenti americani sono la miglior propaganda (un vero e propprio REGALO) che Al Queida si potesse aspettare? Lo capirebbe anche un bambino...
    E poi per combattere il terrorismo che facciamo, ci mettiamo a fare la guerra a tutti gli stati arabi? Gettiamo il mondo in uno stato di guerra permanente?
    Resta inteso che per Bush la guerra al terrorismo è un puro pretesto, ormai l'unico che possa giustificare (agli occhi dei gonzi) la sua sciagurata politica, e che le finalità vere dell'intervento in Iraq erano ben altre...(poi, si sa, non tutte le ciambelle riescono col buco...). E resta inteso che gente come il Giulianone (che non è uno stupido) queste cose le sa benissimo ed è quindi in perfetta MALA FEDE...

    PS A propositodi ospedali a Bassora piuttosto che a Milwakee, sarebbe interessante sapere cosa ne pensano gli italiani del fatto che il nostro governo sottrae risorse dal nostro malandato bilancio per finanziare una spedizione militare totalmente inutile (dato che i "nostri" se ne stanno praticamente tutto il giorno rintanati nel loro bunker).

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Jun 2004
    Messaggi
    16,607
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da antonio
    ma Christian Rocca non ha nulla da dirci sull'etica della democrazia che ricorre sistematicamente alla menzogna per avviare una guerra preventiva? che razza di democrazia e' mai quella?
    dove sono le AdM?
    i pretesti che vorrebbe rocca per giustificare la guerra all'IRAQ sarebbero validi e accettabili se fossero veri..ma veri non sono.
    dunque tutto il suo ragionamento decade.
    non decade proprio nulla, caro Antonio.

    Partite sempre da un presupposto sbagliato, quello della menzogna; la verita' e' che non c'e' stata alcuna menzogna. Che le AdM ci fossero, lo credevano tutti, ma proprio tutti, compresi coloro che si sono opposti alla guerra. Inoltre, se fosse stata una menzogna, avrebbero previsto in anticipo di piazzare qualche bidogne da qualche parte, invece nisba! Ma come, la CIA viene accusata di far apparire aeroplani interi che cadono sul Pentagono, far sparire decine di passeggeri, e non e' capace di piazzare una piccola AdM in giro per l'iraq ?!

    Suvvia... il nodo fondamentale è che ci si deve chiedere, dopo l'11 settembre, cosa si deve fare anche solo in caso di DUBBIO che qualche regime dispotico permetta a fanatici di farci scoppiare un bel fungo atomico in testa. Cosa facciamo? Aspettiamo la "smoking gun", come si diceva durante il pre-guerra? L'11 settembre ha dimostrato che questa strategia non paga e mette a rischio milioni di noi...

    e certo non lo si risolve con qualche straccio di mozione fatta di 2 righe in Parlamento qualche tempo fa... giusto per non dire niente.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 May 2010
    Messaggi
    13,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Italosloveno
    non decade proprio nulla, caro Antonio.

    Partite sempre da un presupposto sbagliato, quello della menzogna; la verita' e' che non c'e' stata alcuna menzogna. Che le AdM ci fossero, lo credevano tutti, ma proprio tutti, compresi coloro che si sono opposti alla guerra. Inoltre, se fosse stata una menzogna, avrebbero previsto in anticipo di piazzare qualche bidogne da qualche parte, invece nisba! Ma come, la CIA viene accusata di far apparire aeroplani interi che cadono sul Pentagono, far sparire decine di passeggeri, e non e' capace di piazzare una piccola AdM in giro per l'iraq ?!

    Suvvia... il nodo fondamentale è che ci si deve chiedere, dopo l'11 settembre, cosa si deve fare anche solo in caso di DUBBIO che qualche regime dispotico permetta a fanatici di farci scoppiare un bel fungo atomico in testa. Cosa facciamo? Aspettiamo la "smoking gun", come si diceva durante il pre-guerra? L'11 settembre ha dimostrato che questa strategia non paga e mette a rischio milioni di noi...

    e certo non lo si risolve con qualche straccio di mozione fatta di 2 righe in Parlamento qualche tempo fa... giusto per non dire niente.
    E secondo te quelli della CIA sono così gonzi da pensare che ci fossero le AdM quando queste non c'erano?La verità è che Bush aveva bisogno di PRETESTI e si è inventata questa storia (se no che cavolo andavano a raccontare al Consiglio di sicurezza dell'ONU?) Come si è inventato di sana pianta il fantomatico acquisto di uranio dal Niger da parte di Saddam.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Cyborg nazzysta teleguidato da Casaleggio
    Messaggi
    26,848
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché Bush è meglio di Kerry (e perché, se eletto, Kerry non potrà fare altro ....

    In Origine Postato da locke


    Caro Luca Sofri, mi inviti a ripensarci, a dire quello che davvero penso su Bush, come ha appena fatto Andrew Sullivan. E allora te lo dico spassionatamente, pur non sentendomi minacciato dal blocco conservatore americano visto che non sono gay come AS (hai capito perché ora preferisce Kerry, no?). Dunque. Fossi americano voterei George Bush. Fossi europeo, come sono, ancora di più. Per un solo motivo (ce ne sarebbero altri, ma sono meno importanti). Il motivo è questo. Bush ha capito che c'è un nemico che vuole ucciderci, e il suo avversario no. Bush ha capito che l'unico modo per sconfiggerlo è quello di stare all'offensiva, e il suo avversario no. Per capirci: Bush è Sacchi, Kerry è Trapattoni. Uno preferisce affrontare il nemico a Bassora anziché a Baltimora, l'altro lo vuole aspettare al limite dell'area e se il caso colpire in rare occasioni di contropiede. Calcio totale contro catenaccio.
    Bush ha capito che contro chi ama la morte più di quanto noi amiamo la vita non serve quello che è stato fatto finora, e che certamente avrei sostenuto anch'io se non ci fosse stato l'11 settembre ad aprirci gli occhi. Un blitz dei carabinieri contro il terrorismo è utile, ma insufficiente. Quelli ci vogliono uccidere non chiedono il pizzo. Vogliono ristabilire il califfato, conquistare l'Andalusia e pure la Sicilia, non vendere cd agli angoli delle strade.
    L'unica strategia efficace è quella di andare diritti all'origine del fondamentalismo. Anzi, lo chiamo per nome e per cognome: all'origine di questo "male assoluto", come il nazismo e il comunismo. La causa scatenante questo odio arabo e islamico (il terrorismo è solo uno strumento) è la dittatura in medio oriente, è l'oscurantismo in medio oriente, è il totalitarismo in medio oriente, è la tirannia in Arabia Saudita, è la cultura della morte in Iran, è l'odio che sgorga da quella parte del mondo. Non perché gli arabi o gli islamici siano cattivi o bruti, ma solo perché le dittature questo producono, di questo si alimentano e non possono fare altro che incitare l'antiamericanismo e l'antisemitismo, offrendo un facile capro espiatorio che li protegga dai loro fallimenti. E per abbattere tirannia, oscurantismo, dittatura e cultura della morte c'è bisogno, sia con le buone sia con le cattive, di rimuovere i regimi autoritari del medio oriente, cioè i responsabili della povertà, della tortura, dei massacri, della mancanza di libertà e di speranza. C'è bisogno di liberare quelle società, aprire quelle frontiere, far cadere quei muri, spaccare quelle cortine. Con la guerra? Sì, anche con la guerra, visto che te l'hanno dichiarata. Con le soluzioni tecniche e le nuances il nazismo prosperava, come sai bene. Con i summit internazionali si pappava la Polonia e sterminava i sudeti, come sai. Monaco, anno domini 1938, era un summit, o no? Sarà un'operazione pericolosa? Certo. Ci vorrà molto tempo? Sicuro. Bush ha fatto molti errori? Ci puoi giurare, ma Kerry propone esattamente il contrario (almeno fino a quando non dice la stessa cosa): il contenimento. L'ha detto chiaro, infine: il terrorismo deve tornare a essere come il gioco d'azzardo, come la prostituzione, cioè una seccatura, niente di più. Ma le puttane e i biscazzieri non si fanno saltare in aria e non ci uccidono. Anzi. (continua nell'inserto II)

    (continua da pagina uno) La strategia di Kerry è la stabilità in medio oriente, cioè la continuità, non la democrazia né la libertà: mettiamoci un nostro uomo e fuck the arabs. Suo obiettivo è quello di continuare con la politica rovinosa di Henry Kissinger, sintetizzabile con un "appoggiamo un dittatore amico nostro che ci passi il petrolio". Ha funzionato, eh. Ed era probabilmente necessario finché il medio oriente era campo di battaglia della Guerra fredda. Mandato in soffitta l'orrore sovietico s'è scoperchiata la pentola, quasi come ora in casa di Simona Ventura.
    Su questo Kerry è la destra, Luca. E Bush è la sinistra, se solo valessero le etichette. Il primo non trova il modo di dire una parola che sia una sui popoli afghani e iracheni liberati da decenni di orrore, e anzi si lamenta che la Casa Bianca abbia chiuso stazioni dei pompieri a Cleveland o letti d'ospedale a Milwaukee per aprirli a Bassora e a Baghdad. Io mi vergogno di Kerry quando dice queste cose, anche se poi 5 minuti dopo dice il contrario e sembra di nuovo serio e presidenziale. Ma, questo, lo sai, è un altro motivo per cui non potrei mai votare Kerry o, che ne so, Cesco Rutelli. Insomma per chi modifica le proprie idee in base a chi si trova davanti. Per uscire a cena lo trovo un atteggiamento cortese e nobile verso i commensali, per guidare il mondo no. E, domandina, dimmi caro Luca: va bene tutto, Bush è un incasinatore ma, fammi sapere, secondo te, Zarqawi e bin Laden, i resistenti e i Fratelli musulmani, come prenderebbero una sconfitta di Bush? Come una sconfitta o con lo champagne? Come un lutto o come abbiamo visto al cinema in Black Hawk Down?

    Kerry è una specie di ingegnere che ti sa dare la soluzione tecnica a ogni problema, Bush è pasticcione. Ma io tra il pasticcione che ha capito che cosa c'è in gioco e l'ingegnere che non vede oltre il suo palmo di naso, nonostante abbia viaggiato e beva grandi rossi francesi, che si limita a sperare che non ci sia un altro attacco, che vuole contrastare una cultura potente come quella islamista nelle aule di tribunale, che al massimo chiude le frontiere e che gli arabi vadano a farsi fottere-perché-non-hanno-la-cultura-democratica _ be' non ho dubbi quale dei due scegliere.
    Mettila così. Tu ti trovi a New York e sai che devi andare a Miami. L'unica auto che va a Miami è guidata da un autista inesperto e magari ex ubriacone, uno che rischia di farti andare fuori strada a ogni curva, però sai che va certamente nella direzione giusta. Poi c'è un autista bravissimo, preparatissimo, fichissimo e che è stato finanche un asso nelle strade del Vietnam, ma va in su, verso Boston, invece che in giù, verso Miami. Tu che fai? Io vado a Miami, anche con il rischio di finire fuori strada, tanto più che tutta questa ficaggine in quell'altro non la vedo. E tu non dire che, da terzista, resteresti a New York, perché sennò ti corco.
    Ci sarebbero altri motivi per cui mi piacerebbe che vincesse Bush: è ottimista, cioè è più americano di Kerry; non vuole che lo Stato s'impicci nella vita del cittadino, ancora meno di Kerry; vuole meno tasse, non di più. Il conservatorismo americano ha questo di eccezionale, caro Luca: è progressista, è volto al futuro, l'unica cosa che vuole conservare è la libertà. Le cose che non mi piacciono di Bush sono molte altre: diciamo, per intenderci, il suo programma sociale. Non credo però che sia un fascista, che voglia togliere i diritti ai gay (è favorevole alle unioni civili, al contrario del Gad o come diavolo si chiama il centrosinistra italiano); non è vero che abbia vietato la ricerca sulle cellule staminali, ha soltanto limitato quella con i fondi federali (al contrario di quanto ha fatto una parte del Gad o come diavolo si chiama il centrosinistra italiano). Sì, d'accordo è contrario all'aborto e favorevole alla pena di morte. Ma chi è favorevole all'aborto? Nessuno, no? Una cosa è legalizzare una situazione penosa e criminogena, un'altra è garantire il diritto ad abortire-per-view o fare figli col bancomat. Non ho certezze su queste cose. Ma almeno a destra se lo pongono il problema della creazione o della distruzione di una vita al fine di curarne un'altra. Io, chiudendo gli occhi, sono favorevole al riconoscimento di questi diritti, ma da qui a dire con disinvoltura chic che si possa fare qualsiasi cosa, ce ne passa. Pena di morte, ok. Ma sull'altro fronte è uguale. L'ultima di Kerry è questa: è contrario, tranne che per i terroristi. Ma che vuol dire? E il nessuno tocchi Caino? Se vale il principio è proprio Caino quello che non deve essere toccato, il più tremendo, il più difficile da difendere.
    Kerry mi soddisfa su un paio di cose: sulla ricerca scientifica (unico argomento su cui non ha mai cambiato idea) e sulla necessità di ampliare il sistema di protezione sociale del cittadino americano. Su come farlo ha idee opposte rispetto a quelle di Bush, e non so quale ricetta sia più efficace. Certo questa è una priorità per i democratici, molto più di quanto lo sia per i repubblicani. E in tempi normali mi piacerebbe che vincessero i liberal. Ma oggi che te ne fai di un'assistenza sanitaria meravigliosa se non ti puoi bere in pace un caffè perché qualcuno anziché ordinare una brioche ti vuole far saltare in aria?
    Detto questo, se dovesse vincere Kerry sarebbe poco male, perché vincerebbe comunque un americano. E saremmo alle solite: per un quarto d'ora Le Monde sarebbe tutto un frisson di ritrovato americanismo, poi non più. Circondato dagli interventisti democratici di Bill Clinton, Kerry non potrà che continuare la dottrina Bush. E' americano, Luca. Non c'è alternativa. Quando sono attaccati e minacciati fanno sempre così, per la fortuna di noi che ci possiamo permettere di chiacchierare in pace guardando l'Isola dei Famosi. Tanto ci sono loro, la Cavalleria. E se ci sarà da abbattere un dittatore, liberare due popoli, magari soltanto per ragioni geopolitiche, magari senza risoluzioni dell'Onu, magari senza prove, magari senza piani per il dopo, tu e io sappiamo bene che bosniaci e kosovari non hanno dubbi che dei clintoniani ci si può fidare.

    Christian Rocca

    Cordiali Saluti
    Certo che questa spaventosa accozzaglia di troiate immani bisognerebbe incorniciarla.

    E' da record.

    Il boiometro è andato fuori scala, peggio che nei "migliori" interventi dell'ineffabile Condor.

    Questo qui secondo il mio personalissimo parere non dovrebbe neanche scrivere le lettere al condominio per manifesta incapacità di comprensione di qualsivoglia problema e lo chiamano "giornalista"?
    Vuoi una soluzione VERA alla Crisi Finanziaria ed al Debito Pubblico?

    NUOVA VERSIONE COMPLETATA :
    http://lukell.altervista.org/Unasolu...risiEsiste.pdf




  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Jun 2004
    Messaggi
    16,607
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da beppe2
    E secondo te quelli della CIA sono così gonzi da pensare che ci fossero le AdM quando queste non c'erano?La verità è che Bush aveva bisogno di PRETESTI e si è inventata questa storia (se no che cavolo andavano a raccontare al Consiglio di sicurezza dell'ONU?) Come si è inventato di sana pianta il fantomatico acquisto di uranio dal Niger da parte di Saddam.
    ma dai, non sta in piedi... ma scusa, proprio voi che vedete complotti in ogni angolo da parte di questa CIA onnipotente, mo' non la ritenete manco in grado di inventarsi una prova del genere, se avessero preordinato tutto?? e cosa ci voleva??

    e poi, ripeto, non c'erano gli americani e basta, anche tutti quelli contrari alla guerra non usavano come argomentazione il fatto che le AdM non c'erano...

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 May 2010
    Messaggi
    13,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Italosloveno
    ma dai, non sta in piedi... ma scusa, proprio voi che vedete complotti in ogni angolo da parte di questa CIA onnipotente, mo' non la ritenete manco in grado di inventarsi una prova del genere, se avessero preordinato tutto?? e cosa ci voleva??

    e poi, ripeto, non c'erano gli americani e basta, anche tutti quelli contrari alla guerra non usavano come argomentazione il fatto che le AdM non c'erano...
    Veramente chi era contrario alla guerra diceva che non c'erano PROVE (come in effetti non c'erano poichè quelle presentate da Powell ll'ONU erano risibili) dell'esistenza delle AdM, non che Saddam le avesse.
    Quanto alle prove false devi considerare che un'operazione del genere sarebbe stata alquanto azzardata in quanto prima o poi si sarebbe venuto a sapere con relativo sputtanamento di Bush e della sua Amministrazione...

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Jan 2003
    Località
    Sacro Romano Impero della Nazione Germanica
    Messaggi
    3,485
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sofri, Andrew, Rocca: chi sarebbero ?

    Ho letto lo scambio di msg tra i signori di cui sopra; premetto che
    non so chi siano e chi/cosa rappresentino.
    Io sono un modesto imprenditore che lavora con e nei paesi mus-
    sulmani, dal Marocco all'India, da circa 40 anni.
    Beh, nessuno mi ha mai parlato di califfati, prese delle due Sicilie,
    attacchi all'Andalusia e affini.
    Una sola cosa (e vi prego di credermi sulla parola di gentiluomo) è certa, che (quasi) tutti erano/sono fans del Führer e che se volevo
    accelerare il mio ritorno in Germania con "il contratto", beh dovevo
    raccontare la storiella della guardia al bidone di benzina della Pan-
    zerdivision "Das Reich" nel Friuli del 1945 ... Credo che mi abbiate
    capito, come io ho capito che razza di frugamer*a sono i signori di
    cui sopra.

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Apr 2002
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,796
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Perché Bush è meglio di Kerry (e perché, se eletto, Kerry non potrà fare altro ....

    In Origine Postato da Fuori_schema
    Certo che questa spaventosa accozzaglia di troiate immani bisognerebbe incorniciarla.

    E' da record.

    Il boiometro è andato fuori scala, peggio che nei "migliori" interventi dell'ineffabile Condor.

    Questo qui secondo il mio personalissimo parere non dovrebbe neanche scrivere le lettere al condominio per manifesta incapacità di comprensione di qualsivoglia problema e lo chiamano "giornalista"?
    No, è semplicemente un ''giornalaista'', cioè uno che tenta penosamente di fare il giornalista ma sarebbe indegno di fare anche il giornalaio! Chi crede a queste emerite fregnacce è un ...
    alLocke!

 

 

Discussioni Simili

  1. Vincerà Kerry: ecco perchè.
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 68
    Ultimo Messaggio: 06-11-04, 07:47
  2. Vincerà Kerry: ecco perchè.
    Di brunik nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 04-11-04, 22:01
  3. Risposte: 61
    Ultimo Messaggio: 11-08-04, 14:14
  4. ecco perchè Bush o Kerry cambierà poco
    Di dragone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27-07-04, 10:06
  5. Perché non voterò per Kerry
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-05-04, 02:01

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226