User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: La mafia a Milano

  1. #1
    Democrazia Diretta!
    Data Registrazione
    06 Jun 2004
    Località
    Pianeta Terra ,Italia
    Messaggi
    3,167
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La mafia a Milano


    di Nando dalla Chiesa

    1. Emigrazione, confino e spinta espansionistica
    La presenza della mafia al Nord si è sviluppata gradualmente e disegualmente negli ultimi trent'anni. Alle radici di questa diffusione è possibile indicare soprattutto tre fenomeni. Il primo è costituito dai massicci movimenti migratori realizzatisi negli anni Cinquanta e Sessanta dal Sud verso le aree più industrializzate del Paese; movimenti che hanno veicolato - sia pure come effetto secondario - anche gruppi e interessi di natura criminale, spesso mimetizzati e protetti grazie a reti spontanee di parentela, amicizia e solidarietà regionale. Il secondo è la diffusione della misura del soggiorno obbligato (il "confino"), ideata inizialmente (1965) per neutralizzare i boss mafiosi sradicandoli dal loro habitat storico. Il terzo, più recente fenomeno è la spinta espansionista assunta dalle organizzazioni mafiose con la conquista oligopolistica del mercato degli stupefacenti e con la conseguente accumulazione di enormi capitali illegali in cerca di adeguate opportunità di investimento.
    Se i primi due fenomeni hanno avuto prevalentemente corso, per i loro aspetti più rilevanti, negli anni del boom economico e della industrializzazione del Paese, il terzo ha preso invece piede soprattutto nel ventennio compreso tra la metà degli anni Settanta e la prima metà degli anni Novanta; e in tal senso ha beneficiato, usandoli spregiudicatamente, dei diffusi processi di corruzione dell'economia e dell'amministrazione pubblica verificatisi nello stesso periodo nella società settentrionale.


    2. Da luogo di incontro a tema di conquista
    Prima che questi tre fenomeni si realizzassero l'Italia settentrionale era sostanzialmente immune da una autentica presenza operativa delle organizzazioni mafiose sul proprio territorio e nella propria economia. E' vero che alcune attività marginali risultavano congenitamente penetrate da interessi mafiosi: ad esempio il gioco d'azzardo o la gestione di alcune categorie di locali notturni. Ed è vero che uomini simbolo della mafia cercavano rifugi dorati a Milano o da qui controllavano estese reti di traffici internazionali. Classico il caso di Joe Adonis, stabilitosi nel capoluogo lombardo nel 1956 e divenuto nel '62, dopo la morte di Lucky Luciano, il referente della mafia italo-americana. E classico anche il caso di Luciano Liggio, capostipite dei corleonesi, catturato proprio a Milano nel 1974. Ma Milano restò per molto tempo principalmente un luogo di riparo e di incontro, quasi una (rilevantissima) postazione logistico-diplomatica. Né per nulla fu proprio qui che nel 1970 si tenne vicino alla stazione centrale uno storico summit con la presenza di boss del calibro di Gerlando Alberti, Giuseppe Calderone, Tommaso Buscetta, Gaetano Badalamenti, Salvatore Riina e Salvatore Greco.
    Solo successivamente le aree industrializzate - e quella milanese in modo specialissimo- vennero considerate da Cosa Nostra "terre di conquista". La capacità di mimetismo, il potere economico conquistato, la minore estraneità ambientale, resero via via più facile l'insediamento sul territorio di gruppi e interessi legati ai clan siciliani. Rimase a lungo la cautela di non disturbare troppo l'ordine pubblico o la quiete sociale con guerre di mafia che avrebbero costretto le istituzioni e l'opinione pubblica locali ad affrontare con più rigore e determinazione il fenomeno. Tuttavia la presenza delle cosche "storiche" si fece progressivamente più visibile e aperta, soprattutto nelle zone dell'hinterland: in parte come puro prolungamento e articolazione della mafia siciliana, in parte come presidio di interessi e attività avviati localmente in proprio.


    3. L'alibi del terrorismo
    In generale le capacità di condizionamento della struttura sociale da parte dei clan restarono però piuttosto contenute. La prima volta che la mafia mostrò in modo tracotante la sua presenza nel cuore del tessuto economico e professionale lombardo fu nel 1979, allorché venne ucciso l'avvocato Giorgio Ambrosoli, liquidatore - per conto della Banca d'Italia- della Banca privata italiana di Michele Sindona. Quest'ultimo, con la sua sfolgorante carriera realizzata tra Roma e Milano, rappresentava bene le affinità tra certi ambienti professionali lombardi e la sfera criminale - mafiosa della finanza e della politica. Lo stesso assassinio di Ambrosoli espresse purtuttavia un conflitto di culture e di interessi che la società del Nord faticava a sentire come proprio, quasi che tra le presenze criminali nelle strade dell'hinterland e la presenza dei capitali mafiosi nei cieli della finanza stesse accomodata una intera società intatta e vergine. Non era così. Ma la minaccia del terrorismo (definitivamente sconfitto solo verso la metà del decennio Ottanta) giocò un ruolo di rilievo nel tenere lontane dalla mafia attenzioni e preoccupazioni pubbliche e private. E sempre l'alibi del terrorismo impedì, a Torino, di capire il peso degli interessi mafiosi gravitanti dietro l'assassinio del procuratore della Repubblica Bruno Caccia, che aveva aperto un'inchiesta sulla presenza dei clan in Piemonte e Val d'Aosta.


    4. Il 1983
    Dovendo scegliere uno spartiacque capace di indicare orientativamente il "prima" e il "dopo" nella storia della mafia al Nord, è forse possibile trovarlo nel 1983. Fu nel febbraio del 1983, infatti, con il cosiddetto blitz di San Valentino, che a Milano venne portata alla luce dalla magistratura una rete di società milanesi di proprietà di affiliati a Cosa Nostra e gestite da imprenditori "insospettabili", incarnazione esemplare della cosiddetta "mafia dei colletti bianchi". E fu sempre nel 1983 che venne smascherato l'assalto delle cosche catanesi e palermitane al casinò di Sanremo, in raccordo e sotto la protezione di settori del mondo politico, in particolare di uomini del partito socialista. Fu ancora in quell'anno che maturò la consapevolezza che il ruolo del boss Angelo Epaminonda, che aveva ereditato a sua volta il ruolo di Angelo Turatello come capo della "mala" milanese, non era più quello classico del gangster metropolitano (magari fornito di amicizie nel mondo mafioso) ma era diventato quello del mafioso vero e proprio, che alla gestione del gioco d'azzardo legava la gestione del traffico di cocaina. Lo stesso Epaminonda, arrestato nel '94 e diventato il primo grande "pentito" del Nord, illuminò le relazioni precisamente mafiose che egli aveva costruito attraverso la sua attività.


    5. Nel clima di corruzione politica
    La vicenda Epaminonda consentì anche di mettere a fuoco un problema sociologicamente e storicamente rilevante: quello della trasferibilità e imitabilità del modello mafioso. In sostanza emerse la possibilità (peraltro già sperimentata in Sicilia nel caso catanese) che in città tradizionalmente estranee alla presenza mafiosa si strutturassero organizzazioni guidate da persone non affiliate a Cosa Nostra ma disposte e attrezzate a utilizzare metodi, organizzazione, culture e relazioni di Cosa Nostra, fino a diventarne anche alleati o membri. Si verificò così nelNord la compresenza di famiglie tradizionalmente mafiose e di gruppi che aspiravano a imitarne comportamenti e logiche utilizzando a proprio vantaggio le diffuse condizioni locali di degrado ambientale, urbanistico e amministrativo.
    Fu precisamente in questo contesto che si andò formando dalla Liguria al Veneto una ramificata e variegata presenza di organizzazioni criminose, che il clima di corruzione politica metteva in grado di contattare senza sforzi i livelli più alti dei partiti e delle amministrazioni locali. Tra queste organizzazioni quelle rappresentative di Cosa Nostra finirono per costituire una minoranza. A esse si affiancarono infatti quelle provenienti dalla camorra, dalla 'ndrangheta e dalla Sacra corona unita, ma anche associazioni a delinquere formatesi spontaneamente sul posto, come quelle costituitesi in alcune zone dell'hinterland milanese o come l'organizzazione raccoltasi intorno al bandito Felice Maniero in Veneto (nota come "la mafia del Brenta").


    6. La quarta regione mafiosa
    Se così la Lombardia diventava la quarta regione mafiosa d'Italia quanto a presenza di uomini di Cosa Nostra, essa esprimeva però anche la singolarità di compendiare al suo interno tutte le forme di criminalità mafiosa presenti nel Paese, tra loro in rapporto di coesistenza pacifica benché ciascuna di esse dominante con fortissime pretese monopolistiche sul rispettivo territorio di origine.
    Tuttavia, nonostante la diffusione ormai rilevante del fenomeno costringesse gli stessi investigatori meridionali a sempre più numerosi viaggi nelle regioni settentrionali per acquisire dati e informazioni, le autorità politiche e istituzionali del Nord continuarono a lungo a smentire la presenza locale di insediamenti e interessi mafiosi. Ancora nel 1989, pur di fronte a decine di morti ammazzati nel corso dell'anno, il sindaco di Milano Paolo Pillitteri dichiarò l'inesistenza della mafia nella sua città. E ancora nel '92, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario, fece lo stesso il procuratore generale di Milano Giulio Catelani, motivando le proprie affermazioni con l'assenza di sentenze passate in giudicato presso il proprio Distretto per il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso.
    E' solo dopo i traumi politici e giudiziari dei primi anni Novanta, con la caduta del ceto politico di Tangentopoli e con i grandi delitti di mafia del '92 (stragi Falcone e Borsellino) e del '93 (bombe di Roma, Firenze e Milano), che si creano le condizioni per spingere a fondo la conoscenza e la repressione del fenomeno mafioso al Nord. E in questi anni che le indagini della magistratura portano all'arresto di migliaia di appartenenti a cosche mafiose (in particolare della 'ndrangheta calabrese, di cui più di duemila affiliati solo in provincia di Milano) e a toccare storia e relazioni di alcuni dei gruppi economici più potenti del Paese.
    Così, dopo la finanza sporca di Sindona e di Calvi (Banco Ambrosiano), entrano nello spettro di indagine della magistratura per le loro relazioni pericolose e i loro eventuali intrecci d'affari gli imperi di Raul Gardini (gruppo Ferruzzi) e di Silvio Berlusconi (gruppo Fininvest). Benché, contrariamente a quanto si crede, la presenza economica della mafia nelle regioni settentrionali si sia sviluppata fondamentalmente al di fuori del capitalismo di borsa, i contatti e gli accordi con le imprese e i gruppi di prima grandezza testimonierebbero e spiegherebbero meglio sia le straordinarie capacità di pressione lobbistico-politica della mafia sul piano nazionale sia anche i condizionamenti visibilmente operati sul mondo dell'informazione anche al Nord.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ospite

    Predefinito

    In origine postato da celtic
    è chiaro che i mafiosi a milano (anzi malano) sono tutti dei terroni, cmq in questo caso sarebbe meglio parlare di criminalità organizzata.

    i mafiosi a milano (come nel resto della padania) non trovano certo terreno fertile, per qui la gente non è vigliacca ed omertosa come la maggior parte dei meriodionali, che evitano pure di andare a testimoniare in tribunale per un incidente stradale.

    non a caso le uniche zone in cui si pratica o si è praticato il racket sono zone piuttosto malfamate in cui vivono solo meridionali.

    prova ad andare a chiedere il pizzo a un padano e sarai subito denunciato
    Non esagerare: quì quando ci hanno provato li hanno presi a schioppettate caricate a cinghiale.

  3. #3
    Democrazia Diretta!
    Data Registrazione
    06 Jun 2004
    Località
    Pianeta Terra ,Italia
    Messaggi
    3,167
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da celtic
    è chiaro che i mafiosi a milano (anzi malano) sono tutti dei terroni, cmq in questo caso sarebbe meglio parlare di criminalità organizzata.

    i mafiosi a milano (come nel resto della padania) non trovano certo terreno fertile, per qui la gente non è vigliacca ed omertosa come la maggior parte dei meriodionali, che evitano pure di andare a testimoniare in tribunale per un incidente stradale.

    non a caso le uniche zone in cui si pratica o si è praticato il racket sono zone piuttosto malfamate in cui vivono solo meridionali.

    prova ad andare a chiedere il pizzo a un padano e sarai subito denunciato
    è logico che se gli incidenti sono molti, c'è un po di assuefazione al problema
    il pizzo è un fenomeno comlpesso non è facile da liquidare cosi'
    per sdradicarlo occorre un'azione di grosse dimensioni
    al sud è quasi una questione culturale, che è cresciuta nel tempo
    e che va rimossa

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da jonny
    è logico che se gli incidenti sono molti, c'è un po di assuefazione al problema
    il pizzo è un fenomeno comlpesso non è facile da liquidare cosi'
    per sdradicarlo occorre un'azione di grosse dimensioni
    al sud è quasi una questione culturale, che è cresciuta nel tempo
    e che va rimossa
    ma perchè devi rimuoverla quando ormai la mafia è nel DNA del SUD? Il problema è che l'hanno esportata da noi, è da qui che andrebbe rimossa quella cultura...lei e chi ce l'ha portata...

 

 

Discussioni Simili

  1. «Mafia, a Milano è peggio che al Sud»
    Di Noir nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 21-06-11, 19:39
  2. MILANO, MAFIA E OMERTA'
    Di venetoimpenitente nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 05-07-10, 16:12
  3. Milano, mafia e omertà
    Di x_alfo_x nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-07-10, 00:17
  4. Mafia e connivenze a Milano
    Di MacBraveHeart nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-12-07, 12:53
  5. Milano capitale della mafia
    Di mariarita nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 22-12-04, 00:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226